LA STRATOSFERA METTE UN FRENO AL VORTICE CANADESE!!!!

Buona domenica amici lettori.

Lo avevo previsto nei precedenti post e alla fine il risultato sta per arrivare:finalmente avremo qualche giorno tipicamente invernale,ma senza eccessi, tra la fine della prossima settimana e l’inizio di quella successiva.

Come immagino abbiate capito: nulla di eccezzionale,ma pur sempre meglio dell’orribile stagione passata.

Senza l’aiuto della stratosfera quasi certamente,anzi certamente,questa stagione sarebbe stata la fotocopia identica della scorsa,ma grazie ai warmings stratosferici almeno per qualche giorno il tanto odiato vortice canadese si prendera’ una  piccola pausa.Almeno per ora non sperate in nulla di eclatante,poi capirete il perche’…..

Diamo un’occhiata a cio’ che sta’ accadendo in alto e anche in basso.

gfs_z10_nh_f00

gfs_z30_nh_f00

gfs_z50_nh_f00

Come potete notare,iPl vortice polare stratosferico ha splittato fino alla quota di 50hpa e in area nord atlantica si e’ formato un bel campo di alta pressione all’altezza dello split stesso.Tempo qualche giorno e anche la troposfera rispondera’ a tono…….

gfsnh-0-156

Finalmente la wave 2 si alzera!!!!!!

La strato ce l’ha fatta: e riuscita’ a bloccare almeno per qualche giorno il flusso zonale proveniente dal canada!!!!!

Ma non facciamoci tante illusioni:stante alle ultime emissioni modellistiche,il lobo americano del vortice polare riprendera’ a invorticarsi,riattivando di fatto la circolazione da ovest.

gfsnh-0-192

Osservando attentamente la carta,potete notare il minimo barico presente in area groenlandese.Minimo che,scorrendo verso ovest,molto probabilmente comprimera’ l’anticiclone delle azzorre fino alle nostre latitudini.Peccato pero’…questa sarebbe una carta meravigliosa se non ci fosse quel vortice lassu’ che quasi certamente interrompera’ la festa.

Pazienza…stavolta almeno qualcosa lo vedremo….

Era anche ora!!!!

Non sara’ nulla di eclatante, ma almeno potremo goderci una pausa ‘invernale’ nel bel mezzo della stagione che in teoria si chiama ancora inverno.

 

Osservando le isoterme a 850Hpa,possiamo ipotizzare l’arrivo della neve fino al piano nel nord della penisola e a quote medio basse al centrosud,ovviamente si tratta di una previsione a spanne,poiche’ fino alle 48/72 prima le cose possono cambiare(e’ successo spesso!!!!).

 gfsnh-1-192

Un’altra buona notizia arriva ancora dall’alto dei cieli…..

gfs_z01_nh_f240

Pare che il VPS abbia voglia di spittare di nuovo…..

Siamo a 240 ore  e alle quote di 1 e 2 HPA.

Ma di questo avremo molto tempo per parlarne…..gli eventuali frutti,se ci saranno, li potremo raccogliere solo a febbraio.

 

Giorgio

 

ATTIVITA SOLARE

 

 

  • Valerio MRG

    Qualche giorno? Diciamo qualche ora! Giusto per poter dire che l’inverno 2014-15 è stato apocalittico per via di quel raffreddore che ci siamo presi …

     
    • L’inverno non è ancora finito!

       
      • Valerio MRG

        E’ vero, ma ti rendi conto che stiamo tutti elemosinando per uno spiffero freddo che possa ancora farcelo pensare? 😉

         
        • Mi rendo conto solo di una cosa: solo chi vive in Italia, Spagna e Francia sta elemosinando tali spifferi freddi. Gli altri ne farebbero volentieri a meno. Anche quelli dell’emisfero australe!

          Bernardo

           
          • Valerio MRG

            Ah questo è sicuro. Abbiamo una specie di cupola protettiva che ci protegge. Tu che idea hai in proposito? A cosa può essere dovuta questa specie di schermatura, temperature marine, attività vulcanica, semplici coincidenze di eventi atmosferici?

             
            • Temperature oceaniche che bloccano le normali circolazioni lungo i paralleli e la particolare tipologia di clima persistente in Europa, di tipo simil-oceanico, che limita fortemente (per ora) gli afflussi artici fino alle basse latitudini.
              Quando il mare del nord si sarà completamente raffreddato, allora anche l’Europa subirà le ondate di gelo artico simili a quelle che ora vediamo sugli USA e sulla Russia.

              Resta il fatto che nell’emisfero nord del pianeta, le coste OCCIDENTALI sono mediamente più calde e temperate di quelle ORIENTALI.
              Nell’emisfero sud avviene l’esatto opposto!

              Bernardo

               
      • emanuele

        Come calendario l’inverno non è neanche a 1/4. A parte questo, domanda, le stagioni ‘si stanno spostando in avanti’.. o sbaglio?

         
        • Non sbagli… ma non è come pensi.
          Ovvero lo spostamento reale, astronomico, è microscopico e dipende dalla precessione degli equinozi.
          Quello che sta accadendo è semplicemente il rallentamento delle correnti termoaline e il blocco della Corrente del Golfo. Questo a causa del raffreddamento degli oceani che provoca e provocherà ulteriore raffreddamento.
          Arrivando, ad esempio, all’inizio della stagione calda con gli oceani più freddi della media, questi impiegheranno molto più tempo per accumulare sufficiente energia per contrastare l’aria artica che domina l’inverno. Impiegando più tempo, la stagione calda sfocia nell’autunno… L’inverno a quel punto inizierà in ritardo e terminerà, essendo l’attività solare bassa e in costante diminuzione, ancora più tardi… provocando un ulteriore ritardo nella stagione calda successiva!

          Anno dopo anno lo sfasamento sarà via via crescente, la stagione estiva sempre più fredda e quella invernale sempre più caratterizzata da sbalzi termici allucinanti. Poi, dopo un certo numero di anni, tutto si equilibra in una sola stagione fredda!

          Bernardo