Deciso recupero dei ghiacci artici più vecchi, negli ultimi tre anni !!!

Il ghiaccio artico è sotto esame in questi giorni: uno studio recente rivela infatti la sua totale scomparsa in Estate entro il 2050, con tutti i problemi del caso (oppure, magari, i vantaggi per i trasporti via mare, o per la pesca, estrazione di petrolio in mare aperto, ecc….).

Tuttavia, l’esame della situazione attuale è piuttosto indefinibile, almeno osservando i grafici che ne mostrano l’estensione, volume e presenza di ghiaccio “vecchio”.

Quanto ad estensione e volume, attualmente abbiamo recuperato, rispetto ai minimi raggiunti nel 2012: siamo più o meno agli stessi livelli dell’anno 2006, in pratica il ghiaccio artico è esteso come nove anni fa.

Ma c’è stato un importante recupero per quello che riguarda il ghiaccio “vecchio”, quello di età compresa tra i 2 ed i 5 anni, che è un tipo di ghiaccio molto importante, in quanto più compatto, metamorfizzato e maggiormente resistente allo scioglimento estivo.

Ne vedremo forse gli effetti la prossima Estate, quando probabilmente assisteremo ad un altro recupero nella superficie ghiacciata della banchisa artica. Immagine da stevegoddard.

14-apr-15-age_coverage_time_series_83_15_w_labels2_thumb

Fonte Web: http://www.freddofili.it/2015/04/20/deciso-recupero-dei-ghiacci-artici-piu-vecchi-negli-ultimi-tre-anni/

Roberto
Attività solare

 

  • Michel Margini

    Ma dove prendono i dati ? A me la situazione pare diversa…
    http://nsidc.org/arcticseaicenews/charctic-interactive-sea-ice-graph/

     
    • Rispetto ai minimi storici, i ghiacci artici sono in netta e costante ripresa.
      Ad ogni modo è necessario considerare lo spessore e la “longevità” dei ghiacci e non solo l’estensione o il volume (comunque entrambi in ripresa).

      Bernardo

       
  • xava88

    Mamma mia che fonte: proprio un giornale scientifico “freddofili.it”.