Sono già 240 i documenti pubblicati nel 2016 sul non “consenso” AGW: Pura fantasia!

Di P. Gosselin 3 luglio 2016

770 documenti dal 2014 mettono in discussione il “consenso” AGW

Di Kenneth Richard

Si è apparentemente considerato come scienza il “consenso” che più della metà dei cambiamenti climatici che si sono verificati a partire dalla metà del 20° secolo sono stati causati dagli esseri umani. Ad esempio, l’affermazione della IPCC sul “consenso” a partire dal 2013 in cui si legge:

È estremamente probabile che oltre la metà dell’aumento osservato dalla temperatura superficiale media globale 1951-2010 è stato causato dalla crescita di origine antropica nelle concentrazioni di gas a effetto serra insieme ad altre forzanti antropiche.

La denominazione “estremamente probabile” per questa posizione sembra suggerire che c’è poco disaccordo in questa affermazione nella comunità scientifica, o almeno questo è quello che stiamo o dovremmo credere.

 

Solo un ruolo relativamente minore e irrilevante

È interessante notare come, dal gennaio 2014, negli ultimi 2 anni e mezzo, 770 pubblicazioni scientifiche peer-reviewed sono state pubblicate che mettono in discussione quanto sia risolta la scienza del “consenso” dicendo che il fattore antropogenico o di CO2 forzano il clima dominando i cambiamenti climatici o che comunque fattori non antropici svolgono soltanto un ruolo relativamente minore e irrilevante.

Invece di sostenere la scienza sul “consenso”, questi 770 documenti supportano la posizione che ci sono significative limitazioni e delle incertezze apparenti nella modellazione del clima e le previsioni di future catastrofi climatiche. Inoltre, questi lavori scientifici suggeriscono fortemente che i fattori naturali (il sole, le multi-decennali oscillazioni oceaniche [AMO/PDO, ENSO] variazioni, nubi da aerosol, albedo, etc.) sia nel passato che nel presente, hanno esercitato una notevole influenza sul tempo e sul clima, il che significa che un segnale di origine antropica può essere molto più difficile da rilevare o distinguere come
“estremamente probabile” a causa della relativa variazione naturale. Documenti che mettono in discussione i punti di vista “common knowledge” come l’acidificazione degli oceani, lo scioglimento precoce dei ghiacciai, l’innalzamento del livello dei mari, gli eventi meteorologici estremi, ultimi meccanismi di forzanti climatici, il “pericolo” di alte concentrazioni di CO2, ecc, sono anche stati inclusi in questo volume di 770 documenti.

 

Nel 2014, sono stati pubblicati quasi 250 documenti che possono sostenere una posizione scettica-sul-consenso. li trovate qui.

Nel 2015, sono stati pubblicati oltre 280 documenti che possono sostenere una posizione scettica-sul-consenso, li trovate qui.

 

I documenti pubblicati sono già 240 nel 2016

Adesso il data base è stato aggiornato ai primi 6 mesi del 2016, una revisione della letteratura che ha già trovato un elenco di 240 lavori pubblicati su riviste scientifiche peer-reviewed che supportano una posizione scettica-sul-consenso, li trovate qui.

La lista per il 2016 include 43 documenti che sostengono un collegamento sole-clima, che possono essere aggiunti ai 188 documenti
che collegano il sole al clima modifiche pubblicate nel 2014 (93 carte) e 2015 (95 carte).

 

Evidenze voluminose

Questa prova voluminosa di una forte influenza non antropogenico sul clima sembrerebbe minare l’affermazione della IPCC che la posizione sul “consenso” (ad esempio, il cambiamento climatico è in gran parte causato dagli esseri umani) è stato integralmente accettato nella comunità scientifica.

Sarebbe troppo chiedere alla IPCC di considerare questa prova scientifica al momento del rilascio della prossima relazione?

 

I 240 documenti del 2016 li trovate qui.

 

Fonte: NoTricksZone

Enzo
Attività Solare