METEO……………………..RITORNO AL PASSATO

 

   METEO……………………..RITORNO AL PASSATO

 

Buongiorno a tutti voi amici di Attività Solare.

E’ dura amici mantenere la professionalità e non esaltarsi quando alcune corse modellistiche, ti propongono gli scenari come quello odierno.

Se l’uscita mattutina di ieri era da manuale, quella di oggi, credo accontenterebbe tutta l’Italia.

Andiamo per gradi, oggi si manifesterà in maniera più accentuata la ripresa netta dell’onda Atlantica, avremo quindi un tempo di stampo tardo autunnale, con temperature non eccessivamente fredde, e  un tasso di umidità molto elevato, non una mano santo per l’aria che respiriamo.

Per scalzare via questa situazione oramai monotona, a tratti insistente che si manifesta da due mesi a questa parte, ci verrà incontro quella che l’anno scorso e’ stata la nostra acerrima nemica. L’onda pacifica WAWE 1.

 gfs 18 dicembre

Come si nota dal immagine,  con  una linea vi ho delimitato le due componenti momentanee della struttura del Vortice Polare, più a nord agisce il ramo Russo e relegato alle nostre latitudini c’è il ramo Islandese molto attivo in questo periodo. Mentre la nostra WAWE 2 sarà schiacciata sui nostri paralleli e quindi relegherà noi e buona parte dell’Europa occidentale ad un tempo mite, la WAWE 1 dalla zona Pacifica degli Stati Uniti, inizierà la sua spinta inesorabile verso il centro del vortice polare.

Perché tutto questo dovrebbe favorirci.?  Semplicemente perché a movimento ultimato la wawe 1 andrebbe dapprima a disturbare fortemente la struttura Polare, facendo cosi scivolare, come rappresentato dalla figure ellittica, sugli USA orientali un nocciolo freddo proveniente dal ramo Canadese del VP, e successivamente quando la spinta del ramo Canadese parzialmente rinvigorito andrà scemando, la wawe 2 riuscirà nel suo intento di elevarsi prepotentemente verso il cuore dell’Atlantico.

Quindi ricapitolando questo step fondamentale, la wawe 1 non farà altro che rinvigorire con la sua spinta prima il ramo Canadese, che a sua volta esaurita l’energia lascerà strada libera alla wawe 2, e infine la wawe 1 avrà dato un primo piccolo contributo al disturbo della struttura Polare.

Vi allego quella che dovrebbe essere la tendenza meteo dopo questo step importante.

gfs 25 dicembre

Si nota bene in questa cartina, l’alta pressione prevista per il periodo di Natale sulle nostre teste, ma allo stesso tempo l’inizio della spinta delle due onde Atlantica e Pacifica, l’indebolimento della zona Islandese del Vortice Polare ed un successivo e immediato rinvigorimento del ramo Canadese, che apporterà contrassegnata dalla lettera B, un’ondata di freddo e neve sugli USA orientali. In tutto questo il ramo Russo-Siberiano, se ne starà calmo in attesa che si instaurino condizioni favorevoli per una sua discesa a latitudini più basse.

 

Step successivo. Qui entriamo in un regime un po’ più fantasioso, e un lasso temporale un po’ più elevato.

Se dovessi farvi delle distinzioni, lo step centrale che si ferma al giorno di Natale lo posso dare per certo e assodato, quello che andremo a vedere ora, be li ci vogliono ancora un po’ più di giorni.

Vi mostro prima la carta e poi insieme l’andiamo ad analizzare.

 gfs 29 dicembre

Andiamo per gradi.

La prima linea che ho tracciato, parte da nord della struttura Polare fino ad arrivare al cuore del Vortice Polare il punto di intreccio maggiore per tutti i modelli matematici.

Il motivo di tanta indecisione deriva da: il reale disturbo finale che creeranno le wawe alla struttura polare, la reale capacità dell’anticiclone delle Azzorre di elevarsi fino alla posizione che assume nella cartina appena postata, e anche l’effettivo disturbo che potrà subire il vortice polare con il warming di tipo Minor quindi non di un intensità elevata che si dovrebbe concretizzare a cavallo di fine 2014 e inizio 2015.

Perciò come potete notare le variabili impazzite sono molteplici.

Se osservate bene nella cartina vi ho delimitato le zone d’azione delle varie componenti climatiche.

Abbiamo sugli USA orientali l’approfondimento del ramo Canadese del vortice polare rappresentato con la lettera C,  a sinistra situato in zona Siberiana il rinvigorimento e il rafforzamento del ramo Russo rappresentato con la lettera R, le due wawe che spingono in una sorta di imbuto il ramo canadese, impedendo quindi un disturbo atlantico ma favorendo rappresentato dalla lettere B l’arrivo di una discesa freddo molto intensa di origine Polare.

Dunque si RITORNA AL PASSATO?

Senza ombra di dubbio le configurazioni che i vari modelli stanno mostrando in questi giorni sono davvero di lontana memoria, di tempi in cui l’inverno la faceva da padrone, e se c’erano due mesi di nebbie e tempo freddo, poteva improvvisamente arrivare la bordata o artica o siberiana.

Stiamo lentamente tornando a quelle configurazioni che facevano tanto felici noi Italiani.

Concludendo vi lascio con un’ultima immagine.

gfs 2 gennaio

Siamo nel fanta meteo, ma i disturbi al Vortice Polare possono portare anche a questo.

Il ponte di Weikoff e’ l’unione fra l’alta delle Azzorre e l’anticiclone Russo, tutto cio’ che scorre sul suo bordo orientale in direzione Europa, e’ composto da masse d’aria gelida di origine Sibieriana, e allo stesso tempo questa figura climatica ci ripara dalle ingerenze del flusso Atlantico.

Quindi attendiamo fiduciosi, che pur tra mille traversie e insidie questo inverno sembra proprio voler tornare al “PASSATO”.

 

Vi auguro una buona giornata.

(Francesco)

 

 

  • Francesco

    Buondi ragazzi. Come leggerete nel mio nuovo articolo, la situazione centrale, della svolta Natalizia e’ confermata, ora bisogna capire come evolveranno le cose, con il warming che sembrerebbe assumere un aspetto importante da fine anno in poi. (Francesco)

     
  • Bonne04

    Intanto ringrazio, devo dire che sono carte davvero interessanti.
    Tornando a quello che ha detto Paolo…effettivamente guardando le carte di stamattina la situazione è totalmente cambiata, sembra che il freddo non si faccia vedere neanche col binocolo! Purtroppo…

     
  • Paolo Perini

    Ottimo articolo Francesco ma su carte lunghe poi accade l’imprevedibile vedi gli ultimi run ….

     
  • Crastatempla .
  • Bonne04

    Richiesta da ignorante, e per questo mi scuso, dove si possono trovare le carte che allegate agli articoli?