Il Ghiacciaio sul Monte St. Helens si sta espandendo

Riporto in forma di articolo un commento di Mauri Ses postato sul nostro blog… nel quale il nostro amico, che ringrazio per la segnalazione e la traduzione del testo, ci riporta quanto apparso sul blog www.iceagenow.info

DSC05819

Il Mount St. Helens in una foto del maggio 2014

Il Ghiacciaio sul Monte St. Helens si sta espandendo
5 luglio 2015

Non si sta solamente espandendo, ma sta anche avanzando!

“Il Ghiacciaio, prosaicamente chiamato, del Cratere si sta espandendo in un momento durante il quale quasi tutti i ghiacciai del mondo si stanno rapidamente ritirando”, è quanto scrive Sandi Doughton, giornalista scientifico del Seattle Times.

(Sono in completo disaccordo con la seconda parte di questa affermazione. Infatti, la realtà è che oltre il 90% dei ghiacciai del pianeta si stanno espandendo. Si prega di consultare la parte finale di questo post – robert felix iceagenow.info)

Sono in pochi a rendersi conto che il cratere concavo da cui fino a pochi anni fa fuoriusciva la lava, è adesso la sede del ghiacciaio più giovane del pianeta, è quanto afferma Ray Yurkewycz, direttore delle operazioni per l’organizzazione no-profit Mount St. Helens Institute.

Non è solamente in espansione, ma sta anche avanzando

“Si sta riversando all’interno di questa valle adesso”, sostiene Yurkewycz, indicando una lingua di ghiaccio che scorre su di una
salita e poi scivola giù in un burrone pietroso. “E’ solamente negli ultimi due anni che ha cominciato a fare tutto questo”.

“Niente di questo ghiacciaio rientra nella normalità”, è quanto ha affermato lo scienziato Steve Schilling del Cascades Volcano
Observatory, che ha documentato la formazione del ghiacciaio e la sua sorprendente crescita.

“Prima del 1980, il Monte St. Helens era una perfetta immagine da cartolina, con il suo cono drappeggiato da circa una dozzina di piccoli ghiacciai”, scrive Doughton. “La maggior parte di questi vennero obliterati o si fusero, il 18 maggio dello stesso anno,
quando parte della parete nord della montagna crollò, scatenando la più grande frana che sia mai stata registrata.”

Il suo orientamento verso nord ha contribuito a creare un vero e proprio scudo per la neve dai raggi solari mentre uno spesso strato di roccia vulcanica sul fondo del cratere ha fornito una barriera isolante contro il calore vulcanico proveniente dal basso, continua Doughton.

“Nel 1988, un nevaio permanente spesso più di 200 piedi (60.96 metri) era immerso nel cratere. Nel 1996, sono apparsi i primi crepacci – a dimostrazione che la massa congelata era in movimento e che aveva tutte le caratteristiche di un ghiacciaio.

“Entro il 2005, le braccia del ghiacciaio si muovevano fino a 8 piedi (2.43 metri) al giorno.”

Oggi, la massa combinata sta ancora strisciando giù a valle, aggiunge Doughton.

Il ghiaccio in alcuni punti raggiunge i 650 piedi (198 metri) di spessore – una profondità sufficiente ad ingoiare lo Space Needle
(Lo Space Needle è una torre situata a Seattle negli Stati Uniti ed è il principale simbolo della città – altezza 184 mt – n.d.t.),
è quanto afferma Dave Sherrod, geologo dello USGS (us geological survey).

Il suo avanzamento è rallentato notevolmente l’anno scorso – a circa 2,5 pollici (6.35 cm) al giorno, ha affermato Schilling. E una volta che la punta si sarà estesa al di fuori del cratere riparato, l’accumulo di neve e ghiaccio probabilmente non sarà sufficiente a farlo estendere ancora più a valle della montagna.

Tutto questo conferma ciò che vado dicendo da anni

Se siete dei frequentatori di questo web site (www.iceagenow.info), sapete bene che tutto questo non fa altro che confermare quello che vado dicendo da anni.

Undici anni fa, nel 2004, il Ghiacciaio del Cratere già conteneva un quantitativo di ghiaccio maggiore rispetto a quello che era presente nel periodo antecedente l’eruzione del 1980, e stava crescendo in profondità alla velocità di 15 piedi (5 metri) all’anno.

Sta anche avanzando alla velocità di 3 piedi (1 metro) al giorno.

Più del 90% dei ghiacciai del mondo sono in fase di espansione

Non solo il Ghiacciaio del Cratere, ma sono oltre il 90% dei ghiacciai di tutto il mondo che si stanno espandendo.

In diretta contraddizione con la affermazione pretenziosa dell’ IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) del 2007 secondo cui il ghiaccio della regione himalayana potrebbe scomparire entro il 2035, i ghiacciai sull’Himalaya sono in realtà in crescita.

Stiamo parlando della più grande catena di cime ricoperte di ghiaccio nel mondo – dall’Himalaya al Tian Shan, al confine tra la Cina e il Kirghizistan – e le misurazioni satellitari mostrano che la catena dell’Himalaya NON ha perso ghiaccio negli ultimi dieci anni.

In un atto di sfida politicamente incorretta, i circa 230 ghiacciai dell’Himalaya occidentale – tra cui il Monte Everest, il K2 e il
Nanga Parbat – non solo non hanno perso ghiaccio, ma sono in realtà in crescita.

E il fatto scomodo è che tutti e sette i ghiacciai che si trovano sul Monte Shasta in California stanno espandendosi. Questo include il Ghiacciaio Whitney, il più grande dello stato californiano.

La quinta più grande massa ghiacciata dell’emisfero occidentale si sta espandendo

Nel frattempo, il Juneau Icefield, che copre 1.505 miglia quadrate (3.900 kmq) ed è la quinta più grande massa ghiacciata dell’emisfero occidentale, sta crescendo.

Secondo Michael Zemp presso l’Università di Zurigo – uno degli scienziati che ad Al Gore piace di più citare – “Alcuni valori positivi sono stati riportati dalle montagne della Nord Cascade e dal Juneau Icefield” (“valori positivi” significa “in
crescita / espansione”.)

Pensaci! La quinta più grande massa ghiacciata in tutto l’emisfero occidentale si sta espandendo, e nessuno si preoccupa di segnalarlo.

L’elenco potrebbe continuare all’infinito

I ghiacciai sono in crescita in Tibet

Gli scienziati annunciano la “notevole” crescita del ghiacciaio sul plateau tibetano che “è di difficile interpretazione.”

I ghiacciai sono in crescita in Italia
I ghiacciai stanno crescendo in Svezia.
I ghiacciai stanno crescendo in Cile

Il ghiacciaio Pio XI, il più grande ghiacciaio della massa ghiacciata della Patagonia, è da molti anni in stato di continuo avanzamento.

Ma ecco qui la “chicca” – l’elefante nella stanza – la calotta antartica è in espansione.

L’Antartide contiene il 90% del ghiaccio del pianeta. Se la calotta antartica è in crescita, non vorrebbe dire che oltre il 90% dei ghiacciai del pianeta sono in crescita, così come vado dicendo da tutto questo tempo?

Link all’articolo del Seattle Times:
http://www.seattletimes.com/seattle-news/environment/nws-restless-volcano-also-holds-the-worlds-newest-glacier/

Grazie a Don Fvilleneuve, Kingbum e Wanda per questo link