attivitasolare.com: vi rispiego cosa facciamo, perché forse qualcuno non l’ha ancora capito!

Qualche anno fa ci venne proposto di gestire una pagina facebook incentrata sull’attività solare e dinamiche connesse.

Era un lavoro arduo, questo lo sapevamo bene, ma accettammo la sfida.
In testa c’era Giorgio, ora impegnato con la sua attività di ristorazione che trovate a Mirandola, propio davanti alla stazione. Giorgio si è sempre occupato di studiare il Sole, il suo andamento e le sue ripercussioni sul meteo terrestre. E lo fa da almeno 12-13 anni.
C’era poi Enzo, che di fatto, insieme a Giorgio, ha sempre studiato il Sole e le ripercussioni sugli indici climatici.
E c’ero io, che non seguo molto il Sole, ma seguo il Clima. Lo studio da anni, oltre 16. E in questi lunghissimi anni mi sono occupato spesso anche di dinamiche solari e risposte geologiche all’attività solare.
A darci una mano sono poi arrivati vari altri amici. Alcuni sono (fortunatamente) andati via, altri hanno scelto di restare dietro le quinte.
A fornirci un parziale supporto scientifico vi sono diversi professionisti, tra meteorologi, climatologi e scienziati di varie discipline.

La nostra idea è sempre stata quella di fornire un quadro quanto più reale possibile, spiegando gli eventi e i concetti con parole semplici e senza scendere troppo in particolari tecnici, scientifici e matematici, che il grande pubblico non riesce a seguire.
Abbiamo spiegato e ricostruito la storia del pianeta Terra in uno splendido video, Natura vs Vita, che trovate sul blog (ora nella barra di destra sulla Home Page), sulla nostra pagina facebook, e su Youtube!

Abbiamo spiegato, in varie occasioni, com’è fatto il Sistema Solare e come sono fatti i alcuni sistemi planetari “vicini”.
Abbiamo parlato di vulcani e terremoti, dei numerosi disastri causati dagli eventi estremi e di quelli causati da terremoti ed eruzioni vulcaniche.
Abbiamo parlato di Sole, tante, tantissime volte, pubblicando un Nowcasting giornaliero che ci viene brutalmente scopiazzato da numerosi siti che si credono chissà chi, snobbandoci a tal punto da permettersi di non citare la fonte delle loro informazioni (forse non sanno che sappiamo sempre, perfettamente, chi accede giornalmente al nostro blog, a che ora, quali pagine visita, per quanto tempo, da dove accede, ecc… ecc… ecc….).Abbiamo parlato tante volte di meteo, anche se non è un argomento facile… visto che non è propriamente il nostro campo (ma siamo sempre aperti a qualsivoglia collaborazione).

E infine abbiamo parlato di clima.

Quando si affronta questo argomento, alcuni pensano sia obbligatorio parlare di Riscaldamento Globale Antropogenico. E’ la “teoria” in voga negli ultimi anni… quella propagandata in lungo e in largo come verità assoluta ma che, come abbiamo spiegato tantissime volte, non è mai stata verificata SPERIMENTALMENTE ed è basata, come abbiamo potuto leggere in un articolo di Guido Guidi ripreso da Climatemonitor.it, quasi esclusivamente su simulazioni matematiche che spesso e volentieri NULLA hanno a che fare con la realtà!
Quando si parla di Cambiamento Climatico, la gente comune, quella cioè che segue giornalmente i media mainstream, è portata a credere che sia un qualcosa derivante dalle emissioni antropiche di CO2 in atmosfera. Perché questo è ciò che viene spiegato e ripetuto come un mantra dai sostenitori della “teoria” dell’AGW. Noi abbiamo spiegato tante volte (vi invito a fare una ricerca sul nostro blog), che le cose sono ben diverse.

E abbiamo spiegato, in vari articoli firmati proprio dal sottoscritto (che, ripeto, si occupa di queste tematiche da oltre 16 anni), che le cause dei cambiamenti cliamtici sono riconducibili SEMPRE all’attività solare, alla disposizione orbitale dei pianeti del Sistema Solare e alla geometria dell’orbita terrestre.

Ma ci siamo spinti anche un tantino oltre, spiegando, sempre a firma del sottoscritto, le differenze tra Ere Interglaciali ed Ere Glaciali, nonché sulla suddivisione di quest’ultima in Periodi Integlaciali Caldi e Periodi Interglaciali Freddi.

Infine, il nostro prezioso collaboratore Elio, ha firmato un bell’articolo sulla Glaciazione Würm, regalandoci un’ottimo “sguardo” sulla storia passata del clima del nostro pianeta.

Ma noi di Attività Solare, oltre a raccontarvi cosa è accaduto in passato, cosa sta accadendo ai giorni nostri e perché accade questo e non quell’altro, abbiamo anche ricostruito l’andamento di tutte le principali “variabili” che influenzano il clima e a firma del collaboratore Luigi, abbiamo fatto alcune previsioni future. Previsioni che confermano varie fonti, specialmente russe, sul futuro del clima del nostro pianeta.

Questo è ciò che abbiamo fatto fino ad oggi e ciò che continueremo a fare.

Sono molti quelli ai quali non piace il nostro modo di informare, perché, a detta loro, siamo “di parte”. Pubblichiamo solo articoli pro-raffreddamento e mai quelli pro-riscaldamento. Purtroppo preferiamo dire le cose come stanno, senza inventarci nulla e senza, soprattutto, decontestualizzare il clima e il suo cambiamento.

Chi è a favore del Riscaldamento Globale Antropogenico può facilmente trovare miglaiai di siti web, in qualsiasi lingua del mondo, semplicemente facendo una ricerca su uno qualsiasi dei motori di ricerca di internet. Oppure, molto più semplicemente, accendendo la Televisione (aspettando che finisca uno dei soliti programmi di cucina).
Per tutti gli altri, di sicuro ci sono siti web e blog molto più “scientificamente corretti” del nostro. Noi restiamo sul “leggero”… spiegando le cose in modo semplice, perché la gente deve prima di tutto imparare a capire di cosa si sta parlando. Poi, magari, gli puoi offrire anche la possibilità di qualche approfondimento scientifico.

Altri nostri “appassionati visitatori” ci accusano di essere a favore dell’inquinamento. Ma questo, oltre a non corrispondere alla realtà, ci offende. Siamo invece convinti che NON INQUINARE, in qualsiasi forma, sia di prioritaria importanza per il nostro futuro. Ma di sicuro non si può ingannare la gente dicendo corbellerie… come quelle alla base dell’AGW… ovvero che le emissioni antropiche di CO2 provocano l’aumento della temperatura del nostro pianeta. Perché, come abbiamo spiegato in varie occasioni, è tutto legato all’attività solare.

E per concludere, abbiamo spiegato tantissime volte che la “teoria” del Riscaldamento Globale Antropico è intimamente legata ad operazioni economico/finanziarie e di geopolitiche. Vi sono inoltre, come abbiamo spiegato ieri con un post tradotto dall’inglese, che il consenso “unanime” che la gente pensa ci sia su tale “teoria”, in realtà non è proprio così unanime. Ovvero è molto meno “unanime” di quanto si pensi.
E proprio su questo aspetto è nata una fortissima discussione con uno dei soliti utenti, inviati a commentare le nostre pagine, da chi ha deciso di credere a priori (perché non l’ho mai capito) ad una “teoria” che fa acqua da tutte le parti.
E anche ieri, com’è accaduto varie altre volte, alla fine è stato necessario il BAN dell’utente. Azione che a noi non piace…. ma che si rende necessaria (se non indispensabile), quando ci si arrampica sui vetri.

Nello specifico l’utente in questione partiva dal presupposto che si sa che il 97% dei consensi era relativo agli studi sull’AGW che affrontavano le cause dei cambiamenti climatici. Domanda: tra i nostri utenti, sinceramente, in quanti avevano capito che il 97% del consenso era relativo solo ai circa 3900 paper “peer review” su un totale di 11994 analizzati e non al 100% della comunità scientifica internazionale?
Rispondete nei commenti, perché ci interessa!
Poi, magari, andate a leggere LA VERITA’ SUL CONSENSO DEL 97%, IL FRAUDOLENTO CONSENSO DEL 97% e QUANDO 1/3 DIVENTA IL 97%: UNA TRUFFA CHE HA CAMBIATO IL MONDO OCCIDENTALE!. Poi, magari, ne riparliamo!

Ah, visto che ci siete, magari rileggetevi anche qualche altro articolo… come Freeman Dyson, Fisico di fama mondiale: “Obama ha scelto la ‘posizione sbagliata’ sul Cambiamento Climatico”!. E magari anche Riscaldamento? Globale ma anche no.
Poi, se vorrete continuare a seguirci a noi non potrà che fare piacere!

Buona giornata
Bernardo Mattiucci
Attività Solare

 

RSS_Model_TS_compare_globe

Global (80S to 80N) Mean TLT Anomaly plotted as a function of time. The blue band is the 5% to 95% envelope for the RSS V3.3 MSU/AMSU Temperature uncertainty ensemble. The yellow band is the 5% to 95% range of output from CMIP-5 climate simulations. The mean value of each time series average from 1979-1984 is set to zero so the changes over time can be more easily seen. Note that after 1998, the observations are likely to be below the simulated values, indicating that the simulation as a whole are predicting too much warming.

 

  • Mauri Ses

    [Breve Commento Satirico]: Ma che buone che sono le Castagne! Però quando le si mangia, bisogna prestare attenzione che siano i frutti del Castagno e non dell’Ippocastano, altrimenti c’è il rischio di intossicarsi con la Castagna Matta, dal sapore tanto amaro…

     
    • Ale Meteobergamasco

      Sono Alessandro Castagna, invito i gestori sito e l’ autore a rimuovere questo commento, altrimenti mi riservo di comunicarlo alle autorità competenti, saranno loro eventualmente
      E comunque complimenti, non vedo che perdete il vizio di sputtanare persone senza che queste abbiano modo di replicare, questo dimostra quanto siate “Uomini”.
      come sono squallide battute sul cognome, neanche alle elementari me le facevano più, evidentemente non avevate altri argomenti per controbattere.
      Mi salvo tutti gli screen per la tutela della mia persona.

       
  • Alessandro Castagna

    Ma quale onore, mi avete addirittura dedicato un articolo, spero che qui mi sia data la possibilità di replicare visto che si parla di me, io partivo dal presupposto che per stimare il consenso scientifico bisogna considerare solo gli articoli peer-review in cui si parla delle cause del cambiamento climatico, questi articoli rappresentano il 33,6% del totale. In questi articoli nel 97% si attribuisce il cambiamento climatico a cause antropiche, mentre nel 2,1% viene affermato che le cause sono naturali. Invece nel vostro articolo si diceva che nei restante 66,4% delle ricerche si affermava che le cause erano naturali, cosa non vera. Quando ve l’ ho fatto notare ve la siete presa ed è scattato il ban. Metto lo screen con la frase che vi avevo contestato, mentre la ricerca originale pubblicata diceva questo: “We analyze the evolution of the scientific consensus on anthropogenic global warming (AGW) in the peer-reviewed scientific literature, examining 11 944 climate abstracts from 1991–2011 matching the topics ‘global climate change’ or ‘global warming’. We find that 66.4% of abstracts expressed no position on AGW, 32.6% endorsed AGW, 0.7% rejected AGW and 0.3% were uncertain about the cause of global warming. Among abstracts expressing a position on AGW, 97.1% endorsed the consensus position that humans are causing global warming.” Fonte: http://iopscience.iop.org/article/10.1088/1748-9326/8/2/024024;jsessionid=7A6A171F44AB9CB41E53329C54D3A8F3.c4.iopscience.cld.iop.org

     
    • Alessandro, continui a non voler capire, spero non volutamente, il significato dell’articolo e di tutti i miei commenti in risposta ai tuoi.

      Scrivi nella seconda frase di questo tuo commento:

      “io partivo dal presupposto che per stimare il consenso scientifico bisogna considerare solo gli articoli peer-review”

      NON È QUESTO LO SCOPO DELL’ARTICOLO. E non è questo che interessa ALLA GENTE COMUNE.

      Gli scienziati per valutare una ricerca, una teoria, un qualunque “argomento”, analizzano i documenti, le prove, gli esperimenti, i dati, le simulazioni e i risultati.

      La gente comune, per valutare un “problema”, si affidano a ciò che gli viene detto loro da chi SA più di loro. E in questo caso gli SCIENZIATI. Magari non direttamente, ma tramite i media.

      Lo scienziato, il ricercatore, lo studioso, hanno tutti il compito di cercare la VERITÀ e INFORMARE LA GENTE COMUNE DELLE LORO SCOPERTE.

      E nel farlo È LORO DOVERE MORALE, oltre che ETICO, NON MENTIRE.

      Propagandare l’AGW come una teoria con il 97% del consenso della COMUNITÀ SCIENTIFICA, com’è sempre stato scritto, detto e ripetuto, e come ha sempre capito la GENTE COMUNE, è MENTIRE sulla realtà dei fatti.

      Una teoria è vera solo ed esclusivamente quando ne viene dimostrata l’autenticità sia in avanti nel futuro (forecast), sia indietro nel passato, ricostruendo ciò che è accaduto.
      L’AGW non riesce a fare ne l’una, ne l’altra cosa perché è basata su considerazioni e presupposti SCIENTIFICAMENTE SBAGLIATI. E questo emerge dalle migliaia di paper peer review che sono stati pubblicati negli ultimi anni e che smentiscono palesemente l’AGW.

      Il consenso, tra quegli abstract analizzati nel lavoro di cui si parla nell’articolo, ammontano al 33% circa. Non al 97% come vuoi per forza di cose far credere. Se non c’è consenso esplicitamente A FAVORE riguardo la teoria, significa implicitamente che la posizione è CONTRO tale teoria.

      Non devi venirmi ad insegnare come si fanno queste cose. E non sei certo tu quello che può giudicare se una tale teoria e’ “vera” o meno. I fatti dimostrano che chi è CONTRO l’AGW ha ragione. La Scienza sta dimostrando, ogni giorno che passa, che è l’Attività Solare a muovere tutto e a controllare il clima (insieme ai fattori orbitali e astronomici). E non la CO2 antropica come sostiene l’AGW… teoria basata quasi esclusivamente su Simulazioni al computer non rispondenti alla realtà!

      Pertanto, ripeto, propagandare l’AGW come una teoria appoggiata dal 97% della comunità scientifica è una MENZOGNA.

      Questo era ed è l’unico significato di quell’articolo.
      Ti stai aggrappando alla “punteggiatura” per non analizzare il contesto perché sai bene che non puoi sostenere alcuna posizione.

      Non cancello questo tuo commento. Ma come ti ho invitato ieri sera, NON CONTINUARE. E’ inutile che ripeti 10, 100, 1000 volte una STRONZATA, perché questa diventa vera solo per breve tempo… Finché le prove non la smentiscono. Esattamente come sta accadendo all’AGW!

      Bernardo Mattiucci

       
      • Alessandro Castagna

        Le notizie vanno riportate in maniera corretta, e me ne frega poco che il concetto sia un altro. Bastava leggere nella ricerca originale che gli abstact che attribuisco il GW a fattori naturali sono inseriti nella sezione 5 della tabella nei “Implicit rejection” Implies humans have had a minimal impact on global warming without saying so explicitly E.g.,proposing a natural mechanism is the main cause of global warming.
        Quindi negli altri 2/3 degli abstract NON vengono discusse le cause, ma ovviamente se voglio considerare il consenso scientifico vado a considerare solo gli abstract in cui si parla delle cause e da qui esce quel 97%.
        Quindi non è vero quello che dite che le commento sopra “Se non c’è consenso esplicitamente A FAVORE riguardo la teoria, significa implicitamente che la posizione è CONTRO tale teoria.”
        Mi sembra facile da capire,c’ è scritto. Ho dimostrato che la stronzata la state ripetendo voi non ammento di aver copiato una cagata.
        Detto questo ho già perso troppo tempo con voi, se non sapete leggere non è colpa mia e trovo inutile insistere.

         
        • Alessandro, hai rotto. C’è qualcosa nella frase “NON CONTINUARE” che non capisci?

           
  • Mauri Ses

    Mi spiace davvero che ogni 3/4 mesi tu sia letteralmente obbligato a dover pubblicare post di questo genere, dovendo rispiegare per l’ennesima volta tutto quello che già dovrebbe essere ben risaputo e assimilato! Un vero peccato, auguriamoci che questa sia l’ultima volta che accade…

     
    • Ecco… ho anche dimenticato di nominarti… uffa 🙁

      Scusa!

      BM