ANTARTIDE : SI RISCRIVE LA STORIA

Nulla di simile e’ stato mai visto.La banchisa polare antartica sta segnando record a catena ed ha raggiunto un’estensione mai vista fino ad ora.

seaice_area_antarctic

 

16480000kmq!!!Quasi un milione e mezzo di kmq in piu’ rispetto alla media trentennale 1981-2010.Battuto il record storico del 2007 con un sorpasso di 245000kmq e non finisce qui: il record potrebbe essere ulteriormente ritoccato nei prossimi giorni.Non si tratta certo di un evento occasionale,bensi’ di una tendenza che si e’ consolidata in quest’ultimo decennio: nelle utime 10 stagioni invernali e’ stata raggiunta per ben 8 volte quota 16 milioni!!!!I ghiacci marini  sfondano abbontantemente la barriera del 60′ parallelo sud fino a raggiungere in certi punti il 55′ parallelo:una distesa bianca che assieme al continente supera i 31 milioni di Kmq e che copre quasi il 15% di tutto l’emisfero sud.

antarcsstnowcast

Dati che fanno letteralmente venire i brividi.

Innanzitutto smentisco categoricamente le speculazioni dei serristi,i quali sostengono che la banchisa antartica si sta espandendo grazie al riscaldamento dell’area polare.Niente di piu’ falso!!!!.Il polo sud si sta raffendando progressivamente : le temperature stanno scendendo con una media di 0,14c per decennio e sia in questo inverno australe che in quello passato sono stati ritoccati nuovi record negativi,sfondando in piu’ di un’occasione i -90c.Mentre sto scrivendo questo articolo la temperatura e’ di ‘appena’ -65c.

La primavera metereologica australe e’ gia iniziata e i primi raggi solari stanno arrivando in questa zona cosi remota del pianeta,nonostante cio’ la banchisa cresce ancora grazie all’effetto albedo : i raggi solari invece di essere assorbiti dall’oceano vengono riflessi verso lo spazio provocando ulteriore raffreddamento.Ghiaccio chiama altro ghiaccio ed e’ grazie a questo meccanismo che si attiva la glaciazione.Non solo : la corrente circumpolare antartica,l’unica corrente marina che compie un giro completo intorno al pianeta si e’ spostata a nord di circa 5 gradi di latitudine.

untitled

4_oceancirc

L’ACC (corrente circumpolare antartica) e’ la piu grande corrente(per volume d’acqua trasportata) della terra ed e’ il motore di tutte le correnti marine : una variazione dell’ACC ha ripercussioni su tutta la circolazione termoalina planetaria con tutte le conseguenze che ne derivano.

Inutile negarlo: e’ in atto un cambiamento climatico,cambiamento che potrebbe far saltare l’equilibrio che regna da secoli sul nostro pianeta e che ci condurra’ probabilmente verso una fase piu’ fredda.Potrebbe trattarsi di un moderato cooling,ma potrebbe essere l’inizio di una PEG (piccola era glaciale).In ogni caso e’ impossibile saperlo ora: l’unica cosa di cui siamo sicuri e’ che non si tratta  certo di riscaldamento globale.E’ e’ giunto il momento che anche la ‘scienza ufficiale’ prenda una posizione piu’ defilata dalla politica  che la finanzia e ci racconti la verita’ una volta per tutte.CI SIAMO STANCATI DI ESSERE PRESI IN GIRO.

 

GIORGIO

ATTIVITA SOLARE

 

  • Gran zebrù

    Quando vedrò i ghiacciai alpini crescere allora potrò anche credere a quanto è scritto nell’articolo; ma fino ad allora ritengo che i contenuti espressi nell’articolo siano da considerarsi solo mere congetture. Comunque quest’anno (2015), durante l’inverno australe, dopo un inizio folgorante la banchisa antartica è andata in pesante crisi, perdendo in pochi mesi quasi tutta la superficie guadagnata dal 1990 ad oggi. Contemporaneamente anche nell’artico le cose non sono andate bene (quarta minore stensione di sempre al 31/08/2015) per cui si è passati dalla massima estensione complessiva (artico+antartide) di sempre, nel 2014, ad una delle peggiori misurate dal 1980. A mio parere probabilmente la banchisa antartica ritornerà a crescere nei prossimi anni, mentre quella artica entro 4-5 anni potrà vivere un nuovo minimo record, battendo il 2012, ma queste sono solo mie supposizioni. Non resta che aspettare.

     
    • L’Antartico ha recuperato alla grande nell’ultimo mese. Guarda i dati
      aggiornati. La causa dello scioglimento è stato il calore accumulato
      dall’Oceano Indiano prima e, parzialmente, El Nino nel pacifico.

      Per quanto riguarda l’Artico, invece, ci sono una serie di fattori da considerare… primo fra tutti il vulcanismo sottomarino.
      Inoltre, come ho spiegato tante volte, l’estensione del ghiaccio Artico non è uniforme e non avviene sempre ovunque, ma si sposta una volta dal lato pacifico, ed una volta dal lato atlantico. Quest’anno è toccato al lato atlantico… dove sono attivi i vulcani. Ma, comunque, tutto il Mare del Nord è più freddo rispetto agli anni passati. E vedrai che il ghiaccio tornerà a crescere come e più di prima. Le leggi fisiche non possono essere violate!

      Per quanto riguarda le alpi, se per te ciò che avviene nel tuo giardino corrisponde a ciò che avviene a livello mondiale, fai pure!
      Ma non è affatto cosi’!

      In nord Europa non hanno, di fatto, avuto l’estate. In Irlanda sono stati toccati i 25° solo in 2-3 occasioni. E in alcune zone della Svezia e della Norvegia si sono fermati a 20°!

      Bernardo

       
      • Gran zebrù

        Ha recuperato, ma non alla grande, infatti il 10 settembre c’erano ancora 700.000 kmq in meno dell’anno scorso; comunque penso anch’io che questo calo sia da imputare al Nino ed è per questo sono sicuro che nei prossimi anni tornerà a crescere, ma in compenso molto probabilmente l’artico continuerà a calare. Per quanto concerne le Alpi, le Montagne rocciose, il Caucaso e le altre catene presenti alle medie latitudini (che non sono il giardino di casa), ogni qualvolta il clima si è raffreddato, come durante la PEG, esse hanno visto aumentare sia il volume, sia la superficie dei ghiacciai. Ora invece sono soggette a forte deglaciazione, come mai? Infine una breve considerazione relativamente alla crisi del GW avvenuta negli ultimi 15 anni. E’ vero che la temperatura globale troposferica dal 2000 è rimasta sostanzialmente inalterata, ma è altrettanto vero che non è diminuita, come era accaduto per es. negli anni 60 e 70, nonostante un’attività solare molto debole ed una attività vulcanica vivace (e forse anche antropica) che avrebbe dovuto favorire un raffreddamento troposferico. C’è qualcosa che non mi quadra. Forse, ma è solo un ipotesi, il GW lo stanno intercettando soprattutto gli oceani, ma non in superficie, dove viene misurata la temperatura, ma nelle aree più profonde. L’IPCC ha clamorosamente sbagliato le previsioni, ma è altrettanto vero che chiari segnali di controtendenza rispetto al Global Warming non si vedono. Tra un decennio l’AMO dovrebbe entrare in territorio negativo, vedremo se almeno allora i ghiacciai alpini (o meglio quello che ne rimarrà) potranno respirare un poco.

         
        • Che l’Artico continuerà a calare è un’affermazione totalmente priva di alcun fondamento logico-scientifico.
          Infatti è stato dimostrato che negli ultimi 2 secoli almeno, l’estensione del ghiaccio artico ha seguito fedelmente l’andamento degli indici PDO e AMO. Ovvero l’andamento delle temperature della parte nord del Pacifico e dell’Atlantico. Ed entrambi tali indici ora sono in calo con tendenza prevista (calcolata più che altro) al negativo nei prossimi mesi/anni. Pertanto anche l’Artico tornerà a raffreddarsi, come sta già facendo da 3 anni facendo registrare aumenti molto consistenti del VOLUME.
          Con la diminuzione dell’Attività Solare e quindi dell’energia ricevuta dal pianeta, poi, la diminuzione delle temperature sarà ancora più evidente.

          Quello che dici, poi, riguardo le montange è praticamente sbagliato nel concetto. Attualmente siamo all’inizio del raffreddamento, che stando ai calcoli durerà non meno di 80-100 anni! L’evidenza che citi riguardo i precedenti periodi di PEG, invece, si riferisce alla FINE degli stessi periodi. Pertanto dovrai aspettare qualche decennio per poter valutare se ora si scioglieranno o meno i vari ghiacciai.

          Anche nell’ultima parte, sbagli clamorosamente. Infatti il raffreddamento degli anni 60-70 si è verificato, o meglio è stato registrato, dopo diiversi anni (oltre 10) di lento raffreddamento. Inoltre fino a quel periodo i cicli solari, uno più forte dell’altro, avevano sostanzialmete (e solo in parte) compensato il raffreddamento terminato nel 1850 circa (fine della PEG). Negli anni ’80 e ’90, invece, si è accumulato una quantità EXTRA di calore che ha impiegato una 15ina di anni per essere smaltita.
          Poi vi è il discorso legato alle misurazioni. Negli anni ’70 erano tutte più o meno attendibili. Oggi ci ritroviamo misure SST, ad esempio, di zone completamente coperte di ghiaccio ma con valori superiori ai 4-5°C… e questo perché le misure non vengono effettuate ma stimate… ovvero calcolate al computer mediante l’uso di modelli matematici che partendo da un dato di una zona, estrapolano quello che potrebbe essere, per loro ma senza alcuna verifica sul campo, il volore di zone ampie anche migliaia di km quadrati. In moltissime zone del pianeta, infatti, viene considerata costante la temperatura anche su distanze di 500 km. Come a dire che Napoli e Trento hanno la stessa identica temperatura. E sappiamo bene che non è cosi’!

          Inoltre, come spero avrai letto negli articoli da noi pubblicati (anche questa mattina), non è affatto vero che la troposfera NON si sta raffreddando. Anzi… lo sta facendo ad una velocità molto sostenuta. Ma siccome in TV e sui media tradizionali DEVE passare il messaggio che siamo in fase di Riscaldamento Globale, di queste notizie, semplicemente, NON NE PARLANO.

          E infatti troviamo medie termiche inferiori rispetto al periodo sia nel Nord America che in Europa e Asia. Ma anche in Sud America, Sud Africa e Australia.

          Come abbiamo più volte sottolineato, il raffreddamento inizia dalle alte latitudini e scende progressivamente verso le medie latitudini. E abbiamo anche sottolineato che per motivi ben precisi (di Fisica dell’Atmosfera), il raffreddamento è fino a 4 volte più veloce del Riscaldamento. A parità di differenza di temperatura.

          Basta aspettare ed OSSERVARE!

          Bernardo

           
          • Raimondo Fardella

            Credo sia chiaro che iniziano a formarsi i ghiacci polari e poi si passa a quelli montani; secondo le previsioni del global warming non avremmo dovuto avere piu’ ghiacci in artico in estate! Ma dove?

             
  • Angelo Torres

    Io di clima non ci capisco una mazza, ma una cosa la so per certo, questa è una società in cui l’uomo cerca costantemente di adattare la realtà ai propri bisogni, soprattutto se c’è business in ballo, ma anche a livello psicologico.
    una donna cammina su tacchi 10 tutto il giorno e dice di essere comoda, lo fa al fine di piacere, ma finisce per convincersi sia normale!
    Coi dati statistici si fa lo stesso…. si interpretano per adattarli alle teorie…. una folllia.
    Questo avviene in ogni ambito, soprattutto in quello sanitario…..
    Grazie per l’onestà con cui vi state muovendo!
    P.s. le scie chimiche servono per il funzionamento dell’harpp, questo ormai è chiaro.

     
  • Danielle

    Io ho l impressione vaga che ci piaccia un po a tutti affermare il contrario di tutti. Io fino ad oggi ho sempre letto, su tutti i siti più seri di climatologia, che conseguenza del riscaldamento è sempre un successivo o localizzato raffreddamento. La terra x i climatologi NON È un calderone gigante in eterna ebollizione. Funziona x feedback negativi e positivi, x meccanismi di retroazione. State toppando proprio sul concetto di riscaldamento antropico: non funziona con leggi diverse da quelle naturali. In sostanza, non avete capito un cavolo.

     
    • Luca

      Sì, stai solo ignorando un piccolissimo particolare: in nessuna epoca precedente a questa l’attività antropica ha mai prodotto una concentrazione così elevata di CO2 e degli altri gas climalteranti (e non tirare fuori la natura perché è dimostrato che questa sta assorbendo più anidride carbonica di quanto ne produca, per cui l’aumento è tutto imputabile all’uomo)
      Non c’erano migliaia di voli transoceanici, di automobili, di fabbriche, di allevamenti intensivi… Non c’erano 7 miliardi di persone! E’ tanto difficile considerare tale elemento come qualcosa di anomalo rispetto al passato!? Per me è colui che si rifiuta di prendere seriamente in esame tale aspetto a non aver capito un cavolo…

       
      • Emanuele Guzzi Susini

        Abbi pazienza, sei tu a dover dimostrare che l’aumento della CO2 è correlato con il riscaldamento globale, non noi a dover credere a supposizioni senza il minimo straccio di una prova.
        Guardati i dati satellitari globali delle temperature: è dal 1998 che non salgono, a differenza della concentrazione di CO2.
        Che poi, sul fatto di parlare al momento di PEG imminente sia perlomeno prematuro, sono assolutamente d’accordo.

         
  • Siamo ad un passo dai 17 milioni di kmq. Oggi siamo a 16.715.000 kmq

     
  • Luca

    Quante parole al vento… Legettevi un po’ di dati, e traete voi le conclusioni, se ci riuscite…
    http://ugobardi.blogspot.it/2014/09/analisi-globale-lagosto-del-2014-e.html

    Altro che nuova PEG e idiozie simili (scusate eh, ma un conto è mettere in discussione l’AGW, un conto è addirittura affermare che la terra si sta raffreddando. Certe stupidate davvero non si possono sentire)
    Per il resto, complimenti per il lavoro di aggiornamento sui valori solari, davvero prezioso. Limitatevi a quello per favore, senza ricamarci sopra teorie bilslacche smentite anno dopo anno.

     
    • Attività Solare

      Sei libero di andartene e di non tornare mai più su questo blog. Grazie.
      Noi parliamo di dati VERI… quelli INCONFUTABILI… che dimostrano senza alcuna ombra di dubbio che il pianeta Terra, sul quale teoricamente vivi (ma ne dubito), si è RAFFREDDATO periodicamente… seguendo un ciclo che lo mantiene “caldo” per circa 12.000 anni e “freddo” per circa 120.000 anni. Ora, considerando che i 12.000 anni sono terminati, mi spieghi perché ORA, il nostro pianeta dovrebbe scaldarsi all’infinito se per milini di anni si è sempre raffreddato?

      E mi spieghi, tu che fai tanto il saputello, dove la prende il nostro pianeta l’Energia per riscaldarsi all’infinito, tenendo conto che lo spazio nel quale è immerso il pianeta ha una temperatura di -270° C.?

      Dai… parla…
      ah… approposito, evita di linkare Ugo Bardi… non è di mio gradimento!

      BM

       
      • Luca

        Interessante la tua teoria: siccome esiste una ciclicità (alquanto approssimativa, e tu la stai schematizzando in modo estremo, al limite del ridicolo, basterebbe studiarsi la reale successione dei periodi di glaciazione per rendersene conto) non può che continuare ad andare così. In tal modo neghi a prescindere la possibilità che l’attività antropica possa impattare su tale ordine e romperne lo schema, per partito preso. Non può succedere e basta! Complimenti, molto scientifico come approccio.
        In secondo luogo io non ti ho citato Ugo Bardi, ma i dati che egli ha postato. Vuoi negarli!? Vuoi negare che il mese di Agosto, ad esempio, è stato globalmente il più caldo di sempre!? Se preferisci continuare a fare lo struzzo, a mettere la testa sotto la sabbia, e a fomentare l’eccitazione di gente che sogna a occhi aperti incipienti PEG… fai pure. Ma è un gioco scorretto. Chiunque ne mastichi di statistica ti dirà che il trend termico globale è comunque al rialzo, per quanto, al momento, ci si trovi in una fase stazionaria. Non c’è nessuna certezza che la linea del grafico prenderà a scendere, come tutti auspichiamo. Potrebbe tranquillamente schizzare di nuovo in alto, e a meno che tu non sia il Mago Otelma, questo non lo puoi escludere. E allora perché affermare tout court il contrario!?
        Come si suol dire… a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca…
        E ora tranquillo, tolgo il disturbo.

         
  • Intanto però fino a qualche giorno fa tutti i tg a sbandierare dei cosiddetti esperti e del surriscaldamento globale dovuto all’attività antropica… Tutte le volte giravo canale..

     
  • Fabio

    Il ghiaccio in antartico aumenta per il GW, questo succede perchè le precipitazioni stanno aumentando a causa del maggior contenuto di vapore nell’atmosfera dovuto ad una temperatura dell’aria più alta unito ad una temperatura più alta anche del mare. Non c’è nessun raffreddamento in corso, altrimenti non si raffredderebbe solo il polo sud ma si raffredderebbe anche tutto il resto della terra.
    Fabio.

     
    • Giorgio

      Fabio non e’ cosi.
      Il trend decennale delle temperature antartiche e’ in calo come dal grafico postato nell’articolo.Ma come si fa a negare le evidenze.

       
    • D

      Invece sono 15 anni che le temperature globali sono ferme…il tanto acclamato GW è fermo….la terra senza ghiacci etc etc….

       
    • Attività Solare

      Fabio… si parla di ghiaccio MRINO… non solo di quello continentale. E il ghiaccio MARINO aumenta quando ci sono basse temperature unite ad un movimento delle acque estremamente limitato.

      Evitiamo, come da consiglio precedente, di sparare cazzate. Grazie!

      BM

       
    • ma cosa c’ entra il ghiaccio marino con , le precipitazioni nevose.Poi altra cosa se non lo sapete il + grande gas ad effetto serra è il vapore acqueo, al polo sud nelle zone interne dove non nevica quasi mai e ci sono zone senza ghiaccio x ur bassissima, si parla di ur al 2-3%, le T sono in calo e, dato che ur non funziona da gas serra perchè troppo poca, lo dovrebbe fare la co2, ma questo non succede

       
      • Attività Solare

        Mauro, nel polo sud, all’interno, non esistono zone prive di ghiaccio. Il ghiaccio si scioglie solo in alcune zone costiere per un periodo limitato di tempo,
        io stavo rispondendo a Fabio… il ghiaccio di cui si parla nell’articolo è quello marino. Che aumenta a causa delle basse temperature dell’acqua e non per precipitazione nevosa.
        BM

         
        • Lo so che parlavate del ghiaccio marino, ma io ho espresso una cosa sul Gw, .Allora sei informato male, in una zona dell’ antartide c’è un piccolo deserto , dove non c’è ghiaccio ma T bassissime

           
        • mi sono ricordato il nome della valle in antartico priva di ghiacci, si chiama valle wright, ma non è priva di ghiaccio x il disgelo che li non c’è mai, dato che le T sono sempre abbondantemente sottozero, ma perchè non nevica mai, ur bassissima

           
        • Posso dire la mia da uomo assolutamente ignorante sull’argomento?
          io non posto statistiche ne fonti su gw o gc m solo sui fatti , in questi ultimi anni almeno dove vivo in italia le temperature si sono raffreddate, quest’estate (semmai c’è stata) la temperatura massima che ho registrato a casa mia è stata di 25 gradi , poco solo e tanta pioggia nella mia citta Faenza in 1 anno ci sono state ben 4 volte esondazioni , ma l’acqua usciva dalle fogno e nn dal fiume e non è mai successo , mai in secoli di storia

           
  • .. come a dire che la realtà debba adattarsi per forza alle teorie umane (infondate) del AGW .. e non viceversa .. ;D

     
  • Per chi si chiede cosa stia succedendo per quale motivo nessuno ne dia informazioni la risposta é che “NON SI SA” Nessuno ha il coraggio di parlare dell’argomento la teoria diceva tante cose ma le misurazioni di ogni giorno e la pratica sta mostrando un quadro totalmente diverso da qualunque teoria.! La cosa strana é che lo staff di Attività Solare sta facendo una cosa semplicissima … dare risalto a dati pubblici disponibili e verificabili da chiunque … l’ omertà e la disonestà sono dei media e della “scienza ufficiale”.

     
  • Debora

    Riporto una frase dell’articolo ” i raggi solari invece di essere assorbiti dall’ oceano vengono riflessi verso lo spazio provocando ulteriore raffreddamento” , a mio avviso bisognerebbe interrogarsi sul perchè accade questa inversione di tendenza. C’è qualcosa nell’atmosfera che favorisce questo andamento? Centrano per caso le scie chimiche?

     
    • Attività Solare

      Lo ripetiamo da anni… non centra assolutamente nulla l’atmosfera. La colpa è solo ed esclusivamente del sole.
      Ragazzi… il pianeta Terra è immerso in un ambiente con una temperatura estremamente bassa. Se viene a diminuire l’apporto di energia dal Sole, il risultato immediato è un raffreddamento del pianeta. Questa è FISICA!
      BM

       
  • ………..nord e sud, dipende tutto da dove si troveranno dopo la dislocazione

     
  • ci potranno essere conseguenze anche per la cdg? è da un po’ che non abbiamo più notizie di lei… qualcuno sa come sta di salute attualmente? 🙂

     
  • peccato non avere il polo sud al posto del polo nord 😀 …speriamo che anche l’artico continui e magari accelleri questa fase di espansione

     
  • Raimondo

    Se il sole si riprende la nuova piccola era glaciale non credo avverrà; in ogni caso credo che noi esseri umani abbiamo ben poca influenza sui cambiamenti climatici di medio e lungo periodo sulla terra.

     
  • complimenti ragazzi, per l’onestà e l’accuratezza del vostro lavoro

     
    • La cosa strana é che lo staff di Attività Solare sta facendo una cosa semplicissima dare risalto a dati pubblici disponibili e verificabili da chiunque … l’ omertà e la disonestà sono dei media e della “scienza ufficiale”.

       
    • Allora quello del riscaldamento globale é una bufala…….e le scie chimiche a cosa servono?

       
    • da quello che ho capito io le scie chimiche servono per farci ammalare

       
    • Tanto alluminio nell’aria ci sta intossicando!

       
    • Si tratta di un progetto militare messo in atto nei primi anni 2000.
      Lo scopo in partenza era quello di immettere in stratosfera enormi quantita di materiale che riflettesse I raggi del sole con lo scopo di rallentare il riscaldamento globale. Questa era l’intenzione di facciata.Poi cosa ci sia dietro non lo sappiamo.
      Giorgio

       
      • Emanuele Guzzi Susini

        E la peppa…

         
  • Ottimo articolo Giorgio 🙂 .. bell intervento Marco Sperti … se esistesse una politica onesta e creativa si .. non nel nostro caso purtroppo .. :-/

     
    • dobbiamo crederci per primi noi, gli altri ci seguiranno, il cambiamento parte da dentro..

       
    • Ma non é che ci sia da credere o non credere … queste sono misurazioni, dati oggettivi … sono le teorie che si debbono adattare alle misurazioni e non il contrario … il che vuol dire che le teorie sono nell’ ordine da migliorare, difettose errate … totalmente sbagliate e tutta la propaganda e le speculazioni finanziamenti e studi sono stati “bruciati” in pochi istanti … ridotti a carta igienica da tirare nel cesso tanto per capirsi.

       
    • Verissimo Gabriele

       
  • Matteo

    In realtà il dato importante è la massa ed ul volume drl ghiaccio. Cosa che non viene menzionata nemmeno di striscio.

    Inoltre…l’ultimo mese di agosto è stato uno dei più caldi di sempre. Siamo in pieno GW. Il fatto che sia stabile da dieci anni non significa mica che non c’è. Qui si negano le basi della matematica e della statistica.

    Se io ho febbre a 40 costante per una settimana. ….non dico mica che la febbre mi è passata solo perché è costante. 🙂

     
    • Giorgio

      Se osservi attentamente la curva discendente delle T. antartiche puoi notare che non si tratta affatto di uno stop del GW.Per cio che riguarda il volume dei ghiacci anch’esso e’ in progressivo aumento.Il GW c’e stato, negarlo e’ da incoscenti, ma negli ultimi anni si e’ avuta un’inversione di marcia

       
    • Attività Solare

      Matteo, te l’avrò detto ormai centinaia di volte. Ora te lo dico per l’ultima volta: NON SPARARE CAZZATE, visto che sai benissimo di spararle… E non mi sta affatto bene che una persona colta come te lo faccia. La temperatura del pianeta terra sta diminuendo dal 1998 circa. Questo è un dato di fatto che DEVI iniziare a prendere in considerazione. Se non lo fai mi fai capire che dietro la tua posizione c’è qualche “pressione” che non ti appartiene.

      Per quanto riguarda il mese di agosto… è l’ennesima STRONZATA MEDIATICA messa in circolazione dai soliti figli di buona donna. Dov’è stato registrato questo “caldo eccezionale”? In alcune parti degli USA, giusto? Qui si parla di Antartide. E comunque a livello planetario la tendenza della temperatura ormai è delineata dal 1998. Sono 16 anni che è cosi’. E voi vi ostinate a non considerare le BASI della FISICA?

      Se proprio vuoi continuare a commentare… apporta dati concreti inconfutabili. Non quelli della NASA e di altri enti deviati. Dimostra dati alla mano che è stato un anno caldissimo ovunque… che lo scioglimento dei ghiacci è in atto come ormai ripetete a pappagallo da oltre 10 anni senza sapere di cosa parlate…. che non c’è stato innevamento sulle alpi e che al nord italia (ad esempio) hanno sofferto la siccità. Allora… solo allora inizierò a crederti. Ma sappiamo entrambi che NON PUOI DIMOSTRARE IL FALSO. Pertanto evita.

      BM

       
      • Giorgio

        I ghiacci aumentano perche fa piu caldo.
        Si tratta dunque di ghiacci bollenti. 🙂

         
  • il badarbunga è in riposo per ora….

     
  • giusy

    Quanto tempo ci vorrà per ritrovarci in una piccola era glaciale? Anni o secoli?

     
  • ripercussioni sulla navigazione di capo horn ?

     
  • antonio

    Ma come è possibile? Come è possibile che ovunque parlano di riscaldamento e voi dite il contrario? Chi ha ragione?

     
    • Giorgio

      I dati sono questi.Se poi vengono manipolati o distorti non e’ responsabilita nostra

       
    • Ma dove è questo riscaldamente globale? Antonio dici che parlano, ma tu dove vivi su marte? credo di no, dai in questi ultimi anni il caldo dove è ? cioè quest’anno almeno al nord italia la temperatura massima è stata 25 gradi per un giorno non di più e ha sempre piovuto

       
  • Antonio Vicarini

    Che il GW si sia arrestato e sia in atto un brusco raffreddamento globale sia indiscutibile: Discutibilissima, invece, è la possibilità teoriche che anche i giornalisti nostrani se ne possano accorgere, sarò pessimista ma io non credo, neanche con evidenze inoppungnabili ed un tempo infinito.

     
    • Giorgio

      Condivido.

       
  • speriamo che inizi presto una super Era Glaciale , voglio vederli qui in Nord Italia

     
    • Se fosse vero sarebbe un disastro di proporzioni disumane

       
    • In milioni morirebbero di fame

       
    • Di sete e di freddo

       
    • Insomma una cosa apocalittica!!!

       
    • Non esageriamo….

       
    • Non possiamo sapere cosa potrà produrre una peg , semmai dovvessimo arrivare a tanto, di sicuro ci sarebbero enormi ripercussioni economicosociali in tutti quei paesi ove oggi c’è un clima temperato .

       
    • Se il raffreddamento sara graduale ci sara il tempo per adattarsi, viceversa sarebbe una tragedia mondiale

       
      • Ma guarda ho letto tanti libri sul clima e, dalle ultime scoperte di pochi mesi fa, se si va verso una peg, o addirittura un era glaciale, il raffreddamento è rapido si parla di pochi mesi , al massimo un anno

         
        • Giorgio

          I tempi del raffreddamento sono molto piu rapidi rispetto a quelli del riscaldamento. Un solo anno mi pare davvero poco….

           
    • Guardando gli ultimi 3 anni…..di graduale vedo poco

       
    • io non vedo grandi disastri, ma una rivoluzione tecnologica sì..

       
    • forse il vero disastro e’ che l europa i prossimi anni rimarra senza gas russo , al freddo

       
  • PEG !

     
  • vale a dire meglio o peggio ?

     
    • Ogni evento e’ neutrale.Ognuno di noi ne attribuisce una carica emotiva positiva o negativa a seconda dei gusti e degli stati d’animo.

       
    • ad ogni modo peggio , con il caldo si coltiva con il freddo no !!! commento da freddofilo ….

       
    • Anche il riscaldamento produce danni enormi.Ogni rottura degli attuali equilibri climatici comporta danni, certo e’ che il freddo ne fa di piu del caldo

       
    • Ovviamente !!! 😉

       
    • vero………grazie..