L’ESPERTO BENNY PEISER: “NELLE POPOLAZIONI CRESCE LO SCETTICISMO SUI CAMBIAMENTI CLIMATICI!”

Nelle popolazioni, sta crescendo sempre più scetticismo nei riguardi dei cambiamenti climatici e le persone iniziano a chiedersi che fine abbia fatto il riscaldamento globale che molti scienziati avevano predetto. Questo sostiene lo scienziato leader Benny Peiser uno dei maggiori esperti sul riscaldamento globale.

Intervista esclusiva con il Dr. Benny Peiser
By: Levi Winchester Published: Mon, October 6, 2014

 

Questa settimana è arrivata la conferma del 18° anno senza nessun aumento delle temperature globali. “Questo è qualcosa, spiega il Dr. Benny Peiser, sul forum della Global Warming Policy, che gli esperti fanno ancora fatica a capire.”

Peyser spiega: “Ora siamo nel bel mezzo di una “crisi di credibilità”, perché il riscaldamento globale e accompagnato dall’effetto ‘Doomsday’, cioè di un ipotetico e pericoloso innalzamento della temperatura, ma che ancora oggi manca.

Gli scienziati del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici (IPCC), tempo fa, avevano predetto un aumento della temperatura di 0,2 gradi per decennio, ma in questo periodo sono rimasti sconcertati dal fatto che ancora non se ne vedono i segnali, dopo che sono passati quasi due decenni.

Parlando esclusivamente all’Express.co.uk, il Dr. Peiser dice: “Ciò che è accaduto, è che il pubblico è diventato più scettico, questo perché avevano detto che ci saremmo trovati di fronte ad una catastrofe planetaria, ma improvvisamente si sono resi conto e si domandano: “Ma dov’è finito il riscaldamento che ci avevano fatto credere? Ci hanno detto che erano in grado di prevedere il clima, ma la realtà si è rilevata ben altra cosa.”

Benny-Peiser-518497 1

A causa di questa cosiddetta “pausa sul riscaldamento globale”, dice il Dr. Peiser, “il problema del cambiamento climatico non è poi così pressante come poteva sembrare qualche decennio fa, un fattore questo che dovrebbe essere abbracciato dalla comunità scientifica. “Il cambiamento climatico, è stato utilizzato per farne una priorità assoluta, ma ora è sceso in modo significativo.
In questo momento ritengo che altri problemi più importanti siano da discutere alle riunioni internazionali”, “La realtà è che mi sento molto sollevato in un certo senso, e dovremmo esserlo tutti, per il semplice motivo che al momento non è un problema prioritario, così da avere molto più tempo di quanto molti scienziati ci abbiano fatto credere.”

Tuttavia, il vero motivo, dietro questa pausa attuale sull’aumento delle temperature rimane un mistero, e ci dicono che siano più di 30 le teorie che tentano di decifrare cosa ha causato questa stabilità. Alcuni scienziati suggeriscono che il calore possa essere finito nelle profondità degli oceani, ma il Dr. Peiser non ne è convinto di questa teoria. “Qualcosa sta chiaramente bilanciando l’effetto di riscaldamento della CO2 (anidride carbonica),” ha spiegato. “Potrebbero essere alcuni fattori naturali, come potrebbero essere gli oceani, al momento non lo sappiamo per certo.

“Il riscaldamento potrebbe ricominciare in qualsiasi momento, ed è un’indicazione che non comprendiamo appieno nel clima. Questa è una realtà che la maggior parte degli scienziati del clima sono riluttanti ad ammettere.” Una serie di leader mondiali si sono riuniti lo scorso mese, per discutere sul tema del riscaldamento globale in occasione del Vertice delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici.  Il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha detto che è un problema “che definirà i contorni di questo secolo più drammaticamente di ogni altro”, ma il Dr. Peiser non poteva fare a meno di notare che ci sono alcuni volti mancanti al vertice.

Una manciata di paesi, tra cui Cina, India e Canada non hanno partecipato al vertice, cosa che non sorprende il Dr. Peiser. Egli ha spiegato che, il vertice ha ribadito che non esiste alcun accordo internazionale sul da farsi per quanto riguarda il cambiamento climatico. Egli sospetta inoltre che la mancanza di partecipazione è dovuta ad alcune delle crescenti necessità dei paesi di continuare ad utilizzare combustibili fossili.  “Questa è una chiara indicazione che la realtà sta affondando e la realtà è che sia la Cina, l’India e altri paesi emergenti hanno enormi richieste di energia”, ha detto.
“Hanno enormi economie in crescita, con forte incremento della popolazione, il loro consumo di energia sta andando a raddoppiare entro i prossimi 20 anni e che non possono permettersi di rinunciare ai combustibili fossili tradizionali.

 

207598 2

Benny Peiser uno dei maggiori esperti sul riscaldamento globale.

 

Guardando al futuro, il Dr. Peiser è irremovibile. Secondo lui non esiste una soluzione semplice per affrontare il riscaldamento globale. Questo non riscaldamento per un così lungo periodo nessuno se lo aspettava.

Per quanto riguarda la prossima Conferenza sul clima delle Nazioni Unite, sarà tutto “a parole” e “business as usual. Sono abbastanza sicuro che ci sarà qualche tipo di accordo, ci sono sempre stati gli accordi a ogni vertice delle Nazioni Unite, ma non sono valevoli sulla carta su cui sono scritti. “Non saranno giuridicamente vincolanti e non significherà che i cinesi o gli indiani, i brasiliani o i russi,
potranno ridurre le emissioni di CO2.”

Il dibattito continua sul riscaldamento globale e arriva a poche settimane dopo che migliaia di persone si sono radunate in tutto il mondo per protestare contro i cambiamenti climatici.
Si ritiene che oltre 40.000 persone abbiano partecipato alla marcia di Londra, mentre oltre 300.000 persone hanno protestato a New York.

http://www.express.co.uk/news/nature/518497/Exclusive-interview-with-Dr-Benny-Peiser

ENZO
ATTIVITA’ SOLARE

 

  • da 40 anni televisione giornali e scuole su tutti gli argomenti ci dicono un sacco di cose false

     
  • Michele Campani

    Adesso viene il bello!
    Nell’articolo di giugno http://www.attivitasolare.com/lati-oscuri-sulla-gestione-delle-temperature-globali/ la cartina riporta la dislocazione delle centraline di rilevamento delle temperature.
    1. Non saranno per “caso” le stesse a rilevare la concentrazione di CO2?
    2. I dati che indicano la “stabiltà” della temperatura globale provengono dalle stesse centraline continuando ad escludere le temperature dei luoghi più freddi al mondo?
    3. È legittimo chiedersi se in realtà non siamo già da tempo sulla strada del raffreddamento globale?
    Se leggiamo i record che segnano le estensioni dei ghiacci marini rispondendo a queste tre domande sicuramente riscalderemmo l’ambiente…

     
    • Infatti, non vi è dubbio alcuno che stanno barando sulle temperature, con centraline dislocate vicino a fonti di calore, come pargheggi, caseggiati ecc.ecc. certamente non a norma, come dimostrerò nei miei prossimi articoli. Ma ho l’idea che al castello di sabbia senza fondamenta sia rimasto veramente poco tempo!

       
  • Michele Campani

    Strano che non abbiamo ancora applicato il celebre Raosio di Occam per valutare la teoria del GW.
    Il Rasoio di Occam è implicitamente usato in ogni istanza della ricerca sientifica.
    “A parità di fattori, la spiegazione più semplice è da preferire”.
    Se non c’è GW, la teoria non rispecchia la realtà; dunque non è una buona teoria.
    Per non parlare di approcci matematici (applicabili con i medesimi risultati) basati sulla teoria dell’informazione: un esempio è il principio della minima lunghezza di descrizione.

     
  • dicono che non se lo aspettavano, solo per non dire che è il sole il motore di tutto.

     
    • Infatti Janos, non lo dicono perchè brucia tantissimo ai signori!! Ma io rimango seduto tranquillamente sulla riva del fiume nella mia comoda poltrona, chiaramente con un bel bastone in mano…. 😀 😀 Enzo

       
    • però ho letto questo stasse, ormai è assodato. sta tornando sui suoi passi .2014:08:20_21h:07m:13s 6N -25S 16Avg 20nhz filt: -2Nf -19Sf 8Avgf
      2014:08:30_21h:07m:13s 3N -23S 13Avg 20nhz filt: -2Nf -19Sf 9Avgf
      2014:09:09_21h:07m:13s -0N -30S 15Avg 20nhz filt: -2Nf -20Sf 9Avgf
      2014:09:19_21h:07m:13s 6N -35S 21Avg 20nhz filt: -2Nf -20Sf 9Avgf

       
    • Si, sta lentamente tornando ancora verso la controinversione. Ma qui c’è da fare un inciso. Nelle dinamiche solari studiate dagli scienziati russi Makarov e Tlatov, sulla ipotetica attività del minimo di Maunder si avevano cicli con un emisfero che produceva attività, anche se molto lentamente mentre l’altro rimaneva imballato. Quindi per farla breve è possibile che un emisfero rimanesse sempre sul valore vicino allo zero come sta facendo ormai da 9 mesi. Monitoriamo la situazione. 😉 A riguardo sto preparando un articolo sulle condizioni attuali del sole che parlerà proprio di questo aspetto interessante ed affascinante, ma allo stesso tempo preoccupante! Enzo

       
    • si forse tra un giorno o due lo vedremo bianco

       
  • nessuno se lo spettava? attività solare si! grazie bell articolo!