GELO TREMENDO IN RUSSIA: FREDDO RECORD A VOLOGDA, NEVE NEL SUD E TORMENTA NEGLI URALI.

Come abbiamo già avuto modo di dire in qualche occasione, pensiamo che il prossimo inverno, al contrario di quello passato, sarà molto crudo in Asia, Russia, Europa dell’est, Europa del Nord e in alcuni frangenti, quando le condizioni lo renderanno possibile, anche sul Mediterraneo! Ma saremo più chiari nei prossimi giorni quando pubblicheremo la tendenza invernale di Attività Solare per la prossima stagione fredda.

Nel frattempo, quando ci sarà lo spazio sulla nostra pagina, tra un articolo e l’altro, per una migliore visibilità, pubblicheremo le notizie più importanti sulle condizioni del tempo che corrono sul web, su ciò che accade nelle varie zone del Mondo in termini di freddo e neve!

Credendo di farvi cosa gradita, vi auguriamo buona lettura.

 

************************************

Gran gelo in Russia, fino a -20°C a Vologda, temperature come in pieno inverno. Neve straordinaria a. Neve fin nel sud a Stavropol. Gelo a Krasnodar. Fino a -24°C nell’Artico.

 

Lo scorso inverno Vologda, capitale annuale delle festività del Natale russo, ovvero la città sede delle principali manifestazioni legate alla festa religiosa ortodossa, a inizio gennaio era tristemente priva di neve e ghiaccio, tanto da dover rivedere il programma di tali festività.

Quest’anno sta vivendo, come gran parte della Russia europea, un’ondata di gelo molto anticipata ed ha stabilito oggi 25 ottobre il nuovo record di freddo per il mese di ottobre scendendo a -20°C! Il precedente di -19,6°C datava 1992. E’ anche la prima località della Russia centrale europea a raggiungere tale soglia. Perché Vologda non è una città artica, ma si trova sotto i 60°N ed è una delle principali città russe situate a nord di Mosca.

34690_1_1

Pazzesca nevicata a Serov, foto da vk.com/serovdetka

 

Il 24 ottobre sono state bassissime le temperature in tutta la zona del nord-ovest russo: -24,3°C a Lovozero, -23,0°C a Kanevka, -22,3°C a Krasnoscel’E, -21,9°C a Kepino, -18,2°C ad Arcangelo.

Stanotte (25 ottobre), temperature in risalita nel nord-ovest, ma in ulteriore discesa nella Russia centrale europea. Oltre Vologda, da segnalare: Poshechon’e (oblast di Yaroslavl) -19°C, Yarshevo (oblast di Vologda) -18,5°C, Buj (oblast di Kostroma) -18,2°C. Tra le città principali: Cerepovec -16,8°C, Ivanovo e Kostroma -16,1°C, Rostov -15,1°C, Vladimir -14,8°C. Nella zona artica, -24,3°C a Petrun.

Il gelo intenso è sceso anche a sud di Mosca e nell’ovest. Tula ha toccato -12°C, arrivando ad un solo grado dal record di Ottobre. Smolensk -11,3°C, il record mensile del 1945 è -12,8°C. Pskov il 24 ha raggiunto -11,4°C, il record mensile è -12,5°C.

Il gelo e la neve sono arrivati anche molto a sud. Pioggia gelata è caduta su Rostov-na-Donu. Come previsto, a Krasnodar si è passati da condizioni tardo estive (23,7°C la massima del 23 ottobre) al gelo, stanotte minima di -0,2°C con vento forte e nevischio. A Stavropol, dopo una massima di 20,8°C il 23, sono giunti gelo e neve: -4,8°C la minima di stamane e neve abbondante in città.

34690_1_2

Neve a Stavropol, nel sud della Russia, foto da vk.com/meteodnevnik

 

Fine del periodo caldo anche in Crimea e sulle coste del Mar Nero, dove è in atto un brusco peggioramento con vento forte e pioggia.

Nevicate davvero straordinarie sono cadute ad est degli Urali nell’oblast di Sverdlosk. Molto intensa la nevicata a Serov dove il manto nevoso ha raggiunto il mezzo metro! Nevica intensamente anche sulla capitale regionale Ekaterinburg con una temperatura di -13°C. Neve anche su Cheljabinsk, Tjumen (-18,6°C qui la minima, lontana comunque dal record) e al di qua degli Urali a Perm e Ufa con temperature attorno ai -10°C.

 

L’ondata di gelo, che ha portato temperature tipiche dell’inverno, tenderà ad attenuarsi nei prossimi giorni sulla Russia europea, in particolare sul nord-ovest russo arriverà aria oceanica piuttosto mite, ma su gran parte delle pianure russe persisteranno condizioni di gelo, sebbene meno intenso.

Fonte: http://www.meteogiornale.it/notizia/34690-1-gelo-russia-record-freddo-vologda-neve-urali-foto-video

 

ENZO

ATTIVITA’ SOLARE

 

  • luca

    Siamo solo all’inizio dell’inverno Artico ben presto avremo conseguenze gelide anche dalle nostre parti la bassa attività solare sta già facendo sentire i suoi effetti

     
  • Dai che arriva Enzo!!!!

     
  • ha nevicato in pianura in romania e bulgaria , la neve si avvicina all italia…… e l aria fredda che ce’ sull est europa un po’ ce la becchiamo la settimana prossima , qui a torino previste minime di 2-3 gradi

     
  • Speriamo

     
  • Aspettiamoci un inverno assai gelido.

     
  • Buongiorno ENZO ma gli Urali dove parte il gelo è arriva da noi giusto quello che viene chiamato orso siberiano.

     
    • Si! Diciamo che gli Urali in genere sono la zona di confine del vero orso siberiano, poi man mano che avanza la stagione questo si espande, dove coinvolge le regioni più ad ovest, Russia europea Europa dell’est ecc.ecc. per arrivare a volte anche in Italia con il suo moto retrogrado messo in moto dalle alte pressioni. Questo inverno ci sono tutte le condizioni per la nascita del famoso quanto temuto e gelido anticiclone siberiano. 😉 Enzo