LGM: Last Glacial Maximun

Si parla sempre più spesso di prossima PEG dovuta al minimo solare, di prossima fine Interglaciale Caldo attuale (i tempi tornano, ma geologici). Ma forse nessuno si rende conto di cosa significherebbe per la nostra società,  anche se probabilmente si collasserà prima (come tante volte nella storia) per l’ignoranza e l’avidità umana. Visto che tutto è un ciclo e le cose si ripetono andiamo a vedere cosa è accaduto tra 20.000 e 25.000 anni fa, in pieno LGM (Last Glacial Maximun).

Cominciamo con due proiezioni polari NORD, della estensione dei ghiacci:

LGM_Nord_a

WorldLGMm

Quello che si vede subito è l’estensione asimmetrica dei ghiacci che colpiscono più il Nord America che non la Russia e la Siberia, il tutto è dovuto alla diversa circolazione atmosferica in particolare del JETSREAM.

Un riscontro a questo lo abbiamo anche in una mappa più Europea:

Last Glacial Maximum ex Hubberten 2004

Altri riscontri dalle mappe delle migrazioni:

LGM_Palaeolithic

o siti di cacciatori:

adaptability-ice-age-hominins-climate-change_1711

Da tutto questo emerge che i cambiamenti sono complessi e dovuti a una somma di fattori:  latitudine del luogo, circolazione atmosferica e geografia che risente anche dei cambiamenti nel livello dei mari -120/-125 mt. rispetto al livello del mare attuale.

Le pianure che si estendevano verso gli Urali, anche se non coperte di ghiaccio, erano comunque adatte solo alla caccia, visto che erano prevalentemente costituite da tundra e steppe.

Frost-3

mammuth

Per le abitazioni veniva riciclata la materia prima disponibile… ossa di Mammuth:

mezreconfrontMezhirich reconstruction Dwelling 1 – This reconstruction is in the Kiev Museum of Paleontology
Photo: O.Soffer, ‘The Upper Paleolithic of the Central Russian Plain’.

 

L’agricoltura deve ancora nascere e con essa la possibilita di mantenere le densità di popolazioni odierne e lo sviluppo della civiltà come la intendiamo noi.
Un po diverso dalla vita odierna o anche solo  di 2000 anni fa:

casa-epoca-romana-domus

Perchè quello che si dimentica è che la nostra società si basa si su risorse energetiche enormi … ma dipendiamo ancora da quello che ci fornisce la terra, le basi del nostro sviluppo attuale risalgono a solo 10.000-12.000 anni fa … INTERGLACIALE CALDO e il futuro anche se piu o meno vicino … non è caldo.

proiezione_futura_2proiezione futura del precedente interglaciale caldo Eemiano.

 

Luigi

 

Link :

http://www.qpg.geog.cam.ac.uk/lgmextent.html
http://donsmaps.com/kurya.html
http://www.uib.no/form/aktuelt/polararet/prosjekt/icehusII2.htm
http://www.earthtimes.org/climate/adaptability-ice-age-hominins-climate-change/1639/
http://cogweb.ucla.edu/ep/Frost_06.html
http://digilander.libero.it/ponticellig/_PARTE%20III/_PARAGRAFO%20II/KOSTIENKI.htm
http://donsmaps.com/mammothcamp.html
http://www.antika.it/005450_casa-in-epoca-romana.html

 

  • Quello che é strano é la presenza di polveri durante i periodi glaciali, eppure con maggior copertura di ghiacci la possibiltà che aumentino le poveri sembra una stonatura! Non saranno per caso di origine cosmica?

     
    • Clima piu secco e arido … comunque verifico se ci sono correlazioni con l’attivita vulcanica

       
  • Ho capito anche io

     
  • Gala

    Ho capito anche io

     
  • Molto buono.