GAIA E’ DAVVERO MISERICORDIOSA – ABBIAMO ANCORA 25 ANNI DI TEMPO PRIMA DELLA FINE DEL NOSTRO DESTINO!

Nel 1986, i nostri “migliori scienziati” avevano previsto che avremmo superato il punto di non ritorno, con un aumento della temperatura di 2 gradi entro il 2010, e a seguire fritti con 8 gradi di riscaldamento entro il 2030. A questo catastrofico riscaldamento, aggiunsero che nel frattempo il livello dei mari si sarebbe alzato di quasi 5 metri.

11 Giugno 1986

Il Dr. James E. Hansen, dell’Istituto Goddard Space Flight Center for Space Studies, riferì che la ricerca del suo istituto aveva dimostrato che, a causa dell'”effetto serra” (che si verifica quando i gas impediscono la fuoriuscita di calore dall’atmosfera terrestre), le temperature globali sarebbero aumentate all’inizio del secolo XXI “ben al di sopra di qualsiasi livello sperimentato negli ultimi 100.000 anni.” La più ripida ascesa nel XXI secolo.

“Le temperature medie globali potrebbero aumentare da mezzo grado ad un grado Fahrenheit (da 0.9 gradi a 1.8 gradi celsius), nel periodo dal 1990 al 2000, se la tendenza attuale rimane invariata”, questo secondo i risultati degli studi del Dr. Hansen. Inoltre sempre secondo il Dr. Hansen la temperatura globale aumenterà di altri 2-4 gradi nel decennio successivo.

Mentre l’effetto di piccoli aumenti della temperatura globale è ormai chiara, Andrew Maguire, vice presidente del World Resources Institute, gruppo di ricerca politico di Washington, fa sapere che il raddoppio di anidride carbonica atmosferica previsto, causerebbe un aumento di 3-8 gradi di temperatura dal 2030. Egli aggiunge che questo potrebbe devastare l’agricoltura negli Stati Uniti e altrove, e potrebbe causare un aumento del livello del mare di circa 4,5 metri quando il ghiaccio polare si sarà sciolto.

http://www.nytimes.com/1986/06/11/us/swifter-warming-of-globe-foreseen.html

Quindi, secondo quello che si “racconta” in questo studio, è che fondamentalmente, con il vertiginoso aumento della temperatura di circa 5 gradi, avremmo dovuto essere estinti ormai da 4 anni. Ma fortuna vuole che Gaia è ancora una volta misericordiosa con noi uomini cattivi, e ci ha concesso ancora una volta una tregua di 25 anni. Ora a quanto pare abbiamo tempo fino al 2035 per salvare il pianeta.
Beh, direi che visto il prospettato, prendiamoci questo poco tempo (secondo loro), che ci rimane e sfruttiamolo come meglio non possiamo fare…. chiaramente sempre con i nostri soldi….

Apr 14, 2014

Infatti l’ex presidente Mary Robinson ha riferito il 14 aprile 2014 che i leader mondiali hanno “al massimo due decenni per salvare il mondo”.

http://www.irishtimes.com/news/environment/robinson-calls-for-climate-agreement-by-2015-1.1761501

Chiaramente ringraziamo ancora una volta questi fantomatici studi, che con tanta dovizia vengono sviscerati dalle menti più eccelse del pianeta… che certamente sono più utili alla loro causa che a quella della comunità.

Io dal canto mio continuo a ripetere che se questo denaro pubblico, cioè di tutti noi, venisse speso per i veri e più gravi problemi che affliggono l’umanità, ci sarebbero certamente meno popoli in sofferenza.

ENZO
SOLAR ACTIVITY

 

  • Al di là del balletto delle previsioni vecchie e nuove, Gaia sta così:

     
    • Prendi in esame dati tra gli anni ’70 ed il 2011…mi pare pochino…

       
    • Hai ragione, ma con alcuni parametri si può andare più indietro

       
    •  
    • Beh, questo non vuol dire assolutamente nulla Le temperature sono state in costante e lieve aumento dalla fine della piccola peg fino a qualche anno fa. Che mi pare anche abbastanza plausibile! Non vedo dove sia la notizia, visto che nessuno può provare che è l’uomo il primo imputato dell’aumento delle temperature. Enzo

       
    • Infatti non è una notizia. E’ solo un breve ripasso di dati noti, in doverosa risposta all’articolo. Sul peso delle singole cause, io non sono entrato volutamente nel merito; per farsi un’idea su questo è meglio seguire il dibattito scientifico

       
    • Beh… gli studi in questo articolo del 1986 secondo Hansen, uno dei capisaldi della teoria del riscaldamento globale antropico, ma non il solo, dovrebbe essere secondo loro, altamente scientifico. Alla fine però quei numeri si sono rilevati numeri messi li a caso, elaborati da chissà quale diabolico computer. Alla fine di reale si è dimostrato realmente molto poco. Infatti i dati reali mostrano numeri totalmente diversi. Ecco perchè dobbiamo fare attenzione al dibattito scientifico…. e riuscire a capire, facendo molta più attenzione, quale realmente sia quello da seguire. Enzo

       
    • Le proiezioni di Hansen non sono numeri a caso: previde un aumento termico che si è di fatto verificato, furono anche sovrastimate, ma comunque più vicine alla realtà di quelle degli scettici che non prevedevano un riscaldamento

       
    •  
    • E torniamo all’origine!! Chi dice che quel lieve aumento di mezzo grado in 50 anni sia attribuibile all’uomo piuttosto che al sole e al suo ultimo periodo con attività solare molto intensa?? Enzo

       
    • In queste cose non ci sono certezze, fanno testo i risultati delle ricerche. Sole e e gas serra sono due facce della stessa medaglia, senza sole non c’è nemmeno effetto serra. Il sole ha galoppato fino al ’60 poi la TSI media ha cominciato a calare fino ai minimi attuali, mi sarei aspettato, in questi anni, un calo termico significativo, non un semplice appiattimento. Che cosa non lo ha consentito?

       
    • Non è proprio così. Il sole ha galoppato fino al 2005 poi ha iniziato lentamete a diminuire la sua attività fino a quest’ultimo ciclo che risulta dimezzato ai classici cicli del xx secolo. E infatti le temperature dal 2005 in poi si sono stabilizzate. Ora vedremo cosa accadrà, ma se le nostre teorie sono esatte la temperatura lentamente nei prossimi anni inizierà a calare. Enzo

       
    • 2005? Molto prima. Eppure….

       
    • Ma iil 90% del GW non è negli oceani? Quindi per dissipare l’energia ne serve di tempo…Il prossimo minimo solare potrebbe dare risposte. Andrea

       
    • Su questo sono d’accordo, un lag temporale c’è certamente, però non si applica solo alla forzante solare, ma anche alle altre.

       
  • Si, gli americani dovrebbero spendere quei miliardi x la messa in sicurezza del loro territorio invece che spenderli x finanziare queste emerite cacchiate globali .. si vede che agli americani i miliardi avanzano, tanto da gettarli nn so dove .. sono cmq $oldi americani e non italiani spero …:-@

     
  • Va beh… ma se la paura per il g w a serve a fare inquinare meno l ambiente ben venga.

     
    • Pe metà d’accordo con te Giorgio, l’uomo deve smettere di inquinare, solo per il profitto, ma attenzione ai tipi di inquinanti. Accanto agli inquinanti quelli veri, bisogna fare un discorso a parte per i gas ritenuti responsabili dell’effetto serra, detti anche “gas-serra”, essi hanno come principale componente il vapor acqueo, subito dopo il biossido di carbonio detto anche anidride carbonica e poi il metano. Infatti questi non sono considerati inquinanti in senso stretto, ma una parte della scienza li ha condanati in quanto ritiene che siano responsabili dei cambiamenti climatici attribuiti dalle attività dell’uomo. Ecco dove c’è una grande differenza…. “si ritiene che siano responsabili dei cambiamenti climatici attribuiti alle attività dell’uomo” Ma come vi ho detto molte volte nessuno ha la certezza che siano responsabili dei cambiamenti climatici. Ben altro discorso meriterebbero gli inquinanti nele città, ma diventerebbe un discorso molto lungo. 😉 Enzo

       
  • caro Enzo, grazie per questo bell’articolo, almeno si vomita prima di cena e non dopo! come se a Gaia fregasse qualcosa di noi, e mi pare pure giustissimo!!!

     
  • Perché 25 anni ancora ?

     
    • forse perché in 25 anni molta gente farà in tempo a schiattare, e forse perché è il lasso di tempo in cui l’uomo dimentica completamente le cose che ha sentito dire! 😀

       
    • Alla fine…..e chissene..frega…tanto un giorno andremo tutti di là

       
  • Fanno i conti senza considerare il sole. Eppure risulta evidente che la vita sul pianeta Terra dipende da lui in tutto.