Devastante Tornado sulla Riviera del Brenta: ci risiamo!

Il più recente evento distruttivo tipo Tornado, verificatosi nella zona di Venezia, credo sia quello del 11 Settembre 1970.
All’epoca si contarono decine di morti e centinaia di feriti. Un tornado che si formò sui Colli Euganei (fra Teolo e Revolon) e andò a fare danni a prima a Padova, Albignasego, Ponte S. Nicolò, Abano e Selvazzano, provocando il decesso di una persona e miliardi di lire di danni. Erano le 20:45!

Tra le 21:15 e le :21:42, tale tornado distrugge case, capannoni, sradica alberi, affonda barche e provoca la morte di decine di persone e oltre 150 feriti in provincia di Venezia…

Ma questo avvenne nel 1970.

Oggi i morti sono stati molto meno… ma la distruzione ha provocato comunque danni incalcolabili.

Le immagini sopra sono state prese tutte dalla rete.
Tra le tante fanno impressione, per la portata della distruzione, quelle relative a Villa Fini, a Dolo. Completamente rasa al suolo.

Di chi è la colpa?

Di nessuno. Sono eventi naturali che ciclicamente si ripetono nel tempo… quando si creano le condizioni “ideale” per la loro formazione e il relativo sostentamento.
Alcuni saranno portati a credere che in tutto ciò ci sia, necessariamente, la mano dell’uomo. Ma non è cosi’!

Tante volte vi abbiamo parlato dell’enorme energia che si accumula in atmosfera a seguito di queste ondate di calore.
In passato, nel 2003 ad esempio, tutto questo non sarebbe successo.
All’epoca la circolazione era ancora di tipo prettamente “parallelo”. Ovvero le correnti scorrevano da Ovest ad Est e viceversa. L’ondata di calore che colpì il bacino del mediterraneo restò concentrata sul nostro paese a lungo per via della sua forza… ma ricordo bene che le condizioni erano simili in pressoché tutta Europa.

Oggi le cose sono diverse.
Abbiamo una circolazione totalmente orientata lungo i meridiani, quindi da Nord a Sud e da Sud a Nord. Il risultato è che si hanno queste poderose risalite calde… che in alcune zone si vanno a scontrare con discese molto più fredde provenienti dalle zone artiche.
Il risultato è visibile, purtroppo, nelle foto in alto.

 

Lo staff di Attività Solare si unisce al dolore di quanti, in Veneto, hanno perso tutto in quelle poche indimenticabili ore di ieri.

 

Ho scelto come immagine di copertina la foto più bella in assoluto di tutte quelle reperite sul web sull’argomento. L’ho scelta per evitare polemiche e strumentalizzazioni. Come spesso accade, infatti, è l’immagine di copertina che determina l’apprezzamento del post. Io voglio ricordare Venezia e il Veneto tutto (nel quale ho passato giorni indimenticabili) per quello che sono: luoghi fantastici, gente fantastica.
E sono sicuro che è guardando anche al foto di copertina che i nostri amici e fratelli del veneto, troveranno la forza e la voglia di ricostruire e ricominciare. Forza ragazzi… siamo tutti con voi!

 

Bernardo Mattiucci
Attività Solare