Ultimi articoli

UN NUOVO STUDIO SUGGERISCE CHE L’INDEBOLIMENTO DELLA CORRENTE DEL GOLFO E ASSOCIATA AL RECUPERO DEL PRECEDENTE INCREMENTO maggio 31, 2016 19:00 pm

    La Atlantic Meridional Overturning Circulation (AMOC), di cui una parte è conosciuta come Corrente del Golfo, negli ultimi 10 anni è stato osservato un indebolimento. Anche se la tendenza a questo indebolimento ha sollevato molte domande, tra cui se è stato causato dai cambiamenti climatici, una nuova ricerca suggerisce che questa diminuzione è coerente con un precedente incremento. Qualsiasi attuale indebolimento sostanziale di un grande sistema oceanico come il Nord Atlantico avrebbe un profondo impatto sul clima del nord-ovest europeo, compreso il Regno Unito. Il Met Office nel Regno Unito, di cui Laura Jackson è l’autrice principale del nuovo studio. Commentando la carta, pubblicata la scorsa settimana, la Jackson ha affermato: “La Atlantic Meridional Overturning Circulation svolge un ruolo fondamentale nel nostro clima, come trasporta calore verso l’Atlantico del Nord e mantiene l’Europa relativamente calda.” La ricerca ha presentato un quadro di come si è evoluto l’oceano nel corso degli ultimi due decenni. La rianalisi riproduce la diminuzione osservata nella Atlantic Meridional Overturning Circulation degli ultimi dieci anni, ma trova che è stato preceduto da un periodo in cui la circolazione si è intensificata. Questo suggerisce che il tempo nella variabilità decadale ha probabilmente giocato un ruolo chiave in un... Mostra articolo

» Pubblicato da
Stai fresco, con l’Unesco maggio 31, 2016 14:01 pm

 Autore: Massimo Lupicino Data di pubblicazione: 28 Maggio 2016 Fonte originale: http://www.climatemonitor.it/?p=41434 Non ho molti ricordi della mia infanzia, ma tra i pochi ne cito un paio con piacere: Quando guardavo le previsioni del tempo su Rai1 al tempo di Bernacca e Baroni. Avevo circa 3 anni, non sapevo leggere ma mi bastavano i simboletti e le spiegazioni di mia mamma “cosa vuol dire ulteriore diminuzione?” “Che le temperature scenderanno ancora!” “E nevicherà?” “Forse”. Queste conversazioni si svolgevano a Lecce, quindi di neve…pochina. Quando guardavamo i telegiornali seduti a tavola e i genitori ci davano le istruzioni per l’uso: “Su Rai1 dicono questo perché sono della DC. Su Rai3 quest’altro perché sono comunisti”. Insomma… educazione al pensiero critico fin dalla culla, o quasi. Quindi è colpa dei miei, se sono diventato così. Al liceo seguirono le “analisi critiche del testo”. Ma niente dà più soddisfazione che commentare certo ciarpame che si legge sui giornali italiani. È uno dei regali del pensiero critico: sulle prime ti arrabbi, in seconda battuta ti fai una risata. Scriverne, poi… è catartico. Sono molto riluttante a leggere certa carta stampata, perché la ritengo troppo faziosa e allineata al mainstream del pensiero unico globale dominante. So già... Mostra articolo

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 30 MAGGIO 2016 maggio 31, 2016 0:05 am

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 30 Maggio è rimasta a livelli bassi a causa dei due Brillamenti di classe C, il primo 1.4 alle ore 07.37, mentre il secondo 1.0 alle ore 13.24 UTC, entrambi generati dalla nuova Regione 2550 (N15W25, BXO/beta). La Regione 2548 (N14W84, HSX/alfa) è uscita al di fuori del disco visibile. La Regione 2549 (S14W03, Axx/alpha) ha mostrato un sensibile decadimento ed è rimasta inattiva. Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Nessun Brillamento di classe M-X è scaturito dalla fotosfera solare nella giornata di oggi. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è probabile che rimanga bassa, con qualche possibilità di Brillamenti di classe C nei prossimi tre giorni (31 Maggio-02 Giugno). Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava due regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum) e una in formazione: Num           Lat.,           CMD         Long.   Area      Extent  class    count class 2548 N14W78 174 60 2 HSX 2 A 2549 S14E03 93 20 5 CRO 3... Mostra articolo

» Pubblicato da
QUANDO 1/3 DIVENTA IL 97%: UNA TRUFFA CHE HA CAMBIATO IL MONDO OCCIDENTALE! maggio 30, 2016 21:24 pm

    Di Steven Capozzola – 21 Maggio 2016 Probabilmente avrete sentito dire che il 97% degli scienziati affermerebbe che il riscaldamento globale è reale. Naturalmente in sé, è una dichiarazione priva di senso, dal momento che nessuno contesta il fatto che la terra si sia riscaldata di circa 0,8 gradi Celsius nel secolo scorso o giù di lì. Ma il “97% degli scienziati che crede nel riscaldamento globale” è un mantra che è diventato vangelo il 16 maggio 2013, nel momento in cui il presidente degli Stati Uniti Obama ha twittato: “Il 97% degli scienziati è d’accordo. Il cambiamento climatico è reale, a causa antropica, e questo è molto pericoloso” Quello a cui si riferiva il presidente era un paper dalla University of Queensland di John Cook del 2013. Nella sua ricerca, Cook ha visionato 11.994 articoli pubblicati tra il 1991 e il 2011 che citavano parole di ricerca come “riscaldamento globale” e “cambiamento climatico globale”. Indovinate un po’ effettivamente che cosa ha trovato Cook? Che soltanto il 32,6% dei documenti visionati ha appoggiato la teoria del riscaldamento globale antropogenico (artificiale). E di quel 32,6%, il 97% ha detto che “il recente riscaldamento globale è causato principalmente dall’uomo.” E così, da questo bel giochetto di prestigio,... Mostra articolo

» Pubblicato da
Ecco I Danni Dell’Eccezionale Maltempo Dei Giorni Scorsi In Europa !!!! maggio 30, 2016 14:20 pm

 Varie e devastanti grandinate in Europa, negli ultimi due giorni! Queste immagini, tratte  da Severe Weather Europe, mostrano le devastanti grandinate che hanno colpito varie zone europee, in seguito ai grossi temporali che hanno insistito nella giornata di ieri sull’Europa Centro Occidentale. La prima foto mostra la grandinata eccezionale a Vandee, in Francia occidentale, con circa 40 cm di accumulo al suolo. La seconda mostra gli eccezionali accumuli a Weisbaden Hessen, in Germania, vicino Francoforte. La terza la grandinata di Hofheim am Taunus, in Sassonia. Fonte Web: Varie e devastanti grandinate in Europa, negli ultimi due giorni! Enorme tempesta sulla Germania meridionale! Tra gli effetti del maltempo europeo di questi giorni, c’è da segnalare l’attuale enorme tempesta che sta imperversando sulla Germania meridionale! Sono caduti oltre 400 mila fulmini, alluvioni, allagamenti e grandinate devastanti stanno colpendo questo settore tedesco interessato da violentissimo maltempo. Nelle immagini: chicchi di grandine del diametro di 14 cm, grandine ed alluvioni nel Turingen, immagini alluvionali a Stoccarda., tratte da wetteronline. Fonte Web: Enorme tempesta sulla Germania meridionale! Video Dell’inondazione In Braunsbach, Baden Würtemberg, Germania di Meteo Europe Roberto Attività Solare

» Pubblicato da
Il punto sulla situazione degli Oceani mondiali e la fine di El Nino: bye bye caldo africano maggio 30, 2016 7:00 am

     In questo video si traccia la situazione generale delle temperature degli oceani  mondiali, e del raffreddamento in corso legato alla fine definitiva di El Nino 2015 / 2016 – “Oceans Temp” Video by Mauri Sesler: Youtube Channel

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 29 MAGGIO 2016 maggio 29, 2016 23:18 pm

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 29 Maggio è rimasta a livelli molto bassi. Sono stati osservati solo deboli Brillamenti di classe B. La Regione 2548 (N13W68, Cso/beta) ha mostrato segni di decadimento mentre si appresta a girare nel lato non visibile del Sole. La Regione 2549 (S14E12, Cro/beta) ha esposto un vistoso decadimento ed è rimasta pertanto relativamente inattiva. Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Nessun Brillamento di classe C-M-X è scaturito dalla fotosfera solare nella giornata di oggi. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è probabile che rimanga bassa, con qualche possibilità di Brillamenti di classe C nei prossimi tre giorni (30 Maggio-01 Giugno).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava due regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num           Lat.,           CMD         Long.   Area      Extent  class    count class 2548 N11W62 170 120 8 CSO 8 B 2549 S14E18 90 20 4 DRO 3 B L’immagine del Sole inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso... Mostra articolo

» Pubblicato da
VIOLATA ANCORA UNA VOLTA LA LEGGE DI HALE IN QUESTO SOLAR CYCLE 24! maggio 29, 2016 20:31 pm

 Nel mio quotidiano monitoraggio solare e osservandone le immagini che arrivano con assidua regolarità dalla Sonda SDO tramite HMI Magnetogram, immagine che mette in risalto la polarità delle macchie solari, mi sono accorto che la nuova AR (regione attiva) di cui è stata data la numerazione 2549, ha una chiara polarità invertita. Dunque, ancora una volta è stata violata la legge di Hale, in questo che possiamo definire quantomeno uno “strano” Ciclo Solare 24!! Come potete vedere dall’immagine qui sotto, ho cerchiato le due regioni attive, la AR 2548 presente nell’emisfero nord, con polarità SC24, cioè bianco a sinistra, nero a destra) mentre la nuova AR 2549, presente nell’emisfero sud, risulta con la stessa polarità della AR 2548 ma nell’emisfero opposto.   Immagine tratta dalla Sonda SDO/HMI Matetogram di oggi 29 maggio 2016   Ma che significato assume questa macchia invertita nella fisica solare empirica? Potrebbe essere l’inizio del nuovo ciclo 25? Considerando la tematica molto complessa e controversa, troverete davvero pochi esperti disposti a parlare di quale significato assuma la comparsa di una macchia solare a polarità invertita durante il ciclo in pieno svolgimento. Questo perché va palesemente contro la legge di Hale. Ma vediamo cosa recita questa famosa... Mostra articolo

» Pubblicato da
VULCANI ATTIVI NEL MONDO: PERIODO 18 MAGGIO – 24 MAGGIO 2016 maggio 29, 2016 15:55 pm

 Nel periodo osservato, 3 vulcani hanno iniziato una nuova attività vulcanica, mentre quella tuttora in corso è stata rilevata per 19 vulcani. La presente relazione fa riferimento ai vulcani attivi nel mondo registrata nel periodo 18 Maggio – 24 Maggio 2016, in base ai criteri Smithsonian/Usgs. Quello descritto, non è un elenco completo di tutti i vulcani in eruzione sulla Terra durante il periodo in questione, ma piuttosto una sintesi di attività vulcanica che soddisfa i criteri illustrati in dettaglio nel paragrafo “Criteri e Dichiarazioni di non Responsabilità”. Attentamente monitorati i report sui vari vulcani vengono pubblicati mensilmente nel Bollettino Vulcanismo Rete Globale. Nuova attività – in subbuglio: Etna, Sicily (Italy) Santa Maria, Guatemala Turrialba, Costa Rica Attività in corso: Aira, Kyushu (Japan) Alaid, Kuril Islands (Russia) Bagana, Bougainville (Papua New Guinea) Cleveland, Chuginadak Island (USA) Colima, Mexico Dukono, Halmahera (Indonesia) Fuego, Guatemala Kilauea, Hawaiian Islands (USA) Klyuchevskoy, Central Kamchatka (Russia) Masaya, Nicaragua Nevado del Ruiz, Colombia Pavlof, United States Popocatepetl, Mexico Reventador, Ecuador Sangay, Ecuador Sheveluch, Central Kamchatka (Russia) Sinabung, Indonesia Suwanosejima, Ryukyu Islands (Japan) Tengger Caldera, Eastern Java (Indonesia)   Eruzione dell’Etna del 29 ottobre 2002. Foto di MASSIMO SIRAGUSA Il Report di attività vulcanica settimanale è un progetto di collaborazione tra... Mostra articolo

» Pubblicato da
Notevoli cambiamenti del “Jet Stream” – Parte terza: Perchè non può essere causato dal Global Warming! maggio 29, 2016 7:00 am

 Prima parte: Notevoli cambiamenti del “Jet Stream” – Parte prima: il motivo delle anomalie climatiche degli ultimi anni Seconda parte: Notevoli cambiamenti del “Jet Stream” – Parte seconda: le cause! A parte il fatto che le temperature non aumentano ormai da 18 anni (e che comunque l’incremento è stato di soli 0.3°C dal 1978 al 1998), utilizzerò altri argomenti per dimostrare che le profonde alterazioni della corrente a getto non sono dovute al riscaldamento globale. Tanto per cominciare anche gli stessi “serristi” si sono resi conto che il Jet Stream sta cambiando e soprattutto si sta indebolendo. In particolare parlano di amplificazione artica (e già questo suona strano: dicendo che l’azione della corrente polare è aumentata, equivale a negare che siamo in fase di warming) dovuta al fatto che l’Artico si sta riscaldando (come possono affermare questo se nelle regioni artiche non c’è praticamente presenza di centraline di rilevazione, cosa ben visibile dai grafici NOAA?). Inoltre i ghiacci polari hanno smesso di arretrare dal 2007 e da lì in poi hanno intrapreso una tendenza all’aumento, anche se timida. Ecco un grafico che mostra l’estensione media annua (sommando l’andamento nelle quattro stagioni) dei ghiacci polari, a partire dal 2006 fino ad... Mostra articolo

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 28 MAGGIO 2016 maggio 29, 2016 0:00 am

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 28 Maggio è rimasta a livelli molto bassi. Sono stati osservati solo deboli Brillamenti di classe B. La Regione 2548 (N13W55, Dsi/beta) è rimasta relativamente stabile. Una nuova macchia solare che è stata numerata come regione numero 2549 si è sviluppata in zona S15E30, ma al momento risulta inattiva. Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Nessun Brillamento di classe C-M-X è scaturito dalla fotosfera solare nella giornata di oggi. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è probabile che rimanga bassa, con qualche possibilità di Brillamenti di classe C nei prossimi tre giorni (29-31 Maggio).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num           Lat.,           CMD         Long.   Area      Extent  class    count class 2548 N13W49 171 130 8 DSI 9 B 2549 NEW L’immagine del Sole inviata dalla sonda SDO/HMI Continuum ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU: La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle... Mostra articolo

» Pubblicato da
GLOBAL WARMING RIDIMENSIONATO, LO AFFERMANO DUE NUOVI STUDI maggio 28, 2016 21:10 pm

    Ronald Bailey 27 Maggio 2016 I modelli climatici possono aver amplificato le previsioni da 2 a 4 volte il calore in eccesso. Lo scorso anno sarebbe stato l’anno con la temperatura superficiale più alta mai registrata secondo il National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA). Al contrario, secondo le misurazioni delle temperature satellitari il 2015 è stato il terzo anno più caldo mai registrato. Sempre secondo il NOAA, il 2016, ha ora una concreta possibilità pari al 99% di diventare l’anno più caldo mai registrato – di circa 1,5 gradi al di sopra della media 1891-1910. L’aumento di 1,5 gradi è significativo perché lo scorso dicembre molte nazioni mondiali hanno trovato l’accordo, alla Conferenza sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite a Parigi, per cercare di mantenere in futuro le temperature medie al di sotto di tale soglia. Un forte fenomeno di El Nino sappiamo riscalda notevolmente l’Oceano Pacifico orientale, quindi risulta il diretto responsabile dell’incremento delle temperature medie globali nel corso dello scorso anno. Questo fenomeno sta ormai scemando e potrebbe presto essere sostituito dal fenomeno opposto de La Nina, un fenomeno che ha la capacità si raffreddare drammaticamente le acque del Pacifico orientale e trascinare la media delle temperature globali verso una diminuzione. Chiaramente naturali... Mostra articolo

» Pubblicato da
1739-1740: crollo delle temperature maggio 28, 2016 7:03 am

 I climatologi sono soliti parlare dei XX secolo e dei giorni nostri, come il periodo ove si è assistito ad uno spaventoso risaldamento del pianeta a causa delle emissioni globali. Osservando molto attentamente i dati e gli eventi storici, rifacendoci alla Fisica, alla Chimica ed alla Geologia, sappiamo bene come queste dichiarazioni sono false e fuorvianti, tese a terrorizzare la popolazione ed indurla alla decrescita; decrescita energetica, attraverso l’impiego delle energie rinnovabili, da qui decrescita industriale ed economica, intanto per il costo dell’energia per sovvenzionare le prime, quindi per la maggiore aleatorietà della fonte di energia primaria. Quindi una decrescita demografica, in virtù della drammatica contrazione della disponibilità di lavoro. Nella realtà, analizzando gli archivi storici dei diversi Enti e Servizi Meteorologici i dati si trovano, proprio come accaduto nel Regno Unito: il Central England Temperature (CET) conserva le registrazioni dei dati dal 1600 ai giorni nostri e, quanto se ne ricava, è strabiliante. Analizzando i dati per trend di 90 anni e, analizzando a partire dal 1660, non si registrano grandi variazioni, con incrementi tra 0.084°C e 0.086°C per decade. Ciò che appare sorprendente, invece, è il grande balzo tra il 1692 ed il 1737: ben + 0.405°C nella... Mostra articolo

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 27 MAGGIO 2016 maggio 28, 2016 0:57 am

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 27 Maggio è rimasta a livelli molto bassi. La Regione 2548 (N13W43, Dai/beta) l’unica macchia rimasta sulla superficie solare visibile non ha prodotto alcun Brillamento di classe C. Per il resto poco o nulla da segnalare. Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Nessun Brillamento di classe C-M-X è scaturito dalla fotosfera solare nella giornata di oggi. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è probabile che rimanga bassa, con qualche possibilità di Brillamenti di classe C nei prossimi tre giorni (28-30 Maggio). Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num           Lat.,           CMD         Long.   Area      Extent  class    count class 2548 N13W36 172 120 8 DSO 9 B L’immagine del Sole inviata dalla sonda SDO/HMI continuum ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU: La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 27 Maggio è risultata a 94.2 – (91.7) La media mensile del... Mostra articolo

» Pubblicato da
L’Estate 2016 secondo il CFSR: piovoso e con temperature nella norma maggio 27, 2016 7:00 am

   In questo video vengono presentate le previsioni per l’estate 2016 in Italia, secondo il centro di calcolo Climate Forecast System Reanalysis del NCEP – “Summer 2016” Video by Mauri Sesler: Youtube Channel

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 26 MAGGIO 2016 maggio 27, 2016 0:13 am

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 26 Maggio è rimasta a livelli bassi. Il più grande evento solare della giornata è stato un Brillamento di classe C 1.1 alle ore 13.36 UTC emesso dalla Regione 2548 (N13W29, Dao/beta). La Regione 2548 ha inoltre mostrato un consolidamento nella sua zona centrale e sviluppato punti nelle zone intermedie. Anche la Regione 2546 (S07W82, HHX/alfa) ha emesso un Brillamento di classe C 1.0 alle 13.56 UTC anche se è rimasta stabile e con assenza di significativa attività. Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Nessun Brillamento di classe M-X è scaturito dalla fotosfera solare nella giornata di oggi. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è probabile che rimanga bassa, con qualche possibilità di Brillamenti di classe C nei prossimi tre giorni (27-29 Maggio).   Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava 2 regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num           Lat.,           CMD         Long.   Area      Extent  class    count class 2546 S07W75 224 330 4... Mostra articolo

» Pubblicato da
FREDDO, E ANCORA NEVICATE IN SIBERIA !!!! maggio 26, 2016 17:41 pm

 Il “generale Inverno” stenta a lasciare spazio all’Estate, che oramai è alle porte, sul lato centro orientale dell’Asia. Come visibile dall’immagine radar in allegato, ancora cadute di neve sparse (evidenziate dal colore rosa), si stanno registrando vicino ad Irkutsk, poco a nord del confine mongolo, mentre altra neve è segnalata più ad est e vicino Yakutsk. Il tutto per una serie di circolazioni depressionarie che dall’Asia settentrionale, dove le temperature sono ancora sotto lo zero (-2°C a Tura), stanno scendendo, da alcuni giorni, in direzione dell’Isola di Hokkaido, portando con sé aria fredda: come visibile dalla mappa in allegato, le temperature sono anormalmente basse, di circa 8-9°C inferiori alla norma. Questo su tutta l’Asia centro orientale, Mongolia, Cina, fino a comprendere l’India ed Himalaya. L’evoluzione del tempo nei prossimi sette giorni vede un sensibile raffreddamento sulla Kamchatka e sul Giappone, un riscaldamento nell’area asiatica orientale, ed un fortissimo raffreddamento sull’Asia Occidentale, dell’ordine dei 16-20°C in meno rispetto alle temperature attuali. Fonte Web: FREDDO, E ANCORA NEVICATE IN SIBERIA !!!! Roberto Attività Solare

» Pubblicato da
Massimo & Lupicino maggio 26, 2016 7:00 am

 Autore: Massimo Lupicino Data di pubblicazione: 24 Maggio 2016 Fonte originale: http://www.climatemonitor.it/?p=41420     Massimo Lupicino scrive su Climatemonitor da qualche settimana, ma non si è mai presentato. Anzi, ha sollevato qualche polverone e qualche polemica, sottese alla domanda di qualche lettore sconcertato: “Perché?”. “Perché Lupicino? Non è un sito di climatologia, questo?” Quindi si devono delle scuse e delle spiegazioni. Le posizioni di Climatemonitor in materia di cambiamento climatico sono note: rigore scientifico e onestà intellettuale (salvo libere opinioni contrarie ovviamente…), in contrapposizione alle urla a reti unificate che sui media nostrani (e non solo) annunciano l’imminente fine del mondo salvo pentimento, autoflagellazione e, possibilmente, qualche buona azione del tipo: Votare il partito giusto (quello che salva il mondo) Fare l’investimento più etico (che salverà il mondo, insieme al partito del punto sopra) Leggere il quotidiano che annuncia il Verbo (ovvero la fine del mondo salvo i due punti sopra). Lupicino non è un climatologo, un meteorologo o uno scienziato di professione, e quindi non si addentra in un campo che non è il suo. Mastica tuttavia di industria energetica, finanza e geopolitica. Non avendo gli strumenti per valutare i paper del mainstream in materia di clima, Lupicino lascia l’ingrato... Mostra articolo

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 25 MAGGIO 2016 maggio 26, 2016 0:00 am

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 25 Maggio è rimasta a livelli molto bassi. La Regione 2548 (N13W15, Dso/beta) è rimasta tranquilla, generando alcuni deboli Brillamenti di classe B. Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Nessun Brillamento di classe C-M-X è scaturito dalla fotosfera solare nella giornata di oggi. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è probabile che rimanga bassa, con qualche possibilità di Brillamenti di classe C nei prossimi tre giorni (26-28 Maggio). Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava 2 regioni attive (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num           Lat.,           CMD         Long.   Area      Extent  class    count class 2546 S07W63 225 450 4 HHX 1 A 2548 N13W08 170 10 4 BXO 3 B L’immagine del Sole inviata dalla sonda SDO/HMI continuum ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU: La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del 25 Maggio è risultata a 93.6 – (94.3) La media mensile del flusso solare ad oggi risulta di 94.5 –... Mostra articolo

» Pubblicato da
SI CONCLUDE EL NINO 2015-16, L’OCEANO PACIFICO TROPICALE TORNA NEUTRALE maggio 25, 2016 19:48 pm

 L’Oceano Pacifico tropicale denominato El Niño-Southern-Oscillation (ENSO) è tornato neutrale. Questa notizia è stata riportata dall’Australian Bureau of Meteorology nella giornata di ieri 24 maggio nel sito ENSO Wrap-Up. Le temperature superficiali del mare equatoriale (SST) del Pacifico orientale si sono raffreddate nelle ultime due settimane, sostenute da acque molto più fredde rispetto alla media sotto la superficie, e sono ora a livelli neutrali per la prima volta dall’aprile 2015. Nel frattempo, le SST equatoriali del Pacifico occidentale sono rimaste più calde del normale in alcune zone. Le SST più calde di 1°C rispetto alla media persistono nelle aree a nord e ad est del continente australiano, e nelle zone che circondano la Tasmania. Le SST dell’Oceano Indiano rimangono sostanzialmente di 1°C sopra la media. Le anomalie settimanali della temperatura superficiale del mare nel Pacifico tropicale.  Credit: BOM   La sequenza di quattro mesi delle anomalie delle temperature sotto la superficie mostrano l’andamento di un chiaro raffreddamento nella top 100 metri del Pacifico equatoriale dal mese di febbraio. Le anomalie fredde hanno attraversato l’intero Pacifico equatoriale da aprile, mentre la prima settimana di maggio ha visto il riassorbimento di quasi tutte le zone più calde dalla media nei primi 50 metri.... Mostra articolo

» Pubblicato da
WASHINGTON DC: IL MESE DI MAGGIO PIU’ FREDDO E PIOVOSO DI SEMPRE !!!! maggio 25, 2016 7:00 am

 Il freddo sta interessando non solamente il Continente Europeo, ieri interessato da basse temperature, e da nevicate abbondanti sulle Alpi, ma, dando uno sguardo al di là dell’Atlantico, troviamo una particolare situazione fredda anche sulla costa orientale statunitense. Nella capitale Washington DC, infatti, il mese di Maggio risulta il più freddo dal 1882, per quanto riguarda le temperature massime, e registra un numero di giorni di pioggia pari a 19 su 23 complessivi. Questo stando ai calcoli effettuati dal NOAA, e riportati da un articolo del Washington Post. Come vediamo dalla mappa in allegato, il geopotenziale a 500 hPa è risultato molto basso lungo la costa Orientale, interessata quindi da frequenti situazioni depressionarie. Nella prima decade del mese di Maggio, sono state frequenti anche le ondate di freddo accompagnate da locali gelate lungo la costa orientale. La nuvolosità, come visibile dal secondo grafico, risulta essere stata estremamente compatta, con un elevato numero di giorni con cielo coperto, superiore a tutti gli altri mesi di Maggio dal 1950 ad oggi. La temperatura media mensile si mostra essere molto bassa su quasi tutti gli Stati Uniti, in questo mese di Maggio 2016, ed in particolare sul settore Centrale, Meridionale ed Orientale. Fonte... Mostra articolo

» Pubblicato da
NOWCASTING SOLARE 24 MAGGIO 2016 maggio 25, 2016 0:32 am

 Nowcasting solare Attività solare che nella giornata di oggi 24 Maggio è rimasta a livelli bassi. Il più grande evento solare della giornata è stato un Brillamento di classe C 1 alle 10.20 UTC emesso dalla Regione 2546 (S07W56, HHX/alfa). La Regione 2546 ha mantenuto la sua classificazione unipolare ed è stata l’unica macchia solare numerata sul disco solare. Nessuna Espulsione di Massa Coronale (CME) diretta verso la Terra è stata osservata dalle immagini disponibili dal coronografo. Nessun Brillamento di classe M-X è scaturito dalla fotosfera solare nella giornata di oggi. Previsioni per le prossime 72 ore: L’attività solare è probabile che rimanga bassa, con qualche possibilità di Brillamenti di classe C nei prossimi tre giorni (25-27 Maggio). Il grafico dei Raggi X negli ultimi tre giorni   ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Ne consegue che: Alle ore 08.00 UTC, il disco solare visibile presentava una regione attiva (in risoluzione 2K dalle immagini SDO/HMI Continuum): Num           Lat.,           CMD         Long.   Area      Extent  class    count class 2546 S07W49 224 460 6 HHX 3 A L’immagine del Sole inviata dalla sonda SDO/HMI continuum ∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗∗ Conteggio del flusso solare SFU: La velocità del flusso solare (2,8 GHz) alle ore 20,00 del... Mostra articolo

» Pubblicato da
DIECI ANNI PIÙ TARDI, IL FILM PROPAGANDA ‘UNA SCOMODA VERITÀ’ DI AL GORE SI RIVELA UN CASTELLO DI SABBIA … A QUANTO AMMONTA IL SUO PROFITTO SULLA COLOSSALE TRUFFA DELLA CARBON TAX? maggio 24, 2016 20:40 pm

  Di Daniel Barker – Giovedi 12 maggio 2016 (NaturalNews) Sono passati dieci anni dall’uscita del film di Al Gore una scomoda verità, ma nessuna di queste disastrose previsioni sui cambiamenti climatici si è avverata. Tuttavia, nel corso di questo decennio, da quando è uscito il film documentario, il suo creatore ha accumulato milioni di dollari provenienti dalla truffa del “riscaldamento globale”, ed è ora pronto a diventare “il nostro primo miliardario grazie al carbonio.” Nel film del 2006, Gore aveva esternato una serie di affermazioni infondate a riguardo su ciò che ci si poteva aspettare che accadesse negli anni a venire a causa del riscaldamento globale, ma che praticamente tutti i suoi pronostici allarmistici si sono poi rilevati completamente falsi. L’Artico non si è sciolto, gli orsi polari sono fiorenti: Per esempio, il film prevedeva che l’Artico sarebbe rimasto libero dai ghiacci in un decennio, e che gli orsi polari sarebbero scomparsi. E’ evidente che entrambe le affermazioni erano false. Come riportato dal quotidiano Investor’s Business Daily: “Dalla metà e verso la fine degli anni 2000, Gore aveva più volte predetto che l’Oceano Artico sarebbe rimasto libero dai ghiacci. Ma come al solito la previsione si è rilevata errata. Nel 2014, il ghiaccio artico è... Mostra articolo

» Pubblicato da
Immense ricchezze nelle profondità dello spazio maggio 24, 2016 7:00 am

 Il Limite K-T e l’Iridio Scritto dal Dottor Klaus Kaiser – Ontario (Canada) Avete mai sognato di darvi all’escursionismo in ambienti naturali e di trovare una vena mineraria ricca di minerali, forse anche dell’argento o dell’oro scintillante sotto il sole, come nella vena della ‘Hand of Faith’ in Australia? Cosa ne dite di unirvi alla febbre della corsa all’oro — senza dovere scalare la montagna del Chilkoot Pass come fecero migliaia di cercatori d’oro ben oltre 100 anni fa? Le possibilità di scoprire una “vena principale” sono scarse, anche quando la si cerca duramente. Le probabilità sono simili a quelle di vincere il jackpot in una grande lotteria. Ma non vale la pena rinunciare del tutto; si è aperto un nuovo “orizzonte” per la vostra attività di esplorazione — le nuove frontiere sono salite nello spazio profondo e nelle più estreme profondità degli oceani (queste ultime saranno poi oggetto di un altro post)! Lo spazio profondo Qui è dove si sta dirigendo una moderna Corsa all’Oro del tutto simile alla Corsa dell’Oro del Klondike. Non è più necessario scavare nel deserto, basta andare nello spazio intergalattico e semplicemente raccogliere le biglie dorate che galleggiano nello spazio senza direzione. Ciliegina sulla... Mostra articolo

» Pubblicato da