Libera disquisizione in ambito climatico: AGW

Joseph_GoebbelsIl personaggio qui a sinistra è Joseph Goebbels, gerarca, politico, giornalista e scrittore nazista nato nel 1897 e morto nel 1945.

Il motivo della sua presenza all’inizio di questo mio articolo sta tutta in un suo aforisma: 

Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità

Perché questo aforisma?
Perché la Teoria del Riscaldamento Globale Antropogenico è esattamente questo: una bugia!
E questa bugia, ormai, è diventata talmente diffusa, sponsorizzata e appoggiata, che è diventata verità assoluta. Senza passare per le necessarie verifiche cui andrebbero sottoposte tutte le teorie scientifiche proposte.
Ma, purtroppo, gli enormi interessi economici che ruotano intorno a tale teoria, hanno permesso di bypassare qualsiasi schema, regola e vincolo scientifico noto.
Sul nostro blog ne parliamo dall’inizio della nostra nascita, lo ripetiamo praticamente ogni giorno, e continueremo a farlo finché ne avremo le forze.
Come stanno realmente le cose non lo sa nessuno. Ed è ciò che ci viene ricriminato più spesso da chi viene a fare il sapientone da noi. Ma c’è una regola ferrea che amiamo rispettare: se una legge fisica è giusta… non va cambiata per far contento questo o quello schieramento politico.
La politica, l’economia e la scienza, non hanno nulla a che fare l’una rispetto all’altra. La scienza è… e deve restare SEMPRE superpartes. Altrimenti si finisce in un circolo vizioso i cui effetti non sarebbero positivi per la razza umana.
Eppure, nella realtà degli ultimi decenni, è proprio l’ingerenza di economia e politica ad aver alterato il corso “conosciuto” della ricerca scientifica. Perché?
La Teoria del Riscaldamento Globale Antropogenico, meglio nota con l’acronimo inglese AGW, parte dal presupposto che l’Attività Solare è costante e visto che la temperatura media del pianeta è aumentata dalla fine del 1800 ad oggi, andando a verificare cosa, a livello atmosferico, è cambiato maggiormente, in accordo con tali osservazioni si è DECISO che la causa principale è da individuare nella variazione considerevole della CO2. Più nello specifico è stato stabilito che la variazione della componente di origine antropica della CO2 presente in atmosfera, è la causa predominante della variazione della temperatura e quindi dei cambiamenti cliamtici.
Non importa se la scienza, quella vera, ha ampiamente dimostrato che la variazione della CO2 in un sistema come quello climatico terrestre, è direttamente proporzionata alla temperatura del sistema stesso. E non importa se la quantità di CO2 di origine antropica presente in atmosfera è una percentuale infinitesima dell’intera Atmosfera terrestre. A loro questo non importa. Come non importano le numerose dimostrazioni, principalmente dovute a studi di paleoclimatologia, che confermano quanto affermato dalla Scienza vera… e cioè che la CO2 SEGUE SEMPRE l’andamento della temperatura terrestre con alcuni secoli di ritado.
Il corso “conosciuto” della ricerca scientifica ci ricorda, in modo martellante, ogni santissimo giorno, tramite i media, i giornali, internet e recentemente anche a scuola, che le attività umane sono la principale causa dei cambiamenti climatici… Ci viene spiegato che l’essere umano, emettendo CO2 in atmosfera è la principale causa dell’aumento o della diminuzione della temperatura, dell’aumento o diminuzione della siccità, dell’aumento o diminuzione dei ghiacci, della proliferazione o estinzione di animali e piante. E ci spiegano che per risolvere il problema, del quale comunque non riescono a tracciare neanche i “contorni”, basta pagare una marea di SOLDI. E tutto, forse, si risolverà. Ma anche no!
Molti geologi stanno manifestando disappunto e delusione… perché sempre più spesso il loro lavoro viene ignorato. Deliberatamente o meno.
La Teoria del Riscaldamento Globale Antropogenico, infatti, ignora completamente quelle che sono le prove dei precedenti cambiamenti climatici… Non considera tutto ciò che è stato scoperto in ambito paleoclimatico… e prende come previsione certa, al 100%, ciò che invece viene “sviluppato” solo come SCENARIO POTENZIALE. Ovvero ciò che potrebbe accadere, in futuro, se…..
All_palaeotemps.svg
Nel corso degli ultimi 800.000 anni la temperatura media del pianeta è aumentata e diminuita regolarmente… seguendo dei cicli ben precisi della durata di migliaia di anni. A periodi molto fressi hanno fatto seguito periodi molto caldi. E periodicamente tali periodi caldi sono stati anche più caldi dell’attuale.
Ma soprattutto… MAI, negli ultimi 60 MILIONI DI ANNI, la temperatura media del pianeta è variata tanto quanto “dovrebbe” variare nel corso dei prossimi decenni. E questo nonostante eruzioni solari potentissime….. eruzioni vulcaniche da paura…. siccità estreme e quant’altro.

Possibile che l’essere umano, cosi’ “piccolo”, anche se numeroso, abbia capacità tali da modificare in modo così veloce e drastico il clima dell’intero pianeta? E che abbia una “potenza” maggiore persino del Sole stesso?

Chi non crede alla Teoria del Riscaldamento Globale Antropogenico viene etichettato, normalmente, come NEGAZIONISTA. Altre volte si sfocia in offese ancora peggiori… tipo “deficiente”, “scemo”, “ignorante”, “venduto” alle lobby del potere ecc… ecc… ecc…

E purtroppo, il potere di tale Teoria, risiede interamente sulla distrazione delle masse. Distrazione perpetrata mediante la ricerca del senso di colpa, tipo…:
  • Gli orsi polari si stanno estinguendo e questo è per colpa delle emissioni antropiche“. Fa niente che il loro numero è aumentato considerevolmente dagli anni ’70 ad oggi, tanto da diventare una reale minaccia in alcune regioni del Canada. La campagna mediatica pro-AGW è tale che vengono spacciate per VERE, come prova inconfutabile di tale pericolo, anche immagini realizzate al computer (con il programma Adobe Photoshop) che immortalano un orso polare alla deriva su un piccolo iceberg in un mare calmo sotto un cielo sereno. Oppure foto, questa volta autentiche, che immortalano un orso “denutrito” a causa dei cambiamenti climatici… quando invece gli esperti hanno affermato che quasi certamente l’orso in questione era molto vecchio e/o malato e quindi non più capace di cacciare.
  • I ghiacci artici si stanno sciogliendo a ritmi molto superiori alla norma e questo è per colpa delle emissioni antropiche“. Fa niente che i ghiacci artici seguono fedelmente l’andamento degli indici PDO e AMO e che vengono influenzati anche dalle numerose eruzioni vulcaniche sottomarine della Dorsale di Gakkel che si trova in zona artica, tra la Groenlandia e la Siberia.
    IBCAO_betamap
  • I ghiacci del Polo Sud si stanno sciogliendo ad un ritmo mai visto prima e questo è per colpa delle emissioni antropiche“. Fa niente che la realtà dei fatti è totalmente diversa… (ah, per la cronaca, le variazioni che vedete nel grafico qui di seguito rientrano tutte nella norma. E sono spiegabilissime tenendo in considerazione l’andamento dell’indice ENSO, che vedete subito sotto.)
    seaice.anomaly.antarcticMultivariateENSO_1950-3Dec2015_NOAA_ESRL
  • I pinguini stanno morendo a milioni e questo è per colpa delle emissioni antropiche“. Fa niente che i cambiamenti climatici, con la moria dei pinguini, non abbiano assolutamente nulla a che vedere. La colpa è da ricercare in un iceberg che ha bloccato la baia nella quale viveva una colonia di questi splendidi pinnipedi del Polo Sud. Ma non per colpa del Riscaldamento Globale Antropico, quanto per l’esatto opposto. Infatti l’iceberg killer, battezzato B09B, si è arenato nella Baia del Commonwealth nel 2010. Ma proprio da quell’anno in poi, come potete notare nel grafico sopra, l’estensione del ghiaccio marino antartico è aumentata considerevolmente… impedendo all’iceberg killer di scioglioersi e/o spostarsi. I Pinguini in mare sono fenomenali. Sulla terraferma, invece, sono estremamente vulnerabili. E questo li ha resi una preda facile per i numerosi predatori che vivono da quelle parti. Inoltre l’enorme aumento del ghiaccio antartico proprio tra il 2010 e il 2015, ha impedito ai Pinguini di raggiungere il mare. Risultato? Della colonia che allora contava oltre 160.000 esemplari, ne rimangono solo 10.000.  Vi evito la disquisizione sulla selezione della specie… perché penso che si capisca facilmente… dato che i pinguini sono noti per la tendenza a non migrare e tornare sempre alla colonia in cui sono nati.
    150000-penguins-starved-to-death-by-mega-huge-iceberg
  • La California ha vissuto un periodo estremamente siccitoso e questo è per colpa delle emissioni antropiche“. Anche qui, la realtà è ben diversa. La California è sempre stata una regione molto arida. L’espansione demografica e la crescita incontrollata delle metropoli e città ivi presenti, ha prosciugato quasi completamente i bacini idrici dai quali viene prelevata l’acqua per uso civile (potabile e non) indispensabile per alimentare le abitazioni. Purtroppo la politica non è stata sufficientemente veloce nell’imporre un limite… perché lo stile di vita degli americani non è sindacabile. Il risultato è che una metropoli enorme, sorta in una zona costiera molto arida e alimentata unicamente da sorgenti e laghi lontani, non è tollerabile. Di esempi climaticamente simili ce ne sono diversi in giro per il mondo. Tra i più famosi possiamo indicare le coste del Perù e della Namibia, ma anche alcune zone dell’Australia. Ma solo in California si registra un così elevato consumo procapite di acqua. I cambiamenti climatici ci sono pure stati e la siccità è tata tanta… ma la causa non sono le emissioni antropiche.
    mappa_clima_arido

    Mappa Clima Arido

    mappa_clima_mediterraneo

    Mappa Clima Mediterraneo

     

  • A partire dal 2010 in Gran Bretagna non ci sarà più l’inverno classico e la neve sarà solo un lontano ricordo e questo è per colpa delle emissioni antropiche“. Ovviamente anche questa previsione assolutamente vera dei “serristi” è risultata totalmente falsa.

    Great_Britain_Snowy

    Copertura nevosa da Record della Gran Bretagna durante l’inverno 2009-2010.

Potrei continuare ancora a lungo… elencando le innumerevoli previsioni allarmistiche dei serristi, diffusamente rilanciate dal Mass Media come un mantra da ripetere quotidianamente. Un lento, incessante e costante lavaggio del cervello che ha convinto milioni di persone sulla veridicità della Teoria del Riscaldamento Globale Antropogenico e sul fatto che la principale causa dei Cambiamenti Climatici, il nuovo nome con il quale i Mass Media hanno avuto ordine di proseguire la pratica del lavaggio del cervello, sono solo ed esclusivamente le emissioni antropiche.
Ci sarebbero poi da analizzare le pratiche scorrette e quasi mafiose con le quali tale Teoria riceve consenso… come ad esempio il fatto che se un ricercatore vuole ottenere fondi per le proprie ricerche, può farlo solo se lo scopo delle stesse è dimostrare la veridicità della Teoria di cui sopra. Oppure il fatto che lavori palesemente contro tale teoria non ricevono il peer-review o lo ricevono con anni e anni di ritardo. Oppure ancora che chi si mostra palesemente contro tale teoria viene emarginato, licenziato e messo alla pubblica gogna.

Ripetete una bugia cento, mille, un milione di volte e diventerà una verità” diceva Joseph Goebbels. E questo è ciò che si sta verificando in questi ultimi decenni in ambito climatico.
Poi, negli ultimi anni, a tale mantra si è aggiunto quello del “non è mai stato così caldo” oppure “l’anno (o il mese) appena passato è stato il più caldo di sempre“: Peccato che come abbiamo accennato in precedenza (ma anche nell’articolo di ieri sera di Enzo: “CONTINUARE A PARLARE DI ANNO PIU’ CALDO MAI REGISTRATO E’ DEL TUTTO FUORVIANTE“), tali presunti “record” sono da attribuire unicamente alla fase positiva dell’indice Enso, meglio nota come El Nino. Fase positiva alla quale farà seguito una fase negativa… nota come La Nina. E cosa diranno allora i fedelissimi “seguaci” della Teoria del Riscaldamento Globale Antropogenico? Cosa diranno quando, tra qualche anno, si verificheranno in sequenza una serie di eventi freddi che potrebbero cambiare “per sempre” la circolazione oceanica e atmosferica del nostro pianeta?

Ma soprattutto… tutti coloro che credono che la variazione della temperatura viene causata solo dalle emissioni antropiche di CO2 e non dalle variazioni dell’attività solare, al mare… in vacanza… ci continuano ad andare solo in Estate o ci vanno anche in pieno inverno? E perché poi vanno a “prendere il Sole”? Non sarebbero più corretto andare a “prendere le emissioni di CO2”?

Buona giornata
Bernardo Mattiucci
Attività Solare