Earth: Confronto SSTA e Corrente Oceanica

Earth è uno splendido progetto Open Source che permette di visualizzare in diversi modi, alcuni dati molto interessanti sul clima e le condizioni del pianeta Terra.

Oggi ne approfittiamo per fare un veloce confronto tra le SSTA mondiali in data 20 Maggio per gli anni 2014, 2015 e 2016.

Earth-SSTA_20052014

20 Maggio 2014

 

Earth-SSTA_20052015

20 Maggio 2015

 

Earth-SSTA_20052016

20 Maggio 2016

Come possiamo vedere, le differenze tra le 3 carte sono a dir poco enormi.
Nella carta del 2016 (la 3a), si nota il forte raffreddamento del Pacifico equatoriale, ma anche quello lungo le coste occidentali del nord Africa e se vogliamo puntualizzare, anche quello nel Pacifico del Nord.
Nella mappa centrale, relativa al 2015, spicca in modo deciso anche l’anomalia positiva del Mediterraneo che possiamo vedere meglio nella sequenza qui sotto:

Se andate sul sito del progetto con le impostazioni (cliccare sulla scritta earth in basso a sinistra) Mode=Ocean, Overlay=SST, potete vedere la temperatura del mare in qualunque punto semplicemente cliccando sopra la mappa. Questo vi permetterà di appurare che molte zone del Mar Tirreno, ad esempio, hanno una temperatura di ben 2°C inferiore a quella dello scorso anno…. e molto più simile a quella del 2014!
Nella sequenza di destra, vediamo invece le SSTA, ovvero le anomalie termiche. La differenza con il 2015 è enorme… ma c’è anche una netta differenza con quella del 2013… quando si aveva un forte riscaldamento del Mare del Nord e del Mar Baltico.

L’ultima serie di mappe riporta invece le correnti oceaniche nel nord Atlantico.

Eart-current_17052014

17 Maggio 2014

 

Eart-current_17052015

17 Maggio 2015

 

Eart-current_17052016

17 Maggio 2016

Si nota il flusso di acqua che dal Golfo del Messico risale lungo le coste orientale degli USA e si dirige verso l’Oceano Atlantico del nord….
Ma c’è una differenza sostanziale tra il 2016 e il 2015… anzi 2…
Davanti la Florida la corrente non è molto “attiva”… o non è stata rilevata bene…
Inoltre all’interno del Golfo del Messico, la corrente quest’anno non è “chiusa”… Qui sotto vediamo un ingrandimento di tale confronto:

 

Conclusione… netto raffreddamento generale e condizioni di sostanziale rallentamento di tutto ciò che ha provocato le anomalie termiche positive degli mesi.
Il sistema di visualizzazione del progetto Earth è semplicemente splendido… spettacolare….  Riteniamo sia un ottimo modo per visualizzare i dati a livello planetario.
L’ultima immagine che preleviamo dal sito è quella di oggi, 21 Maggio, relativa alle correnti atmosferiche (venti) sovrapposta a quella delle temperature alla quota di 850 hPa:

Earth_Wind+Temp850_21052016

La particolarità che dobbiamo notare è la “protuberanza fredda” che si trova sotto l’Islanda… Quella non è una buona cosa…
Vi invito a visionare il sito e a divertirvi a girare il mondo (virtualmente)!

Buon fine settimana a tutti…

Bernardo Mattiucci
Attività Solare

 

  • Riccardo

    La protuberanza fredda sotto l’Islanda cosa comporterebbe?

     
    • Essenzialmente quello che sta accadendo ora…. un blocco delle correnti tale da favorire le perturbazioni provenienti dalla zona artica.
      Quindi instabilità continua!

      Bernardo

       
      • Riccardo

        Tutto chiaro!!