GRANDI LAGHI – UNA COSI’ PRECOCE FORMAZIONE DI GHIACCIO NON ACCADEVA DA OLTRE 40 ANNI!

Il ghiaccio sui Grandi Laghi del Michigan ha già iniziato a formarsi. Questa è la formazione più precoce di ghiaccio su alcuni dei Grandi Laghi da almeno 40 anni.

Secondo il Great Lakes Environmental Research Laboratory , in data 20 novembre 2014, tre dei Grandi Laghi del Michigan avevano già formato del ghiaccio. Il Lago Superiore e il Lago Michigan hanno avuto una copertura dello 0,5% di ghiaccio, mentre il Lago Huron aveva alla stessa data una presenza di ghiaccio dell’1%. Soltanto il Lago Erie non riportava alcuna presenza di ghiaccio alla data del 20 novembre 2014.

16420438-mmmain

Questa foto satellitare di Venerdì 21 Novembre 2014 mostra la presenza ghiaccio formatosi sulla Saginaw Bay. (MODIS- Università del Wisconsin)

I dati raccolti negli archivi sulla copertura stagionale di ghiaccio risalgono al 1973. Venerdì 24 novembre è stata la prima data in cui tutti e tre i Grandi Laghi avevano presenza di ghiaccio da quando le segnalazioni sono iniziate.

Il Lago Superiore in realtà ha iniziato la formazione di ghiaccio già il 15 novembre 2014. Questa è la prima volta che si è presentata una così precode formazione di ghiaccio nel Lago Superiore da quando si effettuano le rilevazioni dei dati.

Il Lagho Superiore, il Lago Michigan e il Lago Huron quest’anno hanno avuto presenza di ghiaccio ben 10 giorni prima rispetto allo scorso anno.

Il lago Superiore nel 2014 non ha avuto presenza di ghiaccio soltanto per cinque mesi e mezzo.

Enzo
Attività Solare

 

 

  • Giorgio

    premessa: non sono un meteorologo, e chiedo anticipatamente scusa se sono entrato in un forum senza averne i requisiti tecnici, per cui non mi azzardo nella maniera più assoluta ad entrare in discussioni tecniche: ho troppo rispetto delle persone per invadere settori che non conosco; sono comunque un ingegnere meccanico, in quanto tale abituato al ragionamento deduttivo/induttivo, e dotato di discreta memoria: posso solo notare che, seguendo il parere di molti tecnici ed esperti del settore, il mondo si è allarmato (ed è tuttora in allarme…) per preannunciati sconvolgimenti climatici tipo “poli senza ghiaccio, città costiere sommerse”, al momento privi di conferme (e, comunque, in netto ritardo sulle previsioni, ammesso che avvengano)… senza comunque considerare che, alcuni secoli orsono, in Gran Bretagna si coltivavano fior di vitigni, senza alcun contributo di attività antropiche… pertanto:

    1. la scuola di pensiero “GW”, visto che considera il riscaldamento medioevale una “normale fluttuazione”, potrebbe per lo meno accettare il fatto che anche l’attuale riscaldamento ( se confermato, visto che non sembra esserci accordo neanche su questo aspetto, che dovrebbe essere, in teoria, strettamente univoco, dipendendo solo da una serie di misurazioni accurate…) possa essere considerata una “normale fluttuazione”, magari proprio in evoluzione verso il raffreddamento, a prescindere dalle attività umane…

    2. perdonate, ma gli interessi economici dei teorici (a livello politico) del “GW” non depongono certo a favore dell’imparzialità di giudizio… troppe volte in passato gli interessi politici/economici hanno cercato di piegare ai propri interessi teorie scientifiche non “deterministiche” (lampanti le distorsioni delle teorie economiche e sociali per fini personali…)

    3. sempre negli anni di “trionfo” delle teorie del GW, siamo stati rimbambiti dalla famosa corrente del Golfo, chi ci dava calore, ecc.ecc. – ora che la corrente del Golfo è candidata ad una puntata di “Chi l’ha visto”, che facciamo, ammettiamo finalmente che possa arrivare un pò di gelo o diciamo che le storie della CdG erano solo idiozie???

    4. lo so, non c’entra niente, ma in un mondo dove tutti “adorano” il caldo la luce ed il sole (non reggo quelle ragazzine che per presentarsi dicono “sono solare”…) perdonatemi ma prediligo il freddo, le giornate buie, le nuvole ed cieli tempestosi, e le personalità “fredde” all’apparenza (ma vulcaniche “dentro”) e, perchè no, i nebbioni della Val Padana degli anni 70… lasciatemi un pò di speranza, no???

     
    • Buongiorno Giorgio, intanto benvenuto su Attività Solare! Qui diamo spazio a tutti di interagire su ciò che si pensa nella totale libertà di pensiero, senza per questo essere degli esperti di settore! Se hai seguito un po’ gli articoli che vengono pubblicati su questa pagina, ti sarai accorto che nessuno dei componenti di questa pagina crede al Global Warming Antropico, ma piuttosto ad una più naturale fluttuazione del clima, dettata in primis dall’attività solare e dalle sue influenze che ha sul clima, sulla meteorologia e sul vulcanismo.

      Da qui siamo partiti, e i fatti lentamente iniziano a darci ragione. Infatti ad una diminuzione dell’attività solare, che è iniziata circa nel 2005 e che lentamente sarà sempre più in calando nei prossimi anni, abbiamo visto come le temperature si siano stabilizzate ormai dal 2000 o poco prima, ma che secondo alcuni studi scientifici, le temperature inizieranno un calo più cospicuo nei prossimi anni, con il clou di questa diminuzione che si raggiungerà più o meno nel 2040, proprio per l’arrivo di un prossimo minimo solare prolungato che arriverà molto probabilmente passato questo massimo solare!

      Detto questo, stiamo anche osservando come la calotta polare dell’Antartico, con i suoi ghiacci marini stiano continuando ad espandersi stabilendo proprio nel 2014 il record di tutti i tempi di espansione da quando si rilevano le misurazioni da satellite, cioè dal lontano 1979, mentre i ghiacci Artici negli ultimi 2 anni, dopo le gravi perdite degli anni precedenti, hanno avuto un recupero davvero sorprendente! Negli ultimi anni stiamo anche osservando sempre più nevicate precoci, come ad esempio in questo mese di novembre negli Stati Uniti o nell’Europa dell’est, con uno snow cover davvero da record che ricorda tanto gli anni 70′. Negli ultimi decenni se ne erano perse le tracce. Non ultimo il getto polare sempre più verso sud e che addirittura arriva fin nell’entroterra africano, addirittura fin sul deserto del Sahara.

      Anche le eruzioni vulcaniche che monitoriamo da molto vicino sono in aumento rispetto agli anni scorsi, dettati anche questi da un’attività solare bassa rispetto agli ultimi almeno 100 anni. Saprai bene che, ad un aumento dei gas emessi da questi vulcani, di risposta abbiamo un calo delle temperature nel giro di poco tempo!

      Quindi, noi vi diciamo sempre che prima di credere a ciò che ci viene fatto ingurgitare, dettato più che altro da interessi economici spaventosi, informatevi e ragionate con il vostro cervello, senza dare per scontato nulla. Alla fine se non altro, “se” avremo sbagliato, lo avremo fatto comunque ragionandoci e su basi scientifiche! 😉

       
      • Raimondo

        Ottimo commento.

         
  • Marco

    Ma caro Giorgio mi sembra che anche te stai pubblicando ciò che vi torna bene ma della forte anomalia positiva in europa e sopratutto in Italia che le temperature sono sempre più miti non dici niente

     
    • Caro Marco, visto che l’hai citata, credo saprai bene del perchè di questa anomalia calda in Europa vero? 😉

       
  • Giorgio

    Tranquilli, accade solitamente quando fa un sacco di caldo e le temperature medie aumentano, è un fenomeno tipico…