ANCORA PESANTE MALTEMPO IN MOLTE REGIONI FINO A VENERDI’, NUBIFRAGI GIOVEDI’ E A FINE MESE ANCORA IPOTESI FREDDE E NEVOSE

Posted on 22/11/2016 by in Analisi lungo termine

22-11-2016 – Salve a tutti, fase meteorologica ricca di eventi in questo autunno molto dinamico, che sta mostrando il suo volto più estremo in questi giorni.

Massiccia saccatura a ovest dell’Italia, annunciata da giorni e con essa il forte maltempo al nordovest (fig.1).

fig.1

met10_rgbnatcolour_westerneurope_20161122100000

La saccatura si sta sempre più meridianizzando e distaccando dal flusso principale atlantico, generando entro domani sera un’ampia goccia fredda e ovest dell’Italia (fig.2).

fig.2

rtavn9611

Già nelle ultime 24 h il maltempo ha pesantemente colpito il nordovest, in particolare il settore di golfo ligure al confine tra Genovese e Savonese, dove sono caduti fino a 500 mm cumulati, un valore incredibile. Ma anche la città di Genova ha sperimentato forti rovesci nella mattinata e il peggio forse deve ancora arrivare.

Dalla fig.2 si evince bene infatti, come la depressione generata dalla grande saccatura atlantica andrà praticamente a isolarsi nel Mediterraneo, inviando impulsi perturbati in serie nelle regioni più occidentali, colpendo ancora una volta nordovest, golfo ligure ma anche coste toscane e resto del centrosud a seguire. Particolarmente pericolosa in tal senso appare la giornata di giovedì, con una coda fino al mattino di venerdì, quando veri e propri nubifragi potrebbero interessare il Tirreno settentrionale e Liguria e piogge molto intense e persistenti andranno a interessare la cerchia prealpina piemontese centrale e settentrionale (fig.3).

fig.3

hrrr-11

Insomma, premesse rispettate come da previsione ed evoluzione assolutamente da tenere sotto controllo a causa delle precipitazioni cumulate che potrebbero interessare i settori menzionati.

A fine mese poi potrebbero arrivare anche il freddo e la neve in alcune regioni, sebbene sembra che si debba trattare di un passaggio fugace, ma l’evoluzione è ancora in bilico a causa della possibile interazione di una massiccia colata artica continentale e le depressioni vaganti nel Mediterraneo in questo periodo. Il modello europeo continua a mostrare un afflusso gelido dai quadranti nordorientali (fig.4).

fig.4

ecmwf_t850a_eu_8

Stagione quindi che mantiene tutte le premesse formulate in questo periodo l’inverno non è ancora arrivato.

Fonte Web: ANCORA PESANTE MALTEMPO IN MOLTE REGIONI FINO A VENERDI’, NUBIFRAGI GIOVEDI’ E A FINE MESE ANCORA IPOTESI FREDDE E NEVOSE

Roberto
Attività Solare