Ultimi articoli

Nowcasting solare 24 settembre 2016 settembre 25, 2016 1:03 am

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata del 24 settembre è rimasta a livelli molto bassi. Entrambe le regioni 2593 (N07W66, EAO/beta) e 2596 (N05W81, Cao/beta) hanno esposto pochi cambiamenti. La Regione 2597 (S13W07, Dsc/beta-gamma) ha mostrato nel suo punto intermedio evidenziando una configurazione di polarità mista. Il mese di Giugno si è contraddistinto per i suoi 12 giorni spotless, mentre 5 sono state le giornate spotless nel mese di luglio e una nel mese di agosto per un totale di 18 giorni in questo 2016 (conteggio SIDC). Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Previsioni per le prossime 72 ore:L’attività solare rimarrà a livelli molto bassi nei prossimi tre giorni (25-27 settembre) con alcune possibilità di flare di classe C.   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava 3 regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2593 N09W59 48 50 11 EAO 9 B 2596 N05W73 62 50 6 CAO 4 B 2597 S13W00 349 30 5 CAO 6 B L’immagine del Sole inviata dalla... Mostra articolo

» Pubblicato da
La Coppia Che Scoppia Produce Oro settembre 24, 2016 7:00 am

  Due interessanti implicazioni di un nuovo studio su Nature Communication: le fusioni di oggetti compatti, come stelle di neutroni o buchi neri, producono la maggior parte dell’oro e di altri metalli pesanti rari; oltre alle onde gravitazionali, i “merger” di stelle di neutroni danno origine a esplosioni di macronova, visibili con i telescopi ottici. Tra gli autori, Stefano Covino e Paolo D’Avanzo dell’INAF di Stefano Parisini Venerdì 23 Settembre 2016 @ 16:55 Una ricerca appena pubblicata su Nature Communication, realizzata da un gruppo internazionale di scienziati tra cui Stefano Covino e Paolo D’Avanzo dell’INAF/Osservatorio Astronomico di Brera, analizzando i cosiddetti lampi gamma brevi (short GRB), ha confermato che spesso, se non sempre, le fusioni di coppie di oggetti compatti – come buchi neri o stelle di neutroni – producono anche un particolare evento esplosivo, confermato solo di recente, detto kilonova o macronova, dalla luminosità mille volte più intensa di una stella nova. Inoltre, tali coalescenze (merger) risultano particolarmente “preziose”, in quanto producono la maggior parte di oro e altri elementi pesanti rari – come uranio, platino, argento, etc. – presenti nell’universo. Questa sequenza illustra il passaggio dal lampo gamma breve all’esplosione di macronova: una coppia di stelle di neutroni... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting solare 23 settembre 2016 settembre 23, 2016 23:11 pm

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata del 23 settembre è rimasta a livelli molto bassi. Le Regioni 2593 (N09W53, Eao/beta) e 2596 (N05W67, Cao/beta) sono rimaste inattive durante tutto il periodo. La Regione 2593 ha mostrato una leggera crescita, mentre un decadimento è stato osservato nella Regione 2596. Il mese di Giugno si è contraddistinto per i suoi 12 giorni spotless, mentre 5 sono state le giornate spotless nel mese di luglio e una nel mese di agosto per un totale di 18 giorni in questo 2016 (conteggio SIDC). Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Previsioni per le prossime 72 ore:L’attività solare rimarrà a livelli molto bassi nei prossimi tre giorni (24-26 settembre) con alcune possibilità di flare di classe C. Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava 3 regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2593 N08W45 47 70 9 DAO 7 B 2596 N05W58 60 30 4 CAO 3 B 2597 NEW L’immagine del Sole inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio... Mostra articolo

» Pubblicato da
Buchi Neri A Centinaia A 50 Mila Anni Luce Da Noi settembre 23, 2016 7:00 am

  Pubblicato oggi su MNRAS, uno studio della University of Surrey fa luce su un fenomeno che fino a poco tempo si pensava impossibile: un ammasso globulare pieno di buchi neri. Nel team che ha compiuto la scoperta c’è Alice Zocchi, laurea a Milano e ora in Inghilterra. L’abbiamo intervistata di Marco Malaspina Giovedì 8 Settembre 2016 @ 19:26 «Gli ammassi globulari sono spesso considerati oggetti noiosi, dei quali ormai sappiamo già tutto quel che c’è da sapere. Invece sono molto curiosi. E ogni volta che si fa uno studio approfondito salta fuori qualcosa di nuovo ed eccitante», garantisce a Media INAF Alice Zocchi – laurea e dottorato a Milano, da due anni a Guildford, nel Regno Unito, come visiting researcher – con l’entusiasmo contagioso della ricercatrice. Ebbene, stando a quanto si legge in un articolo pubblicato oggi su Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, i fatti sembrano darle ragione. L’ultimo ammasso globulare finito nel mirino suo e dei suoi colleghi della University of Surrey, una “palla di stelle” a meno di cinquantamila anni luce da noi nota come NGC 6101, potrebbe ospitare centinaia di buchi neri. La regione centrale dell’ammasso globulare NGC 6101 osservata dal telescopio spaziale Hubble.... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting solare 22 settembre 2016 settembre 22, 2016 23:24 pm

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata del 22 settembre è rimasta a livelli bassi. La Regione 2595 (N08, L = 106) è risultata la responsabile di quasi tutta l’attività riportata durante il periodo, il più grande flare è risultato un C5 alle 05.47 UTC. La Regione 2593 (N06W41, Dai/beta) è rimasta per la gran parte del tempo inattiva, esponendo un lieve decadimento e separazione tra la zona leader e la zona posteriore della macchia. La Regione recentemente numerata con il numero 2596 (N06W47, Cao/beta) è emersa durante il periodo, ma è rimasta stabile e inattiva. Il mese di Giugno si è contraddistinto per i suoi 12 giorni spotless, mentre 5 sono state le giornate spotless nel mese di luglio e una nel mese di agosto per un totale di 18 giorni in questo 2016 (conteggio SIDC). Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Previsioni per le prossime 72 ore:L’attività solare rimarrà a livelli molto bassi nei prossimi tre giorni (23-25 settembre) con alcune possibilità di flare di classe C.   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava due regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting solare 21 settembre 2016 settembre 22, 2016 14:00 pm

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata del 21 settembre è rimasta a livelli bassi a causa di due brillamenti di classe C1 scaturiti dalla Regione 2593 (N06W32, Dai/beta) alle 10.39 UTC e dalla Regione 2595 (N08W90, Dso/beta) alle 11.51 UTC. Inoltre la Regione 2593 ha mostrato una leggera crescita, mentre la Regione 2595 è rimasta stabile. Il mese di Giugno si è contraddistinto per i suoi 12 giorni spotless, mentre 5 sono state le giornate spotless nel mese di luglio e una nel mese di agosto per un totale di 18 giorni in questo 2016 (conteggio SIDC). Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Previsioni per le prossime 72 ore:L’attività solare rimarrà a livelli molto bassi nei prossimi tre giorni (22-24 settembre) con alcune possibilità di flare di classe C. Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava due regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2593    N06W32     47     60     8     DAI   11      B 2595    N08W90    104    110     8     DSO    4      B L’immagine del Sole inviata dalla sonda... Mostra articolo

» Pubblicato da
Stratosfera, QBO, altre anomalie e… Antartide! settembre 22, 2016 7:00 am

 Per giorni si è parlato, discusso e analizzato più o meno criticamente, quello che è stato l’andamento della QBO (Quasi Biennal Oscillation), ovvero l’indice che descrive l’andamento dei venti stratosferici. Pochi sono coloro che, in questi ultimi giorni, sono andati alla ricerca delle cause… o concause o presunti anomalie che hanno portato la QBO ad controinvertire e tornare ad essere molto positiva… quando stava già diminuendo verso la neutralità e successivamente la negatività! Su queste pagine ho presentato un possibile legame… indicando, nell’anomalia del Jet Stream boreale che attraversava l’equatore per fondersi con quello australe, una possibile causa o correlazione. Ebbene… nelle ultime 48 ore ho avuto modo di intavolare un paio di confronti con dei miei contatti… anche loro in qualche modo “allarmati” da questa situazione, e dopo una bella e proficua chiacchierata con l’italianissimo Roberto Madrigali, è emerso un quadro non molto incoraggiante ma comunque interessante! Non molto incoraggiante per le ripercussioni che tale contesto di eventi potrebbe determinare da qui a qualche anno… Ma interessante dal punto di vista didattico, in quanto ci permetterà di comprendere i legami tra l’Attività Solare e le componenti “terrestri” individuabili in Stratosfera, Troposfera, correnti oceaniche e di conseguenza temperatura. In una... Mostra articolo

» Pubblicato da
Il Mainstream delle Palle settembre 21, 2016 7:00 am

 Autore: Massimo Lupicino Data di pubblicazione: 20 Settembre 2016 Fonte originale: http://www.climatemonitor.it/?p=42276   Oggi si parla di palle. E di demòni. Va bene, si parla anche di global warming, ma solo di quello antropogenico, quindi mi piace immaginare che questo articolo abbia pieno diritto di cittadinanza su questo sito. E comunque il manifesto è stato pubblicato, quindi andare fuori tema è un privilegio a cui non intendo rinunciare. Si sente parlare spesso di global warming sulla stampa mainstream, e di tante altre cose apparentemente non collegate. Solo apparentemente però, perché in realtà i megafoni del politicamente corretto raccontano tutti la stessa storia, pur in ambiti diversi. Ecco, oggi ci occupiamo di indagare i meccanismi che sono alla base della narrativa mainstream: perché ci raccontano tutti le stesse cose? E perché suonano così artefatte, lontane dai problemi reali della gente? E come mai le soluzioni proposte per questi problemi apparentemente irrilevanti sembrano fare a pugni con il buon senso? Strategic Management: Studia l’ambiente! I fondamenti di management strategico insegnano che non si può elaborare una strategia sensata se non si studia prima l’ambiente. Nel caso dell’AGW (Antropogenic Global Warming) identificheremo, come da manuale, un ambiente interno: quello che attiene, ad esempio,... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting solare 20 settembre 2016 settembre 20, 2016 23:13 pm

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 20 settembre è rimasta a livelli molto bassi. Le Regioni 2592 (N12E14, Cro/beta), 2593 (N09W04, Dao/beta) sono rimaste in gran parte inattive e non hanno mostrato alcuna crescita significativa nella copertura areale o magnetica complessiva. La nuova Regione 2595 (N11W57, BXO/beta) è emersa nella giornata di oggi, non mostrando nessuna crescita o attività sostanziale. Il mese di Giugno si è contraddistinto per i suoi 12 giorni spotless, mentre 5 sono state le giornate spotless nel mese di luglio e una nel mese di agosto per un totale di 18 giorni in questo 2016 (conteggio SIDC). Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Previsioni per le prossime 72 ore:L’attività solare rimarrà a livelli molto bassi nei prossimi tre giorni (21-23 settembre) con alcune possibilità di flare di classe C. Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava tre regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2592 N12E14 27 20 7 CRO 2 B 2593 N09W04 45 60 5 DAO 8... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting solare 19 settembre 2016 settembre 20, 2016 14:00 pm

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 19 settembre è rimasta a livelli molto bassi. Le Regioni 2592 (N12E14, Cro/beta), 2593 (N09W04, Dao/beta), e 2594 (N12W03, Axx/Alpha) sono rimaste in gran parte inattive e non hanno mostrato alcuna crescita significativa nella copertura areale o magnetica complessiva. Il mese di Giugno si è contraddistinto per i suoi 12 giorni spotless, mentre 5 sono state le giornate spotless nel mese di luglio e una nel mese di agosto per un totale di 18 giorni in questo 2016 (conteggio SIDC). Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Previsioni per le prossime 72 ore:L’attività solare rimarrà a livelli molto bassi nei prossimi tre giorni (20-22 settembre) con alcune possibilità di flare di classe C. Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava tre regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2592    N12E14     27     20     7     CRO    2      B 2593    N09W04     45     60     5     DAO    8      B 2594    N12W03     45     10     1     AXX    1      A L’immagine del Sole inviata dalla... Mostra articolo

» Pubblicato da
Cassini: Tuffo Spaziale Nel Signore Degli Anelli settembre 20, 2016 7:00 am

  La sonda di NASA/ESA/ASI lanciata il 15 ottobre 1997 per studiare Saturno e le sue lune si sta preparando a concludere il suo lungo viaggio il 15 settembre 2017. Durante le ultime e rischiose fasi, invierà dati unici e irripetibili sugli anelli, sul pianeta e sulla sua atmosfera di Eleonora Ferroni Venerdì 16 Settembre 2016 @ 16:00 L’estate sta per finire? Beh, nello spazio il periodo dei tuffi non è neanche cominciato. La fine di settembre (del 2016 e del 2017) sarà un periodo di addii per due missioni che abbiamo imparato ad amare negli ultimi anni. Rosetta e Cassini si preparano, infatti, al gran finale. Il prossimo 30 settembre la sonda Rosetta dell’ESA affronterà la manovra più importante nonché la più rischiosa dell’intera missione (anche se di momenti mozzafiato ce ne sono stati già parecchi durante questi anni): orbitare sempre più vicino fino a toccare la superficie della cometa 67P/Churyumov-Gerasimenko. E anche per Cassini (la sonda di NASA/ESA/ASI) si avvicina il momento forse più atteso di questa lunga missione (lanciata nel 1997 ed entrata in orbita attorno a Saturno il primo luglio 2004): nel settembre 2017 la navicella (in cui l’Italia gioca un importante ruolo scientifico) si getterà – letteralmente – tra gli anelli di Saturno... Mostra articolo

» Pubblicato da
Vulcani attivi nel mondo: Periodo 7 Settembre – 13 Settembre 2016 settembre 19, 2016 18:00 pm

 Nel periodo osservato, 5 vulcani hanno iniziato una nuova attività vulcanica, mentre quella tuttora in corso è stata rilevata per 14 vulcani. La presente relazione fa riferimento ai vulcani attivi nel mondo registrata nel periodo 7 Settembre – 13 Settembre 2016, in base ai criteri Smithsonian/Usgs. Quello descritto, non è un elenco completo di tutti i vulcani in eruzione sulla Terra durante il periodo in questione, ma piuttosto una sintesi di attività vulcanica che soddisfa i criteri illustrati in dettaglio nel paragrafo “Criteri e Dichiarazioni di non Responsabilità”. Attentamente monitorati i report sui vari vulcani vengono pubblicati mensilmente nel Bollettino Vulcanismo Rete Globale.   Nuova attività – in subbuglio: Klyuchevskoy, Central Kamchatka (Russia) Mayon, Luzon (Philippines) Piton de la Fournaise, Reunion Island (France) Sabancaya, Peru White Island, North Island (New Zealand) Attività in corso: Bagana, Bougainville (Papua New Guinea) Colima, Mexico Dukono, Halmahera (Indonesia) Fuego, Guatemala Grimsvotn, Iceland Karymsky, Eastern Kamchatka (Russia) Kilauea, Hawaiian Islands (USA) Nevado del Ruiz, Colombia Popocatepetl, Mexico Ruapehu, North Island (New Zealand) Santa Maria, Guatemala Sheveluch, Central Kamchatka (Russia) Turrialba, Costa Rica Yasur, Vanuatu   Forte eruzione stromboliana Il Report di attività vulcanica settimanale è un progetto di collaborazione tra la Global Program Vulcanismo dello... Mostra articolo

» Pubblicato da
Cambiamenti epocali o epoca di cambiamenti? settembre 19, 2016 7:00 am

 In questi ultimi giorni, come ogni mese, sono circolati articoli di varia natura che hanno sottolineato come, anche Agosto 2016, è stato il mese più caldo di sempre. Un sempre che abbiamo già spiegato… non è più lungo di 50 anni. Prima dell’avvento dell’era spaziale, databile intorno agli anni ’60-’70, le misurazioni potevano essere locali… o al massimo, nella migliore delle condizioni, continentale. Si avevano pochi dati a disposizione, molto diradati geograficamente e rilevati con la tecnologia dell’epoca. Le temperature avevano una precisione di 1/10 di grado al massimo… e la diffusione di centraline per il rilevamento della temperatura era molto meno elevata di quel che si potrebbe pensare. Eppure, da quel periodo, abbiamo appreso importanti nozioni circa il clima del nostro pianeta. Abbiamo appreso che questo è cambiato decine e decine di volte, in modo abbastanza ciclico, anche se questo erano in pochi a comprenderlo… e abbiamo appreso, soprattutto, che la causa era il Sole. Già all’epoca gli scienziati di tutto il mondo sapevano, avendolo studiato e sperimentato per secoli, che era solo il Sole, la nostra stella, a fornire al nostro pianeta l’energia per tenerci al caldo e determinare l’evoluzione del clima e del meteo nelle varie zone... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting solare 18 settembre 2016 settembre 18, 2016 23:29 pm

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 18 settembre è rimasta a livelli molto bassi. Una nuova regione è stata osservata a ovest della regione 2592 (N14E34, BXO/beta) e verrà assegnata la numerazione se la regione persisterà. Il mese di Giugno si è contraddistinto per i suoi 12 giorni spotless, mentre 5 sono state le giornate spotless nel mese di luglio e una nel mese di agosto per un totale di 18 giorni in questo 2016 (conteggio SIDC). Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Previsioni per le prossime 72 ore:L’attività solare rimarrà a livelli molto bassi nei prossimi tre giorni (19-21 settembre). Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum) e 2 in formazione: Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2592 N14E39 29 10 5 BXO 4 B L’immagine del Sole inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 18 settembre è risultata a 83.0 – (80.3) La media... Mostra articolo

» Pubblicato da
L’AUTUNNO E’ARRIVATO, COME PREVISTO E VUOLE FARE SUL SERIO. NUOVA PERTURBAZIONE IN ARRIVO E ALTRI IMPULSI PERTURBATI FREDDI E PIOVOSI ARRIVERANNO IN SEQUENZA settembre 18, 2016 7:00 am

 Posted on 17/09/2016 by Ilario Larosa in Analisi lungo termine 17-09-2016 – Salve a tutti, prima giornata dai risvolti parzialmente autunnali nel territorio italiano, dopo i violenti temporali che si sono abbattuti in molte regioni nella giornata di ieri. A riguardo, la stagione non sembra voler fare solo una breve apparizione nel mese di Settembre. Un’altra perturbazione sta infatti seguendo la strada della prima, appena transitata, con il suo carico di piogge, temporali e ulteriore abbassamento delle temperature, con una splendida irruzione dal Rodano (fig.1) fig.1 L’entrata della seconda perturbazione appare decisa e penetrante e apporterà il suo carico precipitativo soprattutto al centrosud e adriatiche, con temporali anche di forte intensità nella giornata di Domenica nel medio-basso Tirreno e lunedì in Adriatico (fig.2) fig.2 Come accennato, a seguito del passaggio di questo secondo impulso perturbato le temperature diminuiranno ulteriormente su tutta la penisola e si entrerà in una fase fresca settembrina, tipicamente autunnale, almeno fino alla giornata di giovedì 22, come ben inquadrato dalla carta delle anomalie a 850 hPa (1500 m) del modello europeo (fig.3). fig.3 La ragione dell’avvento della nuova fase meteorologica risiede principalmente nella risalita dei geopotenziali in area scandinava (un blando SCAND+ pattern) ma soprattutto nell’artico canadese e nella... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting solare 17 settembre 2016 settembre 17, 2016 23:53 pm

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 17 settembre è rimasta a livelli molto bassi. La Regione 2592 (N14E46, BXO/beta) ha generato solo l’attività di classe B per tutto il periodo preso in esame. Il mese di Giugno si è contraddistinto per i suoi 12 giorni spotless, mentre 5 sono state le giornate spotless nel mese di luglio e una nel mese di agosto per un totale di 18 giorni in questo 2016 (conteggio SIDC). Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Previsioni per le prossime 72 ore:L’attività solare rimarrà a livelli molto bassi nei prossimi tre giorni (18-20 settembre).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum) e una in arrivo: Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2592 N14E53 27 10 2 BXO 3 B L’immagine del Sole inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 17 settembre è risultata a 80.3 – (83.7) La... Mostra articolo

» Pubblicato da
Temperature globali da satellite RSS – Anomalie mese di agosto 2016 settembre 17, 2016 20:00 pm

 L’anomalia della temperatura a livello globale con rilevazione da satellite RSS (Remote Sensing System), per quanto riguarda la zona -70,0S/+82,5N in bassa troposfera (TLT) nel mese di agosto è risultata di 0.4583°C, in diminuzione rispetto al mese di luglio di 0.0111°C. Mese di luglio che aveva chiuso a 0.4694°C. Il trend (+0,131 gradi/decade) della temperatura globale (-70,0S/+82,5N) secondo le misurazioni da satellite RSS (Remote Sensing System)     I dati rilevati per settore: L’emisfero nord (0.0/82.5N) chiude a 0.7202°C, in aumento rispetto al mese di luglio di 0.1265°C. Mese di luglio che aveva chiuso a 0.5937°C. L’emisfero sud (70.0S/0.0) chiude a 0.1844°C, in diminuzione rispetto al mese di luglio di 0.1549°C. Mese di luglio che aveva chiuso a 0.3393°C. Per quanto riguarda invece la zona tropicale (25.0S/25.0N) il mese di agosto chiude a 0.4790°C, in diminuzione rispetto al mese di luglio di 0.071°C. Il Mese di luglio aveva chiuso a 0.4861°C.   Le anomalie della temperatura rilevate da satellite RSS (periodo di riferimento 1979-2014) per il mese di agosto 2016 Fonte: RSS Enzo Attività Solare

» Pubblicato da
Raggi Cosmici, Oltre i Modelli Standard settembre 17, 2016 12:00 pm

  A un secolo dalla scoperta sono stati fatti enormi i passi avanti nella loro comprensione, eppure sono molte le domande che in proposito non hanno ancora avuto una risposta: stiamo parlando dei raggi cosmici. Si apre domani a San Vito di Cadore il secondo convegno “Cosmic Ray Origins: beyond the standard models”, occasione per fare il punto sulla nostra attuale conoscenza del fenomeno e su quali saranno le future ricerche. Ma cosa c’entrano le Dolomiti? C’è una ragione, fisica di Eleonora Ferroni Venerdì 16 Settembre 2016 @12:28 Dal 18.09.2016 al 24.09.2016 Era il 1912 quando Victor Hess, con i sui famosi viaggi in pallone, scoprì che la ionizzazione aumenta con l’aumentare dell’altitudine rispetto al suolo, fenomeno che attribuì alla presenza di una radiazione proveniente dallo spazio. Victor Hesse, al centro, mentre parte per una camapagna di misurazioni a bordo di un pallone aerostatico, era il 1911. Nel 1936 fi insignito del Nobel per la Fisica per la scoperta dei raggi cosmici. Crediti: NY Times Cento anni dopo la scoperta sono grandi i progressi fatti nella comprensione dell’origine dei raggi cosmici, ma molte domande rimangono ancora senza una risposta. La maggior parte dei raggi cosmici che arrivano sulla Terra è... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting solare 16 settembre 2016 settembre 16, 2016 23:53 pm

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 16 settembre è rimasta a livelli molto bassi. La Regione 2592 (N14E60, BXO/beta) è rimasta stabile e inattiva durante tutto il periodo preso in esame. Il mese di Giugno si è contraddistinto per i suoi 12 giorni spotless, mentre 5 sono state le giornate spotless nel mese di luglio e una nel mese di agosto per un totale di 18 giorni in questo 2016 (conteggio SIDC). Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Previsioni per le prossime 72 ore:L’attività solare rimarrà a livelli molto bassi con possibilità di flare di classe C nei prossimi tre giorni(17-19 settembre).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum) e una in arrivo: Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2592 N14E66 27 10 3 BXO 2 B L’immagine del Sole inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 16 settembre è risultata... Mostra articolo

» Pubblicato da
Là Dove Nasce il Vento Solare settembre 16, 2016 7:00 am

  La regione di spazio in cui il vento solare si separa dalla corona e inizia a muoversi in maniera turbolenta lungo il Sistema solare è stata osservata per la prima volta grazie alla missione spaziale STEREO della NASA. I risultati sono presentati nell’ultimo numero della rivista The Astrophysical Journal di Elisa Nichelli Venerdì 2 Settembre 2016 @ 17:19 Il vento solare è stato osservato per la prima volta nel luogo sfuggente della sua formazione. Il flusso di particelle cariche provenienti dal Sole ha un comportamento estremamente turbolento, mentre vicino alla superficie della nostra stella è ordinato in raggi distinti, più o meno come vengono raffigurati nei disegni dei bambini. I processi che portano la struttura definita della corona a trasformarsi in vento solare erano fino a oggi un grande mistero. Nell’animazione vengono rappresentate le regioni della corona solare e del vento che si muove nel sistema solare (la figura non è in scala). Crediti: Goddard Space Flight Center/NASA/Lisa Poje Grazie al Solar Terrestrial Relations Observatory (STEREO), una missione spaziale della NASA composta da due satelliti impegnati nell’osservazione del Sole e lanciata nel 2006, un team di scienziati è riuscito a riprendere e descrivere proprio questa transizione. Definire i dettagli... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting solare 15 settembre 2016 settembre 16, 2016 0:56 am

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 15 settembre è rimasta a livelli molto bassi. Le Regioni 2589 (N12W77, HSX/alfa) e 2591 (N04W45, Axx/alfa) hanno mostrato un certo decadimento. La Regione 2592 (N16E65, BXO/beta) è stata numerata durante il periodo in quanto ruotata nella zona visibile, rimanendo inattiva. Il mese di Giugno si è contraddistinto per i suoi 12 giorni spotless, mentre 5 sono state le giornate spotless nel mese di luglio e una nel mese di agosto per un totale di 18 giorni in questo 2016 (conteggio SIDC). Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Previsioni per le prossime 72 ore:L’attività solare rimarrà a livelli molto bassi con possibilità di flare di classe C nei prossimi tre giorni(16-18 settembre).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum) e una in arrivo: Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2589 N12W71 178 20 1 HSX 1 A L’immagine del Sole inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La... Mostra articolo

» Pubblicato da
Davvero abbiamo le temperature più alte di sempre? settembre 15, 2016 19:30 pm

 Visto che in questi giorni si parla insistentemente della temperatura globale che avrebbe ormai superato tutti i record immaginabili, sempre però secondo l’ente governativo statunitense della NASA, pubblichiamo, tanto per fare un po’ di chiarezza e per dare comunque un’altra versione, le temperature satellitari (molto più affidabili, a detta degli stessi addetti ai lavori) delle RSS per un confronto con le rilevazioni da terra del GIS ente di rilevamento appunto gestito dalla NASA. Come potete osservare le due misurazioni hanno un’incredibile quanto inaccettabile disparità che mette persino in dubbio la veridicità delle misurazioni. La NASA rende noto, tramite le proprie misurazioni del GIS che la temperatura negli ultimi 15 anni è aumentata a livello globale di circa 0,35°C, (linea verde) un’enormità se fosse veritiera, mentre per quanto riguarda le rilevazioni satellitari RSS, (linea rossa) negli ultimi 15 anni le temperature sono rimaste pressoché stabili…   Fonte: woodfortrees   Va da se, e permetteteci qualche dubbio sulle rilevazioni a terra, per molti motivi, che questa disparità lascia adito a molte polemiche, talvolta anche aspre, addirittura tra gli stessi addetti ai lavori. Dal canto nostro mettiamo sul tavolo dei nostri lettori due enti e due misurazioni differenti, che come si può notare dal... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting solare 14 settembre 2016 settembre 15, 2016 14:00 pm

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 14 settembre è rimasta a livelli molto bassi. La Regione 2591 (N04W30, Cso/beta) ha mostrato un lieve decadimento ed è rimasta inattiva. La Regione 2589 (N14W60, Cso/beta) ha continuato a mostrare dissipazione nella sua zona posteriore, mentre la Regione 2590 (N06W80, BXO/beta) è cresciuta nel conteggio totale degli spot, comunque rimasta inattiva. Il mese di Giugno si è contraddistinto per i suoi 12 giorni spotless, mentre 5 sono state le giornate spotless nel mese di luglio e una nel mese di agosto per un totale di 18 giorni in questo 2016 (conteggio SIDC). Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Previsioni per le prossime 72 ore:L’attività solare rimarrà a livelli molto bassi con possibilità di flare di classe C nei prossimi tre giorni(15-17 settembre).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava 3 regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2589    N15W42    176     50     6     CSO    6      B 2590    N08W62    196     10     1     AXX    1      A 2591    N05W11   ... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nuovi Panorami Marziani in HD settembre 15, 2016 7:00 am

  Lo scorso 8 settembre il rover Curiosity della NASA ha scattato una serie di immagini in colori reali, ovvero come le vedrebbe l’occhio umano, nella regione chiamata Murray Buttes, alla base del Monte Sharp. Le immagini verranno raccolte dal team e utilizzate per creare mosaici ad alta definizione di Elisa Nichelli Lunedì 12 Settembre 2016 @ 17:12 Il passato geologico di Marte si è svelato agli occhi dei ricercatori grazie alle nuove immagini raccolte da Curiosity. Il rover della NASA si trova attualmente nella regione chiamata Murray Buttes, ai piedi del Monte Sharp e le immagini recenti non hanno nulla da invidiare ai migliori panorami terrestri. Nell’immagine ripresa dalla Mast Camera a bordo di Curiosity, un pendio inclinato nella regione chiamata Murray Buttes, alla base del Monte Sharp. In lontananza, sebbene offuscato dalla foschia polverosa, è visibile il bordo del cratere Gale, dove il rover è arrivato nel 2012. Crediti: NASA/JPL-Caltech/MSSS In questa immagine raccolta dalla Mast Camera a bordo del rover Curiosity sono visibili i pendii e i rilievi della regione Murray Buttes. L’immagine è stata scattata l’8 settembre 2016, durante il 1454imo giorno marziano (o sol) dell’esplorazione di Curiosity su Marte. Crediti: NASA/JPL-Caltech/MSSS Nell’immagine, raccolta dalla Mast... Mostra articolo

» Pubblicato da