GHIACCIO GLOBALE MARINO: IL 300° GIORNO DELL’ANNO RISULTA CON LA PIU’ ALTA SUPERFICIE GHIACCIATA MAI REGISTRATA DAL 1999!

Il grafico poco sotto, rappresenta la massima estensione del ghiaccio globale marino al 300° giorno dell’anno corrente.

global_day_300_1914

Notiamo come la copertura totale del ghiaccio abbia superato nettamente gli anni a partire dal 1995, se escludiamo il 1999, quando venne rilevata una maggiore copertura dell’estensione.

Ora qualcuno, assertore del Global Warming, come tra l’altro già sentito, potrebbe disquisire sul fatto che, non è tanto l’estensione complessiva ciò che importa, ma al contrario il volume.
Mi chiedo se fosse stato il volume a livelli record e non il contrario, probabilmente si sarebbe detto l’opposto… ma procediamo…

E’ comunque veritiero affermare che il volume complessivo dei ghiacci pluriennali siano importanti, questo perchè per sciogliere il ghiaccio pluriennale ci vuole una quantità di calore molto più elevata di quella che normalmente agisce durante i cambi stagionali, ma è altrettanto importante, se non più importante la copertura superficiale, perchè maggiore è la presenza della superficie ghiacciata e più interviene l’effetto albedo, quell’effeto chiamato così perche riflette i raggi solari rispedendoli nuovamente verso lo spazio, evitandone così il riscaldamento della stessa.

E noi sappiamo che una volta formatosi del ghiaccio in inverno, la sua alta albedo contribuirebbe a tenerlo freddo anche d’estate, come accaduto nelle ultime due stagioni.

Ed ecco quello che sta accadendo… ed ecco il vero motivo del perchè il ghiaccio cresce, quindi, la presenza di maggior ghiaccio chiama altro ghiaccio e così via raffreddando sempre più supeficie!

E’ così che molto probabilmente sono iniziate le ere fredde!

Ma secondo alcuni studiosi di alto rango (almeno così si dice secondo qualcuno) la maggior presenza di superficie ghiacciata la dobbiamo alla presenza di più calore. 😀

Quindi, secondo sempre questi studiosi, detto in parole spicce… “fa più freddo perchè fa più caldo”… mmhhh, teoria tutta nuova e molto affascinante, ma che cozza con la fisica più elementare!

Ma abbiamo un altro dilemma da risolvere… non si capisce neppure dove sia finito tutto questo calore mancante… si perchè negli ultimi almeno 15 anni, le temperature non salgono più!
Ma attenzione… qui viene il bello… forse, almeno secondo uno studio, il calore sarebbe nelle profondità oceaniche!
Mmhh.. anche questa mi giunge nuova… non sapevo si potessero cambiare così le leggi della fisica. Quindi l’acqua calda va verso le profondità più fredde oceaniche e ci rimane finchè ne ha voglia, per poi saltare fuori al momento del bisogno… ah beh certo che stupido, allora questo vuol dire che anche l’aria calda va verso il basso mentre l’aria fredda va verso l’alto? 😀

http://sunshinehours.wordpress.com/2014/10/28/global-sea-ice-day-300-highest-since-1999/

 

ENZO

ATTIVITA’ SOLARE

 

  • Alberto Rotondi

    L’articolo, dal pnto di vista scientifico, è “biased” perché considera solo i punti attualmente più freddi della media. La mappa totale del settembre 2014 si trova qui
    http://www.ncdc.noaa.gov/sotc/service/global/map-percentile-mntp/201409.gif
    cioè nel sito messo nella mia discussione precedente. Si vede che i poli e il nord della Russia sono particolarmente freddi, mentre tutto il resto è più caldo. La Terra è un sistema terribilmente complicato! Le medie totali sono comunque sempre alte.

     
  • Alberto Rotondi

    Chi non ama le favole ma i dati può leggere qui
    http://www.ncdc.noaa.gov/sotc/global/2014/9
    Per quanto riguarda le acque, tra 0 e 700 metri circa c’è stato un accumulo di calore negli ultimi 50 anni, pari ad un innalzamento della temperatura di circa 6 centesimi di grado. Se questo calore fosse andato in aria, la temperatura si sarebbe alzata di 50 gradi. Le acque più profonde sembrano in vece stabili. Queste delle acque sono comunque misure difficilissime e che richiedono molto tempo e molto impegno scientifico. Comunque, il livello delle acque continua a salire e sta aumentando la velocità di incremento (derivata= che ora è di 3 mm/anno, per fortuna ancora molti piccola. Metà di questo innalzamento è dovuta alla dilatazione termica degli strati più superficiali.
    http://www.nature.com/nclimate/journal/v3/n7/full/nclimate1863.html

     
  • E tra l’altro hanno anche da poco dimostrato che nelle profondità non hanno trovato un bel niente di calore in surplus.. 😉

     
  • Michele Campani

    qualcuno sicuramente risponderà che il grano era lì a causa delle temperature dovute dal GW….

    http://freddofili.it/28/10/2014/la-neve-arriva-con-un-mese-di-anticipo-in-russia-e-kazakistan/

     
  • matteo

    anziche’ sfottere gli scienziati che su queste cose ci lavorano e non prendono una carta in rete tirando conclusioni, direi che prima bisogna portare rispetto, poi informarsi meglio su cio’ che viene detto, magari leggendo i lavori di chi su queste cose ci lavora davvero e ci fa ricerca scientifica seria e poi parlarne con cognizione di causa. 3 review (ma ne avrei altre dieci) con citazioni di almeno una ventina di articoli scientifici per chiarire le idee su cio’ che viene detto.

    http://www.skepticalscience.com/antarctica-gaining-ice.htm
    http://skepticalscience.net/pdf/rebuttal/increasing-Antarctic-Southern-sea-ice-intermediate.pdf
    http://skepticalscience.net/pdf/rebuttal/arctic-antarctic-sea-ice-basic.pdf

     
    • Ma io non ho mai sfottuto gli scienziati, quelli che con il duro lavoro fanno si che la civiltà sia arrivata dov’è arrivata, ma in caso sono leggermente sarcastico con quei personaggi che si fanno gioco della vera scienza! Quella con la S maiuscola!! E questo è un atteggiamento molto grave!! Con quelli che fanno quattrini alle spalle della povera gente, perchè facenti parte del “sistema” come ormai provato più di una volta con articoli che se cerchi in questa pagina ne trovi quanti ne vuoi… Quindi non puoi dire che manco di rispetto… almeno con la scienza, quella vera.

      Mi accusi di aver preso delle carte in rete…. no scusa, ma quelle poco sopra cosa sono? 😀
      O sono soltanto validi quelli che proponi tu?

      Inoltre se avessi letto bene l’articolo e ti fossi chiesto il significato, certamente avresti fatto a meno di questo intervento che poco ti fa onore… forse ti senti offeso? Fai bene il tuo lavoro e vedrai che non dovrai temere nulla e nessuno. Con i tuoi soliti interventi porti veramente poco di costruttivo, ma anzi metti in cattiva luce anche la categoria.

      Mi dai come esempi dei lavori, tra l’altro presi in rete… che sinceramente soltanto guardandoli mi fanno già storcere il naso, perchè quelli sono studi certo, come al solito fatti su ipotesi, ma le ipotesi sono ipotesi e non certezze.. ma come al solito alcuni di voi se ne arroga la pretesa che la scienza sia risolta a vostro piacimento e convenienza! 😀

      Quindi sii più serio e costruttivo nei tuoi interventi, allora forse se ne potrà parlare seriamente!

       
      • Posto qui, magari qualcuno non si rende ancora conto che qualcosa sta cambiando! 😉
        http://freddofili.it/16/10/2014/scienziati-sorpresi-dallavanzata-dei-ghiacci-polari-evento-di-crescita-che-non-si-vedeva-da-decenni/

         
      • matteo

        beh freddofili.it…fonte certificatissima!
        Io non mi sento offeso, il mio lavoro è astrofisico non meteorologo, e le mie pubblicazioni ufficiali già le ho, quindi non temo certamente nulla da chissàchi.
        Il mio intervento linka lavori referati di decine di scienziati….perdonami ma è una cosa un POCO diversa dall’essere carte in rete, con conclusioni confuse su basi inesistenti. Quelle che tu credi essere “carte in rete” sono invece i seguenti lavori, se avessi letto i link che ho postato te ne saresti accorto 🙂 :
        Gillet 2003, Thompson 2002, Turner 2009, Zhang 2007, Bintanga 2013, Shepherd 2012,Boning 2008, Tamino 2011 eccetera eccetera………

         
        • Luca

          Caro Matteo, è una guerra persa. Qua dentro citano come prove dell’imminente raffreddamento del globo anche lo scorso inverno alpino; se solo uscissero dalle loro congetture fantasiose saprebbero che l’inverno 2013/14 sulle Alpi è stato nevoso, ma diffusamente mite (mite come nel resto dell’intera Eurasia!) Qui non si riesce nemmeno a comprendere la differenza tra le due cose, come ci si può ragionare seriamente!?

           
          • Se è una guerra persa e si pensa che vengano dette cose fuori luogo, sei liberissimo di andare a discuterne con chi la pensa allo stesso modo… certamente questo atteggiarsi a mo di so tutto io e voi sbagliate non fa certo onore!

            Mite nell’intera eurasia? Ne sei proprio sicuro? Devo pubblicare le anomalie termiche al suolo del trimestre dic/gen/feb dello scorso inverno? 😀

             
        • Beh freddofili è una fonte come tante altre che attinge da fonti dove tutti attingono! Quindi non vedo cosa ci sia di così strano.

          Chi ha detto che quei lavori non sono studi scientifici accreditati? Ho però detto che non sono la bibbia, quindi te lo ripeto ancora una volta… la scienza non è risolta come volete far credere a vostro piacimento, perchè non vi sono prove che la temperatura cresce a causa e unicamente dell’uomo! Spero di essermi spiegato bene questa volta!

           
  • Antartico che regge quota 15 milioni a fine ottobre!!!!!!!Questa e’ la media trentennale di massima estensione di settembre!!!!!
    Ciao
    Giorgio