125 ANNI DI ETA’ DEL GHIACCIO SONO LEGATI ALLA PESTE E ALLA CADUTA DEGLI IMPERI

gettyimages-529229691-1200x800

DAILY NEWS 8 February 2016

L’inverno stava arrivando. Nel 536 AD, la prima delle tre massicce eruzioni vulcaniche inaugurò una mini era glaciale. Essa coincise con un’epidemia di peste, il declino dell’Impero Romano d’Oriente, e sconvolgimenti radicali in tutta l’Eurasia.

Ora abbiamo la prima prova che l’interruzione del clima caldo continuò molto più a lungo di un decennio, come si pensava in precedenza. Il periodo di freddo prolungato è durato fino a circa il 660, colpendo l’Europa e l’Asia centrale, e forse anche il resto del mondo.

Il lavoro svolto si basa sulla ricerca che ha utilizzato campioni di ghiaccio per identificare tre significative eruzioni vulcaniche negli anni 536, 540 e 547. Ora Ulf Büntgen presso il Swiss Federal Research Institute in Birmensdorf e i suoi collaboratori hanno utilizzato i dati degli anelli degli alberi provenienti dall’Europa e dall’Asia Centrale per dimostrare che decenni di estati più fresche – in alcuni casi anche di 4°C più freddi – seguirono, probabilmente causati da particelle vulcaniche nell’atmosfera.

Durante questo periodo, le temperature medie estive sarebbero state di circa 2°C inferiori a quelle del 1961-1990, il periodo di riferimento standard che si utilizza per studi di questo tipo.

Questo lungo periodo freddo ha coinciso con un periodo di agitazione sociale diffusa in tutta l’Eurasia, tra cui la peste che spazzò tutta l’Europa orientale, cambiando le dinastie cinesi, portando gli slavi in espansione in tutta l’Europa, e la trasformazione dell’Impero Romano d’Oriente nell’impero bizantino.

“Quello che si verificò in quel periodo di cambiamento sociale, culturale e politico risultò drammatico”, dice Shaun Tougher, uno storico della Cardiff University, nel Regno Unito, che comunque non è coinvolto direttamente nella ricerca. “Forse aspetti delle modifiche sono state aggravate da un periodo più freddo.”

Lo stress delle società

“Dagli studi sul clima viene suggerito che la causa di eventi complessi nella storia umana come la caduta degli imperi è molto controversa”, dice il geografo Francis Ludlow della Trinity College Dublin in Irlanda. “In ultima analisi [però], non ci possono essere molto dubbi sul fatto che questo tipo di eventi climatici improvvisi pongono grande stress sulle società, e possono a volte portarli oltre il limite.”

Questo potrebbe aver contribuito ad accelerare la scomparsa di ciò che restava dell’Impero Romano, per poi limitarlo al solo Mediterraneo, che perdeva territorio e potere durante il periodo della mini era glaciale. La stagione di crescita più breve avrebbe colpito le colture, e questo avrebbe di conseguenza portato alla fame rendendo le persone più vulnerabili alle malattie.

“Tale rottura climatica potrebbe aver contribuito ad un maggior numero di roditori aumentandone la peste nell’impero“, dice lo storico Doug Lee della University of Nottingham, nel Regno Unito.

Non erano solo i romani che in quel tempo soffrirono – l’Impero turco d’Oriente intorno alla moderna Mongolia e le dinastie Wei del Nord e Sui in Cina scesero anche in questo periodo.

Vincitori nel tempo

Questo periodo è quello che gli storici chiamano tarda antichità, e così la squadra di Büntgen ha chiamato l’evento di raffreddamento tardo antico nella piccola era glaciale.

Avrebbe potuto essere più grave rispetto al periodo tardo antico, più noto come Little Ice Age. “Sulla base di questo studio, possiamo affermare che questo episodio è stato il più freddo nel corso degli ultimi 2.000 anni”, dice Büntgen.

Il periodo ha avuto la sua quota di vincitori. “In ogni periodo di cambiamento climatico, ci saranno alcune regioni e le società in grado di adattarsi meglio”, dice Ludlow.

La penisola arabica potrebbe essere stata una zona che ne ha beneficiato, forse diventando meno asciutta durante questo periodo, dice Büntgen. “Noi sosteniamo che questo è stato un momento in cui un aumento della vegetazione in questa zona avrebbe potuto essere utile per le persone nomadi o per alimentare i cammelli.” Questo potrebbe aver aiutato i popoli arabi a muoversi verso l’Europa e conquistare terra a scapito dei romani.

Tra gli altri vincitori durante questo periodo ci furono i Longobardi, che invasero l’Italia, e le prime lingue slave, che sembravano distribuite su gran parte dell’Europa continentale in questo momento da una patria sconosciuta.

Nature Geosciences, DOI: 10.1038/NGEO2652

Per saperne di più: AD 536: L’anno dove l’inverno non finì mai

Fonte: New Scientist

Enzo
Attività Solare