LE TEMPESTE SOLARI POSSONO ESSERE MOLTO PIU’ POTENTI DI QUANTO PRECEDENTEMENTE IPOTIZZATO

Un team internazionale di scienziati ha scoperto che le tempeste solari possono essere molto più potenti e devastanti di quanto ipotizzato fino ad oggi. Analizzando le tracce lasciate dalle tempeste solari nelle carote di ghiaccio della Groenlandia e dell’Antartide, i ricercatori hanno concluso che la Terra è stata colpita da almeno due estreme tempeste solari più di mille anni fa.

Le tempeste solari sono eruzioni solari che causano l’emissione di una quantità enorme di particelle energetiche. Le particelle emesse colpiscono la Terra interagendo con il campo magnetico del nostro pianeta, questo fa sì che le particelle si raccolgono intorno ai poli terrestri causando quindi dei fasci di luci polari settentrionali o meridionali, chiamate aurore boreali o australi.

Oltre a questo fenomeno sorprendente e visivamente accattivante, le tempeste solari possono anche causare gravi interruzioni alla corrente elettrica, e possono portare a delle gravi interruzioni a satelliti e sistemi di comunicazione. Diverse tempeste solari estreme sono state osservate negli ultimi 40 anni, che hanno portato a interruzioni della corrente elettrica tra i principali centri abitati del nostro pianeta. Un evento di tale forza è stato documentato nel marzo del 1989 in Canada e nell’ottobre del 2003 in Svezia.

Tuttavia, le nuove scoperte effettuate da un team di scienziati provenienti da Svezia, Svizzera, Danimarca e Stati Uniti suggeriscono che le tempeste solari possono essere almeno dieci volte più potenti di quelle di nostra conoscenza, e il nostro pianeta ha affrontato almeno due eventi di inaudita violenza più di 1.000 anni fa. “Se tali enormi tempeste solari colpissero oggi la Terra, avrebbero effetti devastanti sull’elettricità, sui satelliti e sui sistemi di comunicazione”, spiega Raimund Muscheler del Dipartimento di Geologia, dell’Università di Lund.

Tracce di raggi cosmici, come i bassi livelli di carbonio radioattivo, provenienti dalla Galassia e dal Sole si trovano in tutto il pianeta. Il gruppo di ricerca, analizzando le tracce delle tempeste solari presenti nelle carote di ghiaccio della Groenlandia e dell’Antartide e confrontati con quelli precedentemente scoperti, hanno trovato tracce di un rapido aumento di carbonio radioattivo depositato negli anelli degli alberi risalenti al AD 774/775 e AD 993/994 la cui causa è stata tuttora confermata.

“In questo studio abbiamo lavorato puntando sistematicamente per trovare la causa di questi eventi. Abbiamo ora trovato aumenti corrispondenti esattamente agli stessi periodi delle carote di ghiaccio. Con questi nuovi risultati, è possibile escludere tutte le altre spiegazioni proposte, e, quindi, confermare che le tempeste solari estreme sono la causa di questi misteriosi aumenti di radiocarbonio”, ha detto Raimund Muscheler.

Questi nuovi risultati forniscono anche la prima valutazione attendibile sui flussi di particelle legate agli eventi delle tempeste solari, che sono estremamente significativi per la futura pianificazione per dei sistemi elettronici affidabili: “Queste tempeste solari hanno di gran lunga superato eventi a noi noti e osservati da misure strumentali sulla Terra. I risultati dovrebbero portare ad una nuova valutazione dei rischi connessi con le tempeste solari”, ha concluso Raimund Muscheler.

Riferimento:
• “Prove Multiradionuclide per l’origine solare degli eventi dei raggi cosmici AD 774/5 e 993/4” – Florian Mekhaldi, Raimund Muscheler, Florian Adolphi, Ala Aldahan, Jürg Birra, Joseph R. McConnell, Göran Possnert, Michael Sigl, Anders Svensson, Hans-Arno Synal, Kees C. Welten, Thomas E. Woodruff – Nature Communications (2015) – doi: 10.1038 / ncomms9611

Enzo
Attività Solare