La crescita del ghiaccio marino Antartico si spiega con la variabilità naturale

antarctic_seaice_sept19_1

Uno studio pubblicato di recente offre la prova che la fase negativa della Interdecadale Pacific Oscillation (IPO), che ha caratterizzato temperature superficiali marine più fredde rispetto alla media nel Pacifico tropicale orientale, ha creato le condizioni favorevoli per una ulteriore crescita del ghiaccio marino Antartico dal 2000. La recente tendenza di aumento dell’estensione del ghiaccio marino Antartico può quindi essere in gran parte spiegata con la fluttuazione naturale del clima, affermano gli autori dello studio.

 

Il ghiaccio marino che circonda l’Antartide e che lentamente sta aumentando da quando esistono le misurazioni satellitari, che hanno avuto inizio nel 1979, ha assunto dimensioni da record. Il tasso di crescita è aumentato di quasi cinque volte tra il 2000 e il 2014, a seguito del passaggio della IPO ad una fase negativa nel 1999.

Quando la IPO passa ad una fase negativa, affermano gli autori, le temperature superficiali del mare del Pacifico tropicale orientale diventano leggermente più fredde rispetto alla media misurata per oltre uno o due decenni.

Queste temperature della superficie marina, a sua volta, cambiano le precipitazioni tropicali, che spingono cambiamenti su larga scala nei venti e che si estendono a distanze lontane dall’Antartide. L’impatto finale è un approfondimento di un sistema di bassa pressione al largo della costa dell’Antartide conosciuto come Amundsen Sea Low. I venti generati sul fianco occidentale di questo sistema spingono il ghiaccio marino verso nord, lontano dall’Antartide, contribuendo ad allargare l’estensione della copertura del ghiaccio marino.

Gli autori dello studio suggeriscono anche che il ghiaccio marino potrebbe iniziare a ridursi con il passare della fase positiva della IPO, per verificare anche se questi impatti correlati alla IPO sono stati sufficienti a causare la crescita in estensione del ghiaccio marino osservato tra il 2000 e il 2014. Gli scienziati hanno prima esaminato 262 simulazioni climatiche create da diversi gruppi di modelli provenienti da tutto il mondo.

Quando tutte queste simulazioni sono mediate, la variabilità naturale si annulla. Ad esempio, simulazioni con un IPO positivo compensano quelli con un IPO negativo. Ciò che rimane è l’impatto previsto dal cambiamento climatico causato dall’uomo: un calo dell’estensione del ghiaccio marino Antartico.

Ma per questo studio, gli scienziati non erano interessati alla media. Quello che cercavano era trovare i singoli membri che hanno caratterizzato in modo corretto la variabilità naturale tra il 2000 e il 2014, compresa la fase negativa della IPO. Il team ha scoperto 10 simulazioni che hanno soddisfatto i criteri, e tutti hanno mostrato un aumento dell’estensione del ghiaccio marino in tutte le stagioni.

“Quando tutti i modelli sono presi insieme, la variabilità naturale diventa media, lasciando solo il ritiro del ghiaccio marino causato dal riscaldamento globale”, ha detto il co-autore Julie Arblaster della NCAR e Monash della University of Australia. “Ma le simulazioni che accadono per la sincronizzazione con la variabilità naturale osservata catturano l’ampliamento della zona del ghiaccio marino. E siamo stati in grado di tracciare queste modifiche del Pacifico equatoriale orientale nei nostri esperimenti modellistici.”

Gli scienziati sospettano che nel 2014, la IPO ha iniziato a cambiare da negativo a positivo. Che potrebbe indicare un prossimo periodo di calde temperature superficiali medie dell’Oceano Pacifico orientale, anche se di anno in anno le temperature possono salire o scendere, a seconda delle condizioni di El Niño/La Niña. Di conseguenza, la tendenza all’aumento delle misurazioni del ghiaccio marino Antartico possono anche cambiare la risposta.

“Come la IPO passerà in positivo, l’aumento del ghiaccio del Mare Antartico dovrebbe rallentare e forse iniziare a mostrare segni di ritiro, più o meno nel corso dei prossimi 10 anni”, ha affermato lo scienziato della NCAR Gerald Meehl, autore principale dello studio.

Fonte: NCAR

Reference:
•”Antarctic sea-ice expansion between 2000 and 2014 driven by tropical Pacific decadal climate variability” – Gerald A. Meehl, Julie M. Arblaster, Cecilia M. Bitz, Christine T. Y. Chung, and Haiyan Teng – Nature Geoscience

– July 4, 2016 – DOI: 10.1038/NGEO2751

Enzo
Attività Solare