La Scienza si appresta a chiudere bottega!

Titolo forte… ma reale.

Tante volte abbiamo documentato come, in nome della Scienza, sono state fatte delle assolute “porcate”… E tutto ciò che ruota intorno alla pseudo-Teoria del Riscaldamento Globale Antropico, ne è solo un esempio recente.

Qualcuno insiste nel sostenere che il Riscaldamento causato dalle emissioni antropiche è sotto gli occhi di tutti… ma per dimostrarne l’autenticità, non perdono tempo a modificare i dataset delle temperature del passato, facendo diventare un periodo di raffreddamento emisferico e mondiale come un riscaldamento e viceversa. E purtroppo, anche qui, le prove ci sono e ne abbiamo ampiamente parlato.

La Scienza, quella con al S maiuscola, è sempre stata quella che ha rispettato una serie di regole ben precise… e gli scienziati che lavoravano in tale ambito avevano l’obbligo morale e scientifico di rispettare fedelmente tali regole:

  1. Disponibilità a cambiare in seguito a nuove regole
  2. Peer Review (di terze parti, indipendenti) dei lavori pubblicati
  3. Prendere in considerazione  tutte le nuove scoperte
  4. Accettazione e incoraggiamento del giudizio critico
  5. Risultati VERIFICABILI e RIPETIBILI
  6. Cautela nel dichiarare la veridicità ed efficacia di un lavoro
  7. Misurazioni accurate e prive di errori

Queste sono solo alcune delle regole, di sicuro ce ne sono tante altre… ma tra le tante che non ho inserito in questo elenco, una su tutte è, penso, fondamentale:

IMPARZIALITÀ POLITICA

L’ideologia politica del singolo scienziato non è un grosso problema. Ognuno di noi propende per uno o per l’altro schieramento, ma quando a schierarsi pubblicamente è una rivista autorevole come Nature, come riporta oggi Climatemonitor.it, allora ci si accorge che qualcosa non va.

Già le 7 regole di cui sopra, nell’ambito dell’AGW sono state ripetutamente violate… e la motivazione ormai la conosciamo bene tutti: 2000 miliardi di dollari l’anno.

Ora, con questa dichiarazione pubblica, quale sicurezza ci garantirà Nature nell’ambito climatico? Chi ci assicura che non vengano pubblicati maggiormente (o solo) articoli riguardanti il Riscaldamento Globale Antropico, visto che lo schieramento politico impone che tutti CREDANO, quasi fosse un obbligo, che il clima si sta riscaldando? E qualora ci fossero prove del contrario, la rivista Nature, andrebbe contro le imposizioni del “proprio” schieramento politico?
Tante volte abbiamo accennato al fatto che la NASA e la NOAA sono in qualche modo “condizionate”, per motivi di bilancio economico, a seguire una certa linea politica.
Alla NASA, ad esempio, viene imposto il DIVIETO di usare motori prodotti in Russia per i razzi usati per lanciare i satelliti. Certo… questo dovrebbe stimolare la ricerca scientifico-tecnologica in USA, ma nel mentre come si fa?
Alla NOAA viene imposto, invece, di dimostrare che tutto il mondo si sta surriscaldando. E così viene omesso il fatto che i ghiacci si sciolgono a causa di eruzioni vulcaniche e idrotermali sottomarine… arrivando ad affermare che la temperatura dell’acqua in profondità non ha alcun impatto con la formazione del ghiaccio… Oppure che l’attività solare non ha alcuna influenza sul clima del nostro pianeta.

Insomma, la politica si sta imponendo in tutti i settori… anche in quelli che, teoricamente, dovrebbero restare apolitici.

E se un giorno venisse imposto, politicamente, di INSEGNARE in tutte le scuole del mondo che l’unica causa dei cambiamenti climatici sono le emissioni prodotte dalle attività umane, in barba a tutte le prove (peer review) del contrario, come ci si giustificherebbe davanti alle generazioni future che, magari, si ritroverebbero a combattere contro un raffreddamento climatico?

scienza_pseudoscienza_religione

A me sembra una roulette russa.. Si sta “scherzando” troppo con il fuoco… e per farlo si è arrivati ad usare delle carte che non mostrano la variazione della temperatura espressa in GRADI (centigradi, fahrenheit o kelvin), ma in PERCENTUALE… così il riscaldamento viene enfatizzato ulteriormente!

201609
Non so più cosa pensare!

Chissà dove andremo a finire!!!!

Temo fortemente nella veridicità del titolo 🙁

Bernardo Mattiucci
Attività Solare

 

 

  • Simon Lee

    Scrivo solo ora causa dimenticanza. Io dalla tabella toglierei la religione e lascerei la pseudoscienza, perché alla fine sono la stessa cosa, almeno per come è stato descritto l’approccio della religione alla scienza. Personalmente sono cristiano, ma non trovo alcuna contraddizione nel credere a quello che dice la scienza, in quanto essa scopre una cosa che già esisteva prima di essere scoperta, e qualcuno l’ha inventata, dato che la scienza stessa dimostra che c’è solo un modo per fare una cosa di senso compiuto e infiniti modi per non farla. Ovviamente non intendo aprire una discussione al riguardo, però ci tenevo a fare questa precisazione, dato che sono un lettore sinceramente interessato ai vostri articoli. Saluti.