GHIACCI MARINI ARTICI E INVERNI EUROPEI: MA COSA STA SUCCEDENDO?

Tutti noi ci stiamo chiedendo cosa sta succedendo in questo anomalissimo inverno caratterizzato da intense e persistenti pioggie e temperature miti tipiche della stagione autunnale.Siccome nulla deve essere lasciato al caso:tutto ha una spiegazione logica,proviamo a darne una.

1620689_624690707597178_1676422937_n

Gia dal settembre scorso e cioe’ dalla formazione del vortice polare si notava un notevole sbilanciamento della bassa pressione artica sul versante canadese.Poi piano piano questa anomalia ando’ senpre piu’ evidenziandosi fino a raggiungere livelli di una sproporzione con pochi precedenti nella storia recente.Tutto cio’ ha fatto si che l’inverno (quello vero) si e’ avuto solo in una parte dell’emisfero mentre l’altra (europa) ha vissuto e sta’ vivendo un autunno con la A maiuscola.Siccome sono molto curioso ho chiesto ai miei genitori e a tante altre persone datate se si ricordano un inverno cosi’ piovoso.
Ebbene la risposta unanime e’ no.
Ma cosa e’ successo? Sicuramente qualcosa di anomalo.Tornando indietro al settembre scorso e cioe’ al periodo della formazione.del vortice polare notai come tutto il nocciolo gelido rimase sul versante americano.Un motivo esiste di base: noi siamo sul versante est dell’oceano,pertanto non possiamo illuderci di avere inverni come negli states,poiche’ le correnti nel nord emisfero seguono la forza di Coriolis e noi subiamo e subiremo vita natural durante l’influsso umido e mite dell’oceano atlantico.Nulla toglie pero’ che la differenza climatica e meteo tra i due continenti e’ diventata abissale e a memoria umana non si ricorda tale disuguaglianza.Osservando la mappa della distribuzione dei ghiacci marini artici possiamo notare come sul continente americano la calotta scende oltre il 50′ parallelo (se non e’ PEG poco ci manca),mentre sul continente europeo la calotta artica fatica a scendere al di sotto dell’80’ parallelo e questa e’ oltretutto la causa principale del deficit artico.Ora provo a dire la mia: dato che il polo nord magnetico e’ molto distante dal polo nord geografico e si sposta con velocita’ mai raggiunta negli ultimi 5 mila anni, non e’ per caso che il vortice polare tende a spostarsi la dove il polo nord magnetico si piazza?E se i 2 poli formano un angolo di 180′ con il nucleo cos’e’ che si muove realmente?I poli?o la crosta sul mantello?
Difficile immaginare una cosa simile.Torniamo allora ai tempi di Galileo: e’ il sole che gira attorno alla terra o e’ la terra che gira attorno al sole?.
Pensate….pensate……

Giorgio.

 

  • matteo

    Il vortice si sposta dove sta il polo nord magnetico? E perchè mai dovrebbe farlo? Mah 🙂

     
  • radiometeolibera tv

    Abbiamo avuto solo sfortuna

     
  • prepariamoci al peggio voci della nasa come dicono scenziati illustri l,esportazione di petrolio e gas metano stanno uccidento il pianeta terra che si sta spostando dal suo ciclo naturale.

     
  • lo scorso anno, la situazione era esattamente opposta, freddo in europa e caldo in usa… Via mi sembra una teoria molto forzata, inoltre il cuore del freddo è in siberia nella parte oposta al Canada.ù

     
  • ok.siccome la terra e’ divisa in paralleli e ordinate teoriche, il massimo della concentrazione del campo magnetico e’ individuato al polo sud ed al polo nord – praticamente i filamenti in entrata ed uscita sono piu’ vicini e piu’ compatti ,cosi’ come e’ piu’ denso di energia o stringhe in corrispondenza del polo che e’ preso in considerazione- il terreno intriso di stringhe di riflessione e di emanazione sono piu’ dense e piu’ polarizzabili rispetto la posizione teorica nel bel mezzo del mare – praticamente ( come la penso io naturalmente ) in mancanza del famoso solleone che per decenni ci ha sovrastato e che fungeva da fenomeno di scorrimento stringhe all’interno della terra e’ finito – la terra autonomamente cerca di porvi rimedio – servirebbe un super star gate al polo sud ( le stringhe energetiche entrano da li ) per riequilibrare il sistema e cosi’ passare ad una societa’ di tipo 1 come prefigurato da mikio kaku-ma forse hanno gia’ trovato qualcosa di simile al polo sud , anche se e’ passato in 4 linea per non far sapere nulla

     
  • Alcuni lettori ci hanno fatto notare che gli orari di alba e tramonto e il punto in cui sorge e tramonta il sole non sono gli stessi nello stesso giorno dell’anno.Sarebbe questo un argomento da approfondire.Potrebbe essere una prova del movimento della crosta terrestre

     
  • questo sarebbe un problema solo di quest’anno?? oppure anche per i prossimi anni?

     
    • È solo l’inizio di una lunga serie! 🙁

      BM

       
    • come l’inizio di una lunga serie?? è uno scherzo?

       
    • non avremo più inverni freddi in europa??

       
    • Ma certo che si.Non questo pero’.

       
    • quindi non è l’inizio di una lunga serie?… 🙂

       
    • Mi piacerebbe sapere perché non leggete attentamente ciò che scriviamo. Forse perché scriviamo troppo? 😛

      Nei periodi di transizione interglaciale si ha un aumento esponenziale degli eventi meteo estremi con un sempre maggiore ritardo (fino ad un certo punto comunque) della stagione invernale…, causata dal fatto che gli oceani si raffreddano e pertanto prima che la temperatura a livello continentale raggiunga quella di “innesco” dell’estate, passa sempre maggior tempo (in quanto si parte da temp. oceaniche sempre più basse).

      BM

       
    • Ad ogni modo… c’è un’alternanza ovvia tra USA ed Europa/Russia.
      Ma se in USA quel freddo glaciale ha provocato solo qualche decina di morti, in Europa una tale ondata di freddo avrebbe provocato migliaia di morti e centinaia di miliardi di dollari di danni.

      Infatti a parità di calo termico a livello continentale, in Europa nevicherebbe di più rispetto alla costa Orientale degli USA. E questo per una precisa conformazione meteo-geografica!

      Ma tranquilli… un po di pazienza e il freddo colpirà tutti. L’ho detto e ripetuto più volte…

      IL RAFFREDDAMENTO È 4 VOLTE PIÙ VELOCE DEL RISCALDAMENTO!

       
  • e’ evidente a questo punto che quando i paralleli e le ordinate determinate dallo spostamento del campo magnetico ” magnetizzano” la zona in questione – ” polarizzano” letteralmente l’ambiente circostante – teoria delle stringhe polarizzate in funzione del tempo – correggimi se sbaglio – magari ho scritto malissimo,ma forse diciamo la stessa cosa

     
  • che confusione purtroppo non ho capito niente

     
  • A me non frega niente delle vostre preoccupazioni. Anzi se facesse sempre il sole e piovesse di rado sarebbe anche meglio. Così si potrebbe lavorare. Quello che vorrei sapere e’ cosa succede nel sole. Che poi gli stati uniti vadano sotto il ghiaccio … dico solo meno male. Un po di satana di meno!

     
    • Attività Solare

      Questo tuo atteggiamento non è affatto lodevole, anzi… risulta alquanto irrispettoso e totalmente privo di logica.
      Viviamo tutti sullo stesso pianeta, dentro la stessa atmosfera. Pertanto, ciò che avviene in un punto di questo pianeta, inevitabilmente si ripercuoterà su tutto il resto del pianeta stesso. Per non parlare del fatto che nell’altro articolo hai nominato DIO… pertanto mi aspettavo da te un comportamento consono con il rispetto di tale onnipotenza! Ma a quanto pare sono solo “parole” al vento!
      Bernardo

       
  • Il caso…..pensa se invece dell’oceano Atlantico ci fosse stata la terraferma, i nostri inverni mitici come quelli delle isole nord giapponesi…Hokkaido tra tutte,….buonagiornata!!

     
  • se si sposta verso il canada addio inverni in italia

     
  • Era glaciale

     
  • Pazzesco il clima è impazzito .

     
  • E questo cosa significa ,era glaciale o no ?

     
  • la terra gira attorno al sole… e ricordate i mammut congelati con l’ultimo pasto in pancia ? ? ? ecco… disloccamento

     
  • Secondo la Tua teoria, la crosta terreste si è spostata inseguendo il polo nord magnetico? Quindi il polo nord geografico non è più centrato dove lo era una volta?

     
    • La crosta terrestre e’ paragonabile ad una zattera che galleggia sull’acqua;il mantello sarebbe l’acqua.Il polo nord magnetico quindi non si muove.E’ un punto fisso,anche perche’ dubito che si possa muovere se polo sud e polo nord formano un angolo di 180 gradi con il nucleo della terra.Uno spostamento dei poli violerebbe le leggi della fisica.Quindi in pratica cos’e’ che si muove?……..

       
    • Attività Solare

      Il polo nord geografico è una cosa, il polo nord magnetico è un’altra cosa…
      Bernardo

       
    • ..la crosta nel suo insieme .. 🙂

       
    • Si certo.Poi bisogna si il perche’ si sta muovendo sempre piu’ velocemente.Mantello piu’ caldo e quindi piu’ fluido?In questo caso entrerebbe in gioco l’indiziato n.1 e cioe’ il campo magnetico solare

       
    • Quindi stessa cosa avviene nel momento dell’inversione dei poli?

       
    • Penso di si.Se il movimento della crosta terrestre fosse ancora piu rapido di quello attuale potrebbe scattare l’inversione dei poli.E’ successo 780 mila anni fa.Succedera’ ancora.Il problema e’ che non sappiamo quando.Ma succedera’.Gli eventi si ripetono sempre.Solo non conosciamo i tempi.

       
  • io so solo che ha fatto un inverno schifoso… inverno?! ma che dico! Un double Fall!

     
  • ma va ?? Non è la geoingegneria noooo

     
  • Era glaciale?????
    Il sole non scalda piu’ come prima???

     
  • Nando

    quindi mentre esteriormente sembra che sia il Polo a spostarsi in realtà è la crosta terrestre sul mantello? (esempio sole – galileo)

     
  • tradotto in italiano cosa vuol dire per il nostro non inverno ormai finito e per i futuri ?