LA PROPAGANDA DI NSIDC ASPETTANDO LA CONFERENZA SUL CLIMA DI PARIGI

Scopriamo insieme la propaganda senza senso che NSIDC ha pubblicato due giorni fa.

2015-07-10_011424

 

http://nsidc.org/arcticseaicenews/2015/07/downwardly-mobile/

Che tradotto recita così: “L’estensione del ghiaccio marino Artico è risultato per il mese di giugno 2015 il terzo più basso da quando esistono le rilevazioni satellitari, mentre sempre per quanto riguarda il mese di giugno, il manto nevoso per l’emisfero nord è risultato il secondo più basso mai registrato. Al contrario, l’estensione del ghiaccio marino Antartico è risultato superiore alla media. Il ritmo di perdita del ghiaccio marino risulta vicino alla media per il mese di giugno, ma le persistenti condizioni di caldo e di maggiore fusione di fine mese, potrebbero aver posto le basi per una rapida perdita del ghiaccio nelle prossime settimane.”

Ma se diamo uno sguardo al loro stesso grafico, questi ci mostra come l’estensione del ghiaccio marino Artico è di poco inferiore al normale, e la fusione risulta insolitamente molto lenta, dove comunque risulta nella standard deviations.

N_stddev_timeseries-3-1024x819

 

http://nsidc.org/data/seaice_index/images/daily_images/N_stddev_timeseries.png

Inoltre globalmente, il ghiaccio marino globale è ben superiore alla media.

iphone.anomaly.global-3

 

http://arctic.atmos.uiuc.edu/cryosphere/iphone/images/iphone.anomaly.global.png

 

L’estensione del ghiaccio marino Artico è il terzo più alto dal 2005, e non il secondo più basso come sostiene il NSIDC.

icecover_current-17

 

http://ocean.dmi.dk/arctic/old_icecover.uk.php

 

La situazione quindi non mi pare catastrofica come l’ente vuol far sembrare. Crediamo che a questo punto il tutto giri intorno alla conferenza sul clima che si terrà a Parigi a fine anno, mettendo in atto questo tipo di propaganda insensata per sensibilizzare l’opinione pubblica e per un più massiccio intervento finanziario da parte dei governi inducendoli a sborsare ancora centinaia di miliardi di dollari per poi ottenere risultati pari a zero o quasi. Nel frattempo l’economia mondiale cola a picco.

Fonte

Enzo
Attività Solare