USA: Alcuni Scienziati chiedono al Presidente Obama di perseguire gli Scettici del Riscaldamento Globale

USA: Alcuni Scienziati chiedono al Presidente Obama
di perseguire gli Scettici del Riscaldamento Globale

IceAgeNow

Fonte: Scientists ask president obama to prosecute global warming skeptics

 

“Queste proposte non hanno niente a che fare con la scienza, non sono altro che un esempio di bullismo.” – Kerry Jackson.

“La scienza sul riscaldamento globale è definitiva, così definitiva che 20 scienziati del clima hanno richiesto al presidente (Statunitense) Barack Obama di perseguire le persone che sono in disaccordo con loro sulla scienza che sostiene il riscaldamento globale di origine antropica”, scrive Michael Bastasch.

“Scienziati provenienti da diverse università e centri di ricerca hanno anche chiesto ad Obama di far ricorso al Racketeer Influenced and Corrupt Organizations Act (RICO) per perseguire i gruppi che “hanno consapevolmente ingannato il popolo Americano sui rischi legati al cambiamento climatico, usandolo come strumento per prevenire la risposta degli Stati Uniti al cambiamento climatico”.

Queste proposte non sono altro che un esempio di Bullismo

“Queste proposte non hanno niente a che fare con la scienza, sono solo un esempio di bullismo, scrive Kerry Jackson su investors.com. “La comunità allarmista vuole utilizzare la forza del governo per imporre alle persone che si considerano scettiche – perché hanno visto la manipolazione dei dati sulle temperature, hanno assistito al fallimento dei modelli sul riscaldamento, sono consapevoli delle teorie cospirative di certi ricercatori e pensano con la loro di testa – di adottare il suo sistema di credenze. Conformatevi, la minaccia degli allarmisti incombe – o saranno guai.”

http://dailycaller.com/2015/09/17/scientists-ask-obama-to-prosecute-global-warming-skeptics/#ixzz3m6i5gZfj

http://news.investors.com/blogs-capital-hill/092115-771807-scientists-want-climate-change-skeptics-to-serve-prison-time.htm#ixzz3mVIOHjcs

http://www.climatedepot.com/2015/09/17/twenty-climate-scientists-including-top-un-scientist-call-for-rico-investigation-of-climate-skeptics-in-a-letter-to-obama-argue-skeptics-guilty-of-disinformation-like-tobacco-companies/


Importanti Scienziati climatologici bollano “Ingenua”
la Lettera dei 20 Accademici… La “Sottintesa
Imposizione Forzata” danneggia il mondo della scienza

Di Pierre L. Gosselin – NoTricksZone (Germania)

Fonte: Leading climate scientists blast letter by 20 academics as naive

20-academics1

Un paio di giorni fa ho pubblicato un commento rilasciato da Joe Bastardi sui 20 accademici che hanno scritto una lettera al Dipartimento di Giustizia chiedendo un’inchiesta sulle opinioni dei dissidenti sulla scienza climatologica e sui loro sostenitori.

Da allora è venuto fuori che almeno uno di questi studiosi ha accumulato enormi ricchezze manipolando a proprio vantaggio i sussidi governativi sul clima, cosa che immediatamente fa aggrottare le sopracciglia portando al centro questioni quali l’obiettività e la condotta etica.

Ho anche ricevuto alcuni commenti dalla professoressa Judith Curry del Georgia Tech e dal Dottor Sebastian Lüning, geologo.

Questo è il commento della Prof. Curry:

“Sono stupita dalla ingenuità di questi scienziati, che stanno danneggiando la loro reputazione per la loro ingenua ingerenza in un dibattito politico complesso. Sembrano non rendersi conto che le tabelle potrebbero rivoltarglisi contro se i venti della politica dovessero cambiare (diciamo con l’elezione di un Presidente degli Stati Uniti Repubblicano), e la pressione infuocata potrebbe quindi essere spinta sui gruppi di difesa verdi e gli scienziati che si impegnano con loro. La scienza è sufficientemente incerta da permettere diverse narrative razionali per quello che ha causato il riscaldamento del 20esimo secolo e per come evolverà il clima del 21esimo secolo. Questi 20 scienziati danneggiano non solo la loro reputazione, ma danneggiano anche la percezione pubblica degli scienziati come una fonte affidabile di informazioni. Della massima gravità è che la coercizione degli scienziati che è implicita in questa lettera scoraggerà l’obiettività nella ricerca scientifica e scoraggerà gli scienziati ad entrare / rimanere nel campo della ricerca climatologica”.

“Antidemocratica e poco professionale”

Anche Sebastian Lüning trova che tutta questa vicenda sia un pò strana e “poco professionale”. Ha scritto: “Invece di cause penali, abbiamo urgente bisogno di un obiettiva “corte scientifica”, dove gli argomenti di entrambi gli schieramenti, quello dell’IPCC e quello degli scettici, sono discussi tecnicamente e a mente aperta. E’ antidemocratico e poco professionale mettere a tacere gli scienziati minacciandoli di azioni legali se non sottoscriveranno la linea ufficiale di interpretazione / linea di partito. Ci sono molti esempi storici dove pionieri della scienza come Galileo Galilei o Alfred Wegener sarebbero finiti in prigione in simili circostanze.”

Infine, anche il Prof. Nicola Scafetta della Duke University mi ha fatto avere un breve commento:

“Auguriamoci che questa evidente politicizzazione della scienza finisca presto.”