COME LA NOAA HA RISCRITTO I DATI CLIMATICI PER NASCONDERE LA PAUSA DEL RISCALDAMETO GLOBALE

June 5, 2015

Il numero di scuse addebitate alla pausa o interruzione del riscaldamento globale era cresciuto fino ad arrivare al numero 66, quando il National Oceanographic and Atmospheric Administration (NOAA) ha aggiunto ancora un nuovo studio alla lista appena pubblicata su Science. Nella discussione che ne è uscita, la NOAA ha riferito che le basi strumentali a lungo esistite hanno mascherato l’aumento delle temperature superficiali del mare. Una volta che sono stati “riadattati” i dati, la pausa del riscaldamento è scomparso. Raffreddando il passato, sono stati in grado di rendere gli anni più recenti ancora più caldi.

Questa valutazione ha creato pesanti e aspre critiche da entrambe le fazioni sul dibattito del clima, ma c’è una cosa che nessuno contesta: la NOAA potrebbe aver oltrepassato la sua autorità nel riscrivere la storia del clima basandosi su insiemi di dati difettosi. Rendendo il 1900 più freddo, utilizzando soltanto le temperature delle stazioni terrestri e le temperature oceaniche meno affidabili. Quindi la NOAA ora può regolare il passato per progettare un nuovo futuro.

Questo nuovo studio è disponibile anche in un momento in cui il presidente Obama ha spostato la sua attenzione verso il cambiamento climatico, per non parlare delle proposte della EPA per rinnovare completamente il sistema centrale del Paese attraverso nuovi regolamenti.

Una cosa è chiara: la NOAA non si è basata sulle temperature satellitari, che mostrano chiaramente una pausa del riscaldamento globale negli ultimi 19 anni, o alle boe molto più affidabili ARGO per le temperature oceaniche. Secondo The Daily Caller, “le nuove misurazioni delle temperature ottenute tramite satellite mostrano che non vi è stato alcun riscaldamento globale da 18 anni e sei mesi.” I dati satellitari sono preferibili perché misurano le prime due miglia della bassa atmosfera, con una precisione di 0,001 gradi Celsius.

Anche il Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) ha riconosciuto due anni fa, che l’aumento delle temperature medie superficiali sulla Terra hanno iniziato a rallentare a partire dal 1998, e da allora si è cercato di trovare una spiegazione a questa pausa con varie ipotesi, come l’attività vulcanica, il calo dell’attività solare, e gli oceani che assorbono il calore in eccesso che sono state avanzate per spiegarne la pausa. Altri credono che il calore mancante si nasconda nelle profondità degli oceani, distante da ogni tipo di sensore o termometro. La NOAA è una delle quattro organizzazioni indipendenti che raccolgono e analizzano le temperature globali, e gli altri tre gruppi hanno tutti rilevato un rallentamento del tasso di riscaldamento globale, che è il motivo per cui l’IPCC ha citato in primo luogo la “pausa”.

Lo studio, condotto da Thomas Karl, del Climatic Data Center del NOAA, ha riferito che una volta che i dati sono stati ‘regolati’ e i pregiudizi che esso rappresenta: “Questa pausa o rallentamento è semplicemente scomparsa.” Karl et al. insiste sul fatto che la temperatura media della superficie terrestre è salita di 0,2 gradi Fahrenheit per ogni decennio a partire dal 1950, senza interruzione, a causa degli effetti che intrappolano il calore delle emissioni di anidride carbonica.

Non tutti però sono d’accordo. Judith Curry, una scienziata del clima del Georgia Institute of Technology, non trova questa analisi affatto convincente, quindi scrive: “Mentre sono sicura che questa ultima analisi della NOAA sarà considerata politicamente utile per l’amministrazione Obama, non la considero come un contributo particolarmente utile alla comprensione scientifica di ciò che sta accadendo”, e continua: “Sembra piuttosto ironico, ma questo è il periodo in cui vi è la più grande copertura dei dati con la più alta qualità delle misurazioni -. Le Boe ARGO e le misurazioni satellitari non mostrano affatto una tendenza al riscaldamento”

Tre climatologi presso il CATO Institute hanno rilasciato una comune dichiarazione circa il rapporto di regolazione del NOAA: “Mentre questo sarà annunciato come un dato importante, la domanda principale che si scopre è di un recente significativo trend di riscaldamento è certamente dubbio. Il livello di significatività (0,10) è difficilmente normativo e l’uso di esso certamente richiederà a molti lettori di mettere in discussione il ragionamento dietro l’uso di una tale norma lassista”.

“Direi che lo studio è fuorviante per le implicazioni dei suoi risultati”, ha detto Piers Forster, fisico dell’atmosfera presso l’Università di Leeds, in Inghilterra. “Questo studio ha ‘magicamente’ eliminato la pausa in qualche modo corretto dall’IPCC, facendone cherry-picking per arrivare ad una particolare conclusione”.

Gerald Meehl, ricercatore climatico alla National Center for Atmospheric Research (NCAR) a Boulder, in Colorado, ha riferito a Mashable in una e-mail: “La mia conclusione è che anche con le nuove regolazioni di dati, esiste ancora un periodo di pausa nominale che è durato fino al 2013 con un minor tasso di riscaldamento globale rispetto al tasso di riscaldamento degli ultimi 50 anni del 20° secolo, e un fattore di riscaldamento due volte più lento rispetto ai precedenti 20 anni, dal 1970 al 1990”.

Lisa Goddard, direttore dell’International Research Institute for Climate and Society (IRI) presso la Columbia University, ha anche detto su Mashable che “lo studio non consente di concludere che il riscaldamento globale non ha rallentato per un periodo di tempo relativamente breve.’ E’ chiaro che Karl et al. hanno messo molto attento lavoro per aggiornare questi prodotti globali, ‘Goddard ha anche scritto in una e-mail.’ Tuttavia, vanno troppo lontano quando affermano che non c’e stato alcun rallentamento su scala decennale del tasso di riscaldamento globale. Questo argomento sembra basarsi su come scegliere il periodo giusto – come tra cui il recente record del 2014.”

Un altro ricercatore del clima, Peter Thorne, ricercatore climatico alla climate researcher at Naynooth University, ha detto in un’intervista che “maggiori investimenti dovrebbero andare verso la creazione di reti per la rilevazione della temperatura accuratamente calibrate i cui dati sono attualmente sparsi, come l’Artico, gran parte dell’Africa e soprattutto gli oceani.”

Ancora più sorprendente è che gli scienziati del clima credono che l’uomo sia l’unico responsabile per il riscaldamento del pianeta con un aumento di meno di un grado Celsius negli ultimi 100 anni, respingendo le valutazioni del NOAA che il rallentamento non è in corso. “E’ un po’ fuorviante dire che non c’è pausa”, ha detto lo scienziato del clima Kevin Trenberth del National Center for Atmospheric Research.

“Questo nuovo studio suggerisce che il rallentamento del tasso di riscaldamento può essere molto meno pronunciato rispetto ai record mondiali di temperatura dell’IPCC,” ha detto il professor Tim Osborn della University of East Anglia, che gestisce i data set del Regno Unito per il Met Office Hadley Centre. “La valutazione dell’IPCC non aveva torto, ma forse la priorità sarebbe leggermente diversa se sono state effettuate le valutazioni con i nuovi studi del 2013 che
potrebbero ora essere considerati.”

“Vorrei mettere in guardia contro il respinto rallentamento del riscaldamento globale sulla base di questo studio … Ci sono altri insiemi di dati che ancora supportano un rallentamento su alcuni recenti periodi di tempo, e ci sono modelli geografici intriganti come il raffreddamento in grandi parti dell’Oceano Pacifico che sono stati utilizzati per sostenere spiegazioni per il rallentamento del riscaldamento”, ha aggiunto Osborn.

Come Judith Curry scrive: “A mio parere, i dati gold standard impostati per le temperature in superficie dell’oceano globale è l’insieme di dati del Regno Unito delle HadSST3. Una revisione delle incertezze è dato in questo articolo di John Kennedy. Nota, il gruppo britannico ha affrontato le stesse questioni sollevate dal team NOAA. Io personalmente non vedo alcuna ragione per l’utilizzo dei set di dati NOAA ERSST, non vedo alcuna prova che il gruppo NOAA ha fatto nemmeno
lontanamente un attento lavoro come il gruppo britannico nel trattamento delle temperature oceaniche.”

Come Marc Morano del sito Clima Depot ha osservato in un’intervista con il National Geographic, “il nuovo studio del NOAA avrà” un impatto quasi inesistente sul dibattito climatico … Questo ultimo studio si limita aggiunge, al duello della serie di dati e, naturalmente, linee di tempo nel dibattito sul clima.”

Fonte: Examiner.com

Enzo
Attività Solare