Ultimi articoli

Il Nulla Glaciale aprile 24, 2017 7:00 am

 Posted By Guido Guidi Data di pubblicazione: 30 Marzo 2017 Fonte originale: http://www.climatemonitor.it/?p=44295 Una notizia che gira da un po’, rimbalzando tra Twitter e altri social: “L’acqua scorre attraverso l’Antartide”. Scoperti fiumi che scorrono sopra e sotto il ghiaccio dalle montagne verso il mare. Finora, pare che l’esistenza di questi fiumi fosse nota solo per la Penisola Antartica – dicono – ma adesso che li abbiamo trovati anche altrove sono senz’altro fonte di preoccupazione, nonostante 1) la temperatura laggiù, appunto a parte che per la Penisola Antarica, non è affatto aumentata; 2) il ghiaccio anziché diminuire come accade per l’Artico, non ha mai smesso di aumentare da quando lo si misura oggettivamente; 3) alcuni di questi fiumi, di cui era già nota l’esistenza, pare che invece contribuiscano alla stabilità del ghiaccio regolando i flussi verso il mare; 4) i dati attuali non sono sufficienti a trarre conclusioni. Però, se leggete l’articolo di Science Daily, sembra stia arrivando l’armageddon. Ma questi chi li paga?

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 23 Aprile 2017 aprile 23, 2017 23:45 pm

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 23 aprile è rimasta a livelli molto bassi. La Regione 2651 (N12E10, Cao/beta) ha prodotto flari di basso livello di classe B diminuendo leggermente in area. La La regione 2653 (S09E50, Hax/alpha) restando stabile nel periodo preso in esame. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare nei prossimi giorni è destinata a scendere con possibilità di flare di classe C nei prossimi tre giorni (22-24 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e cinque in aprile. Trenta giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   TEMPESTA GEOMAGNETICA ANCORA IN ATTO Attualmente è in corso una moderata tempesta geomagnetica (G2) grazie ad un flusso solare con velocità elevata che supera i 700 km/s. La tempesta è prevista protrarsi ancora nei prossimi giorni, poiché il flusso prodotto dai buchi coronali è diretto verso il nostro campo geomagnetico. Gli osservatori spaziali alle medio-alte latitudini dovrebbero prestare attenzione per l’aurora visibile durante le prossime... Mostra articolo

» Pubblicato da
“The Day After Tomorrow II”. Ondata di freddo provoca il caos in 30 paesi in Europa e la diffusione dell’H1N1 (influenza aviaria) aprile 23, 2017 12:30 pm

 Di Enzo Ragusa Con questo articolo vogliamo darvi una più chiara lettura dei fatti accaduti e una più completa informazione a ciò che è avvenuto in quest’ultima settimana in tutta Europa, compresa la nostra Italia, anche se arrivano notizie di stessi accadimenti in Canada e nord degli Stati Uniti come in Asia. Dicevamo, informazioni che certamente sono state date in maniera frammentaria e a volte in modo molto superficiale dalle cronache di questi giorni. Nulla di catastrofico per carità, pensiamo però che in periodo di AGW galoppante, come in molti sostengono e definiscono, e in un periodo così avanzato della stagione, non è proprio la normalità e con una zona così vasta coinvolta. Quindi, credo sia opportuno iniziare a porci delle domande in modo molto serio, dal momento che il minimo solare incombe, e come sappiamo, un periodo di prolungata bassa attività solare, come previsto per i prossimi decenni, porta ad amplificare periodi così freddi e nevosi come quest’ultimo.   “The Day After Tomorrow II”. Ondata di freddo provoca il caos in 30 paesi in Europa e la diffusione dell’H1N1 (influenza aviaria) 22.04.2017 Una forte ondata di freddo ha colpito gran parte dell’Europa nelle ultime 96 ore favorendo un brusco calo... Mostra articolo

» Pubblicato da
Eruzioni vulcaniche esplosive accese dalla miccia dei raggi cosmici: il vulcano come la Camera delle Bolle. aprile 23, 2017 7:00 am

 Riporto l’abstract di un lavoro scientifico – che trovate qui – che mette in evidenza come ci sia un’altissima correlazione – statisticamente significativa – fra le eruzioni vulcaniche (di vulcani con magma ricco in silicio) e l’intensità dei raggi cosmici e, quindi, in ultima analisi, con l’attività solare. Niente di nuovo per noi, ma aggiungiamo dati scientifici importanti a sostegno di questa ipotesi 😉 Abstract I vulcani con magma altamente viscoso e ricco in silicio ha tendenza a produrre eruzioni esplosive violente, che creano disastri nelle comunità locali e che impattano fortemente sull’ambiente in senso globale. Abbiamo esaminato il timing di 11 eventi eruttivi, avvenuti negli ultimi 306 anni (dal 1700 DC al 2005 DC) che producevano magma ricco in silicio – si tratta di 4 vulcani in Giappone (Monte Fuji, Monte Usu, Myojin-sho e Satsuma-Iwo-jima). 9 degli 11 eventi si sono verificati durane le fasi in cui l’attività magnetica solare era assente (minimo solare), dato che è ben rappresentato dal numero delle macchie solari. Questa forte associazione fra il timing eruttivo e il minimo solare è statisticamente significativo ad un livello di confidenza del 97.6%. Questa [stessa] associazione non è osservata per le eruzioni dei vulcani con un magma relativamente povero... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 22 Aprile 2017 aprile 22, 2017 23:32 pm

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 22 aprile è rimasta a livelli molto bassi. L’evento solare più grande del periodo è stato un flare di classe B9 scaturito dalla regione 2651 (N12E23, Cao/beta). La regione 2652 (N13E38) è decaduta in plage. La Regione 2653 (S09E66, Hax/alpha) è rimasta stabile e non ha mostrato significativa attività. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare nei prossimi giorni è destinata a scendere con possibilità di flare di classe C nei prossimi tre giorni (22-24 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e cinque in aprile. Trenta giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   TEMPESTA GEOMAGNETICA IN ATTO Attualmente è in corso una moderata tempesta geomagnetica (G2) grazie ad un flusso solare con velocità elevata che supera i 700 km/s. La tempesta è prevista protrarsi ancora nei prossimi giorni, poiché il flusso prodotto dai buchi coronali è diretto verso il nostro campo geomagnetico. Gli osservatori spaziali alle... Mostra articolo

» Pubblicato da
Poveri ma Verdi aprile 22, 2017 7:00 am

 Autore: Massimo Lupicino Data di pubblicazione: 21 Aprile 2017 Fonte originale: http://www.climatemonitor.it/?p=44256   Era il 1920 quando al termine di una conferenza durata un mese e tenuta presso il Madison Square Garden di New York, l’UNIA (Universal Negro Improvement Association and African Communities League) introdusse ufficialmente la “Bandiera Panafricana”: tre strisce orizzontali di colore rosso, nero e verde. Il rosso a simboleggiare il sangue versato per la libertà e che unisce tutte le persone di colore con antenati africani; il nero a simboleggiare la “nazione dei neri”, pur avulsa dall’esistenza stessa di uno stato-nazione; il verde a simboleggiare la ricchezza della terra d’Africa. Erano altri tempi, in cui la rivendicazione dei diritti civili elementari prevaleva su quel politicamente corretto che nel corso degli anni ha finito per trasformare una parola un tempo rivendicata con orgoglio e dai risvolti letterari in un insulto sanguinoso, la cui sola pronuncia è oggi causa di crisi isteriche di pianto per le conduttrici televisive super-liberal (e super-bionde) della CNN. Sistemato il “nero”, è poi toccato al “verde”. E qui l’operazione si è fatta più complessa. Se la ricchezza della terra africana è stata talmente apprezzata negli anni da suscitare appetiti finanziari e geopolitici di varia... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 21 Aprile 2017 aprile 21, 2017 23:35 pm

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 21 aprile è rimasta a livelli molto bassi. La Regione 2651 (N12E37, Dao/beta) ha dato segnali di decadimento. La Regione 2652 (N13E53, Hrx/alpha) non ha mostrato significativa attività rimanendo stabile. La nuova regione 2653 (S09E82, Hax/alpha) è stata numerata questa mattina. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare nei prossimi giorni è destinata a scendere con possibilità di flare di classe C nei prossimi tre giorni (22-24 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e cinque in aprile. Trenta giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava due regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2651 N12E44 70 130 5 DAO 5 B 2652 N13E60 54 10 1 HRX 1 A L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum    ... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 20 Aprile 2017 aprile 21, 2017 14:00 pm

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 20 aprile è rimasta a livelli molto bassi. La Regione 2651 (N12E44, Dao/beta) ha mostrato una certa dissipazione nel suo punto di riferimento mentre la nuova Regione 2652 (N13E60, Hrx/alpha) è rimasta inattiva. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare nei prossimi giorni è destinata a scendere con possibilità di flare di classe C nei prossimi tre giorni (21-23 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e cinque in aprile. Trenta giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class  2651    N12E44     70    130     5     DAO    5      B L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum     ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore... Mostra articolo

» Pubblicato da
Il raffreddamento del Nord Atlantico continua… aprile 21, 2017 7:00 am

 Buongiorno, guardate bene la sequenza di immagini qui sotto… Le immagini si riferiscono alle Anomalie di Temperatura Superficiale degli Oceani…. in questo caso del Centro e Nord Atlantico, tra il 14 e il 19 Aprile.   Il raffreddamento, visibile con i colori scuri (il nero indica un “non riscaldamento”, mentre le tonalità di blu indicano un raffreddamento vero e proprio) si muove continuamente all’interno della corrente nord-atlantica, la quale si origina dall’incontro della Corrente del Golfo con la Corrente del Labrador, spostandosi dalla zona del Nord-Ovest dell’Oceano Atlantico, in senso orario, verso le Azzorre, le Canarie, il Mar dei Caraibi e, infine, andando a raffreddare,sul nascere, la Corrente del Golfo. Un raffreddamento ciclico che sembra si sia innescato e che potrebbe presto diventare “semi-permanente”. Le conseguenze di tale raffreddamento sono prima di tutto la quasi totale assenza degli Uragani nell’Atlantico… il che potrebbe anche essere una buona cosa… …ma a seguito di tale raffreddamento, si espanderebbe il Blob Atlantico, l’area in blu visibile lungo le coste sud della Groenlandia, la quale aprirebbe le “porte” alle correnti atmosferiche che dal nord-atlantico convoglierebbero freddo e umidità verso l’Europa… provocando un’estate come quella del 2014. Ma se questo avviene nel breve termine, a... Mostra articolo

» Pubblicato da
Il ciclo 25 sarà probabilmente di circa 1/3 più debole dell’attuale ciclo 24 aprile 20, 2017 20:00 pm

 Di P. Gosselin on 18 April 2017 L’attuale attività solare è molto vicina al minimo di Dalton… Mai prima d’ora si era verificato un periodo così debole tra i 75 e i 100 mesi di tutti i cicli registrati nel passato!   Il sole nel mese di marzo 2017 Con Frank Bosse e il Prof. Fritz Vahrenholt La nostra fonte di energia è rimasta particolarmente tranquilla il mese appena passato. La media del numero di macchie solari mensili (SSN) è risultato molto basso, solo di 17,7 e il sole è rimasto completamente senza macchie per ben 16 giorni. È importante ricordare ancora una volta che il SSN (SunSpot Number) non è semplicemente la somma delle macchie solari osservate, ma è generato dal numero delle macchie solari moltiplicato per 10 volte presenti nelle regioni attive delle macchie solari osservate. Quando una singola macchia solare viene osservata all’interno della regione attiva, questa viene contata e assegnato un SSN di 11. La media SSN per tutti i cicli registrati finora, giungendo al mese 100 di tutti i cicli totalizza 48.6, il che significa che il ciclo attuale ha visto un’attività solare soltanto del 36%. Si tratta chiaramente di un ciclo molto debole.   Figura.... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 19 Aprile 2017 aprile 20, 2017 14:00 pm

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 19 aprile è rimasta a livelli molto bassi. La Regione 2651 (N13E57, Dao/Beta) è l’unica regione attiva numerata con macchie, anche se rimasta in gran parte Inattiva. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare nei prossimi giorni è destinata a scendere con possibilità di flare di classe C nei prossimi tre giorni (20-22 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e cinque in aprile. Trenta giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2651    N13E57     69    110     5     DAO    4      B L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum     ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 19 aprile è risultato a... Mostra articolo

» Pubblicato da
Le cause della pausa nel riscaldamento globale aprile 20, 2017 7:00 am

 Autore: Donato Barone Data di pubblicazione: 19 Aprile 2017 Fonte originale: http://www.climatemonitor.it/?p=44245   In un recente post G. Guidi ha segnalato un interessante articolo, pubblicato su Nature Climate Change. in cui C. Hedemann, T. Mauritsen, J. Jungclaus e J. Marotzke (da ora in avanti Hedemann et al., 2017) analizzano una possibile spiegazione della pausa nel riscaldamento del clima terrestre, verificatasi nel corso della prima decade del 21° secolo. The subtle origins of surface-warming hiatuses Giusto per ricordarlo a me stesso, la pausa o iato è stato un fenomeno piuttosto controverso che ha agitato le acque della climatologia nel corso degli ultimi anni: il trend di aumento delle temperature superficiali terrestri è diminuito rispetto agli anni precedenti per cui sembrava scricchiolare il principale assunto dell’AGW: maggiore concentrazione di diossido di carbonio atmosferico => maggiore aumento delle temperature superficiali terrestri. La pausa è stata riconosciuta come un fatto reale da molti ricercatori e, in modo alquanto sfumato, anche da IPCC che ha rivisto al ribasso i valori della Sensibilità Climatica all’Equilibrio; mentre molti altri ricercatori non hanno mai riconosciuto l’esistenza della pausa anzi ne hanno negato l’esistenza come nel caso di Karl et al., 2015. Le spiegazioni del fenomeno sono state molte, ma... Mostra articolo

» Pubblicato da
Significativa esplosione di freddo colpisce l’Europa, altre due ondate attese entro fine aprile! aprile 19, 2017 14:01 pm

 Di Enzo Ragusa Le previsioni dei modelli si sono avverate e l’Europa sta vivendo una insolita e significativa irruzione di aria molto fredda. Due ulteriori ondate di freddo sono attese prima della fine di aprile, una minaccia significativa per l’agricoltura. Dopo il periodo caldo di marzo e la prima metà del mese di aprile, in cui le temperature in Europa sono salite ben al di sopra della media, l’Europa sta ora vivendo un significativo raffreddamento con enormi quantità di neve già caduta sul versante settentrionale delle Alpi. Lunedi ’17 aprile, si sono verificate temperature gelide, abbondanti nevicate, e il caos del traffico è stato segnalato in Europa centrale. Questo episodio è destinato a continuare per il resto della settimana, con le temperature sotto zero e pericolo di gelo previsto per Giovedì 20 aprile. Ieri martedì 18 aprile, la neve è caduta fino al sud della Croazia, dove le temperature sono scese quasi a 0° C (32° F), costringendo le autorità ad allertare gli automobilisti e usare estrema cautela. Forti venti sono attesi sulle Alpi, Austria orientale, e in Ungheria oggi 19 aprile a seguito del basso gradiente di pressione e il rafforzamento dell’alta pressione sulla Germania.  Raffiche di vento potrebbero localmente raggiungere i 100-120 km/h (62-74 mph), con condizioni meteorologiche avverse e rischio per l’Europa. I prossimi... Mostra articolo

» Pubblicato da
La Pausa c’è, malgrado tutto… aprile 19, 2017 7:00 am

 Posted By Guido Guidi Data di pubblicazione: 18 Aprile 2017 Fonte originale: http://www.climatemonitor.it/?p=44241   Qualcuno ha ancora dei dubbi circa il fatto che lo studio ammazza-pausa uscito appena prima del summit di Parigi sia servito solo a spianare la strada agli accordi? Nature Climate Change: The subtle origins of surface-warming hiatuses Infingarde queste pause del riscaldamento globale. Non solo esistono, malgrado dopo aver individuato decine di possibili cause della loro occorrenza se ne sia decretata l’esistenza solo in dipendenza dal fatto che non siamo capaci di osservare correttamente il sistema – per la serie se la realtà non mi piace la cambio – ma continuano anche a mettere in discussione la validità delle proiezioni – per la serie l’immaginazione non basta. Secondo questo paper di fresca stampa, né i gap nelle osservazioni, né le altre ipotesi avanzate per spiegare perché malgrado la persistenza del forcing da CO2 la temperatura ha smesso di aumentare hanno centrato il problema. Per farlo, scrivono, bisogna guardare in alto, verso il top dell’atmosfera, con la consapevolezza che forse una spiegazione vera e propria non la troveremo mai. Sorge a questo punto un altro dubbio: ma se queste pause sono vere e dunque possibili, e se i... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 18 Aprile 2017 aprile 18, 2017 23:47 pm

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 18 aprile è rimasta a livelli bassi. Un flare di classe C3 si è verificato alle ore 09:41 UTC e un flare di classe C5 alle ore 20:00 UTC.   Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare nei prossimi giorni è destinata a salire leggermente per il ritorno della Regione 2644 con possibilità di flare di classe C e possibili classe M nei prossimi tre giorni (19-21 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e cinque in aprile. Trenta giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class 2651 New L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum     ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso... Mostra articolo

» Pubblicato da
Le temperature registrate questa mattina nel Regno Unito aprile 18, 2017 15:00 pm

 Di Enzo Ragusa Queste le temperature registrate questa mattina all’alba nel Regno Unito. Sappiamo che probabilmente temperature così gelide, più consone al mese di gennaio che di metà aprile,  siano già state registrate in altre occasioni nei decenni o secoli passati, ma ritengo comunque opportuno segnalare l’evento non normale per la stagione ormai inoltrata e molto pericoloso, specie per la vegetazione e l’agricoltura. Quindi attenzione ai prossimi anni perché con un minimo solare così profondo e lungo questi eventi potrebbero avere una cadenza molto più regolare. Si ringrazia Tomasz S. per la segnalazione Attività Solare

» Pubblicato da
Operazione “Immunizzazione”, ovvero come leggere la disinformazione e rimanere vivi. aprile 18, 2017 7:00 am

 Quando leggi un articolo con questo titolo, puoi solo pensare che è un articolo “acchiappaclick” – l’articolo ha il seguente titolo: “Il cado è, e sarà in futuro, il killer silenzioso di centinaia di milioni di poveri“, pubblicato il 13.04.2017 su greenreport.it. Già il titolo contiene una grande falsità: la proiezione futura – in base a quali dati?, mi chiedo – che il caldo sarà la prossima piaga. Mi addentro nell’articolo, cercando disperatamente qualche dato scientifico o qualche grafico che illustri le proiezioni delle temperature dei prossimi anni. Invece niente, il vuoto. Scorrendo le righe, non si trova un solo link che rimandi a lavori scientifici dove andare a verificare le informazioni che l’articolo cerca di diffondere. Poco dopo l’inizio, ecco cosa si legge: Secondo un recente studio condotto da ricercatori britannici, anche se il mondo, nonostante Donald Trump, fosse in grado di limitare l’aumento della temperatura globale di 1,5° C  rispetto ai livelli pre-industriali, come previsto dalla più ottimistica ipotesi dell’Accordo di Parigi, entro il 2050,  ogni anno in megalopoli come Lagos in Nigeria e Shanghai in Cina circa 350 milioni di persone in potrebbe ancora essere esposti a ondate di caldo mortali ogni anno. Le stime dell’Institute for social... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 17 Aprile 2017 aprile 18, 2017 0:17 am

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 17 aprile è rimasta a livelli molto bassi. La superficie solare visibile è risultata spotless. Un flare di classe C è scaturito dall’arrivo di una nuova regione solare. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare nei prossimi giorni è destinata a salire leggermente per il ritorno della Regione 2644 con possibilità di flare di classe C e possibili classe M nei prossimi tre giorni (18-20 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e cinque in aprile. Trenta giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum     ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle... Mostra articolo

» Pubblicato da
“Siccità permanente” e record di piogge in California. aprile 17, 2017 7:00 am

 A metà febbraio, se vi ricordate, scrivevo del pericolo che la Diga Oroville esondasse, a causa delle precipitazioni intense che si erano abbattute nella zona. A distanza di qualche mese, le Riserve Idriche godono di buona salute? Sembra di sì 🙂 E’ del 14 Aprile questo articolo in cui si annuncia ufficialmente che mai in Sierra Nevada si sono registrate precipitazioni così intense come quelle che ci sono state in questo anno – i dati provengono dal Dipartimento delle Risorse Idriche (Department of Water Resources, DWR). DWR ha riportato oggi [14.04.17, ndr] che le 8 stazioni di rilevamento del tempo hanno registrato circa 230 cm di precipitazioni, fra acqua e scioglimento della neve. Tali stazioni monitorano continuamente le precipitazioni dal 1920, nella zona che va dal Lago Shasta al bacino del Fiume American. Nell’articolo si dice anche che tale dato ha sorpassato il record precedente  – risalente al 1983 – di 225 cm circa. Si segnala, inoltre, che la stazione meteorologica n° 6, situata nei pressi del bacino del Tulare Lake – chiamata il “groud zero” della siccità quinquennale della California – ha registrato il 178% della quantità di precipitazioni che normalmente cadono durante un anno. Le precipitazioni totali hanno raggiunto... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 16 Aprile 2017 aprile 16, 2017 23:47 pm

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 16 aprile è rimasta a livelli molto bassi. La superficie solare visibile è risultata spotless. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare nei prossimi giorni è destinata a salire leggermente per il ritorno della Regione 2644 con possibilità di flare di classe C nei prossimi tre giorni (17-19 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e quattro in aprile. Ventinove giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum     ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 16 aprile è risultato a 74.5 – (73.0) La media mensile del flusso... Mostra articolo

» Pubblicato da
Inverno 2016/2017: Un altro inverno da record per estensione nevosa nell’emisfero nord aprile 16, 2017 14:00 pm

 Di Enzo Ragusa Inverno 2016/2017, ancora un altro inverno di copertura nevosa da record, il decimo più alto dal 1967 per quanto riguarda l’Emisfero Nord che segue il trend intrapreso di una vistosa ripetitività e di aumento della copertura nevosa dall’inizio del nuovo millennio. L’estensione della copertura nevosa del nord emisfero dal 1967 ai giorni nostri Questi sono dati oggettivi, e noi di Attività Solare continuiamo a proporvi dati reali e non chiacchiere come in troppi sono abituati a fare. Eppure continuano a dirci che ogni anno è sempre più caldo e lo sarà sempre di più… noi dal canto nostro non crediamo a queste dicerie per l’arrivo di un profondo minimo solare, e quindi continueremo a darvene notizia e riferirvi ciò che realmente accadrà prossimamente. Attività Solare

» Pubblicato da
E questa ve la ricordate? aprile 16, 2017 7:00 am

 Posted By Guido Guidi Data di pubblicazione: 15 Aprile 2017 Fonte originale: http://www.climatemonitor.it/?p=44226   Era il 1° agosto del 2008, tal Andrew Simms, esperto battitore di ortiche con le mani altrui nonché esperto di economia sostenibile, del tipo di quella che toglie ai poveri per consentire ai ricchi di campare sereni sul pianeta, presagiva la fine del mondo entro 100 mesi. Sorpresa, i 100 mesi sono scaduti il 1° aprile scorso e siamo ancora qui. Nessun punto di non ritorno – tipping point direbbero quelli bravi – è stato raggiunto. E’ passato un El Niño coi fiocchi, la temperatura media del pianeta è salita di nuovo e ora è anche tornata dov’era prima.     Così, tanto per capire con che razza di cantastorie abbiamo a che fare, penso sia opportuno riproporre almeno l’incipt del suo anatema: Se si grida “al fuoco” in un teatro affollato, quando il fuoco non c’è, si capisce che si potrebbe essere arrestati per comportamento irresponsabile e turbativa della quiete. Ma da oggi, io sento la puzza del fumo, vedo le fiamme e penso che sia il momento di gridare. Non voglio seminare il panico, ma penso che sarebbe una buona idea formare una fila... Mostra articolo

» Pubblicato da
Nowcasting Solare 15 Aprile 2017 aprile 16, 2017 0:30 am

 Di Enzo Ragusa Nowcasting solare  Attività odierna: Attività solare che nella giornata del 15 aprile è rimasta a livelli molto bassi. La superficie solare visibile è risultata spotless. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è destinata a restare molto bassa nei prossimi tre giorni (16-18 aprile). ************************************************************ GIORNI SPOTLESS 2017 Otto giorni spotless contati nel mese di gennaio, sedici a marzo, di cui gli ultimi quindici consecutivi e tre in aprile. Ventotto giorni spotless complessivi nel 2017 per il centro di conteggio del SIDC, Belgio. Il 2016 chiude con 26 giorni senza macchie (conteggio ufficiale SIDC).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num     Lat.      CMD   Long. Area  Extent class count class L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum     ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU:  La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 15 aprile è risultato a 73.0 – (72.9) La media mensile del flusso solare ad oggi risulta di 82.3 – (83.0) Conteggio delle macchie solari – SILSO: Il conteggio... Mostra articolo

» Pubblicato da
Di nuovo… Per la ventottesima volta in questo 2017 il sole è spotless! aprile 15, 2017 19:00 pm

 Di Enzo Ragusa Eccolo di nuovo, anche oggi il sole risulta spotless per la terza volta in questo mese di aprile, che sommati agli otto di gennaio e ai sedici di marzo portano il computo totale a ventotto giorni senza macchie solari. Ci riferiamo come sempre ai conteggi ufficiali del Sidc, l’ente di raccolta delle macchie solari con sede a Bruxelles, Belgio. L’immagine del Sole di oggi inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum della NASA A metà aprile i giorni senza macchie sulla superficie solare risultano già superiori al 2016 che aveva concluso l’anno a ventisei giorni spotless.   Sono invece ben cinquantotto i giorni senza macchie se facciamo riferimento al conteggio del Laymans, conteggio che segue quasi fedelmente i metodi di conteggio dei secoli passati. Il 2016 lo stesso conteggio aveva totalizzato novantaquattro giorni.   Solar Flux con media mensile poco oltre le settanta unità che fanno pensare alla prossima estate non proprio stabile.   Ma avremo tempo per riparlarne. 😉   Enzo Attività Solare

» Pubblicato da