GLI SCIENZIATI HANNO DOVUTO ABBANDONARE IL SITO DELL’ERUZIONE A CAUSA DI LIVELLI ELEVATI DI GAS PERICOLOSI

Gli scienziati del Met Office islandese, l’Istituto di Scienze della Terra e rappresentanti della Protezione Civile in Islanda hanno partecipato alle riunioni del comitato scientifico consultivo della Protezione Civile islandese. Inoltre, erano presenti rappresentanti dell’Agenzia per l’ambiente d’Islanda e il capo epidemiologo della Direzione di Sanità.

Le conclusioni del comitato consultivo della Protezione Civile islandese scientifico di questo pomeriggio:

L’attività eruttiva nel territorio dell’Holuhraun continua di uguale intensità.

I siti dell’eruzione sono gli stessi dei giorni scorsi. I flussi di lava ad Est rimangono simili a quelli di ieri. Anche se la lava è ora in contatto con il fiume Jökulsá á Fjöllum, non riduce le portate di lava in modo significativo. Nessuna attività esplosiva a causa dell’interazione tra lava e acqua del fiume è stato osservato fino a questo momento, ma il vapore si alza dalla lava. L’estensione della lava è ora di circa 19 km2.

Nessuna attività è stata rilevata sulla fessura meridionale, anche se piccole quantità di gas e vapore sono in aumento.

holuhraun-20140904-d-127751-1680

La qualità dell’aria nelle aree urbane nell’Est Islanda: Le concentrazioni misurate di SO2 a Reyðarfjörður, suggeriscono che le persone con problemi respiratori potrebbero essere colpiti da attacchi di asma, mentre le persone sane, al momento non dovrebbero avere alcun disagio significativo.

Gli sforzi per aumentare il monitoraggio dei gas in zone abitate sono in corso, dall’agenzia The Environment Agency dell’Islanda.

Se l’attività eruttiva continua a tassi simili, la qualità dell’aria nella parte orientale dell’Islanda, rimarrà stabile.

La qualità dell’aria nel sito dell’eruzione: Le emissioni di gas presso il sito dell’eruzione rimangono alte. Poiché le concentrazioni di gas locali possono mettere in pericolo di vita le persone, quindi sul luogo dell’eruzione devono indossare maschere antigas e protezioni per i vari gas tossici.

Gli scienziati hanno dovuto lasciare la zona, con le concentrazioni di gas che hanno raggiunto livelli pericolosi, a causa di improvvisi cambiamenti delle condizioni di vento.

Presso la zona dell’eruzione, anomalie locali del vento possono verificarsi a causa di convezione termica della lava calda. Questo rende le condizioni estremamente pericolose in quanto i venti possono cambiare improvvisamente e imprevedibilmente direzione.

La sismicità si è ridotta da ieri. Circa 80 terremoti sono stati registrati a partire dalla mezzanotte. Intorno 07:20 UTC, un terremoto di magnitudo 4,7 si è verificato sul bordo della caldera del Bárðarbunga. Piccoli ma continui tremori a bassa frequenza sono stati osservati negli ultimi giorni.

Osservazioni con il GPS mostrano movimenti insignificanti crostali che sostengono l’ipotesi che la quantità di magma che scorre nella diga continua ad essere simile al magma eruttato in superficie.

hola-20140904-d-127554-full-crop

Quattro gli scenari ancora probabili:

La migrazione del magma potrebbe fermarsi, con conseguente progressiva riduzione dell’attività sismica e di ulteriori eruzioni.

La diga potrebbe raggiungere la superficie terrestre in diverse località al di fuori del ghiacciaio. Non è possibile escludere il flusso di lava e/o attività esplosiva.

L’intrusione raggiunge di nuovo la superficie sotto il ghiacciaio e, eventualmente, porta ad una significativa eruzione. Questo molto probabilmente produrrà un’alluvione con annessa esplosione nel Jökulsá á Fjöllum, con probabile forte attività di cenere.

Una possibile eruzione del Bárðarbunga: L’eruzione potrebbe causare un’alluvione ed eventualmente un’esplosione, con forte attività di cenere. In caso di un’eruzione subglaciale, è più probabile che le inondazioni inciderebbero sul Jökulsá á Fjöllum. Tuttavia non è possibile escludere i seguenti percorsi di inondazione: Skjálfandafljót, Kaldakvísl, Skaftá e Grimsvotn. Non si possono escludere altri scenari.

Dall’ufficio islandese Met: Il Codice Aviation per il vulcano Bárðarbunga resta di colore ‘arancione’, mentre il codice per il vulcano Askja resta ‘giallo’.

ENZO
ATTIVITA’ SOLARE

 

  • Possono i gas tossici da Holuhraun eruzione essere mortale?

    Secondo Manuel Sintubin, professore di Geodinamica all’Università di Lovanio, i gas tossici da Holuhraun possono essere confrontati con l’eruzione Laki, che durò per otto mesi 1783-1784, e rilasciato grandi quantità di gas tossici sulphorus.

     
  • wow la natura la fa da padrona!!!