AGGIORNAMENTO SOLARE 10 SETTEMBRE

Attività solare che nella giornata di ieri è stata a livelli alti, si è registrato un X-flare e un C (debole).

E dopo quasi 3 mesi si interrompe la pausa dell’X flare, la responsabile è la regione 2158 di livello magnetico (Beta-Gamma), che alle 17:45 UTC ha prodotto un X1.6,di lunga durata (59 minuti). Si tratta del 19° flare più forte del ciclo, quindi niente di eccezionale. L’attenzione però va riposta alla posizione della regione, perchè è pienamente geo-effettiva, e la CME che si è generata ha avuto un picco di 3750 km/s, evento che viene catalogate come Type II di emissioni radio, questo indica una forte eruzione di massa coronale, che è diretta verso la Terra.

 

In allegato un video delle sonde LASCO C2 e C3, che mostrano una importante CME che sta lasciando la superficie solare a seguito del major flare. Il flusso di protoni è cominciato ad aumentare, e questo comporta ad una possibile tempesta di radiazioni che andrebbe ad influire sulle rotte poste ad alte latitudini e ai satelliti orbitanti. Una volta che l’onda di plasma raggiungerà la Terra, possibile nella giornata di Venerdì, una minore o maggiore tempesta geomagnetica potrebbe iniziare. C’è da aggiungere che questo evento andrà ad interagire anche con il flare M4.5 generato il giorno prima , per cui occhi in allerta per gli sky watchers. Nota particolare le web cam islandesi potrebbero regalare uno spettacolo mozzafiato, aurora ed eruzione allo stesso tempo!

Xray

E’ la sola regione 2158 a tenere alta l’attenzione. La 2157 posta nel sud emisfero ha dato segnali di crescita ed ha anche un livello magnetico (Beta-Gamma-Delta), per cui un eventuale M-flare potrebbe generarlo. le altre regioni rimangono stabili.

Regione 2158

2158a6

 

Immagine da SDO Continuum

images

 

 Immagine da SDO Magnetogram

images 2

 

Possibilità di flares classe M:  85%
Possibilità di flares classe X:   40%
Elenco dei flares del 10 Settembre:La legenda è la seguente: Il primo campo rappresenta la classe e il valore del flare, il secondo campo la numerazione della regione, il terzo campo l”orario di inizio del flare, espresso in UTC, il 4 campo l’orario del raggiungimento del massimo del flare, il 5 e ultimo campo, l’orario di fine del flare. Nel caso la regione non ha ancora numerazione viene assegnato il numero 0.
Flare of class C2.4 2157 05:12:00 05:24:00 05:32:00
Flare of class X1.6 2158 17:21:00 17:45:00 18:20:00
Immagine di GOES 15 x-ray flux
 Xray
Valore flusso solare misurato alle 20 UTC: 160
Valore flusso solare mensile medio: 148.3

Flusso solare rispetto alle ultime 24 ore:  in leggero aumento (+ 1 punto)

Sunspot number medio mensile

80 SIDC

Layman’s count: 61

Vento solare attuale: 383 km/s

Elenco regioni attive (valori al 9 Settembre)

Legenda: m.s = milionesimi solari, g.m = gruppo magnetico

Nota particolare la Terra è pari a 169 milionesimi solari

№ 2155 – m.s 60 – g.m Beta

№ 2157 – m.s 460 – g.m Beta-Gamma-Delta

№ 2158 – m.s 400 – g.m Beta-Gamma

№ 2159 – m.s 10 – g.m Alpha

№ 2161 – m.s 10 – g.m Alpha

№ 2162 – m.s 40 – g.m Beta

№ 2163 – m.s 90 – g.m Beta

Immagine da Stonyhurst Heliographic, sunspots in leggero calo, da come si vede nel grafico si vedono 7 regioni fronte Terra (riquadro centrale).

sep9

 

Andrea

 

 

  • son curioso di vedere se domani i pannelli solari pompano di più 🙂

     
  • non mi preoccupa tanto l’intensità ma il vento solare è altino..

     
  • Speriamo che questa CME non dia troppa spinta a terremoti e vulcani…già stiamo “messi bene” così, direi…