I SEGNALI DEL RAFFREDDAMENTO GLOBALE SONO SEMPRE PIU’ EVIDENTI

IL PERIODO CALDO MODERNO POTREBBE AVER RAGGIUNTO IL CAPOLINEA

Segnali importanti arrivano da tutto il globo.

I ghiacci marini antartici hanno raggiunto livelli di estensione mai visti nella storia moderna:a fine settembre la superficie della banchisa antartica ha sfiorato i 17 milioni di kmq.

La corrente nord atlantica da alcuni anni si sta indebolendo progressivamente e fatica a raggiungere il nord Europa.Non solo : anche la corrente pacifica sembra essere in grossa difficolta’,basti vedere le fortissime anomalie negative che superano i 6c in alcune aree dell’oceano

E’ chiaro orma che temperature degli oceani del nord emisfero si stanno raffreddando a ritmi vertiginosi.

Ecco l’Ultima carta delle SST Unisys.

 

sst_anom

Sulle carte Unisys sono nate un mare di polemiche in questi giorni:questo perche’ se si confrontano con quelle del NOAA o affini come quelle canadesi,le differenze sono enormi.

Siccome la nostra fiducia sull’ente americano e’ pari a zero,abbiamo deciso di non postarla nemmeno.

Dobbiamo capire pero’ se Unisys e’ affidabile e per questo abbiamo preso come riferimento alcune zone e abbiamo verificato se le temperature marine relative a quelle aree corrispondono con le analisi delle SST.

                                                                                             CAPO NORD

In base all’ultima carta emisferiale (non Unisys ci teniamo a precisarlo)la temperatura marina delle acque che bagnano il punto piu’ settentrionale del nostro continente varia dai 6c ai 7c;cio’ lo ricaviamo osservando attentamente la scala dei colori.Si tratta di una temperatura molto bassa per il periodo: basti pensare che anche in pieno inverno non si scende mai al di sotto dei 5/6c.Pertanto l’anomalia negativa evidenziata da Unisys e’ corretta.

Non solo.Sull’altra sponda dell’oceano giunge la notizia che la temperatura dei grandi laghi e’ di 6c in meno rispetto alla media del periodo.

 

arcticsstnowcast

cryo_latest

La copertura nevosa del nostro emisfero e’ altissima per il periodo e se pensiamo che siamo appena a meta’ ottobre,non oso immaginare che livelli potra’ raggiungere tra qualche mese e cioe’ quando saremo in pieno inverno.

Mi giunge la notizia che ieri e’ nevicato anche a Mosca,quindi la carta postata qui sopra e’ gia’ vecchia e la snow covered e’ aumentata di alcuni milioni di kmq.

Giusto per farsi un’idea facciamo un piccolo paragone con l’anno 2007.

cryo_compare_small

La differenza e’ enorme!!!!

Eppure sempre secondo il NOAA fa sempre piu’ caldo ogni anno.

A questo punto mi chiedo : ma se gli oceani si raffreddano,i ghiacci aumentano e aumenta pure la copertura nevosa,da dove lo tira fuori tutto questo calore il NOAA?…

A proposito il tanto reclamizzato NINO strong stile 1997/8 e’ gia’ abortito ancora prima di nascere (noi ve lo avevamo detto!!!!.)

Il clima sta cambiando,su questo sono tutti daccordo.Il problema e’ che non si va verso un periodo piu’ caldo,al contrario la terra si sta raffreddando e come tutti sappiamo i cambiamenti spesso avvengono in modo repentino e per un mondo cosi ‘comod0’ e ‘adagiato’ come il nostro potrebbe trattarsi di una sorpresa molto amara.

Prepariamoci.

Giorgio

ATTIVITA SOLARE

 

 

 

  • kiro

    Ciao Giorgio io sono uno che ama l inverno

     
  • kiro

    Ciao Giorgio io sono un amante dell inverno

     
  • kiro

    Ciao Giorgio ho letteo vari articoli alcuni parlano di un gelo epocale per questo inverno alcuni invece l arrivo di una era glaciale e alcuni per questo mese di cono l arrivo del gelo per la seconda o terza decade di novembre a natale annunciano il freddo tu cosa pensi di tutto questo dato che io sino un amante dell inverno

     
  • matteo

    Ennesimo articolo redatto su una mappa palesemente errata.

    Ignorando tra l’altro i dati che danno il 2014 finora tra i possibili anni più caldi di sempre, forse almeno pari al 1998. E vabbè, ma ce la mappa delle ssta sballata a dimostrare che non è vero 😀

     
  • gion

    penso che nella storia del pianeta, i cambiamenti climatici e geografici siano stati cosi importanti e spesso quasi “apocalittici” ma del tutto natuirali , che noi nella nostra breve storia di esseri umani ci perdiamo non appena un inverno e’ piu’ tiepido o un estate piu’ fresca e piovosa. Sicuramente l’ uomo non sta facendo nulla di buono per aiutare la stabilita’ del clima, adesso anche con sostanze sparse in quota con aerei ( scie chimiche); ma in qualsiasi caso credo che dovremmo vedere certi cambiamenti anche un po’ “naturali” nella vita del nostro pianeta, che non ha ancora finito la sua evoluzione da quando si e’ formato. Fa parte un po’ tutto dei cicli naturali, credo.

     
  • In arrivo forti nevicate

     
  • Da anni ormai avvertono del raffreddamento imminente. Mentre fa sempre più caldo … ottobre ormai assomiglia sempre più ad agosto, ma a chi la vogliono raccontare?

     
    • Luca

      Infatti… basterebbe elencare i record termici che si verificano in un anno nel globo: mediamente per ogni record di freddo ce ne sono 3 di caldo (vedi, ad esempio, gli ultimi impressionanti in Sud America, tanto per citare i più recenti…)

       
  • pietro lo grasso

    Cosa ne pensate dei ghiacciai italiani? Stanno continuando a declinare oppure c’è già un’inversione di tendenza?

     
    • Luciano Alunni

      IO frequento il ghiacciaio dell’orlter e della marmolada…..e un piccolo campione, ma sono in forte recupero

       
  • Raimondo

    Ciao Giorgio,

    Abbiamo degli indici affidabili sull’innevamento e le temperature oceaniche dal 1950 ad oggi?

    Grazie.

     
  • Si, le premesse x un ottimo inverno ci sono tutte, anche lAtlantico poi, a palla da un anno, si doveva fermare. Credo che presto passeremo dal caldo al freddo in pochi giorni, speriamo che i mari troppo caldi nn procurino altri disastri!

     
    • I disastri stanno aumentando paurosamente.Penso che si proseguira’ su questa strada ancora per anni fino a quando non si raggiungera’ un nuovo ‘equilibrio’.Ma ci vorranno anni.

       
  • .. quindi CDG che si abbassa di latitudine sospingendo a nord le poche formazioni cicloniche tropicali che l Atlantico riesce ancora a partorire .. questi imponenti vortici oceanici slittano via veloci sopra il freddo e gelido cuscino del canale Nordatlantico, dalla penisola del Labrador alle Isole britanniche, impiegando appena 36/48 ore ad impattare sull europa da nord , prolungando poi l intrusione fredda lungo il canale balcanico/adriatico fino alle Puglie, come verificatosi a ferragosto con l’ uragano Bertha … sfondera’ anche Gonzalo come Bertha ? 😉

     
    • Si.Le adriatiche sono le piu a rischio stavolta.Ma non e’ detto:l’italia e’ molto sottile…..basta poco per cambiare tutto.

       
    • dalle tue parti davide ci sarà un bell’impatto, mentre dalle mie prevedo fhoen!

       
    • Una bella scaldatina a NW

       
    • esatto SA, solo quando smetterà il fohen avremo una brusca discesa anche sulla padana, in un contesto molto asciutto.

       
    • Mi chiamo Giorgio. 😉

       
    • ultimo run ecmwf lascia intravedere per fine mese un innalzamento dell’azzorriano verso l’hp aleutinico e di conseguenza la massa gelida siberiana si metterebbe in viaggio verso l’europa centromeridionale, vediamo che potrebbero essere dolori!

       
    • Che abbia successo o no si puo’ gia intuire come si muoveranno le bariche nelle prossime settimane/mesi sempre che le SST non cambino.Ma non credo….

       
  • La mancanza dell’Atlantico in tutto questo è anche un segnale evidente di tali anomalie… Le acque più fredde dell’Atlantico attraggono le depressioni, di conseguenza noi abbiamo la risposta sub tropicale… Chi pensa che sia un segno che il caldo stia vincendo la partita non ha capito proprio nulla! Questo è propriamente il “Canto del Cigno” della stagione calda, sarà molto difficile vedere una perturbazione atlantica varcare le soglie del mediterraneo… In un regime di QBO negativa e con quelle anomalie, passeremo dall’africa all’artico e viceversa, fin quando entreranno in gioco altre forzanti in Inverno…

     
  • Ottimo innevamento emisfero nord, Siberia nel gelo e freddo che avanza sulla Russia europea: naturalmente x parlare di un reset della temperatura dei mari bisognera’ verificare la continuita’ di questo trend x almeno 10 anni. La cosa che mi preoccupa invece e’ come il Mediterraneo continui a nn riuscire a dissipare il calore estivo durante l’autunno. Questa stagione da troppi anni e’ diventata un appendice dell’estate.

     
    • Colpa degli scambi meridiani generati dalle fosse atlantiche

       
    • finchè l’ITCZ resta così alto come negli ultimi anni, è difficile che il mediterraneo la smetta di essere un calderone. Ma dovrà cambiare anche questo indice di fronte ad un raffeddamento globale. Attendiamo con pazienza.

       
    • L’ITCZ e’ alto anche per colpa di una scarsa circolazione.E’ tutto un sistema di pesi e contrappesi tipico di un clima cosi complesso ed equilibrato come quello del nostro pianeta.

       
  • angelica pozzerle

    Feeddo

     
  • “Autunno. Già lo sentimmo venire
    nel vento d’agosto,
    nelle pioggie di settembre
    torrenziali e piangenti
    e un brivido percorse la terra
    che ora, nuda e triste,
    accoglie un sole smarrito.
    Ora che passa e declina,
    in quest’autunno che incede
    con lentezza indicibile,
    il miglior tempo della nostra vita
    e lungamente ci dice addio”

     
  • romano

    ciao mi sembra quasi impossibile un cambio cosi radicale come dite voi sarebbe troppo bello per me che amo il freddo e la neve,speriamo bene, io la pala da neve c’e l ho gia pronta e la legnaia è piena al massimo .

     
  • E se la Russia taglia il gas………………………..saranno dolori!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

     
  • spettacolareee!! 😀

     
  • Cmq l innevamento della Siberia é stra positivo.. Per gli adriatici specialmente

     
  • Basta che nn sia cm lo scorso inverno..davvero deprimente 🙂

     
  • Basta che nn sia cm lo scorso inverno..davvero deprimente 🙂

     
    • Sara’ completamente diverso

       
    • Menomale

       
    • si, le premesse son completamemnte diverse, l’inverno scorso fu dominato dall’atlantico mentre nelle previsioni si vede un persisente blocco atlantico con le prime retrograde da est.

       
    • Io spero invece che sia uguale…ho rispamiato un sacco di riscaldamento e un sacco di soldi……e sono cassa integrato quindi spero in un Natale a mezze maniche…yeyeyeyeye!!!!!! 3:)

       
    • @Valentino.Siamo passati ad un assetto barico esattamente opposto a quello dello scorso inverno. Da un tipo di circolazione da ovest tipicamente zonale si e’ passati ad un altro di tipo meridiano con sbalzi termici enormi : lo dimostra il caldo di queste ore che sara’ seguito dal fresco o freddo dei prossimi giorni

       
    • esatto (Giorgio?) un assetto che potrà portarci in futuro le bordate siberiane. Attendiamo la Scand+ o meglio ancora la ++!

       
    • @Sergio.Non lasciarti ingannare dal caldo di questi giorni: presto si cambiera’ musica.Poi tornera’ di nuovo clima mite e poi di nuovo ancora freddo.Piu’ meno sara’ questo l’andazzo per il prossimo inverno.Mi fermo qui….certo sara’ tutt’altro rispetto allo scorso inverno.

       
    • Gennaio 85 fu preceduto da un dicembre mite 😉

       
    • Ci sono similitudini con l’inverno 84/85 ma anche differenze.L’85 fu un evento piu unico che raro.I prossimi inverni non saranno caratterizzati da eventi fortuiti, ma da condizioni di base piu favorevoli che trasformeranno eventi gelidi in qualcosa di piu sistematico

       
  • Un pensiero per il proseguo dell autunno e dell inverno? Cm sara’ per voi di attivita’ solare?

     
    • Usciremo con un articolo a fine mese/inizio novembre con le previsioni per l’inverno.Ti posso gia anticipare che sara pieno di sorprese.Comunque il caldo ha i giorni contati.Dopo il passaggio di gonzalo ci sara’ la svolta.Di autunno pare non se ne veda nemmeno l’ombra.Le prossime settimane saranno caratterizzate da bruschi passaggi dal caldo al freddo e viceversa.

       
  • Un pensiero per il proseguo dell autunno e dell inverno? Cm sara’ per voi di attivita’ solare?

     
  • Le annate che hanno avuto un grande inverno corrispondono solitamente nella fase di minimo… Poi le anomalie negative in atlantico richiamo l africano sulle nostre lande

     
  • Le annate che hanno avuto un grande inverno corrispondono solitamente nella fase di minimo… Poi le anomalie negative in atlantico richiamo l africano sulle nostre lande

     
  • Hai ragione…ma questo ottobre cosi caldo nn lo sopporto piu!! Menomale da mercoledi raffresca 😉

     
  • Hai ragione…ma questo ottobre cosi caldo nn lo sopporto piu!! Menomale da mercoledi raffresca 😉

     
  • per le nostre lande sarà determinante l’attività solare per avere un freddo inverno.

     
  • per le nostre lande sarà determinante l’attività solare per avere un freddo inverno.

     
  • Speriamo….

     
    • Per come la vedo io, non c’e da rallegrarsi molto: questo perche’ manca il tempo per adattarsi.Il cambio potrebbe essere troppo veloce

       
    • Per come la vedo io, non c’e da rallegrarsi molto: questo perche’ manca il tempo per adattarsi.Il cambio potrebbe essere troppo veloce