LA GRAN BRETAGNA ANNUNCIA MISURE URGENTI PER IMPEDIRE BLACK-OUT QUESTO INVERNO!

Dal GWPF: L’inverno freddo potrebbe causare la mancanza di energia elettrica in Gran Bretagna.

Misure di emergenza sono state adottate per evitare black-out nel prossimo inverno. Queste le dichiarazioni che arrivano dal National Grid, dopo che la capacità di alimentazione delle riserve della Gran Bretagna sono scese ad appena il 4%.
-Emily Gosden, The Daily Telegraph, 27 ottobre 2014

La crisi della capacità di fornitura di energia elettrica è stata prevista per circa i prossimi sette anni. Ognuno sembra aver capito il prossimo futuro tranne i responsabili.
-Andrew Orlowski, The Register, 10 giugno 2014

Il National Grid ha avvertito che si è avuto un aumento significativo del rischio di carenza e cali di tensione dell’energia elettrica, dal prossimo inverno, dopo che gli incendi e i guasti che si sono susseguiti, eliminando così una grande capacità produttiva sulla richiesta di copertura delle centrali elettriche della Gran Bretagna. Il gestore della rete ha ammesso che nel caso la Gran Bretagna sperimentasse un inverno freddo, le richieste di fornitura di energia elettrica non sarebbero in grado di soddisfare la domanda nel corso di almeno due settimane del mese di gennaio.
-Tim Webb, The Times, 27 ottobre 2014

Il governo del Regno Unito definirà le misure in stile seconda guerra mondiale per assicurare il mantenimento del servizio ed evitare interruzioni di corrente come “ultima risorsa”. Il prezzo da pagare per i britannici sarà alto. Le fabbriche saranno invitate “volontariamente” a spegnere gli impianti produttivi per risparmiare energia nelle ore di punta a scapito delle abitazioni, mentre altri saranno pagati per fornire la propria potenza di backup avendo uno o due generatori di riserva.
-Andrew Orlowski, The Register, 10 giugno 2014

modis_uk_snow

http://wattsupwiththat.com/2014/10/28/britain-announces-emergency-measures-to-prevent-winter-blackouts/

 

Eh si, le temperature più alte mai riscontrate che si registrano in questi mesi, danno come risultato inverni sempre più gelidi…. con possibili crisi energetiche, che tra l’altro dobbiamo pagare sempre noi! A furia di ripetere che fa più freddo perchè fa più caldo me ne sto convincendo pure io…. 😀

ENZO

ATTIVITA’ SOLARE

 

  • …..quella del maltempo è, relativamente al “cambio epocale”, una parte non trascurabile, in termini di ALLARME….ma questi allarmi sono un po’ ovunque, contagi, guerra atomica, topi d’appartamento, scie chimiche….la lista è lunga…..i miei rispetti vanno a chi si occupa altruisticamente della divulgazione di tali possibili sventure……è certo che vi sono cambiamenti in atto e nessuno, sono sicuro, augurebbe ad un suo simile di trovarsi impreparato di fronte ad essi….PERO’ chi ha deciso di pugnare contro la NON informazione e ha assunto il ruolo di baluardo della verità per il non scritto e il non detto, metta anche in conto che non sta redigendo il vangelo e le informazioni, peraltro utilissime, non sono un dogma al quale TUTTI si devono inchinare ed è lecita qualsiasi forma di obiezione, credo, nel llimite ovvio dell’educazione e del rispetto. Quello che sara’ sara’…..saremo senza luce quest’inverno, al freddo polare con jengiskhan che ci ruba le donne….ebbene ci ricorderemo delle sue pubblicazioni….se non sara’….mi scusi signor Bernardo….ma non puo’ impedire che qualcuno le rida in faccia…..chi è iscritto a questa pagina posso pensare sia piu’ o meno interessato ad un certo tipo di argomentazioni, sarebbe bello essere incoraggiati ogni tanto ed avere dei suggerimenti in merito a possibili scenari….grazie per l’attenzione

     
  • Morissero assiderati tutti .. 😉

     
  • Allora non e’ una bufala ???

     
  • L italia è un tassello irrilevante nello scacchiere globale del nord emisfero.. e comunque siamo e veniamo tutt ora pesantemente alluvionati in tutte le stagioni .. che durasse il più possibile questo caldo residuo perché lo rimpiangemo molto presto quando prima o poi saremo anche noi coinvolti da dislocazioni anomale del VP come quella che la scorsa stagione invernale ha interessato il Nordamerica, giappone e parte della Cina .. attenzione x ché quest anno il VP sembra essersi invece posizionato principalmente sul comparto asiatico /siberiano ..

     
    • Beh Orazio Il Boss Csi, se tu avessi vissuto lo scorso inverno al di fuori della piccola Italia o Europa occidentale, probabilmente oggi diresti cose completamente diverse. Se avessi guardato fuori dal tuo piccolo giardino non avresti fatto certamente certe affermazioni che non hanno ne capo ne coda… la cruda realtà, è che se l’energia elettrica dovesse venire a mancare anche solo per pochi giorni ti assicuro che non ci vorrebbe tanto freddo in più di quello avuto lo scorso anno per vedere una società al completo in netta difficoltà. Spero almeno tu sia d’accordo con me su questo aspetto! Enzo

       
    • Dici bene Davide Gabbianelli. La gente non ha la minima idea di cosa possa significare vivere sotto la neve o anche solo al freddo. Fino ad oggi le invernate tremende, in epoca recente, si possono contare sulle dita di una mano. Ed ogni volta che nevica un po di più la gente se ne esce con le solite frasi fatte “non siamo attrezzati”. Ecco. Questo è il punto.
      Qui da me nel 2012 ci sono state zone a distanza di qualche km in linea d’aria con uno spessore della neve che passava dai 60 cm della mia zona ai quasi 2 metri di alcune zone esposte a nord dove, per portare aiuti, sono intervenuti i volontari con gli sci o le ciaspole.
      E ci sono state parecchie zone dove l’energia elettrica è mancata stabilmente per giorni. Poi finalmente è intervenuto l’Enel collegando dei generatori diesel di emergenza.

      Non c’è affatto da scherzarci. Un inverno come quello degli USA 2013 in Europa farebbe migliaia di morti e problemi a non finire!

      Ma tanto… è solo questione di tempo!

      Bernardo

       
      • matteo

        Questione di tempo per avere migliaia di morti? Sei sicuro?

         
    • caldo residuo??? dove che vengo là!!!

       
  • come lo scorso inverno hahahahahaha

     
    • Sulle alpi c’è stato innevamente record. Non so se ti è giunta notizia!
      BM

       
    • Anonimo

      certo che mi è giunta notizia a che quote ?dai 1500 in su era tutta neve marcia ,sempre temperature sopra la media ,senza atlantico le alpi non vanno da nessuna parte .le correnti atlantiche portano neve in alto non in basso come nelle normali stagioni invernali ..metrate di neve marcia ,basta vedere tutte le valanghe ,tetti crollati dalla neve pesante che non faceva in tempo a ghiacciarsi per la temperatura sopra la media

       
    • E cosa vuol dire una stagione… perchè allora non parliamo di altre zone dove lo scorso anno hanno visto metrate di neve e gelo, con record su record di basse temperature? Il tuo discorso è fine a se stesso! Allora se quest’anno l’Europa o l’Italia dovessero avere un crudo inverno con decine di morti assiderati cosa dirai? Una stagione non fa assolutamente tendenza, ma si guarda un po’ più al di fuori del proprio giardino. Enzo

       
    • Anonimo

      io ci guardo fuori dei miei giardini non ti preoccupare .lo stesso articolo degli inglesi lo mettono ogni anno dicendo inverno gelido e baggianate simili ,quindi questi articoli servono per i click non per informazione visto che di scientifico non hanno nulla .poi a me che in maerica abbia fatto – 50 non mi frega assolutamente nulla ,anche perchè occhi attenti da dicembre scorso si vedeva che eravamo sfigati ,invece si è continuato a scrivere ere glaciali e minchiate varie ..

       
    • Il tuo discorso, perdonami se te lo dico francamente, è tipico di chi se ne frega altamente di tutto e tutti. Il freddo record e le nevicate abbondanti non sono mai un qualcosa di cui augurarsi, anche se scaramanticamente in molti lo fanno. Se consideri che non se lo augurano neanche gli scandinavi, che al freddo ci sono abituati, figurati cosa dovremmo fare noi.
      Resta il fatto che la tendenza per i prossimi inverni è quella al raffreddamento. In un modo o nell’altro. E quando arriverà l’inverno “epocale” e la gente sarà chiamata ad affrontarlo in TOTALE ASSENZA DI GAS METANO, allora qualcuno dovrà ricordarsi delle prese per il culo e delle battutine totalmente fuori luogo.
      Non so se te ne rendi conto, ne dubito, ma in una nazione come l’Italia bastano 3 settimane di blocco dei trasporti per arrivare al limite delle rivolte popolari. Con il freddo i problemi si amplificano.
      E ti basterà chiedere ai tuoi connazionali che nel 2012 hanno convissuto con la mancanza di energia elettrica, gas e acqua per settimane a causa dei guasti provocani dalla nevicata di febbraio.

      Pertanto…

      primo: un po di rispetto e contegno
      secondo: ricordati che c’è gente che dipende dall’energia elettrica non solo per cazzeggiare su facebook, ma anche per VIVERE!

      Bernardo

       
    • Anonimo

      geli epocali?pieno di madrigalensi qua dentro .occhio alle forze mareali e scrivete meno stronzate

       
    • Ma te che ci stai a fare in questa pagina ,quando arriva te ne accorgi vai ridi ridi .

       
    • se avessi un orto o degli alberi da frutta non parleresti così! probabilmente compri frutta e verdura che provengono da chissà dove. ti è giunta notizia del fatto che quest’anno molti tipi di frutta e verdura estiva non sono riusciti a maturare? perché te lo sei chiesto? ti è giunta voce che quest’anno non ci sono olive e quelle poche sono malate? perché? la natura probabilmente sta cercando di adattarsi ai cambiamenti che sono sotto gli occhi di tutti, tu evidentemente, insieme a quelli come te, non fai parte della natura

       
    • p.s.: mio zio che abita ad appena 1000m ha tenuto la stufa accesa la sera quasi tutti i giorni quest’anno, e l’inverno scorso li ha sommersi di neve… probabilmente si è sognato tutto

       
      • matteo

        AHHHH ecco la prova dell’era glacial imminente, lo zio di srivvia che ha tenuto la stufa accesa! Chissenefrega poi di chi studia da decenni le anomalie termiche globali e che continua a rilevare temperature costantemente a livelli record, poveracci non sanno che tuo zio usa la stufa!

         
    • certo che è interessante notare che il clima possa esser influenzato mentalmente-inconsciamente dalla maggioranza umana ignara e condizionata dalle paure ufficiose mass-mediatiche comprese quelle paure generate attraverso questi titoli altisonanti di stampo preoccupante 🙂