Anomalie termiche (SSTA) anomale…

Oggi, mentre mi ritrovavo a sudare sul letto dove stavo cercando di riposare, pensavo al perché la gente non riesce a rendersi conto dell’effettivo andamento del clima terrestre e relative temperature. La risposta è nel titolo e in carte come la successiva:

 

sst_anom

In questa carta sono visibili le anomalie termiche, per il giorno 7 Agosto 2016, rispetto al periodo di riferimento.

Prima di tutto non viene specificato quale sia il periodo di riferimento… il che rende inutile usare tale carta per qualsiasi dimostrazione climatica, secondo… come più volte ho spiegato, usare le carte SSTA (Sea Surface Temperature Anomalies), è praticamente inutile!

Guardandola bene, notiamo come ci siano delle aree con anomalie positive, anche elevate, in zona artica.
Da qui la convinzione di moltissima gente, che il ghiaccio del polo Nord si sta sciogliendo.
Non è, ovviamente, così. Infatti monitoriamo periodicamente questa carta e abbiamo notate che le anomalie sono quasi sempre “costanti”.
Oltre il Circolo Polare Artico, dove sappiamo che c’è ancora molto ghiaccio, sono SEMPRE  presenti anomalie termiche positive.
Ma  se c’è ghiaccio, la temperatura dell’acqua è di 0°C… e siccome non abbiamo motivo di pensare che tale “condizione fisica” sia mutata negli ultimi  anni, ne consegue che le SSTA, per le zone dove c’è ancora ghiaccio, siano palesemente errate.

 

In queste 2 carte qui sopra è possibile vedere la situazione ghiacci artici per il Polo Nord (a sinistra) e il Polo Sud (a destra). Come vedete, c’è ghiaccio… molto  ghiaccio.

Tornando invece alle temperature degli oceani, che determinano quelle dell’aria, guardiamo questa coppia di carte SSTA:

Guardatele attentamente. Quello che cambia è solo il periodo di riferimento:

  • a sinistra va dal 1880 al 1910…. fu uno dei periodi  più freddi degli ultimi secoli. Pertanto è normale che le anomalie siano largamente positive.
  • al centro va dal 1951 al 1980…. fu il periodo più freddo e recente degli ultimi 2 secoli. Anche qui… di anomalie  positive ce ne sono tantissime.
  • a destra abbiamo il periodo di riferimento che va dal 1981 al 2010ed è quello mediamente più caldo e recente.

Come vediamo… le anomalie termiche positive della carta di destra sono nettamente minori rispetto a quelle presenti sulle altre 2 carte.
Pertanto a chi dobbiamo  credere? A chi ci dice, ad esempio, che la Siberia sta diventando un “inferno” per le temperature sempre costantemente sopramedia (falso) oppure a quest’ultima carta che ci dimostra, invece, che ci sono  ampie zone con SSTA negative?

Ma guardiamo le ultime 3 carte…

Sono  le stesse identiche carte di prima… ma con la differenza che nel caso precedente, i dati sono stati “smussati” con un raggio di 1200 km. In questo caso il raggio di tale operazione matematica è di  soli 250 km.

A cosa serve? Semplice… a riempire i “vuoti”.
Infatti i dati disponibili con centraline a terra, non sono omogenei e non coprono tutto il pianeta. Pertanto dove non ci sono dati, o si lascia una zona grigia, oppure si calcolano in qualche modo dei dati sulla base di quelli disponibili nelle aree limitrofe.
Ed è qui, purtroppo, che casca l’asino. Perché nessuno ci  dice, ad esempio, che nella carta centrale, l’anomalia positiva presente sulla costa occidentale della Groenlandia sia “uguale” su tutta la superficie dell’isola…. Pertanto anche qui… prima di trarre conclusioni affrettate, come fanno tutti quelli che credono al Riscaldamento Globale Antropico, bisognerebbe capire bene cosa dicono i dati.
E i dati ci dicono che il trend delle temperature è al raffreddamento. Questo ovviamente si evince dall’analisi di centinaia di carte come quelle qui sopra… non solo da 3 carte prese a caso!

Buona Serata
Bernardo Mattiucci
Attività Solare

 

  • Luca Piri

    Non vi leggevo da molto tempo e devo ammettere che siete riusciti a peggiorare il contenuto dei vostri articoli.

     
    • Io speravo invece di non leggerti più. Sei semplicemente patetico!

      Bernardo