LA PROVA CHE LA TEORIA DEL RISCALDAMENTO GLOBALE E’ CAUSATA DALL’UOMO E’ FALSA

Con Seldon B. Graham, Jr.

Ci sono prove scientifiche che il riscaldamento globale antropogenico (artificiale) non è un fenomeno reale. Ironia della sorte, questa prova è molto semplice, facile da trovare, che non ha nulla a che fare con la temperatura, ed è arrivata dal governo degli Stati Uniti.

Questa prova è come l’elefante proverbiale nel salotto.

L’ipotesi di origine antropica del riscaldamento globale è stata originata dal Gruppo intergovernativo di esperti delle Nazioni Unite sul cambiamento climatico (IPCC). E avviene in due fasi: “Aumentare i consumi di combustibili fossili aumenta di conseguenza l’anidride carbonica nell’aria e l’aumento di anidride carbonica provoca cambiamenti climatici.” Petrolio, gas naturale e carbone sono chiamati “combustibili fossili” dall’IPCC.

La prima parte dell’ipotesi è che, aumentando il consumo di combustibili fossili causa l’aumento di anidride carbonica nell’aria, è questo è stato un “dato” generalmente del passato. Infatti finora non ha ricevuto praticamente alcun controllo. C’è poi la seconda parte dell’ipotesi, che dice che l’aumento di anidride carbonica nell’aria provoca cambiamenti climatici, che è la parte che ha ricevuto molte argomentazioni scientifiche. Le previsioni del futuro richiedono molti “modelli” che a sua volta richiedono assunzioni. Si dice che le ipotesi sono la madre di tutte le vite. La sperimentazione dei modelli, da parte del metodo scientifico affidabile e venerabile, è stato in grado di ottenere risultati riproducibili. La seconda parte dell’ipotesi non è mai stata dimostrata.

Dopo la seconda guerra mondiale, dopo la vittoria, si è detto che gli Alleati galleggiavano su un mare di petrolio. La produzione di petrolio negli Stati Uniti è aumentata di 3 miliardi di barili all’anno durante la guerra, con una massiccia quantità di combustibile fossile utilizzato nella seconda guerra mondiale. La prova della prima parte dell’ipotesi. Aumentando il consumo dei combustibili fossili cresce l’anidride carbonica nell’aria, che può essere trovato in questi dati della NASA.

I migliori dati scientifici disponibili, sono della National Aeronautics and Space Administration, che mostrano i livelli di biossido di carbonio “flat-lined” durante il decennio 1940-1950. Il livello di anidride carbonica nell’aria nel 1941 era pari a 311 parti per milione. L’oscillazione è stata soltanto fino a 310,2 parti per milione, quindi soltanto 0,8 parti per milione inferiore all’importo nel 1941.

Il massiccio aumento dell’utilizzo di combustibile fossile nella seconda guerra mondiale non ha causato un corrispondente aumento di anidride carbonica nell’aria. L’aumento dei combustibili fossili non sempre causa l’aumento di anidride carbonica. Poiché la prima parte dell’ipotesi non è veritiera, quindi, a sua volta, l’intera ipotesi non è veritiera. Argomenti sulla seconda parte sono discutibili. Nessuno ha mai dimostrato che l’anidride carbonica nell’aria è aumentata durante la seconda guerra mondiale.

Il problema è che il cambiamento climatico, ipotizzato dall’IPCC, è stato adottato dal presidente Carter, il Vice Presidente Gore, e il presidente Obama come politica del clima democratico. Attualmente, l’economia, il lavoro, il reddito, le sovvenzioni, i sussidi, le tasse, le industrie favorite, affitti dei terreni federali, risparmi, investimenti – anche le importazioni petrolifere straniere – sono fortemente dipendenti dal cambiamento climatico ma essi non validano le ipotesi.

Fonte: American Thinker

Enzo
Attività Solare