Brain washing

brain_wash_web

A molti darà fastidio sapere che il “lavaggio del cervello” lo hanno subito anche loro. Si incazzeranno e magari toglieranno il “mi piace” dalla nostra pagina. Poco importa… ci siamo passati tutti e continueranno a passarci tutti quelli che verranno… finché il “potere di pochi” si baserà sul controllo di molti!

È un processo lento, multisettoriale, continuo… che va avanti indisturbato da decine di anni. E sembra che nessuno abbia le possibilità, concrete, di ostacolarne il corso evolutivo. Un lento e giornaliero stillicidio, fatto di informazioni approssimative e fuorvianti, destinate al grande pubblico attraverso i mass media ed in particolare la Televisione. Una deliberata menzogna che abbraccia tutti i campi dello scibile. E non fa sconti a nessuno.

Quando si parla di Cambiamento Climatico, lo abbiamo detto, per noi e per gli Scienziati, quelli veri, il significato è ovvio… una variazione del clima dal suo normale corso ciclico multimillenario, in una direzione (riscaldamento) o nell’altra (raffreddamento), comprovato da fatti concreti, scientificamente inoppugnabili e verificabili.
Per la massa, succube del brain washing il significato di tale “evento” è, invece, un anomalo riscaldamento causato dalle emissioni antropiche di CO2 nell’aria.
È ovviamente una definizione volutamente parzializzata, volta ad uniformare la posizione della gente comune su un tema, quello climatico, quanto mai importante.

In molti nostri articoli, poi confluiti nell’altro blog/forum Homo Sapiens Hibernus, ne abbiamo parlato spesso e abbiamo spiegato come e perché il problema del cambiamento climatico è determinante per un’evoluzione “positiva” della società moderna. Una società basata sui consumi e che poggia le proprie fondamenta sulla disponibilità di energia in grandi quantità e a basso costo.

Un fattore determinante come il clima, che da solo, da un’anno all’altro, può stravolgere le condizioni meteo in una regione o addirittura in un continente intero (e in un decennio anche a livello emisferico), può comportare variazioni notevoli nei consumi di gas, petrolio, energia, cibo. Variazioni che, se eccessive, possono dar luogo a squilibri tra le varie classi sociali. I più poveri continuerebbero a vivere nella povertà, quelli delle classi medie vedrebbero impoverirsi le proprie aspettative di vita… e i più ricchi, forti delle loro posizioni sociali, continuerebbero a sfruttare tutti gli altri per mantenere in vita il loro stile di vita, che qualcuno definisce “non negoziabile”.

Ed è in questo contesto che, far credere a tutta la massa dei poveri e del ceto medio, che il clima sta seguendo un trend al riscaldamento, che si basa la politica dei più ricchi e potenti. Loro hanno iniziato a far leva sulla massa già oltre 20 anni fa. All’epoca erano poche le informazioni e in molti abbiamo abbracciato favorevolmente la battaglia contro l’inquinamento (giusta e sacrosanta) con la quale hanno indotto milioni di persone a credere che era necessario fare qualunque cosa pur di ridurre le emissioni di CO2 nell’aria. Kyoto è il relativo protocollo vennero visti come un’ottima soluzione… da sottoscrivere anche a costo di rinunciare ad una parte del PIL.
Poi col passare del tempo, solo chi si era posto qualche domanda si è accorto che le rinunce non le avevano fatte tutti… ma solo una parte degli stati. I più potenti ed inquinanti avevano girato la testa dall’altro lato. Loro, per qualche motivo non chiaro, avevano deciso che quelle rinunce non le dovevano/potevano fare. E siamo andati avanti…. A noi ci hanno “inculcato” nel cervello… pulito, lucidato, svuotato da ogni informazione scientifica imparata a scuola, che la CO2 è l’unica causa dei Cambiamenti Climatici e che l’attività umana è la principale fonte di tale inquinante. Pertanto noi, come esseri umani, siamo gli unici responsabili di tutti i cambiamenti climatici della storia.

Tali individui sono arrivati a riscrivere la storia… addirittura affermando che gli antichi romani sono stati, con le loro terme, i responsabili del riscaldamento verificatosi prima di Cristo. Qualcun’altro lo è stato per quello dell’anno mille… e noi, con le industrie, lo siamo stati per l’attuale periodo caldo.

Qualcuno, però, le domande se le è continuate a fare. Non ha creduto a tutta la falsa informazione che è stata inserita nel sistema mediatico e ha continuato a sostenere che se 100 anni fa 2+2 faceva 4… oggi il risultato deve essere lo stesso. Non si può cambiare la storia solo per motivi puramente economici o di potere.

 

Noi di Attività Solare siamo un piccolissimo gruppo. Sul web, in giro per il mondo, ci sono tanti altri gruppi come noi. Quello che facciamo, almeno noi, lo facciamo unicamente per passione e quei pochi spiccioli che qualcuno di voi ogni tanto ci dona (tramite il sistema paypal che trovate sulla colonna di destra) non sono neanche sufficienti a pagare il server web.
Ma è un “lavoro” (vabbè… non esageriamo) che facciamo volentieri…. perché siamo convinti che la gente deve sapere.

Sapete… io non ho figli… ma da uomo avrei un solo terrore nel crescere un figlio…
La paura che un giorno, un figlio, possa dire al proprio genitore “papà, guarda che mondo che ci avete lasciato… per aver pensato solo ai soldi”.
Questa paura ha contribuito a molte mie scelte… e credetemi… è un’accusa che rivolgerei anche ai miei genitori. Nonostante tutto!

 

Se, giunti al termine di questo post, vi starete chiedendo il perché del suo significato…  beh… rileggetelo. Poi nei prossimi giorni capirete il perché!

Bernardo Mattiucci
Attività Solare