L’AUMENTO DELLE EMISSIONI DI SO2 DAL SITO DELL’ERUZIONE DELL’HOLUHRAUN POSSONO RAPPRESENTARE RISCHI PER LA SALUTE E INFLUENZARE IL CAMBIAMENTO CLIMATICO GLOBALE

La Terra si è aperta tra i vulcani Bardarbunga e Askja in Islanda, eruttando lava e gas incandescenti. Secondo l’Università Islandese, dal 9 settembre 2014, il nuovo flusso di lava ha coperto fino a questo momento più di 16 chilometri di territorio e ricoprendo circa 24,5 chilometri quadrati di territorio.

Il vulcano Holuhraun ha eruttato più lava in questo mese che qualsiasi altro vulcano islandese dal 19° secolo.
Una foschia blu di SO2 (diossido si zolfo) e aerosol vari sono stati osservati su diverse città e villaggi in Islanda orientale. A causa di livelli pericolosi di emissioni di gas, gli scienziati sono stati costretti ad evacuare la zona dell’Holuhraun diverse volte da quando l’eruzione è iniziata e ammonito a tenere maschere antigas a portata di mano a causa di gas nocivi e venti mutevoli.

Holuhraun lava field Sept11 1

Anomalie eoliche locali possono verificarsi nella zona dell’eruzione a causa della convezione termica della lava calda. Nell’atmosfera la SO2 viene convertita in acido solforico reagendo con l’acqua.
Il pennacchio dell’Holuhraun è ricco di biossido di zolfo (SO2), un gas dall’odore di uovo marcio che può causare problemi respiratori molto seri negli esseri umani e negli animali. Il SO2 è un gas con un odore pungente che irrita la pelle, i tessuti, le mucose degli occhi del naso e della gola. L’anidride solforosa colpisce principalmente le vie respiratorie superiori e i bronchi.

Gli effetti del SO2 sulle persone e sull’ambiente variano ampiamente a seconda della quantità di gas che un vulcano emette in atmosfera e il vento e le intemperie del microclima regionale o globale che disperde il gas. L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda una concentrazione non superiore a 0,5 ppm su 24 ore per la massima esposizione.

holuhraun_oli_2014249 2

Una concentrazione di 6-12 ppm può causare irritazione immediata del naso e della gola; 20 ppm possono causare irritazione agli occhi; 10.000 ppm irritare la pelle umida in pochi minuti. Concentrazioni più elevate possono portare ad un aumento della mortalità e di gravi problemi di salute.

I vulcani Bardarbunga e Holuhraun sono attivi da metà agosto. L’attività è stata vista come eruzioni effusive di lava e fontane con aumento dell’attività sismica, ma senza rilascio di cenere vulcanica. Tuttavia, vi è stata una grande emissione di SO2 continua e quindi, elevati valori di SO2 sono stati osservati nel nord Atlantico, dalla Groenlandia alla Scandinavia e l’Irlanda.

L’Agenzia per l’ambiente in Islanda ha aumentato il monitoraggio dei gas in zone abitate nell’Islanda Orientale. Lo Scientific Advisory Board ha riferito il 9 settembre 2014, che la qualità dell’aria nelle aree urbane nell’Est dell’Islanda può colpire le persone con problemi respiratori di fondo, anche se le persone sane non dovrebbero avvertire alcun disagio significativo.

ThIn_20140830_193203 3

La Protezione Civile islandese e la Gestione delle Emergenze ha avvertito che alta concentrazione di SO2 è stata misurata a Reydarfjördur nei fiordi orientali il 10 settembre 2014 e ha raggiunto il picco a 2600 mg/m3. Attenzione è stata rilasciata ai membri dei gruppi sensibili, tra individui sani con asma lieve. La maggior parte degli asmatici che sono all’aperto attivi possono andare incontro a qualche difficoltà di respirazione.

Secondo Manuel Sintubin, professore di Geodinamica all’Università di Lovanio, i gas tossici da Holuhraun possono essere confrontati con l’eruzione del Laki, che durò per otto mesi 1783-1784, e rilasciato grandi quantità di gas solforosi tossici. Haze dalla eruzione è stato segnalato dall’Islanda alla Siria. Si stima che 80 milioni di tonnellate di aerosol di acido solforico vennero rilasciati da tale eruzione.

dublin20140906-so2(1) 4

Misure di recenti eruzioni come il Monte St. Helens, nel 1980, El Chichon, il Messico nel 1982, e il Monte Pinatubo, Filippine nel 1991, mostrano chiaramente l’importanza di aerosol di zolfo nel modificare il clima, il riscaldamento della stratosfera, e il raffreddamento della troposfera. L’SO2 converte in aerosol di acido solforico che bloccano la radiazione solare in arrivo e contribuiscono alla distruzione dell’ozono. Gli effetti vulcanici sono di breve durata e dopo due o
tre anni, le particelle vulcaniche si depositano dall’atmosfera.

Su scala globale, i gas vulcanici vengono rilasciati in atmosfera e negli oceani. Quando un vulcano erutta, i gas vengono emessi e rilasciati in atmosfera. Durante le grandi eruzioni, i gas hanno effettivamente causato il cambiamento climatico globale.

holuhraun_oli_2014249_2(2) 5

Nelle ultime ore e dalle ultime notizie che giungono, alcune zone sono state evacuate, in altre di restare con le finestre chiuse. Le maschere antigas sempre a portata di mano. Alto il livello di SO2, biossido di zolfo, è stato misurato a Reyðarfjörður la scorsa notte intorno alle ore 10:00. Il valore più elevato delle misure sono state di poco meno di 4000 mg per m3. Questi sono i valori massimi misurati in Islanda. Un alto livello di SO2, 685 mg/m3, è stata anche misurata nella città di Egilsstadir.

Lo stato di attenzione è stata inviata tramite il sistema GSM per tutti i telefoni cellulari a Fjarðarbyggð

Protezione Civile e Gestione delle Emergenze

ENZO
ATTIVITA’ SOLARE