IL CAMPO MAGNETICO SOLARE RISCHIA IL COLLASSO

Tutti i meccanismi di una “normale” progressione dei cicli solare sono ora messi in seria discussione: qualcosa sta andando storto e potrebbe provocare un lungo periodo della durata di decenni di bassissima attività magnetica. Gli ultimi aggiornamenti relativi ai poli magnetici sono del tutto in controtendenza; l’ultimo pervenutoci poche ore fa relativo al giorno 21 febbraio è a dir poco sconvolgente.

Ecco i numeri:

Polarità sud -17
Polarità nord +2
Polarità globale +9

Dunque, un altro punto di regressione del nord emisfero che, a questo punto, si sta approssimando al fatidico 0, e ciò significherebbe CONTROINVERSIONE della polarità nord. Ma non è finita…….

 

1891043_642469389152643_1638834118_n

È retrocesso di un altro punto pure il GMF (global magnetic field), portandosi da +10 a +9. Stabile la polarità sud. Dall’ultima immagine del magnetogramma (vedi foto) relativa al giorno 13 marzo si evince senza ombra di dubbio che il polo nord ha già assunto polarità negativa e quindi ha già controinvertito, anche se occorrerà attendere l’ufficializzazione. Se ciò sarà confermato, la nostra amata stella è ritornata ad una fase monopolare e cioè con i due poli magnetici negativi. Questa ricaduta avrà dei risvolti pesantissimi, poiché indebolirà ulteriormente il già debolissimo campo magnetico solare e gli effetti di questa “debacle” saranno tangibili nel prossimo ciclo solare 25, che stante a quanto ci risulta ora, potrebbe essere il ciclo più debole della storia.
Ormai è chiaro a tutti che la DINAMO SOLARE è bloccata: la rotazione differenziale del plasma ha subito un rallentamento dovuto a RISONANZE ORBITALI o forse peggio (ma è tutto da dimostrare) a disturbi che si originano al di fuori del sistema solare.
Visti gli ultimi sviluppi, si potrebbe ipotizzare pure una controinversione dell’intero campo magnetico: in tal caso avremo un collasso totale, la cui via d’uscita sarebbe un “reset” della durata di alcuni decenni: in poche parole un PROFONDO MINIMO SOLARE di 30/70 anni.
Provate ad immaginare le conseguenze….

Giorgio

 

  • Marco

    http://www.swpc.noaa.gov/ftpdir/synoptic_maps/20140317_0237_NL.JPG A marzo il nord è ancora nettamente positivo ed il sud negativo.

     
  • Grazie 🙂

     
  • Domanda stupida , e se il nostro solo contro ogni previsione avesse finito i gas leggeri e stesse preparando composti pesanti ??

     
  • La monopolarita’ del campo magnetico solare che cosa determina a livello fisico, nel sistema solare, cioè quali conseguenze produce .. su cosa va ad agire .. potrebbe interferire anche sulla nostra aura energetica ?

     
    • la monopolarita’ e cioe’ un sole con due poli dello stesso segno e’ sintomo di un campo magnetico disgregato:in questo caso le interazioni elettromagnetiche sono per forza di cose piu’ deboli.Immagina che il CM sia costante: piu’ e’ frantumato e piu le interazioni al suo interno sono deboli

       
    • Grazie..quindi il principale effetto sarà “solamente” l aumento dell incidenza dei CR, cioè dei raggi cosmici ? L innalzamento di tale valore può essere repentino in caso di passaggio alla monopolarita del CMS? 🙂

       
    • l’incidenza dei raggi cosmici dipende dall’espansione o contrazione dell’eliosfera.Trattero’ questo tema in un prossimo articolo. 😉

       
  • Studi interessanti, poco divulgati dai mezzi di informazione! Cmq l’umanita’ si e’ adattata alla Peg quando nn era di aiuto la tecnologia, lo fara’ pienamente anche stavolta. A me preoccupano le azioni umane nn quelle naturali che fanno parte del normale corso degli eventi!

     
    • il vero problema e’ la disinformazione di massa.Perche’ da diversi anni si cerca di manipolare i cervelli umani predicando che la terra diventera’ un forno,mentre sta per accadere l’esatto contrario?

       
  • La cosa che fà pensare è questa:

    Una altra caratteristica fu che le macchie durante il Maunder si concentrarono nell´emisfero sud del Sole tranne nell´ultima parte del minimo quando cominciarono ad apparire macchie anche nella parte nord del Sole.

    In un disegno del Sole fatta da Flamsteed (astronomo inglese, quello che fece costruire l´osservatorio di Greenwich) uno studio recentissimo di J.M. Vaquero del Dipartimento di Fisica Applicata dell’Universidad de Extremadura a Cáceres (Spagna), facendo una analisi profonda suggerisce che il Sole abbia rallentato la sua rotazione durante il periodo piú profondo del minimo di Maunder nel 1684.

    Infatti, dopo il Ciclo Solare N°22 le macchie solari/flare più forti si sono concentrate nell’emisfero Sud del Sole, e la lunga permanenza delle macchie solari, ad esempio la 1944, 1967 e 1990 (che è sempre la stessa), vuol solo dire che la dinamo solare ha rallentato, e quindi le macchie solari arrivano e svaniscono più lentamente 😉 Roberto

     
  • Tanto mi sto vendendo casa…….:D

     
  • Meno male che ho ancora il mio Avirex B1 nell’armadio !

     
  • Anche se conosciamo pochissimo del Sole e della sua storia, possiamo conoscere cmq gli effetti dell attività solare sul clima terrestre, risalendo a ritroso anche di centinaia di migliaia di anni grazie ai carotaggi artici, e ad altri studi sulle rocce, e persino su alcuni bio organismi come ad esempio certi coralli, anche se intervengono anche altri fattori esterni oltre all attività magnetica solare ..ma tutte queste variazioni dimostrano cmq un evidente e a dir poco impressionante ciclicità .. è giusto? 🙂

     
    • e’ tutto ciclico.Ma con cicli e sottocicli e sottocicli dei sottocicli fino ai piu’ piccoli e cioe’ quelli dei 200 anni che causano le cosidette ‘piccole ere glaciali’.

       
  • Scusate e quando arriverà questo freddo ?

     
  • comunque ragazzi ce da dire che conosciamo pochissimo del sole , chissa come si comportava milioni di anni fa , comunque bravi e grazie per le informazioni

     
    • si e’ verissimo.Conosciamo a malapena 400 anni di storia del sole su 5 miliardi.In pratica quasi nulla.I dati con i quali ci confrontiamo sono davvero pochi,molto utili comunque per poter tracciare qualche linea tendenziale

       
  • preparo le coperte?? ;o)

     
  • Le risonanze orbitali magnetiche giove -saturno hanno una ciclicità circa ventennale .. questa ciclicità potrebbe ripetersi anche ogni circa 200 anni, cioè amplificata maggiormente ogni tale periodo? Solo così si spiegherebbero le varie peg .. che ne pensate? 🙂

     
    • e’ ormai certo che ogni 200 anni circa (179) si verifica un minimo stile Dalton o Maunder: sono minimi dovuti allo spostamento del centro di massa del sistema solare al di fuori della posizione teorica della sfera solare.Dunque siamo pressoche’ certi di questo.Ma cio’ potrebbe coincidere con altri disrurbi di natura galattica.

       
    • Poco che aspetta ,lo vediamo dalla,altro mondo…ragazzi,la nostra generazione non farà in tempo a goderselo,purtroppo siamo nati nella,epoca sbagliata…e poi ce sempre il fatto che qua in Italia è dura la pagnotta glaciale

       
    • meglio cosi no?Male che vada ci trasferiremo in massa al sud che nel peggiore dei casi assumera’ un clima simile al nord 😉

       
  • Giorgio non so se lo hai notato ma il sud è più di una settimana che non produce nuove regioni. Potrebbe essere già un segno della controinversione avvenuta. Andrea

     
  • Piccola era glaciale (peg) .. quindi da qlc gg siamo già in fase monopolare negativa del CMS .. era dietro l’angolo questa notizia .. incredibile!

     
  • davvero impressionante… il nostro caro e vecchio dolce clima diventerà un ricordo… forse per sempre nel caso fosse dovuto a cause esterne al sistema solare!

     
  • era glaciale?

     
  • La cosa avrebbe ripercussioni economico sociale spaventose