L’EMISFERO NORD ANCORA IN FORTE REGRESSIONE! MA QUESTA VOLTA TRASCINA CON SE ANCHE IL DATO MEDIATO AVGF!

Come nostra consuetudine, diamo uno sguardo all’ultimo aggiornamento WSO, del Polar Field, sui dati raccolti dal prestigioso osservatorio di Wilcox, Solar Observatory della Stanford University, dei dati del campo magnetico solare.
Ebbene, anche oggi dobbiamo informarvi di un altro grave arretramento! L’ennesimo aggiornamento shock, che inizia certamente più che incuriosire, a preoccupare tutta la comunità astrofisica mondiale. Preoccupazioni che noi di Solar Activity denunciammo già diverso tempo fa e che comunque rispecchia in toto ancora una volta le nostre previsioni, di un ormai conclamato blocco dell’emisfero Nord e conseguentemente del ciclo solare 24.

Dall’ultimo aggiornamento di ieri riferito al 12 gennaio 2014 risultavano questi dati:

2014:01:12_21h:07m:13s   -10N   -9S   -0Avg   20nhz filt:    5Nf  -15Sf   10Avgf

Ma se torniamo indietro all’aggiornamento precedente del 30 gennaio 2014 ci dava questo risultato:

2014:01:12_21h:07m:13s   -10N   -9S   -0Avg   20nhz filt:    7Nf  -16Sf   12Avgf

Questi invece gli ultimi 2 aggiornamenti usciti in contemporanea dei dati del Polar Field pubblicati ieri in serata:

2014:01:22_21h:07m:13s   -10N   -7S   -1Avg   20nhz filt:    4Nf  -16Sf   10Avgf
2014:02:01_21h:07m:13s   -10N   -8S   -1Avg   20nhz filt:    4Nf  -17Sf   10Avgf

mag.latest

Come possiamo notare nell’emisfero Nord (Nf), da un valore di 7Nf misurati il 12 gennaio 2014, in questo aggiornamento scende alla data del primo febbraio 2014 a 4Nf.
Dunque, ancora una drastica diminuzione questa volta, addirittura di 3 punti, che porta la media dell’emisfero Nord vicinissimo all’inversione opposta, cioè lo zero.
Mentre l’emisfero Sud (Sf) da un valore di -16Nf al 12 gennaio 2014, oggi risulta il leggero aumento a -17Nf alla data del 1° febbraio 2014, quindi con un avanzamento di 1 solo punto.
Anche la media dei 2 emisferi (Avgf) arretra drasticamente, addirittura di 2 punti da 12Avgf a 10Avgf.

Ricordiamo che nei precedenti cicli il valore dei due emisferi dopo l’inversione, viaggiava spedito ad ogni aggiornamento settimanale.

Questo ci da un’indicazione ben precisa! Il Sole arranca faticosamente e tutto questo nonostante il massimo che sta attraversando l’emisfero Sud, a causa di quello Nord, che con la sua bassissima attività,  sta trascinando verso il baratro l’opposto emisfero, portando al blocco definitivamente il ciclo. Ricordiamo che l’emisfero nord invertì nel giugno 2012.
Questa possibile dinamica, sta avvalorando sempre più le teorie degli scienziati russi, sulla possibilità di reversione polare INCOMPLETA che da studi scientifici svolti, avvenne nel Maunder’s Minimum.

Quello a cui stiamo assistendo ha certamente dell’incredibile, ma non solo, questi dati risultano da record mai verificati nella storia. Dopo quasi un anno dall’inversione dei poli (26 febbraio 2013), portando il dato mediato Avg da 0 a -1 nell’ultimo aggiornamento.

Viviamo in tempi interessanti…

north

Enzo
Solar Activity

 

  • ..anch io penso che l energia solare e cosmica abbia un effetto diretto sulla nostra energia oltreche su quella climatica terrestre .. la crisi alla fine è un cambiamento critico, un ripensamento esistenziale, ciò di cui forse abbiamo maggiormente bisogno in questo momento storico .. ed è positiva nel momento in cui la viviamo come tale .. 🙂 cioè come un occasione di rinnovamento culturale, esistenziale ..:)

     
  • secondo uno studioso il sole in crisi , manda in crisi anche la mente umana

     
    • Si, confermo che ci sono studi a riguardo che confermerebbero questa teoria. Enzo.

       
  • Praticamente avremo un clima estremo e un po impazzito .. che può succedere di tutto .. il num 23 è collegato a questa idea mi sembra, invece qui è il numero 25 di ciclo ..:) giusto x sdrammatizzare un po! 🙂

     
  • Marco Bagnato

    Per vedere il sud che si blocca? Aspettiamo il 25?

     
  • Deve ancora fermarsi il sud. Aspettiamo il ciclo 25?

     
  • Alessandro Barbolini penso che se il Vortice Polare dovesse scendere verso Europa così come è sceso quest anno fino agli Stati Uniti del centro e del Sud , il clima di Milano potrebbe essere come quello di Mosca attuale, freddo e secco, con anche -15 o -25 chiaramente non x tutta la stagione invernale e non tutti gli inverni, ma nel periodo avanzato del minimo forse anche si ..:)

     
  • Ste

    Dovremmo preoccuparci?

     
  • Tempistiche del probabile collasso magnetico? (Mesi o anni?) E con evidenti coseguenze sul clima globale nel giro di pochi anni, è corretto ? Grazie 🙂

     
  • e’ l’estrema forza del campo magnetico sud e cioe’ negativo che sta’ ‘negativizzando’ l’intero CM solare.trascinandolo al ribasso.Poi quando perdera’ forza anche il sud emisfero assisteremo ad un assestamento.Non credo ad una reinversione (se non parziale del NF).Comunque qusta situazione tracinera’ l’intero campo magnetico verso un collasso imminente.Giorgio

     
  • Ciao roberto e tutti un baciò grosso ma grosso da sanremo

     
  • a questo punto e”chiaro che la polarita’ nord sia in procinto di reinvertire in negativo trascinando il GMF prossimo allo zero per poi recuperare qualcosa dopo.Un tira e molla che fara’ precipitare l’intero CM solare nell’abisso.Visti i dati di oggi si e’ avuta.un’improvvisa accelerazione verso il collasso magnetico.Ciao Giorgio

     
  • Non lo sappiamo ancora con certezza cosa ci attende con precisione, allora meglio se un minimo più debole e lungo che intenso ..boh! 🙂 ..brrrrr

     
    • I cicli solari brevi e intensi sono sintomo di forte attività solare, mentre i cicli lunghi e deboli al contrario bassa attività solare. 😉 Enzo

       
    • Tradotto in ipotetici scenari climatici prossimi……Enzo in val padana che accadrà grazie

       
    • Alessandro, sappiamo che un minimo solare prolungato è capace di modificare tutti gli indici climatici, con gravi ripercussioni per il clima, quando i pattern climatici lo consentono, specie per l’Europa del nord ma anche per i paesi del Mediterraneo. Ondate gelide direttamente dal freddissimo est nord est e nevicate fino al sud Italia. Ma non solo periodi freddi prolungati, ma inondazioni, pioggie continue, esondazioni dei fiumi, ondate di calore africano, siccità e uragani. Per la Pianura Padana certamente periodi gelidi e a volte nevosi alternati a periodi umidi e piovosi, con ondate anche calde che non mancheranno…. anzi che nei periodi estivi potrebbero anche essere pronunciate, ma con una tendenza all’estate più breve. 😉 Enzo

       
    • Le alpi lo stanno vivendo

       
  • Enzo, io ci scommetterei qualsiasi cifra, che questo Superminimo, è più debole e duraturo del Maunder del 1645-1715 !!! 😉 Roberto

     
    • la velocità nel quale sta accadendo tutto è sconcertante…e fa pensare che il maunder sia quasi il nulla rispetto a quello che ci attende

       
    • Il ciclo credo sia spacciato!! Con queste credenziali ci prepariamo ad assistere a qualcosa di spaventoso, inteso come siamo abituati a osservare i cicli solari come li conosciamo. A questo punto se reiverte i cicli diventeranno probabilmente indistinguibili collassando l’attività solare. Enzo

       
  • ..si, viviamo sicuramente in tempi interessanti .. anche se non belli ..e non certo a causa del Sole ma degli uomini .. grazie x questi preziosi aggiornamenti solari .. continuate sempre cosi ..:) ..☆ !

     
  • stiamo assistendo forse al più rapido collasso magnetico solare della storia…. è pauroso