Le Opinioni vs i Fatti

Di Viv ForbesIceAgeNow (USA)

Fonte: Opinions vs facts

Traduzione a cura di Mauri Sesler (scientific translator)

Damn-Sea-still-rising (1)Cartoon credit: http://stevehunterillustrations.com.au/political-cartoons/

Il Clima è in continua evoluzione, ma per fortuna viviamo in un’epoca il cui clima è stabile, benigno, caldo e la cui biosfera è sana e abbondante. Quegli Allarmisti che sostengono che i cambiamenti climatici di oggi sono senza precedenti non hanno controllato la storia climatica che sta scritta nelle rocce, i blocchi di ghiaccio, i registri satellitari e i misuratori delle maree.

Le registrazioni dei blocchi di ghiaccio mostrano che le temperature correnti e l’attuale livello dei mari non sono estremi – sono più stabili di quanto non fossero alla fine dell’ultima glaciazione, avvenuta solamente 12.000 anni fa. A quel tempo, la temperatura globale aumentò rapidamente, le grandi lastre di ghiaccio si sciolsero, il livello dei mari aumentò rapidamente (130 metri), e i mari riscaldati espulsero gran parte della loro anidride carbonica disciolta nell’atmosfera. La maggior conseguenza di questo riscaldamento globale naturale e dell’ulteriore grado di umidità e dell’innalzamento del livello dell’anidride carbonica, alimento vegetale, nell’atmosfera, fu che la vita vegetale recuperò e le grandi foreste e le grandi praterie furono ristabilite.

Si controllino le Registrazioni sui Blocchi di Ghiaccio:

http://carbon-sense.com/index.php?s=ice+cores&Submit=Go
http://carbon-sense.com/2009/10/03/taxing-ambulances/

Non una centrale elettrica a carbone, non un camion a diesel o mandria di bovini “eruttanti” contribuirono a questi enormi cambiamenti climatici; e gli antichi stregoni non furono in grado di prevenire le inondazioni degli insediamenti costieri con dei sacrifici umani al Dio Climatico. Allora, come oggi, la natura controlla il clima. Prove più recenti che provengono dai blocchi di ghiaccio, dagli strati di sedimenti e persino dalle registrazioni storiche mostrano che negli ultimi 7000 anni il clima sulla Terra è stato relativamente stabile. Ancora più recentemente, registrazioni satellitari mostrano che le temperature globali non sono aumentate in modo significativo per 18 anni.

Si controllino le registrazioni satellitari delle temperature:

http://www.climatecommonsense2.com/2015/10/september-record-claims.html

I mareografi che circondano il Pacifico rilevano che i livelli dei mari sono a malapena in aumento e i satelliti mostrano che c’è poca variazione nella superficie media dei ghiacci polari.

Si controllino i Livelli dei Mari:

http://carbon-sense.com/index.php?s=sea+levels&Submit=Go

Il nostro clima NON sta cambiando rapidamente, non importa quante volte gli allarmisti e i loro compagni di giochi mediatici vanno ripetendo questa bugia. Oggi, gli stregoni che indossano il copricapo delle Nazioni Unite e dell’IPCC sono ancora una volta intenti a richiedere che gli esseri umani sacrifichino la loro industria e la loro occupazione sull’altare del carbonio nella speranza di cambiare il clima. Questo sacrificio arricchirà soltanto interessi verdi acquisiti, ma non riuscirà a cambiare il clima.

Gli Allarmisti dovrebbero verificare i fatti. E’ sufficiente un fatto cocciuto o una attenta osservazione a battere 97 opinioni approvate da amici.

Un po’ di scrutinio sull’allarmismo della Banca d’Inghilterra:

http://wattsupwiththat.com/2015/10/12/fact-checking-mark-carneys-catastrophic-climate-claims/

Gli Allarmisti dovrebbero tener conto del consiglio del senatore Moynihan:

“Hai diritto alla tua opinione. Ma non hai diritto a fatti, tuoi solamente.”