AGGIORNAMENTO SOLARE 3 GIUGNO

Attività solare che nella giornata di ieri è stata a livelli bassi, si è registrato solo un debole M flare.

La regione 2077 inaspettatamente ha generato un M 1.3,  anche se è stato di tipo impulsivo, e quindi non è riuscito a generare una CME.

363925.global.thumb

L’ultimo M flare risaliva a 10 giorni fa, e fu dello stesso livello. Questo ci fa capire di come è in calo l’attività. Tutte le altre regioni rimangono stabili, una nuova regione è apparsa nell’emisfero sud, ha preso il numero 2080, ma per il momento non è interessante.

Regione 2077

2077a2

Immagine da SDO Continuum

363925.global.thumb

Immagine da SDO Magnetogram

363925.global.thumb

Possibilità di flares classe M:15%
Possibilità di flares classe X:   1%
Elenco dei flares del 3 Giugno:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0.
Flare of class M1.3 2077 03:58:00 04:09:00 04:17:00
Immagine di GOES 15 x-ray flux
Xray
Valore flusso solare misurato alle 20 UTC: 107
Valore flusso solare mensile medio: 105.2

Flusso solare rispetto alle ultime 24 ore, in leggero aumento (+ 1.7 punti)

Sunspot number medio mensile

90.6 SIDC

Layman’s count: 20

Vento solare attuale: 345.2 km/s

Elenco regioni attive (valori al 2 Giugno)

Legenda: m.s = milionesimi solari, g.m = gruppo magnetico

Nota particolare la Terra è pari a 169 milionesimi solari

№ 2075 – m.s 10 – g.m Alpha

№ 2077 – m.s 90 – g.m Beta

№ 2078 – m.s 10 – g.m Alpha

№ 2079 – m.s 100 – g.m Alpha

Immagine da Stonyhurst Heliographic, sunspots stazionario, da come si vede nel grafico, si vedono 5 regioni fronte Terra (riquadro centrale).

363925.global.thumb

Da segnalare la presenza di un grosso filamento solare, situato nel lato orientale della parte visibile, esso è lungo ben 400 mila miglia, ossia quasi 650 mila km, il doppio di quello che è apparso il 1 Settembre 2012, direi di seguirlo con attenzione, nell’eventuale rilascio, che potrebbe aumentare il vento solare.

Andrea