LO STATO ATTUALE SUL RAPPORTO DEL CLIMA!

Come ben sappiamo, le rilevazioni delle temperature globali, dove si riscontra una precisione maggiore, sono quelle satellitari. Esse ci mostrano, come si evidenzia dal grafico sotto, vi sia poco o addirittura nessun riscaldamento globale nell’ultimo trentennio o più. Da questo grafico se ne deduce che le temperature sono molto al di sotto delle previsioni stilate dai modelli climatici dell’IPPC & company (range di colore giallo).

screenhunter_5163-dec-13-05-39

http://www.remss.com/research/climate
L’estensione del ghiaccio marino Artico è ai livelli più alti da 10 anni a questa parte.

screenhunter_5164-dec-13-05-41 2

http://ocean.dmi.dk/arctic/old_icecover.uk.php

Anche l’area globale del ghiaccio marino risulta ben al di sopra della media da quando sono partite le rilevazioni satellitari.
iphone-anomaly-global-1 3

http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/iphone/images/iphone.anomaly.global.png

L’estensione nevosa dell’emisfero nord è risultata in aumento negli ultimi anni ed è come vediamo a livelli record!

nhland_season4 4

http://climate.rutgers.edu/snowcover/chart_seasonal.php?ui_set=nhland&ui_season=4

Mentre l’attività dei Tornado è al minimo storico!

torgraph 5

http://www.spc.noaa.gov/wcm/

Attualmente tutte le previsioni dei cosidetti esperti, stilate a suo tempo su una possibile catastrofe planetaria non si sono al momento rilevate esatte. Quindi, almeno fino a questo momento, come evidenziato dai grafici, non vi è alcuna crisi climatica.

Arrivati a questo punto che cosa dobbiamo pensare? Perchè la temperatura nonostante la CO2 continua a salire, ora a 400 ppm, non aumenta ma al contrario, secondo alcuni enti, ha avuto una leggera controtendenza? Che cosa dobbiamo pensare di questi presunti guru del clima che davano per risolto il dilemma climatico? E cosa dobbiamo pensare dei governi compiacenti o forse “ignari”, che hanno e stanno finanziando pensando di investire sul futuro, di conseguenza spendendo miliardi di dollari su un qualcosa di aleatorio, dove non c’è uno straccio di prova che sia l’uomo l’artefice del Global Warming o come si dice attualmente Cambiamento Climatico?

Al contrario direi che ci sono segnali di un possibile futuro raffreddamento, che se veritiero, ci potrebbero traghettare verso una vera e pesante crisi globale!

Dallo spunto di Steven Goddard

Enzo
Attività solare

 

  • Paolo

    Quello su cui non sarò mai daccordo è come mai sui siti dei serristi non si parla mai della componente solare? E come mai sui siti Glacialisti(buongiorno) non si parla mai di componente antropica?….è sempre muro contro muro…sempre per soldi e per potere(spero non su questo sito)…gli antichi Romani dicevano dividi et impera frase sempre valida.
    Detto questo caro Enzo dai tuoi grafici si nota, dopo un’attenta analisi che è vero che i serristi raccontano balle, è vero che non c’è più l’hockey stick da un pò di anni, peraltro causato forse più dal sole che dall’uomo, ma è altrettanto vero che a diminuizioni dell’attività solare non stanno avvenendo diminuizioni medie della temperatura globale, ma solo aumento delle precipitazioni(dovute ai raggi cosmici in aumento) e quindi anche nevose ed un aumento del ghiaccio e certe latitudini e altitudini. Ma se andiamo a vedere i periodi anteriori al 1900, la temperatura scendeva quando diminuiva l’attività solare, invece gradualmente, man mano che la popolazione aumentava nel corso dell’ultimo secolo e aumentavano le emissioni antropiche la cosa non avveniva più in modo netto. Se guardiamo all’ultimo periodo di bassa attività solare,(anni 60-70) peraltro meno marcato di quello attuale le temperature medie globali si sono mantenute costanti…è evidente che se non hanno continuato ad aumentere come negli anni precedenti , o non hanno cominciato a diminuire , le due componenti(uomo e sole) si compensano…quello che è cambiato tanto negli anni 60-70 quanto oggi è il clima nei suoi fenomeni più violenti intesi come inondazioni, frane o bufere di neve in certe situazioni o luoghi particolari…dopotutto la temperatura media globale è aumentata di 0,8 gradi negli ultimi 100 anni e sono convinto che in futuro(prossimi 30 anni) possa scendere anche di 0,5 gradi per poi riaumentare di 1 grado entro il 2100…ma ritengo che parlare di aumento di temperature(su certi siti) o di diminuizione su questo sito sia assolutamente inutile e fuorviante, in quanto l’aumento o la diminuizione della temperatura di circa 1 grado non fa come si suol dire nè caldo nè freddo al genere umano…quello che danneggia l’uomo sono gli eventi estremi che avvengono ai cambi marcati di attività solare(come del resto avete evidenziato in altri articoli in questo sito), quindi la domanda che ci dovremmo porre è per quanto tempo ancora e con quanta intensità dovremo sopportare noi e le nostre colture(cibo) questi fenomeni atmosferici? Non voglio entrare nelle discussioni dei serristi che arrampicandosi sugli specchi cominciano a parlare di momentanea pausa del riscaldamento e quindi di cambiamenti climatici dovuti ”ovviamente” all’uomo, perchè non cambieranno mai nei loro argomenti..ma mi piacerebbe che su questo sito che comunque apprezzo molto perchè getta nuova luce e conoscenze sul popolo e consente anche opinioni come la mia o quella di altri sotto la luce delle giuste argomentazioni che voi diffondete si parlasse più di questo, del resto l’economia mondiale e quindi il benessere collettivo stà già in parte subendo questi cambi climatici da un pò di anni…avevo chiesto a Bernardo in un’altra discussione secondo lui per quanto tempo il tempo atmosferico sarà cosi umido e piovoso(raggi cosmici) ma giustamente lui non mi ha potuto dare una risposta ben precisa perchè non ha la sfera di cristallo in mano..per cui la mia domanda rimane sempre attuale anche nei prossimi anni.

     
    • Mi hai letteralmente rubato le parole di bocca, soprattutto per quanto riguardo le prime tre righe…

       
    • enzo

      Mah guarda Paolo, non è vero che, almeno per quanto riguarda il nostro sito, non si parli di componente antropica. Nei miei articoli sono stati menzionati spesso, ammettendo che probabilmente qualcosa influisce su questo effetto, specie nelle isole di calore delle città, ma che comunque, secondo il mio parere e non solo, con una percentuale non superiore al 3/4% del totale. Non è neppure vero che nei siti dei serristi non si parli di sole, lo fanno ma in modo molto aleatorio, figli di una scienza obsoleta, quella scienza dettata della linea di pensiero che ci dice che l’attività solare non influenza la meteo o il clima se non in una piccolissima percentuale dell’1%. Come vedi è soltanto una questione di punti di vista o forse di introiti, non certo da parte nostra.

      Detto questo, se hai osservato bene i grafici postati, ti sarai accorto che tutte le frottole raccontate dagli scienziati serristi, e stiamo parlando di scienziati…. e non di appassionati come lo possiamo essere noi, anche se con diversi anni di studi alle spalle, dicevo non si è al momento verificato nulla di tutto ciò che avevano previsto molti anni fa. Hai detto giusto, i raggi cosmici stanno aumentando l’umidità in atmosfera, questo avrà un compito fondamentale nell’economia del clima, quello di aumentare l’umidità e di abbassare le temperature specie ai tropici, dove l’irraggiamento solare è massimo. Da qui se ne deduce che più aumenta l’umidità più aumenteranno piogge e nevicate, che dove ci saranno le condizioni avrà il compito di aumentare le zone innevate con l’amplificazione, forse incontrollato nei prossimi anni dell’effetto albedo, quell’effetto diabolico che darà il via ad una fase di ulteriore raffreddamento globale!

      Il 2014 secondo il NOAA sarebbe l’anno più caldo di sempre, cioè da quando si rilevano le temperature. Qui ci sarebbe molto da dire, ma l’articolo sopra penso dia una esaustiva speigazione del perchè ci sia molto che non combacia.

      E’ anche chiaro che nessuno ha la verità in tasca, ma che comunque quello che sosteniamo da anni viene confermato ancher da molti studi scientifici che perchè non facenti parte della casta molte volte non vengono neppure presi in considerazione!

      Comunque io penso che il tempo è galantuomo…. quindi è soltanto questione di tempo! 😉