17° SECOLO: LA ‘PICCOLA ERA GLACIALE’ VENNE CAUSATA DAL CALO DEGLI URAGANI DICE UN NUOVO STUDIO

030716_ts_hurricane-main

(TRUNEWS) Un nuovo studio dimostra che durante la “Piccola Era Glaciale” tra il 1645 e il 1715 la frequenza degli uragani nell’Oceano Atlantico crollarono del 75%. Nello studio dal titolo ““Shipwreck rates reveal Caribbean tropical cyclone response to past radiative forcing”  un gruppo di ricerca guidato dalla University of Arizona a Tucson, ha analizzato il periodo che ha coinciso con il minimo di Maunder, un periodo di attività solare e luminosità solare registrata molto bassa. “Non siamo andati alla ricerca del minimo di Maunder; è appena saltata fuori dai dati”, dice Valerie Trouet, coautrice dello studio, ha riferito a Science News.

Dopo aver analizzato attraverso tutte le osservazioni dettagliate degli uragani che risalgono al 1851, e un catalogo di naufragi in Atlantico, Trouet e il suo team sono stati in grado di identificare più di 650 navi spagnole affondate dagli uragani tra il 1495 e il 1825. I ricercatori contrappongono questi dati agli anelli degli alberi dei pini raccolti lungo la costa orientale della Florida, che potrebbe essere databile al 1707.
I ricercatori hanno utilizzato gli anelli degli alberi come una variante di confronto perché i danni provocati dagli uragani è noto come arrestino la crescita degli alberi, misurabile attraverso le analisi degli anelli annuali concentrati nei pini. Ciascuno di questi record ha mostrato contemporaneamente una chiara correlazione, permettendo ai ricercatori di compilare un record maestro di frequenza degli uragani per il periodo.

030716_ts_hurricane-inline-2
Florida, il taglio dei pini – PER CORTESIA di Grant L. HARLEY/UNIV. DI SOUTHERN MISSISSIPPI

 

I dati hanno mostrato che il numero di naufragi causati dagli uragani durante il minimo di Maunder era meno di un terzo del numero di relitti nei decenni precedenti. Trouet ha riferito a Science News che un rallentamento degli uragani durante quel periodo di bassa attività solare ha un senso, soprattutto perché gli uragani traggono il loro carburante dalle calde temperature delle acque superficiali del mare e dalle elevate tempeste elettriche.

 

LA RISPOSTA DEL NOAA

Gabriel Vecchi, un oceanografo presso il National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) Geophysical Fluid Dynamics Laboratory di Princeton, N.J. ha commentato a Science News che i risultati non significano necessariamente che il riscaldamento globale aumenterà la frequenza degli uragani.
Mentre entrambi i gas a effetto serra di luminosità e calore intrappolando i raggi solari, causano il riscaldamento e i loro effetti sugli uragani “non sono analogamente perfetti”, ha detto Vecchi. Vecchi ha fatto notare, tuttavia, che i nuovi dati possono migliorare l’accuratezza delle simulazioni climatiche, dicendo a
Science News che “siamo in grado di chiedere a un modello, ‘Quando ti inseriamo meno raggi solari, cosa fai?’ Se non ci dà un minor numero di uragani, possiamo allora chiedere il perché. Questo ci dà qualcosa per poter approfondire”.

 

RAFFREDDAMENTO GLOBALE

Da precedenti interviste a persone su TRUNEWS, Rick Wiles è stato detto dagli scienziati che il mondo si sta dirigendo verso un periodo di raffreddamento. Gli esperti hanno riferito che il riscaldamento globale antropogenico è uno strumento di geo-politica della élite globale, per facilitare le iniziative di paralizzare gli Stati Uniti dalla produzione industriale e di conseguenza portare alla bancarotta la nostra popolazione attraverso la tassazione frivola e pesante. Questi dati dimostrano che il clima nel mondo ha effettivamente un ciclo naturale tra il riscaldamento e il raffreddamento, con l’ultimo periodo di raffreddamento che si è verificato prima dell’ultima grande rivoluzione industriale.

 

*************************************************************************************

The study will appear in a paper published in the Proceedings of the National Academy of Sciences.

“Shipwreck rates reveal Caribbean tropical cyclone response to past radiative forcing” authors were:

  1. Valerie Trouet, Paleoclimate Scientist, University of Arizona in Tucson
  2. Grant L. Harley, Assistant Professor of Geography, University of Southern Mississippi
  3. Marta Domínguez-Delmás, Marie Curie Fellow ForSEAdiscovery project, Universidad de Santiago de Compostela

Read more at http://www.trunews.com/17th-century-little-ice-age-caused-drop-in-hurricanes-study/#yiQWCFF1Ua8PPVFZ.99

Fonte: TRUNEWS

Enzo
Attività Solare