ERUTTA IL VULCANO POPOCATEPETL IN UNA SERIE DI ESPLOSIONI, PREVISTI ALCUNI ASHFALL

Ancora un’eruzione del vulcano Popocatépetl, in Messico, dove si sono verificati una serie di forti esplosioni nella giornata del 25 gennaio 2016, a seguito di un paio di giorni di attività intensa, ha riferito il Centro messicano per la prevenzione alle catastrofi naturali (CENAPRED). Alcuni Ashfall (colate di fango) sono stati riportati nella città di Puebla, dove il traffico aereo è stato temporaneamente chiuso. Il livello di allerta del vulcano è ancora di colore giallo, fase 2, il che significa possibilità di ulteriori eruzioni, con flussi piroclastici ed emissioni di cenere.

popocatepetl%201

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Le emissioni di cenere vulcanica del vulcano Popocatépetl, il 24 gennaio 2016. Image credit: CENAPRED

 

Nelle ore precedenti, erano stati registrati 16 esalazioni di bassa intensità con piccole quantità di cenere e 4 esplosioni. Le esplosioni sono state segnalate alle 03:16, 03:25, 06:31 e 09:20 (ora locale). Il sistema di monitoraggio ha registrato tremori armonici della durata di 381 minuti.

Emissioni di materiale incandescente sono stati osservati durante l’espirazione principale mentre è stata riportata una emissione debole ma continua di vapori e gas. Le webcam locali attualmente stanno seguendo lo sviluppo in streaming sul vulcano.

Live stream Popocatépetl volcano erupts in a series of explosions, further ashf_2016-01-27_09-01-01

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Secondo l’advisory Washington VAAC, le emissioni di cenere sono continuate il 26 gennaio. La cenere vulcanica ha raggiungendo un’altezza di 6 km (20.000 piedi) e si è mossa in direzione di nord est dalla vetta. Secondo le previsioni, le emissioni di cenere continueranno anche nei prossimi giorni.

POPO0036%2026jan2016

CENAPRED ha emesso avvisi di non avvicinarsi al vulcano, soprattutto nella zona del cratere, a causa del pericolo causato da frammenti balistici. L’avviso due, livello Giallo, è stato rilasciato, il che significa che a corto raggio vi è la possibilità di fuoriuscita di flussi piroclastici da bassa a moderata attività esplosiva, con possibili ashfall nelle zone limitrofi.

È stata stabilita la distanza di sicurezza di 12 km (39.370 piedi), e restare all’interno di tale zona è vietato. Le persone sono state invitate a rimanere vigili e seguire gli ulteriori sviluppi, mentre evacuazioni potrebbero essere necessarie.

In caso di caduta di cenere, CENAPRED raccomanda di coprire naso e bocca con un fazzoletto bagnato o una mascherina, e di lavare gli occhi e gola con acqua pura, evitare lenti a contatto, coprire le finestre e rimanere in casa il più possibile.

Enzo
Attività Solare