LA TSI (IRRADIAZIONE SOLARE TOTALE) E’ IN CADUTA LIBERA

Esiste un legame indissolubile tra l’attivita’ magnetica del sole e l’irradiazione solare totale (TSI).
La TSI misura l’intensita’ dei raggi solari.
Nei periodi di massima attivita’ che si manifesta con un alto numero di spots (macchie solari) la TSI sale,mentre nei periodi di bassa attivita’ l TSI scende.
Il valore medio dell TSI negli ultimi decenni e’ prossimo ai 1362w per mq:tale valore subisce continue variazioni,anche giornaliere e si muove all’interno di un range che va dai 1362,5w x mq ai 1360 w x mq.La forbice,pertanto, e’ molto stretta ed e’ calcolata nell’odine di 1,5 x 1000.Poco,pochissimo,ma per il nostro pianeta anche una variazione cosi’ minima di energia che arriva dalla nostra stella puo’ provocare cambiamenti climatici notevoli,sopratutto se l’oscillazione e’ di lungo periodo.
Il motivo per cui la TSI sta’ calando e’ dovuto senza ombra di dubbio alla diminuzione delle macchie solari dopo il massimo dei mesi scorsi.
Il calo risulta molto evidente negli ultimissi giorni ed il valore e’ sceso al di sotto dei 1361 w x mq,arrivando a toccare i 1360,8.
tim_level3_tsi_24hour_3month_640x480
Ovviamente,come scritto pocanzi,se la caduta di intensita’ dei raggi solari e’ di breve periodo,gli effetti climatici saranno nulli o quasi,al contrario se il calo di 1-1,5w x mq della TSI sara’ di lungo periodo (anni),si andra’ incontro ad un raffreddamento globale.
In ogni caso,risulta impossibile prevedere l’entita’ del calo termico, in presenza di una TSI bassa,in quanto in gioco non c’e’ solo questo valore,ma ce ne sono tantissimi altri.Tra tutti spicca la copertura nuvolosa globale.
Trattero’ questo argomento in un prossimo articolo.

GIORGIO
ATTIVITA SOLARE

 

    • L’ evidenza della piccola era glaciale (Maunder) venne furi da studi statistici sul prezzo del grano … é probabile che i prezzi del grano siano destinati ad aumentare …

       
  • Eh si, Valentino Baratta .. pare che all origine di tutto questo ci sia la famosa congiunzione astrale “perfetta” avvenuta nel 2010 fra Giove, Saturno, Urano e Nettuno (ottobre?) .. un vero “click” x “spegnere” il Sole .. come riportato qua in un precedente articolo .. effetti che si paleseranno definitivamente a circa 10 anni dalla congiunzione (questo il tempo con cui il Sole “metabolizza” i disturbi magnetici?) .. e cioè attorno al 2020 .. proprio ” in zona prox. minimo solare” … :-@ ..i Giganti Gassosi possono “spegnere” il Sole .. ☆♡☆

     
  • M 6.7 Vancouver.Canada

     
  • gianni

    Io alle volte ho l impressione che il sole faccia meno luce di 20 anni fa , mi staro’ facendo condizionare , non so

     
  • Sarà un effetto domino, a cascata, una reazione a catena, una concausa sinergica di fattori che faranno un po precipitare gli eventi .. Elio Sauro mi pare riportasse qlc gg fa un commento di un famoso glaciologo ché riferiva come una peg possa manifestarsi molto più velocemente di quanto nn si creda .. anche da un anno all altro … oggi ho letto un articolo NOOA sul calo vistoso e tardivo del fenomeno dei tornado Usa .. manca già il calore necessario a farli formare ? 🙂

     
    • I tornados sono molto infuenzati dal ciclo AMO e cioe’ dalle sst nord atlantiche.Il ciclo AMO da alcuni mesi e’ negativo e cio’ significa nord atlantico piu feddo.Comunque sono daccordo con te Davide: potrebbero scatenarsi reazioni a catena incontrollabili

       
    • solar minimum + atlantic multidecadal oscillation neg. = PEG! 😉

       
    • Io credo semplicemente che sia “lo spazio a raffreddarsi” e la TSI in diminuzione sia semplicemente un effetto del raffreddamento dello spazio … ma per noi su un pianeta la cosa sarà molto più evidente.

       
  • simone

    buona sera dove prendete tutti questi grafici o notizie?

     
  • http://www.youtube.com/watch?v=88xhRSK-NQ4#t=34 siete pronti per il 24 maggio??

     
  • ma come di solito… secondo me, NASA sta nascondendo qualcosa…

     
  • Sicuramente direi di si ..la copertura nuvolosa influisce su albedo terrestre anche se nn quanto i ghiacci penso .. inoltre se il CMS è in fase monopolare negativa, credo anche che dai prossimi aggiornamenti mensili solari ne vedremo parecchie di anomalie, rispetto ai valori consueti .. nn so, magari è solo una mia impressione personale . . :-/

     
    • esatto, l’albedo è infatti per definizione l’effetto riflettente delle superfici bianche e non c’è nulla come la neve dei ghiacciai per esaltarlo, non per nulla la terra a palla di neve di 250 mln d’anni fà con ghiaccio anche all’equatore si realizzò per un effetto albedo incontrollato che ad un certo punto si autoalimentava e solo il manifestarsi di un periodo con grandi eruzioni vulcaniche fece tornare la terra ad uno stato piu normale, altrimenti adesso saremmo ancora come europa, la luna ricoperta di ghiaccio.

       
    • Viviamo in un pianeta talmente complesso ed equilibrato che ad ogni minima variazione di uno dei tanti fattori che influiscono sul nostro clima si verificano cambiamenti climatici ‘sconvolgenti’ per la vita umana 😉

       
  • la copertura nuvolosa raffredda perché funge come se fosse copertura nevosa ? quindi riflette i raggi solari ?visto che dal satellite appare come una distesa bianca..

     
    • ferma i raggi infrarossi ossia proprio quelli che portano calore (gli ultravioletti no ma sono meno scaldanti) ed il fatto importante è che la nuvolosità viene incentivata dalla bassa attività solare grazie al maggior apporto di raggi cosmici produttori di nubi che entrano in maggior quantità per la debolezza solare. Quindi piu che la minor radiazione solare sono dapprima la copertura nuvolosa e poi il conseguente innesco dell’effetto albedo per l’aumento di superficie nevosa che porterebbero ad un incremento esponenziale dei ghiacciai.

       
    • Bassa attivita’ solare, piu’ raggi cosmici, piu’ copertura nuvolosa, meno precipitazioni, abbassamento delle temperature. Andrea

       
  • il reatino oggi tante scosse cosi come tra umbria marche ! ! Parecchie sequenze sismiche in atto!
    Come sempre i vostri articoli e link sono informazione pura ! ! Speriamo non ci siano scosse forti in questi prossimi giorni