Categoria per : Sismica

NUOVA SERIE DI FORTI SCOSSE NELL’APPENNINO CENTRALE NELLA PIANA DI MONTEREALE; ANALISI DELLE NUOVE DINAMCHE EVOLUTIVE DELLA SEQUENZA SISMICA gennaio 19, 2017 14:00 pm

18-01-2017 – Salve a tutti, ecco un editoriale che sarebbe stato meglio non fare. A due mesi e mezzo di distanza dalle ultime scosse di rilievo nell’Italia centrale infatti, ecco che una nuova forte sequenza di eventi sismici colpisce di nuovo il comparto appenninico centrale, al confine tra Abruzzo e Lazio questa volta. E’ successo infatti, quello che si temeva e che, sebbene nella naturale incertezza della previsione dei terremoti, era stato preventivato come possibile (ved. tutti gli editoriali in archivio); ovvero, la collocazione geografica della sequenza ha subìto un’espansione verso l’area a sud di Amatrice, nei pressi della piana di Montereale, località già famosa per la localizzazione delle scosse del 1703 (numeri 1,2,3 in fig.1) Nell’arco di poche ore infatti, tra le 9:25 e le 13:33 di questa mattina, ben 4 scosse, di magnitudo Mw compresa tra 5,0 e 5,5 si sono verificate nell’area menzionata, facendo ripiombare, in pieno inverno, le popolazioni dell’Appennino centrale in uno stato di completa ansia fig.1 Dal confronto con l’attuale localizzazione delle scosse, è evidente la sostanziale sovrapposizione con la collocazione degli epicentri del 1703, in particolare per la seconda scossa (segnata con il n.2 in fig.1), localizzata poco a sud della piana di Montereale (fig.2).... Mostra articolo

» Pubblicato da
Fortissimo Terremoto M7.3 al Largo delle Coste Filippine gennaio 10, 2017 14:00 pm

Di Enzo Ragusa Un fortissimo terremoto è stato registrato da USGS di Magnitudo 7.3 colpendo al largo delle coste Filippine alle 06:13 UTC di oggi 10 gennaio 2017. L’agenzia ha segnalata la scossa ad una profondità di 612,7 km (380 miglia). Anche EMSC ha riportato una scossa di Magnitudo 7.3 ad una profondità di 626 km (389 miglia). Secondo USGS, l’epicentro è stato localizzato a 190,7 km (118,5 miglia) a SSE di Tabiauan (popolazione di 2.312 abitanti), a 228,5 km (142,0 miglia) a SE di Kansipati (popolazione di 14.552 abitanti), a 232,3 km (144,4 miglia) a ESE di Siasi (popolazione di 12.566 abitanti), e 244,3 km (151,8 miglia) a SSE di Maluso (popolazione di 31.374 abitanti). Non ci sono persone che vivono nel raggio di 100 km (62 miglia). Sulla base di tutti i dati disponibili, PTWC ha informato che non vi è alcun allarme tsunami perché il sisma è avvenuto troppo in profondità.   Attività Solare  

» Pubblicato da
BREAKING NEWS: FORTI TERREMOTI IN NUOVA ZELANDA novembre 13, 2016 12:39 pm

Da alcune decine di minuti, la Nuova Zelanda viene colpita da diversi forti terremoti. Il più forte, di magnitudo 7.7°Richter (fonte GFZ), è stato registrato poco a nord della cittadina di Christchurch, già colpita il 22 febbraio 2011 da un sisma di magnitudo 6.3°R. Al sisma più grosso hanno fatto una serie di scosse che al momento variano tra i 4.2 e i 6.2 °R, tutte comprese tra Christchurch e Wellington. Queste le magnitudo per GFZ. BREAKING: 7.4 earthquake has hit New Zealand's South Island, North of Christchurch: https://t.co/FCNUbagDqI – https://t.co/YSnihA9LRc pic.twitter.com/qfP4bER5VB — Airport Webcams (@AirportWebcams) November 13, 2016 Per USGS la magnitudo di tali sismi è leggermente differente, ma cambia poco. Quella attuale sembra una squenza importante, con sismi molto forti e molto ravvicinati tra loro. Attendiamo aggiornamenti anche tramite Twitter. #earthquake in #Christchurch measuring 7.4#Shaking buildings #people and the #floorcausing people to run for the #door pic.twitter.com/WRjzopApoa — Tombola Store (@tombolastore) November 13, 2016 Update, New Zealand:Damage from the powerful earthquake near #Christchurch. pic.twitter.com/xSWiyKAgEx — Jewish Breaking News (@JBN) November 13, 2016     Vi terremo aggiornati Bernardo Mattiucci Attività Solare  

» Pubblicato da
COSA FAREMO CON I NOSTRI (PROSSIMI) PROFUGHI? novembre 2, 2016 7:00 am

Riporto un lungo e interessante articolo pubblicato dal blog amico COSE DA MONDO (Lettere Dalla Germania). Sembrerebbe avere poca attinenza con l’attività solare, ma in realtà riteniamo quest’ultima di fondamentale importanza nei cicli “geologici” del nostro pianeta… ivi  compreso quello delle eruzioni vulcaniche. Non è accettabile, al giorno d’oggi, ignorare i potenziali pericoli che incombono sul nostro paese. E tra i tanti (politici, economici, sociali…) quello legato al Vesusio e ai Campi Flegrei temo sia il principale. Una lunga lettura, certo, ma molto interessante e particolareggiata. Poi ognuno è libero di pensarla come meglio crede. Ricordiamo però che è sempre e solo il Sole a controllare tutto…. dal clima agli eventi Geologici. Vulcani compresi! E come stiamo assistendo tristemente in questi giorni, il problema dei profughi può diventare insormontabile. Pensavamo fosse finita, almeno per un po di anni, con il sisma de L’Aquila. Poi però c’è stato quello in Emilia… e ok, in qualche modo ne siamo usciti (non del tutto). Poi Amatrice. Ci stavamo ancora asciugando le lacrime per i numerosi morti e le devastazioni di quel sisma che, prontamente, ne sono arrivati altri 2 a devastare la Val Nerina. E come se non bastasse… ecco arrivare il colpo... Mostra articolo

» Pubblicato da
Terremoto, la direttrice dell’Osservatorio Vesuviano: “Allerta nei Campi Flegrei” novembre 1, 2016 16:00 pm

Terremoto, la direttrice dell’Osservatorio Vesuviano: “Allerta nei Campi Flegrei” „Intervistata a proposito delle ripercussioni nel napoletano del sisma sugli Appennini, Francesca Bianco ha sottolineato qual è l’unica “allerta gialla” al momento” Il vero pericolo per Napoli non proviene né dalla faglia appenninica, né dal Vesuvio, tantomeno dal Marsili. Francesca Bianco, direttrice dell’Osservatorio Vesuviano, punta il dito verso i Campi Flegrei: “Li monitoriamo con grande attenzione. Qui l’allerta è gialla“. Intervistata da Repubblica Napoli a proposito della situazione di rischio per la città dopo il terremoto nell’Italia Centrale, Francesca Bianco ha spiegato come mai la scossa delle 7.41 di ieri mattina si è sentita così chiaramente. “Questo (terremoto, ndR) si è fatto sentire in maniera più evidente perché la magnitudo era maggiore e la crosta terrestre favorisce la propagazione degli eventi sismici. I terremoti con una tale energia si avvertono a centinaia di chilometri di distanza”. “Quando l’epicentro è così lontano non c’è reale pericolo”, ha però sottolineato a proposito della situazione cittadina, per cui pure al’Osservatorio sono arrivate molte telefonate. “Anche se il grande incubo dei napoletani – prosegue la direttrice – non è il terremoto, ma il Vesuvio. Erano tutti preoccupati per il Vesuvio dopo la scossa”. Il vulcano... Mostra articolo

» Pubblicato da
Natura, Terremoto, Uomo, A Chi Servono i Terremoti ottobre 31, 2016 18:00 pm

Alla natura, sicuramente. Il terremoto ci dice che la crosta terrestre si è mossa e che è ancora in evoluzione. Una evoluzione iniziata milioni di anni fa; a volte lenta, a volte “concitata”. Scritto da  Franco Ortolani Oggi, come negli ultimi millenni, ci troviamo in un periodo di calma rispetto a quelle che i geologi chiamano fasi tettoniche che hanno determinato l’assetto morfostrutturale della terra su cui viviamo. Quando cioè gli spostamenti verticali e orizzontali hanno originato le montagne, le colline e le pianure nonché i vulcani e le aree sommerse dal mare. La natura è potente e agisce senza chiedere il permesso a nessuno: impone le sue “leggi”! Non va prima a leggere le valutazioni di impatto ambientale fatte dagli uomini. Non va a leggere cosa gli uomini hanno scritto nelle leggi “antisismiche” per poi regolarsi nel rilasciare le sollecitazioni sismiche dalle aree epicentrali a quelle esterne. Non si attiene ai valori di accelerazione che gli uomini hanno scritto. E così si misurano valori di accelerazione di gravità dopo i recenti terremoti molto superiori a quelli che gli uomini usano per progettare le case anche nelle aree epicentrali, come registrato in occasione del terremoto de L’Aquila del 6 aprile... Mostra articolo

» Pubblicato da
VIOLENTISSIMA SCOSSA DI MAGNITUDO 6,5 NEI PRESSI DI NORCIA: PRIME ANALISI E LOCALIZZAZIONE EVENTO ottobre 30, 2016 15:00 pm

Posted on 30/10/2016 by meteogeo in Geologia 30-10-2016 – Salve a tutti, eccoci purtroppo nuovamente  insieme a commentare un nuovo evento sismico, fortissimo, avvenuto pochi km  sud dell’area interessata dall’ultima sequenza. Una scossa di magnitudo Mw (magnitudo momento) = 6,5 si è verificata infatti immediatamente a nord di Norcia alle ore 7:41 (nuovo orario, 6:41 GMT). fig.1 fig.1 – localizzazione terremoto ore 7:41,Mw 6,5tra Norcia e Preci, fonte immagine tellus project – IARESP La scossa è la più forte si tutta la sequenza (inizialmente valutata con Mw = 6,1 dall’INGV, poi corretta a Mw = 6,5) e può essere considerata quindi il più forte evento sismico degli ultimi 36 anni in Italia, dal terremoto del 23-11-1980 in Irpinia (Mw 6,9). Come visualizzato dalla fig.2, la nuova scossa si colloca leggermente più a sud rispetto alle due precedenti di magnitudo >5 del 26 Ottobre, in prossimità dell’abitato di Norcia  (fig.2), da cui giungono notizie drammatiche, con il crollo di parte della storica cattedrale di San Benedetto . fig.2 Come dibattuto ormai in numerosi editoriali (ved. geologia), l’attuale sequenza sta colmando il gap sismico e completando il rilascio tensionale in corrispondenza dei segmenti di faglia situati a nord della precedente sequenza del 24 Agosto... Mostra articolo

» Pubblicato da
BREAKING NEWS: TERREMOTO 6.7° RICHTER IN PROVINCIA DI MACERATA ottobre 30, 2016 8:54 am

Attenzione, c’è stata una violentissima scossa sismica di 6.7° Richter in provincia di Macerata. Qualche sito la riporta a 7.1°. Magnitude: M 6.7 Region: CENTRAL ITALY Date time: 2016-10-30 06:40:19.8 UTC Location: 42.98 N ; 13.19 E Depth: 10 km   Cerchiamo altre informazioni. Chiunque sia in zona ci faccia sapere come sta. Grazie Bernardo  

» Pubblicato da
BREAKING NEWS: TERREMOTO 6.0° RICHTER IN PROVINCIA DI MACERATA ottobre 26, 2016 19:20 pm

SPECIFICO CHE I DATI RELATIVI ALLA MAGNITUDO DEI SISMI POSSONO ESSERE CORRETTI A SEGUITO DI RIANALISI. È appena stato registrato un sisma di 6°Richter con Epicentro in provincia di Macerata. Date & time: Wed, 26 Oct 17:10:38 UTC Magnitude: 6.0 Depth: 10.0 km Epicenter latitude / longitude: 42.92°N / 13.18°E Fonte: https://www.volcanodiscovery.com/earthquakes/quake-info/1453182/M6-Wed-26-Oct-Central-Italy.html     Magnitude M 5.5 Region CENTRAL ITALY Date time 2016-10-26 17:10:37.3 UTC Location 42.98 N ; 13.15 E Fonte: http://www.emsc-csem.org/Earthquake/earthquake.php?id=539614     #terremoto ML:5.4 2016-10-26 17:10:36 UTC Lat=42.88 Lon=13.13 Prof=9Km Zona=Macerata. https://t.co/NhSg8hlmlf — INGVterremoti (@INGVterremoti) October 26, 2016      

» Pubblicato da
SEQUENZE SISMICHE ED EVENTI ISOLATI: LE POSSIBILI EVOLUZIONI E REPLICHE DEL TERREMOTO DI AMATRICE DEL 23 AGOSTO agosto 28, 2016 11:00 am

Posted on 26/08/2016 by Ilario Larosa Fonte originale: http://www.meteoscienza.it   26-08-2016 – Salve a tutti, terzo rapido aggiornamento sul fronte del terremoto e terzo editoriale appositamente dedicato. Gli argomenti non mancano purtroppo e, ad oggi, va segnalata una nuova scossa di magnitudo locale ML =4,8 alle 6:28 di questa mattina, ora locale, nuovamente nel’area di Amatrice. In conseguenza di ciò, il quesito odierno che molti lettori si pongono, ma soprattutto coloro che, purtroppo, sono costretti a rimanere nelle aree terremoto dove hanno la loro casa, è il seguente:   C’è possibilità che avvengano altre scosse di intensità comparabile con quelle già avvenute nell’area in esame?? Oppure, il terremoto, potrà colpire settori adiacenti a quelli già interessati, allargando il raggio d’azione?? Domande lecite, a cui, come sempre, non è possibile dare una risposta certa. Tuttavia, sulla base dello studio delle serie storiche di sismicità dell’appennino centrale, è possibile avere un’idea di come potrebbero andare le cose. Iniziamo questa breve analisi, analogamente a quanto visto nei precedenti editoriali, da quanto accaduto in epoca recente, ovvero dalla sequenza sismica umbro-marchigiana del 1997-1998. In merito a tale evento, già la definizione stessa di “sequenza sismica” tradisce la natura prolungata del fenomeno, con reiterazione di diverse... Mostra articolo

» Pubblicato da
PRIME CONSIDERAZIONI E ANALISI DELLA SEQUENZA SISMICA UMBRO LAZIALE: CORRELAZIONI CON I PRECEDENTI TERREMOTI agosto 27, 2016 7:00 am

Posted on 24/08/2016 by Ilario Larosa Fonte originale: http://www.meteoscienza.it 24-08-2016 – Salve a tutti, il presente editoriale riferisce in merito alla sequenza sismica tuttora in atto nel centro Italia, nel settore di Appennino collocato nell’area di confine di ben quattro regioni, ovvero Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo. Si tratta di una rapido resoconto, integrato da una serie di analisi di carattere assolutamente amatoriale e divulgativo, dalle quali emergono comunque alcuni aspetti comunque molto interessanti ai fini della caratterizzazione dell’evento sismico.   La sequenza è iniziata, senza scosse precursori di particolare rilievo (foreshocks), manifestandosi subito con l’evento più forte (mainshock), pari a magnitudo ML 6,0 alle ore 3:36 del mattino nei pressi dell’abitato di Accumoli, in provincia di Rieti (fig.1).   Subito dopo, in nottata e nel primo mattino, l’attività sismica si è spostata verso nordovest, seguendo l’allineamento delle conche intrappenniniche (partendo da quella di Amatrice) e andando a interessare l’area di Norcia, con due repliche di magnitudo ML>5,0, lungo la direttrice delle grandi faglie dirette del Massiccio dei Sibillini. Qual’è la causa di simili terremoti?? Il meccanismo responsabile della genesi di tali terremoti è ben noto in letteratura ed è associabile all’azione di “sprofondamento” della catena appenninica verso il Mar Tirreno, struttura che praticamente “insegue”... Mostra articolo

» Pubblicato da
AGGIORNAMENTO Terremoto Norcia/Amatrice agosto 24, 2016 16:31 pm

DATI AGGIORNATI ALLE 07:30 del 25 Agosto 2016 (Aggiornamento dei tweet e delle notizie in fondo) NUMERO DELLE VITTIME: 247 (190 nel Lazio, 57 nelle Marche) NUMERO DEI FERITI: 400 (stima provvisoria) NUMERO DEGLI SFOLLATI: 2500 (stima provvisoria) NUMERO TOTALE DELLE SCOSSE: 467 (457 inferiori alla magnitudo 4.0° Richter, 10 superiori alla magnitudo 4.0° Richter)     Zonas de destrucción total #Terremoto #Amatrice #Italia @marcogar90 pic.twitter.com/sevQCnW3P6 — Jordi (EA3HMZ) (@ea3hmz) August 24, 2016 #terremoto L'orologio del campanile di #Amatrice fermo alle 3.37, ora della prima scossa pic.twitter.com/mZtryb7J5u — la Repubblica (@repubblicait) August 24, 2016 Oggi così. #terremoto #solidarietà pic.twitter.com/rvZzBuRhJP — Sebastiano Putoto (@agitpops) August 24, 2016 #Accumoli #Amatrice #Arquata #terremoto #prayforitaly pic.twitter.com/kppDMIrSyN — Fabio Caravello (@FabioCaravello) August 24, 2016 #Terremoto: imágenes aéreas de #drone de @emergenzavvf #Amatrice pic.twitter.com/IEqJ51TONH — REMER CIEZA / T-520 (@RemerTango520) August 24, 2016   25 Agosto 2016   #Terremoto, due bambini estratti dai #vigilidelfuoco da sotto le macerie ad Amatrice! Il video del salvataggio pic.twitter.com/5nstjbfiDk — REMER CIEZA / T-520 (@RemerTango520) August 25, 2016 I nostri volontari e i mezzi della colonna mobile della #CroceRossa all'entrata di #Amatrice #terremoto pic.twitter.com/UXO4JqaTjj — Flavio Ronzi (@FlavioRonzi) August 24, 2016    

» Pubblicato da
BREAKING NEWS ATTIVITA’ SOLARE: FORTE TERREMOTO DI MAGNITUDO 6.5 CON EPICENTRO TRA NORCIA E AMATRICE agosto 24, 2016 7:45 am

NOTIZIA IN AGGIORNAMENTO CONTINUO Ore 11:30 – Il bilancio provvisorio dato dalla Protezione Civile attesta, al momento, 37 morti Forza Amatrice!#terremoto pic.twitter.com/eLoNg4YI6q — Alfonso Cerani (@fonzi_gol) August 24, 2016     Il sisma è stato registrato alle ore 3:36 ora locale ad una profondità di 10 km per il servizio americano dell’USGS e 4 km per quello francese CSEM-EMSC. In collegamento con Fabrizio Curcio – Protezione Civile. Crolli ad #Amatrice e Norcia. Diretta #terremoto @RaiNews pic.twitter.com/cosLBf1qQc — Rai3 (@RaiTre) August 24, 2016   Si registrano crolli in moltissimi comune della zona. Crolli registrati anche sul Corno Piccolo del Gran Sasso d’Italia (testimonianza diretta dal Rif. Franchetti). Appena ricevuta questa foto da un amico: il corso di Amatrice è così: si scava #terremoto pic.twitter.com/ZMIedQrLsV — Massimo Russo (@massimo_russo) August 24, 2016   Risveglio drammatico ad Amatrice. Terrible from Amatrice, now pic.twitter.com/unwLFkkx0L — Fabrizio Romano (@FabrizioRomano) August 24, 2016 #Terremoto #Amatrice #Accumoli #Norcia #ArquatadelTronto pic.twitter.com/0igTOvNOca — Siap Torino (@siap_torino) August 24, 2016   Strade, case, ponti… molti crolli nei paesi intorno all’epicentro. Continuano le scosse…. Queste le registrazioni dell’USGS: Che brutto risveglio. #Terremoto pic.twitter.com/TPnkKXXafx — trashitaliano.it (@trash_italiano) August 24, 2016   Arquata del trontoFonte fb#terremoto pic.twitter.com/1Kc14qMUs5 — Francesco Ameli (@francescoameli) August 24,... Mostra articolo

» Pubblicato da
BREAKING NEWS: FORTE SCOSSA DI TERREMOTO IN ECUADOR DI MAGNITUDO 6.7° RICHTER maggio 18, 2016 19:00 pm

È stata registrata alle 07:57:05 UTC, nel nord-ovest dell’Ecuador, una violenta scossa di terremoto, di magnitudo 6.7° Richter, il cui ipocentro è stato localizzato a circa 32 km di profondità. Ecuador hit by 6.7 earthquake; president says no damage https://t.co/0JbGJaYjho — EIN Electric Power (@EINElectricPwr) May 18, 2016 Dalle informazioni che si trovano sui social network, al momento non sembrano esserci danni.   AGGIORNAMENTO Nuova scossa di terremoto, magnitudo 6.8° Richter, con ipocentro a 31 km di profondità e, praticamente, molto vicino al precedente.  

» Pubblicato da
VIOLENTA SCOSSA DI TERREMOTO M7.3 SCUOTE VANUATU, ALLARME TSUNAMI REVOCATO aprile 29, 2016 14:01 pm

Una violenta scossa di terremoto e poco profonda di magnitudo 7.3 è stata registrata da Geoscience Australia a Vanuatu, alle ore 19:33 UTC di ieri 28 aprile 2016. L’agenzia australiana ha segnalato la scossa ad una profondità di 28 km (17,4 miglia). USGS ha riportato Magnitudo 7.0 ad una profondità di 27,2 km (16,9 miglia). EMSC ha riportato Magnitudo 7.0 ad una profondità di 30 km (18,6 miglia). Secondo USGS, l’epicentro è stato localizzato a 5 km (3,1 miglia) a OSO di Norsup, 64 km (39,8 miglia) SSE di Luganville e 209 km (129,9 miglia) a NNW di Port-Vila, Vanuatu. Le persone che vivono nel raggio di 100 km (62 miglia) sono 72.033 km. Sulla base di tutti i dati disponibili ad oggi, non vi sono pericoli di onde anomale pericolose (tsunami), ha riferito PTWC. USGS ha emesso un avviso di colore verde per possibili vittime legate al terremoto e possibili perdite economiche. Quindi viene reputata una bassa probabilità di vittime e danni. Nel complesso, la popolazione di questa regione risiede in strutture vulnerabili ai forti terremoti, anche se esistono alcune strutture resistenti. Enzo Attività Solare  

» Pubblicato da
Giappone: immagini impressionanti post-sisma aprile 19, 2016 7:49 am

Immagini impressionanti, riprese da un drone, delle zone colpite dal sisma di 7.4° Richter di qualche giorno fa.     Fonte: http://www.japantimes.co.jp   Buona giornata Bernardo Mattiucci  

» Pubblicato da
FORTISSIMO TERREMOTO M7.8 IN ECUADOR, I MORTI AL MOMENTO SONO ALMENO 142 aprile 17, 2016 12:59 pm

Un fortissimo terremoto è stato registrato da USGS come M7.8 ha colpito l’Ecuador alle 18:58 ora locale di ieri 16 aprile 2016. L’agenzia sta segnalando ad una profondità di 19,2 km ( 11,9 miglia). EMSC sta riportando M7.8 ad una profondità di 20 km (12,4 miglia). Secondo l’USGS, l’epicentro è stato localizzato a 27 km (16,8 miglia) SSE di Muisne, a 52 km (32,3 miglia) W di Rosa Zarate, a 68 km (42,3 miglia) SSW di Propicia, a 111 km (69 miglia) NO di Santo Domingo de los Colorados, Ecuador e a 170 km (105,6 miglia) ONO di Quito, in Ecuador. Ci sono circa 685.496 persone che vivono nel raggio di 100 km (62 miglia). USGS ha emesso un livello di allerta arancione per decessi legati al terremoto. Perdite significative sono probabili e il disastro è potenzialmente molto diffuso. Gli eventi passati con questo livello di allerta hanno richiesto una risposta di livello regionale o nazionale. Un allarme di colore giallo è stato emesso per perdite economiche. Molti danni sono possibili. Al momento le perdite economiche stimate in meno dell’1% del PIL dell’Ecuador. Sulla base di tutti i dati disponibili, onde di tsunami pericolose sono previste per alcune coste, ha riferito PTWC dopo l’ultimo aggiornamento, con onde di... Mostra articolo

» Pubblicato da
TERREMOTO IN GIAPPONE M6.4 – TAMBORA SCALA VEI-7 ALLERTA VULCANO aprile 15, 2016 13:00 pm

Di Eric Worrall 14 aprile 2016 Il Giappone ha intensificato il monitoraggio sull’isola di Kyushu, sulla scia del forte terremoto M6,4 avvenuto ieri. Kyushu è una regione altamente vulcanica che include anche l’Aira Caldera e il Monte Aso, vulcani di potenziale VEI-7. L’ultima grande eruzione VEI-7, del Monte Tambora, è associata con l’anno senza estate, un periodo di carestia diffusa e il fallimento dei raccolti che si verificò nel 1816. Terremoto in Giappone: migliaia in fuga temendo vulcani e scosse di assestamento. Almeno 44.000 persone sono state evacuate dopo il terremoto di magnitudo 6.4 che ha ucciso almeno 9 persone. Decine di migliaia di persone sono state evacuate dalla forte scossa di terremoto nel sud del Giappone con decine di scosse di assestamento, con i funzionari che continuano a monitorare i vulcani vicini per possibili segnali di attività. Un totale di 44.000 persone sono state evacuate in ritardo Giovedì nella città di Mashiki dopo che il terremoto di magnitudo 6.4, ha causato crolli agli edifici e danneggiato altre infrastrutture. Nove persone sono morte, di età compresa tra i 29 e i 94 anni. Ulteriori 8 persone destano in gravi condizioni, e più di 850 sono rimaste ferite. La Japan Meteorological Agency (JMA)... Mostra articolo

» Pubblicato da
FORTE E POCO PROFONDO TERREMOTO DI MAGNITUDO 6.4 COLPISCE KYUSHU, IN GIAPPONE, 3 MORTI! aprile 14, 2016 19:15 pm

Un forte terremoto e poco profondo registrato da JMA come M6.4 ha colpito Kyushu, in Giappone alle 12:26 UTC di oggi 14 aprile 2016 (21:26 ora locale). L’agenzia ha segnalato la forte scossa a una profondità di 10 km (6,2 miglia). USGS sta riportando M6.2 alla stessa profondità. EMSC riporta invece M6.1 ad una profondità di 15 km (9,3 miglia). Secondo l’USGS, l’epicentro è stato localizzato a 7 km (4,3 miglia) a SO di Ueki, a 9 km (5,6 miglia) a SE di Tamana, 12 km (7,5 miglia) a ONO di Kumamoto-shi e 18 km (11,2 miglia) a N di Uto, Giappone. Secondo JMA, il sisma ha avuto intensità sismica di 7 (Shindo 7), la più alta sulla loro scala. Ci sono circa 8.214.032 che vivono entro 100 km (62 miglia). USGS ha emesso un avviso di colore verde per possibili vittime e perdite economiche. Vi è una bassa probabilità di vittime e danni. Un livello di allarme di colore giallo è stato emesso per possibili perdite economiche. Alcuni danni sono possibili e l’impatto dovrebbe essere relativamente localizzato. Le perdite economiche stimate sono meno dell’1% del PIL del Giappone. Gli eventi passati con questo livello di allerta hanno richiesto un intervento di livello... Mostra articolo

» Pubblicato da
BREAKING NEWS: VIOLENTO TERREMOTO M8.1 SCUOTE LA ZONA A NORD OVEST DI SUMATRA, IDONESIA marzo 2, 2016 14:38 pm

Geoscience Australia Earthquakes ha segnalato da poco un fortissimo terremoto di magnitudo 8.1 nella zona a nord ovest di Sumatra in Indonesia alle ore 12.49 UTC. Al momento nessuna notizia di danni o perdite di vite umane. Anche USGS ha segnalato una violenta scossa di terremoto di Magnitudo 7.9 alle ore 12.49 UTC. Al momento nessun allarme tsunami è stato diramato. Enzo Attività Solare  

» Pubblicato da
VIOLENTA SCOSSA DI TERREMOTO M7.2 COLPISCE LA KAMCHATKA, RUSSIA gennaio 30, 2016 13:00 pm

Una forte scossa di terremoto registrata da USGS come M7.2 ha colpito la Kamchatka, in Russia alle 03:25 UTC di oggi 30 gennaio 2016. L’agenzia riporta la violenta scossa ad una profondità di 161 km (100 miglia). Anche EMSC riporta un M7.2 ad una profondità di 158 km. CENC invece riporta un M7.0 alla stessa profondità.   Secondo USGS, l’epicentro è stato localizzato a 91 km (57 miglia) a N di Yelizovo, 107 km (66 miglia) a N di Petropavlovsk-Kamchatsky, 119 km (74 miglia) a N di Viljučinsk e 776 km (482 miglia) a SE di Magadan , in Russia. Ci sono circa 65. 764 persone che vivono nel raggio di 100 km (62 miglia). USGS ha emesso un livello di allerta di colore verde per possibili vittime, quindi vi è una bassa probabilità di decessi. Inoltre è stato emesso un livello di allarme di colore giallo per possibili perdite economiche. Alcuni danni sono possibili, e l’impatto dovrebbe essere relativamente localizzato. Le perdite economiche stimate sono comunque meno dell’1% del PIL della Federazione Russa. Eventi passati con questo livello di allerta hanno richiesto una risposta a livello locale o regionale. Nel complesso, la popolazione in questa regione risiede in strutture che... Mostra articolo

» Pubblicato da
WORLD EARTHQUAKES 2000 – 2015 Data Visualization gennaio 19, 2016 9:34 am

  WORLD EARTHQUAKES: Questa visualizzazione dati mostra i terremoti nel mondo, con magnitudo maggiore di 4, verificatisi tra gennaio 2000 e novembre 2015. Ogni punto è un terremoto. Più brillante è il punto, più forte è il terremoto. I punti sono cumulativi, in modo da poter vedere le aree in cui l’attività sismica è più costante. Fonte originale: 422 South   Bernardo Mattiucci Attività Solare  

» Pubblicato da
FORTE TERREMOTO M6.8 COLPISCE LE ISOLE TALAUD, INDONESIA gennaio 12, 2016 8:38 am

Un forte terremoto e poco profondo è stato registrato da Geoscience Australia come M6.8 colpendo al largo della costa delle isole Talaud, Indonesia alle 16:38 UTC del giorno 11 gennaio 2016. L’agenzia ha registrato la forte scossa ad una profondità di 29 km (18 miglia). Mentre USGS ha registrato un M6.5 ad una profondità di 20,8 km (12,9 miglia). Secondo l’USGS, l’epicentro è stato localizzato a 233 km (145 miglia) a SE di Sarangani, nelle Filippine e a 265 km (165 miglia) a NNW di Tobelo, Indonesia. Sono circa 21.094 le persone che vivono nel raggio di 100 km (62 miglia). USGS ha emesso un avviso di colore verde per relativi morti e perdite economiche. Quindi vi sono basse probabilità di vittime e danni. Nel complesso, la popolazione di questa regione risiede in strutture che sono vulnerabili ai forti terremoti, anche se esistono alcune strutture resistenti. Terremoti recenti in questo settore hanno causato pericoli secondari come le frane che potrebbero aver contribuito alle perdite sia umane che economiche. Enzo Attività Solare  

» Pubblicato da
Forte Terremoto in India e Birmania, almeno 6 morti e 43 feriti gennaio 4, 2016 10:47 am

Forte terremoto, alle 05:05 ora locale (00:05 in Italia), nello stato indiano di Manipur, al confine con Birmania e Bangladesh. Secondo i rilevamenti dell’Ingv e dell’istituto sismologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro tra i 35 e i 20 km di profondità ed epicentro 33 km a ovest-nordovest della città indiana di Imphal. Al momento non sono disponibili notizie su eventuali danni a persone o cose, ma gli esperti temono possano essercene stati anche in virtù del fatto che l’epicentro del terremoto sarebbe stato proprio al di sotto del villaggio di Nungba; nonché dell’orario notturno, con molte persone all’interno delle case. Secondo i rilevamenti dell’Ingv e dell’istituto sismologico statunitense Usgs, il sisma ha avuto ipocentro tra i 35 e i 20 km di profondità ed epicentro 33 km a ovest-nordovest della città indiana di Imphal. Al momento non sono disponibili notizie su eventuali danni a persone o cose, ma gli esperti temono possano essercene stati anche in virtù del fatto che l’epicentro del terremoto sarebbe stato proprio al di sotto del villaggio di Nungba; nonché dell’orario notturno, con molte persone all’interno delle case.   Fonte: http://www.corriere.it/  

» Pubblicato da