IL ‘BLOB FREDDO’ POTREBBE DIVENTARE UNA WILD CARD PER LA STAGIONE ATLANTICA DEGLI URAGANI NEL 2016

Il potenziale movimento del ‘blob freddo’ dell’acqua nel Nord Atlantico potrebbe essere la wild card per la stagione atlantica degli uragani nel 2016, dicono gli esperti. Il blob freddo si riferisce ad una grande area anomala di temperature della superficie del mare più fredde del normale, situata ad est di Terranova fin verso il sud della Groenlandia.

“Questa zona di acqua più fredda ha iniziato a mostrarsi pochi anni fa ed è diventata più grande e più persistente durante gli ultimi due anni”, ha riferito l’esperto Dan Kottlowski di AccuWeather Atlantic Hurricane.

Ma in che modo, se le correnti oceaniche dovessero attingere acqua fredda da questo blob, le regioni sub tropicali dell’Atlantico potrebbero determinare la prossima stagione degli uragani? Con tutti i potenziali fattori in mente, i meteorologi prevedono che le tempeste tropicali e uragani in Atlantico ammonteranno a 14 in questa stagione, due in più di quello che è considerato normale.

650x366_04061051_2016-atlantic-hurricane-season-cooling

Se l’acqua fredda dovesse migrare verso sud attraverso l’Atlantico orientale, in questo caso verso ovest, si avrebbe terreno fertile per le tempeste tropicali, dove si abbasserà la temperatura della superficie del mare nella zona dove l’85% dei sistemi tropicali atlantici si sviluppano.

Un’altra possibilità è che l’acqua del blob freddo possa alterare la composizione delle correnti oceaniche profonde e influenzare la salinità dell’acqua.

In questo caso, il pattern di riscaldamento delle acque dell’Atlantico, che si è invertito nel 1995, si invertirà nuovamente, portando ad un periodo di raffreddamento.

Uno di questi scenari potrebbe limitare lo sviluppo di tempeste tropicali nell’Atlantico.

 

Se questi scenari non dovessero verificarsi, le temperature della superficie marina rimarranno più calde del normale, risultando probabilmente una stagione più attiva che negli ultimi tre anni.

Articoli relativi:

http://www.accuweather.com/en/hurricane

http://www.accuweather.com/en/weather-news/northeastern-us-cold-to-domina/56470835

http://www.accuweather.com/en/weather-news/el-nino-snow-california-drought-disappointing-season/56451887

 

650x366_04061052_atlantic-hurricane-forecast-graphic

Se questo dovesse essere il caso, gli esperti ritengono che la corrente di El Niño si indebolirà, portando infine ad un pattern neutrale entro la fine della primavera o all’inizio dell’estate prossima.

“La grande domanda è se saremo diretti verso una La Niña, che è quello che stiamo anticipando in questo momento”, ha detto Kottlowski.
La Niña è caratterizzata da temperature più fredde del normale delle acque oceaniche del Pacifico vicino all’equatore.
In questo caso, un minor wind shear si troverebbe nelle regioni di sviluppo dell ‘Atlantico, aumentando il potenziale per un numero superiore al normale dei sistemi tropicali.

“Storicamente, alcune stagioni degli uragani che hanno seguito una transizione da El Niño a La Niña sono stati molto attivi. E’ possibile che il sistema potrebbe capovolgersi da un estremo all’altro, da stagioni sotto-media degli ultimi tre anni ad un anno superiore alla norma in questo 2016, “ha detto.

Fonte: accuweather

Enzo
Attività Solare