LIVELLO DI ALLERTA SOLLEVATO AD ARANCIONE DEL VULCANO SHISHALDIN IN ALASKA

L’Osservatorio di monitoraggio del vulcano dell’Alaska, ha sollevato il codice a colore ORANGE e di conseguenza il livello di allarme per il vulcano Shishaldin, avvenuto il 28 marzo 2014. Le temperature superficiali elevate sono state rilevate tramite dati via satellite ad iniziare dal 18 marzo e stanno ancora proseguendo tutt’ora.

Le analisi di questi dati mostrano che le temperature sono coerenti con l’eruzione di lava all’interno del cratere sommitale. L’attività attuale sembra essere confinata al vertice del cratere profondo e ci sono state osservazioni di lava sui fianchi del vulcano che circonda il cratere sommitale.

Le immagini della telecamera Web, i dati satellitari e le osservazioni pilota durante la scorsa settimana, hanno mostrato emissioni lievi di vapore dal cratere sommitale della montagna. Al momento non c’è alcuna evidenza di emissione di cenere.
Le onde sonore giunte in terra (etere-coupled terra), indicativi di piccole esplosioni nel cratere, hanno iniziato ad essere nei visibili dati sismici il 18 marzo e continuano ad essere rilevati in modo intermittente.

1396049339 shishaldin alaska.png

L’immagine Landsat 8 ha mostrato l’emissione di calore (irraggiamento), di lava nel cratere di vertice tra il 18 marzo e il 27 marzo 2014.

shishaldin_january_30_2014

Il 30 gennaio 2014, l’Alaska Volcano Observatory aveva sollevato l’allerta del vulcano Shishaldin a livello ADVISORY e il codice Aviation di colore YELLOW, sulla base di osservazioni satellitari nei giorni precedenti. Le osservazioni satellitari hanno incluso un aumento delle temperature di superficie del cratere sommitale, così come un aumento delle emissioni di vapore. Livelli simili sono stati osservati nel corso del 2009, che comunque non hanno provocato alcuna eruzione.

“Il vulcano Shishaldin splendidamente simmetrico è il più alto e uno dei vulcani più attivi delle isole Aleutine. Con i suoi 2.857 metri di altitudine è ricoperto dal ghiacciaio ed è il più occidentale dei tre grandi stratovulcani lungo la linea EW nella metà orientale del Unimak island. Gli Aleutini lo hanno chiamato il vulcano Sisquk, che significa “la montagna che mi indica la strada quando mi sono perso.” Un pennacchio di vapore costante si è alzato dal suo piccolo cratere sommitale. Costruita con in cima un vecchio vulcano glaciale sezionato Shishaldin, risale all’età dell’Olocene e presenta in gran parte una composizione basaltica.

I resti di un vecchio vulcano ancestrale sono esposti ad ovest e lato di nord-est a 1500-1800 m. di altitudine. Il Shishaldin contiene oltre due dozzine di coni piroclastici sul fianco di NW,  che è ricoperto da colate di lava enormi. L’attività esplosiva è frequente, costituiti principalmente da eruzioni di cenere stromboliane dal piccolo cratere sommitale, ma a volte ha anche prodotto colate di lava, che sono registrate dal 18° secolo. ( GVP )”

Featured image: Satellite image of Unimak Island showing elevated surface temperatures in the summit crater of Shishaldin Volcano. This mid-infrared image is scaled so that warm values are bright white and cold values (like high clouds are dark). The elevated surface temperatures are visible as the white pixels within the yellow circle that indicates the location of Shishaldin. Image credit: Alaska Volcano Observatory / U.S. Geological Survey. Photographer: David Schneider

Enzo
Solar Activity