LA PAUSA PROSEGUE – ANCORA NESSUN RISCALDAMENTO GLOBALE DA 17 ANNI E 9 MESI!

Ad alcuni, che si sono addentrati da poco in questo scottante e delicato argomento, potrà apparire un tantino difficoltoso, dato da una terminologia nuova e pesante, visto anche la lunghezza dello scritto. Ma credo che alla fine, se riuscirete ad arrivarci in fondo a questa lettura, ne uscirete molto interessati e con le idee un po’ più chiare di cosa si intende per lettura delle temperature globali, di cosa significa il non riscaldamento globale e di quanto certi enti ci marciano sopra.
Buona lettura

LA PAUSA PROSEGUE – ANCORA NESSUN RISCALDAMENTO GLOBALE DA 17 ANNI E 9 MESI!
Di Christopher Monckton di Brenchley
June 4, 2014

Secondo i dati satellitari di rilevamento RSS, il cui valore di maggio 2014 è stato appena pubblicato, la tendenza al riscaldamento globale negli ultimi 17 anni e 9 mesi, esattamente dal settembre 1996 è pari a zero (Fig. 1). I 213 mesi senza riscaldamento globale rappresentano più della metà dei 425 mesi di dati record satellitari, da quando sono iniziati i rilevamenti satellitari, cioè dal gennaio 1979. Nessuno ormai al liceo ha vissuto attraverso il riscaldamento globale.

clip_image002 maggio 2014
Figura 1. Misurazioni delle temperature RSS nelle anomalie mensili della temperatura media globale nella troposfera inferiore (blu scuro) e di tendenza (linea blu brillante), da settembre 1996 a maggio 2014, che non mostra nessuna tendenza all’aumento da 17 anni e 9 mesi.

Il periodo di pausa di 17 anni e 9 mesi è il più basso dato disponibile nei dati raccolti dalla RSS satellitare della temperatura che mostrano ancora una tendenza all’aumento pari a zero. La lunghezza della pausa nel riscaldamento globale, molto significativo, ma di minore importanza rispetto alla sempre crescente discrepanza tra la tendenza prevista della temperatura nei modelli e la variazione della temperatura nel mondo reale è la meno entusiasmante che è stata osservata.

La prima relazione di valutazione prevedeva una temperatura globale in aumento di 1,0 [0.7, 1.5] ºC nel 2025, pari a 2,8 [1.9, 4.2] ºC per secolo -1.
La sintesi ha chiesto: “Quanta fiducia abbiamo nelle nostre previsioni?” L’IPCC ha sottolineato alcune incertezze (nuvole, oceani, ecc), ma ha concluso:

“Ciò nonostante… abbiamo sostanziale fiducia che i modelli sono in grado di prevedere almeno le caratteristiche di larga scala del cambiamento climatico…. Ci sono analogie tra i risultati dei modelli accoppiati con semplici rappresentazioni del mare e quelli che utilizzano descrizioni più sofisticate, e la nostra comprensione di tali differenze che si verificano ci dà una certa fiducia nei risultati finali.”

Quella “sostanziale fiducia” è stata un notevole eccesso di fiducia. 1/4 di secolo dopo il 1990, il risultato ad oggi – ha espresso come la tendenza dei minimi quadrati lineari di regressione sulla media del dati GISS, HadCRUT4 e NCDC, delle anomalie globali mensili delle temperature superficiali è di 0,34 C°, equivalente a juar 1,4 C°/secolo o esattamente a metà della stima centrale nella quarta (1990) e ben al di sotto anche dei meno stima (Fig. 2).

clip_image004_thumb 2
Figura 2. Le proiezioni a medio termine della temperatura globale dell’IPCC (1990), da gennaio 1990 ad aprile 2014 (zona arancione e linea di tendenza rossa), vs osservato delle anomalie (blu scuro) e tendenza (blu brillante), come media dei feed RSS e UAH satellitari mensile troposfera inferiore delle anomalie di temperatura.

clip_image006_thumb 3
Figura 3. Prevedibile cambiamento di temperatura dal 2005 ad un tasso pari a 1,7 [1.0, 2.3] Cº/secolo (zona arancione con il rosso più spesso con la migliore stima della linea di tendenza), rispetto alle anomalie osservate (blu scuro) e tendenza (azzurro).

Sorprendentemente, anche le più recenti e molto ridotte proiezioni del global-warming a breve termine dell’IPCC sono ancora eccessive (Fig. 3).

Nel 1990, la stima dell’IPCC sul riscaldamento a breve termine era più alto di 2/3 di quanto lo sia oggi. Poi era sceso dell’equivalente di 2,8°C/secolo. Ora si tratta soltanto di 1,7ºC e, come mostra il grafico in fig. 3, anche questo sta dimostrando di avere una sostanziale esagerazione.

Sui dati satellitari RSS, non vi è stato statisticamente nessun significativo riscaldamento globale da oltre 26 anni. Nessun modello di previsione prevede che non ci sia un riscaldamento globale per 1/4 di secolo.

Nuovi tentativi di spiegare la crescente e grave discrepanza tra previsioni e realtà emergono quasi ogni giorno. Troppo pochi gli scienziati che stanno dietro lo scottante argomento del clima che sono ancora disposti ad ammettere una spiegazione convincente, che i modelli sono stati programmati per prevedere molto più riscaldamento globale di quello che si vede in realtà.

La lunga pausa potrebbe finire da quest’inverno. Un evento di el Niño è iniziato. I soliti allarmisti riferiscono che sarà un record-breaker, ma finora, ci sono pochissime informazioni per poter affermare quanto riscaldamento temporaneo causerà. I picchi di temperatura causati da El Niño del 1998, 2007 e 2010 sono chiaramente visibili nelle Fig. 1 e 3.

El Niño si verifica circa ogni 3/4 anni, anche se nessuno è del tutto sicuro di cosa li scatena. Sono causa di un picco temporaneo della temperatura, spesso seguito da un brusco calo durante la fase La Nina, come si può vedere nel 1999 nel 2008 e nel 2011-2012, dove c’era un “double-dip” la Niña.

Il rapporto di El Niños e la Niñas tende a cadere durante le fasi negative o di raffreddamento dei 30 anni della Pacific Decadal Oscillation, l’ultima delle quali è iniziata alla fine del 2001. Così, anche se la pausa può sospendersi per alcuni mesi a cavallo dell’anno, potrebbe anche riprendere al più tardi nel 2015. Ad ogni modo, è sempre più chiaro che il riscaldamento globale non sta avvenendo al tasso previsto dai modelli climatici, e non è affatto probabile che si verifichi anche alla velocità prevista. Ci potrebbe essere anche solo 1°C di riscaldamento globale in questo secolo, ma non di 3-4 Cº come previsti dall’IPCC.

L’essenziale sulla temperatura globale.

Ø Il dataset RSS satellitare non mostra alcun riscaldamento globale ormai da 213 mesi, esattamente da settembre 1996 a maggio 2014. Cioè da più della metà dell’intero record di 425 mesi di rilevamenti satellitari.

Ø Il più veloce tasso di riscaldamento centenario misurato è stato in Inghilterra Centrale dal 1663 al 1762, a 0,9ºC per secolo, questo prima della rivoluzione industriale. Quindi non per colpa dell’uomo.

Ø La tendenza al riscaldamento globale dal 1900 è equivalente a 0,8ºC per secolo. Questo è ben comprensibile nella variabilità naturale e non può avere molto a che fare con l’uomo.

Ø Il trend più veloce di riscaldamento della durata di 10 anni o poco più si è verificato nel corso di 40 anni, cioè dal 1694-1733 in Inghilterra centrale. E’ stato pari a 4,3C° per secolo.

Ø Dal 1950, da quando l’influenza umana sulla temperatura globale è diventata teoricamente possibile, la tendenza al riscaldamento globale è stato pari a 1,2C° per secolo.

Ø Il tasso di riscaldamento più veloce della durata di 10 anni o poco più, dal 1950 si è verificato nel corso di 33 anni dal 1974-2006. Era pari a 2,0 C° per secolo.

Ø Nel 1990, nella previsione mid-range dell’IPCC sulla tendenza al riscaldamento a breve termine è stato pari a 2,8 C° per secolo, superiore di 2/3 rispetto alla previsione attuale.

Ø La tendenza al riscaldamento globale dal 1990, quando l’IPCC scrisse la sua prima relazione, è equivalente a 1,4ºC per secolo, la metà di quello che l’IPCC aveva allora previsto.

Ø Nel 2013 una nuova previsione mid-range dell’IPCC sulla tendenza al riscaldamento a breve termine è stato per il riscaldamento ad un tasso pari a solo 1,7ºC per secolo. Anche questo si è rilevato esagerato.

Ø Anche se l’IPCC ha tagliato la sua previsione di riscaldamento a breve termine, ma non ha tagliato la sua previsione di riscaldamento centenario di 4,7ºC il riscaldamento al 2100 è in business as usual.

Ø la previsione dell’IPCC di 4,7ºC sul riscaldamento entro il 2100 è più del doppio del tasso massimo del riscaldamento della durata di più di 10 anni che è stata misurata a partire dal 1950.

Ø 4.7ºC-by-2100 la previsione dell’IPCC è di quasi 4 volte la tendenza al riscaldamento del mondo reale osservata e potremmo in teoria aver iniziato ad influenzarla dal 1950.

Ø Dal 1° gennaio 2001 l’alba del nuovo millennio, la tendenza al riscaldamento sulla media di 5 set di dati è pari a zero. Nessun riscaldamento da 13 anni e 4 mesi.

Ø La meteo estrema che si è avuta recentemente non può essere imputata al riscaldamento globale, questo perché non c’è stato alcun riscaldamento globale. Molto semplice.

Nota tecnica

Il nostro ultimo grafico mostra l’attualità del dataset RSS per i 213 mesi, da settembre 1996 a maggio 2014, più della metà del record satellitare di 425 mesi.

Le temperature terrestri sono misurate con i termometri. I termometri situati correttamente nelle zone rurali lontano da fonti di calore artificiali mostrano tassi di riscaldamento sensibilmente inferiori a quelli che vengono pubblicati. I set di dati satellitari sono basati su misurazioni effettuate dai termometri più accurati disponibili, termometri a resistenza di platino, che non solo misurano la temperatura a diverse altitudini sopra la superficie terrestre, mediante microonde unità di suono, ma anche si calibrano costantemente misurando via spaceward dove si rispecchia la temperatura nota della radiazione cosmica di fondo, che è l’1% del punto di congelamento dell’acqua, o solo 2,73 gradi sopra lo zero assoluto. Era misurando le variazioni minuscole nella radiazione cosmica di fondo che la sonda anisotropia della NASA ha determinato l’età dell’Universo: 13.820.000.000 anni

Il grafico è accurato. I dati vengono rilevati mensilmente direttamente dal sito RSS. Un algoritmo del computer li legge giù dal file di testo, prende la loro media e li traccia automaticamente utilizzando una routine avanzata che regola automaticamente il rapporto di aspetto della finestra di dati a entrambi gli assi in modo da mostrare i dati alla massima scala, per chiarezza.

Ultimo punto, i dati mensili sono ispezionati visivamente per assicurarsi che sia stato posizionato correttamente. La luce della linea di tendenza blu tracciata attraverso il blu-spline, curva scura, mostra i dati effettivi che vengono determinati con il metodo dei minimi quadrati di regressione lineare, che calcola l’intercetta e la pendenza della linea tramite due equazioni consolidate e funzionalmente identiche che sono confrontati uno con l’altro per assicurare discrepanza tra loro. L’IPCC e la maggior parte delle altre agenzie usano la regressione lineare per determinare le tendenze delle temperature globali.

Il professor Phil Jones della University of East Anglia, raccomanda in una delle email Climategate. Il metodo è appropriato perché i record della temperatura globale mostrano poco auto-regressione.

Il dottor Stephen Farish, professore di Statistiche epidemiologiche presso l’Università di Melbourne, cortesemente ha verificato l’affidabilità dell’algoritmo che determina l’andamento del grafico e il coefficiente di correlazione, che è molto basso perché, anche se i dati sono molto variabili, il trend è piatto.

http://wattsupwiththat.com/2014/06/04/the-pause-continues-still-no-global-warming-for-17-years-9-months/

ENZO
SOLAR ACTIVITY

 

  • Emanuele Guzzi Susini

    Aprile ha mostrato un’anomalia globale di 0,19 gradi, sapete per caso già il dato relativo a maggio?

     
    • Emanuele, 0.19° è l’anomalia del dato di aprile delle UHT in bassa troposfera, quelle di maggio non sono ancora uscite, ma penso che tra pochi giorni lo faranno. Quindi verrà pubblicato come nostra consuetudine l’articolo. 😉

       
      • Emanuele Guzzi Susini

        Grazie Enzo 😉

         
  • come……ho appena comprato un intero negozio di bermuda e magliette a maniche corte ………le userò il secolo prossimo !!

     
  • adesso sentirai come ce la meneranno per 2 gg di caldo normalissimi per questa stagione!!!!